Periscopio – Porto di Los Angeles: arrivano i robots

Velocifero

Anche al porto di Los Angeles sono arrivati i robots. Sono 27 grandi carrelli robotizzati, (10 gru di impilaggio integrate con 17 carrelli “straddle carrier”), di colore rosso, che movimentano, in totale autonomia e senza alcun operatore a bordo, i container del terminal “TraPac”. I container sono movimentati dalle macchine automatiche fino al posizionamento sui camion in uscita dal terminal. Sulle gru di impilaggio sono collegate telecamere collegate al TLS (Terminal Logistic System) per la guida manuale in remoto dell’ultima fase di posizionamento del container, tramite la quale l’operatore alla consolle riesce a posizionare un container sul mezzo in meno di un minuto. Come già riportato su SuPra’Tutto, il porto più robotizzato al mondo è quello di Rotterdam, dotato di AGV (Automated Guided Vehicle) che consentono un grado di automazione ancora più spinto ed esteso, visto che i carrelli automatici in funzione sono ben 370, dotati di sistemi di rilevamento posizione e movimenti molto sofisticati, che utilizzano tecnologie gps ed a raggi infrarossi. Gli analisti prevedono che l’aumento dell’automazione nei porti statunitensi potrebbe ridurre la forza lavoro del 40-50 per cento. Preoccupati dall’esempio di Los Angeles, e del terminal “Middle harbour” di Long Beach, che lo sta seguendo a ruota, i lavoratori portuali statunitensi di Oakland, organizzati tramite il sindacato “Longshore and watershore Union” sono già entrati in attrito con gli operatori portuali e si oppongono all’introduzione dei sistemi di movimentazione automatizzata, dopo essersi anacronisticamente opposti, in passato, sia all’introduzione dei containers, negli anni sessanta, sia, più recentemente, ai sistemi computerizzati per la tracciatura del carico. Resta il fatto che, piaccia o no, chi non si aggiorna ai tempi e non si automatizza sarà nel medio periodo automaticamente destinato a perdere competitività e quote di mercato. E’ pertanto prevedibile che, prima o poi, anche al Porto di Pra’ arrivi il vento dell’automazione spinta, con una sensibile riduzione della forza lavoro impiegata. I praini più anziani ricorderanno sicuramente le roboanti promesse dell’allora “Consorzio autonomo del porto”, del Comune di Genova e di qualche “esponente di partito” locale circa i “Cinquemila posti di lavoro” che sarebbero stati offerti dal porto che sarebbe stato realizzato in quel di Pra’. In realtà i posti di lavoro si contano sulle centinaia, peraltro non aggiuntive ma in buona parte trasferite da altre aree operative del Porto di Genova, mentre pare siano solo poche decine gli impegati nel porto che risiedono a Pra’: una piccola frazione di quelli che erano, e con ben più felice ed appagante attività, impiegati negli stabilimenti balneari, nelle pensioni e nei ristoranti, nella pesca, nella cantieristica navale ed in generale in tutte le attività economiche connesse alla spiaggia di Pra’. La riduzione della già relativamente bassa occupazione generata dal porto a Pra’ renderà ancora più evidente e stridente l’abominio commesso con la sua costruzione, connotandolo con quello che effettivamente è stato: il cinico disegno di spostare attività portuali, di basso livello, basso valore aggiunto, inquinanti e degradanti, dal centro della città a quello che è sempre stato, fino dal suo forzoso accorpamento al Comune di Genova, nel 1926, considerato come una sorta di colonia di cui disporre a piacimento: il ponente genovese, e in particolare, purtroppo, la nostra cara Pra’. Si spera che almeno le gru automatizzate siano più gentili, delicate e rispettose nei confronti dei cittadini praesi, evitando che il loro meritato riposo notturno sia turbato da boati e rumori provocati da maldestri operatori “umani”.

2 Comments

  1. Come sempre, un contributo molto interessante, articolato e di agevole lettura.
    La prima parte, molto tecnica, pur non competente in materia di automazioni portuali, mi ispira a dire che a Los Angeles sanno perfettamente il fatto loro, avendo realizzato quest’ innovazione tecnologica che velocizza l’attivita’. Comprendo pure il disagio degli operatori, che si vedono scalzare il terreno dalle macchine, ma questo e’ il progresso, bellezza. Probabilmente, all’apparire delle prime catene di montaggio, la reazione fu identica, ma credo non ci si debba dispiacere se l’automazione avanza nel mondo del lavoro, si e’ sempre detto che in futuro lavoreremo tutti molto meno ore, ed avremo piu’ tempo libero…Non e’ certo negativo, cosi’, molto semplicisticamente.
    La seconda parte dell’articolo, quando si passa a parlare del Porto Di Pra’, ha tutto il mio consenso ed appoggio: sara’ sempre piu’ evidente il GAP di questa abominevole realizzazione, nata obsoleta appena entrata in funzione…
    Si dovra’ per forza riconsiderare quegli aspetti del Porto di Pra’che proprio, assolutamente, non vanno; non mi ripeto, ha gia’ detto egregiamente Velocifero.

  2. Speriamo che l’automazione portuale arrivi anche a Pra e, soprattutto, si trasferisca tutto il traffico sui treni, abbandonando gli autocarri invasivi, rumorosi ed inquinanti. Un po’ meno occupazione, magari dando priorità nelle assunzioni ai residenti a Pra’, molto meno inquinamento e rumore, molta più qualità della vita. Insomma, come dice la Fondazione: un PORTO AMICO.

Rispondi a Elsa P. Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*