Pra’ a Preit

Giuseppe Bruzzone – 

Non è un intercalare francese del Quebec o della Martinica, ma è uno stato di fatto, nel periodo tra gli anni 60 e 90 che riguarda la nostra Pra’..Nello stemma comunale di Pra’ alle cinque palline sopra la palma, si doveva aggiungere una in più per Preit (messa poi veramente per indicare dagli anni 90 il nuovo quartiere di S. Pietro) . Ma Preit cos’è ? Un borgo di montagna, un gruppo di case in pietra locale , della alta valle Maira, in provincia di Cuneo nella zona delle Alpi Cozie, di lingua occitana, su una strada che porta al confine con la Francia. In inverno abitato da una decina di anime. Preit era una dependance praina, era la sede della colonia, ora si dice centro estivo, della parrocchia S.M.Assunta di Pra’-Palmaro. Forse era un lascito della Curia genovese.  

La parrocchia aveva in affidamento un casone in paese ubicato vicino alla chiesa di San Lorenzo. Era in struttura mista pietre e legno, ideale per una colonia estiva ( a volte anche invernale) condotta dalla famiglia Decotto ( i discendenti di Bartolomeo Decotto) Mario, la moglie Maria e i figli Maria Luisa e Rinaldo e da diversi collaboratori parrocchiali. Nei mesi estivi la gioventù di Palmaro trascorreva a turni di due settimane una bella parentesi lontano dalla famiglia. Anch’io frequentai la colonia per alcuni anni, nonostante fossi della parrocchia di San Rocco avevo un posto; mia madre Angela era amica della signora Maria Decotto, che mi inseriva nel primo turno di luglio con mio cugino Giuseppe; la quota era pagata dalla nonna Manin come premio per le promozioni, ed io ( “Ti che ti è ciu’ grande danni n’ oggià a to cuxin”) ero nominato suo tutore sul campo. La prima domenica di luglio partiva la “Preit Expedition”, un convoglio famigliare di due auto Fiat: la “850” di mio padre con mia madre, io, e mia sorella e la “600” di zio Antonio, con zia Olga il cugino Giuseppe e la nonna Manin. Partenza in autostrada dal casello di Pra’ fino a Savona, poi il convoglio imboccava la temibile autostrada Savona-Torino, uscito a Mondovì ,il convoglio percorreva le statali : Cuneo ,Caraglio, Dronero, Canosio, arrivava a Preit a quota + 1500, ricevuto dalla fanfara dei campanacci bovini, sole, aria pura e mosconi giganteschi.  Accolti dai Decotto venivamo destinati alle camerate con letti a castello; io nella camerata dei “mediani” e il cugino con i “piccoli”, prendevamo confidenza con l’ ambiente poi pranzo assieme ai genitori che a metà pomeriggio ci lasciavano. Iniziavano due settimane intense, erano i primi momenti senza la

famiglia, un periodo direi premilitare; la colonia aveva un orario con dei momenti di attività sulla falsariga di una caserma: sveglia mattiniera col campanaccio, lavaggio nei servizi (con doccia) spartani, colazione a caffè latte o tè e biscotti, con attività di corvee’, a turno ogni gruppo svolgeva dei servizi, pulizia della camerata, desbarazzo refettorio. Momenti di raccoglimento nella vicina chiesa, poi giochi mattutini e pomeridiani, sembrava di partecipare a “Giochi senza frontiere”. Facevamo escursioni sui monti circostanti, al colle del Preit, il piano della Gardetta, anche al lago Nero posto a + 2000. Partivamo con colazione al sacco guidati dai Decotto e collaboratori e quando presente, anche il curato Don Gianni, in fila indiana con scarponcini, armati di bastone salivamo sui sentieri soleggiati e pietrosi, delle montagne rocciose, spoglie di alberi con qualche costone di erba, qualche ragazzo si lamentava sul percorso ma alla fine si arrivava alla meta. Riuniti con Don Gianni si elevava una preghiera di ringraziamento, e via pranzo al sacco. Riposino e scherzi tra noi. Rifocillati e ritemprati tornavamo visitando in quota i pastori nelle baite di stagionatura delle formaggette,poi arrivati alla base: doccia, cena ed infine in branda, stanchi ci addormentavamo subito sognando il Monviso e le pietre aguzze dei sentieri percorsi. Evento epocale il torneo estivo di calcio Poco sopra il paese c’era un largo spiazzo per un campo di calcio a sette, munito pure di fontana con abbeveratoio bovino. Si preparava il campo, si falciava l’erba e le zone perimetrali in discesa da trasformare in gradinate. Io abile con la” messuia” , aiutavo la squadra di falciatori. Da Pra’ a rinforzo della squadra venivano per il torneo calciatori diciamo “professionisti”; ne ricordo due : Geki e Iosa; bravi giocatori di Palmaro, Geki biondino con zazzera e baffetti d’ordinanza anni 70 attaccante estroverso, Iosa nero e corpulento centrocampista

