Povero pino !

Niclo Calloni –

Nel giardino retrostante il “Palazzo Tixi” di via Airaghi 2 c’era un bellissimo albero di pino: sano, imponente, uno dei più alti del circondario che impreziosiva la zona del centro storico di Pra’ in compagnia di una alta palma, che si trova nel giardino di fronte, quello dell’altro “Palazzo Tixi”, che si affaccia sulla via Pra’. L’albero, in perfette condizioni, aveva almeno una cinquantina d’anni, arrivava fino al terzo piano del palazzo ed aveva un tronco del diametro di circa mezzo metro. Costituiva un’oasi verde per gli uccelli del circondario, e ormai faceva parte del paesaggio, valorizzando la zona , lo stesso storico condominio e i palazzi circostanti. Ebbene, cosa da non crederci, Mercoledì 27 Febbraio u.s. il pino è stato tagliato. Attenzione, avete capito bene: non sfrondato, potato, ridotto, niente di tutto ciò: ucciso, tagliato e fatto sparire. I residenti nel palazzo di via Airaghi non ne sanno niente, e l’albero non aveva mai dato problemi a nessuno, tantomeno a loro: sano, solido e frondoso com’era. Pare che il taglio sia stato deciso “in remoto” dai proprietari del giardino, discendenti del Tixi che costruì il bel palazzotto di via Airaghi nel lontano 1910, che sembra risiedano dalle parti di Como. Numerosi sono stati i cittadini che hanno segnalato la cosa a SuPra’tutto, scandalizzati per l’atto incivile e che si domandano come sia possibile una cosa simile, quando il verde è un valore, rende salubre l’ambiente e perdipiù avvenga proprio a Pra’, dove di verde, sul litorale assolato ce ne sarebbe di ancor maggior bisogno. Non è noto se l’azione sia stata condotta in conformità a leggi e regolamenti comunali vigenti, e previa autorizzazione del Comune, ma anche se lo fosse l’atto sarebbe comunque incivile, e sarebbe il caso che Polizia Municipale e Municipio facessero i debiti accertamenti.

6 Comments

  1. Articolo “molto interessante”
    …. ma mi sarei aspettata due righe sul vostro recente incontro con Bucci e Signorini.
    Scelte giornalistiche.

  2. Laura non mancheranno certo quelle abbi pazienza.
    Ci sono tante cose da dire, interventi ecc.ra. per ora siamo allo stadio verbale che però ha una certa freddezza e viene diffuso tra i partecipanti all incontro…seguirà articolo dettagliato.

    • Molte grazie, ma già che siamo in tema mi piacerebbe anche sapere a quale titolo siete stati convocati, insieme al presidente del civ, visto che non c’è stata alcuna riunione pubblica pre-incontro e che la cittadinanza non è stata minimamente informata dello stesso.

      • L’incontro con il presidente dell’Autorità di sistema portuale e con il Sindaco di Genova
        era stato richiesto dal Consiglio di Comunità Praese che come lei forse saprà (se è una
        lettrice di SuPraTutto) riunisce oltre 20 tra associazioni comitati e società sportive praesi
        (in pratica la gran parte del tessuto associativo locale comprese associazioni e istituzioni
        più che centenarie) con l’obiettivo di tutelare e difendere il nostro territorio (dell’ex comune e
        circoscrizione di Pra’) e migliorare il benessere dei residenti secondo la logica dell'”Unione fa la forza”
        L’incontro è stato preceduto da una riunione del Consiglio di Comunità avvenuto lunedì 25 febbraio nel
        quale si è concordato il messaggio da portare all’incontro con Sindaco e Autorità portuale.
        Il messaggio è né più né meno quello espresso nella petizione on line “No al petrolchimico
        a Pra’ ” lanciata dal nostro giornale web (si può leggere cliccando sul banner in testa alla home page
        e che è stato sottoscritto da centinaia e centinaia di lettori e cittadini e sulla petizione lanciata negli stessi giorni
        dal Municipio Ponente. I verbali delle riunioni del Consiglio di Comunità Praese sono richiedibili alle associazioni
        comitati e società che vi aderiscono mentre SuPraTutto ne pubblica sovente sintesi e informative.

  3. Povero pino? O Pino? L’importante è che non sia caduto in testa a qualcuno.
    Visti i tempi che corrono…La scelta giornalistica è comunque libera.

  4. Dopo aver letto l’articolo, mi chiedo se sia stato scritto per informare, tra l’altro in modo scorretto e parziale,o per fare illazioni gratuite sulle persone che, a proprie spese e nel rispetto totale delle norme vigenti, hanno dovuto abbattere l’albero. Tengo a precisare che era un abete rosso a cui ero particolarmente affezionata, perchè piantato da mio padre circa 25 anni fa, ma col passare degli anni era sì arrivato al terzo piano della casa(questo è vero!!)e per legge non si poteva potare.Peccato che l’articolo non abbia detto nè fotografato che al suo posto sta crescendo un leccio autoctono, piantato il giorno stesso dell’abbattimento e che in futuro si potrà potare. Da quel ramo del Lago di Como con civiltà. Enrica Medici

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*