cresciuto nella primavera del Genoa, giocavano in squadre di categoria, e reggevano in pratica la squadra del Pra-Preit. Tutta la colonia a tifare con campanacci da mucca, fischietti e lattine percosse come i tamburi del Maracanà. Le partite con le squadre locali erano all’arma bianca, ma con i due campioni il risultato era assicurato. Giungeva la terza domenica, risalivano le famiglie; chi a ritirare e chi a portare i ragazzi per il turno successivo. Eravamo contenti di rivedere i genitori ma dispiaciuti di lasciare i Decotto e l’ ambiente stimolante nella bellezza dei monti. La vita della colonia ci ha arricchito nel corpo e nello spirito, alimentando nuove esperienze: badare a se stessi, ad arrangiarsi, a convivere con altri ragazzi, ad assaporare nuovi cibi, nuove amicizie fuori dal cerchio della zona e della classe, guardare il cielo e pregare; più forti e pronti a tornare a scuola, ma con ancora tempo da passare sulla spiaggia, aspettando il primo di ottobre! Purtroppo la colonia, come tante altre non più in regola con le norme di sicurezza, è stata chiusa, peccato perché mia figlia l’ avrei iscritta volentieri a Preit!

3 Comments

  1. Giuseppe Bruzzone è la nostra memoria storica, ci offre spaccati di vita familiare di decenni fa, ma con l’immediatezza del presente! Bravo.

  2. Giuseppe, come ringraziarti per questo bellissimo ricordo…? Si, Prèit era proprio come l’hai descritta tu. Una grande casa accogliente dove moltissimi ragazzi e ragazze di Pra’ hanno avuto la possibilità di trascorrere delle vacanze speciali. Eravamo una grande famiglia, condividevamo tempo e spazio e imparavamo l’arte della convivenza in armonia. C’era anche la sorellina piccola dei Decotto, Paola, che era troppo piccola per partecipare alle nostre attività sul campo… Si era come Giochi senza frontiere : gimcane, cacce al tesoro, tornei, quiz e su tutto una fratellanza rara, che ha lasciato un’impronta indelebile in noi “ragazzi di Prèit”.
    Sono tornata qualche volta lassù : per fortuna la casa è stata recuperata e restaurata negli ultimi anni e adesso è gestita come casa per ferie delle ACLI. L’incanto di quelle montagne è intatto.
    Grazie Giuseppe!

  3. Che ricordi! Io sono stata poco a Preit ma mio fratello, più grande di due anni, è andato diverse volte ed io mi rammento quando andavo su con i nostri genitori per andarlo a prendere! A Preit ho fatto la mia prima gita invernale…Non ho affatto imparato a sciare in compenso ho assaggiato la mia prima “grolla”! Grazie Giuseppe per aver ricordato un bel periodo vissuto dalla nostra comunità parrocchiale…Come dimenticare il nostro mitico curato Don Gianni, più giocherellone dei nostri stessi ragazzi? Bei ricordi davvero!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*