Pasqua di passione nell’anno del Signore 2020: Auguri dalla Redazione

Risurrezione di Cristo -Raffaello

Elis@Provinciali e Chiara Bozzo

Resterà nei nostri cuori per sempre, questa Settimana Santa vissuta nel silenzio e nel dolore che l’emergenza pandemia provoca a tutti noi…Le immagini di Papa Francesco, in una piazza San Pietro flagellata dalla pioggia e vuota, desolatamente vuota, entreranno nella Storia. Le restrizioni sanitarie, pur giuste ed indispensabili per garantire quell’isolamento sociale che evita il contagio, ci rendono attoniti e destabilizzati: le chiese chiuse sono difficili da accettare, anche se la preghiera individuale è garantita, ma ovviamente viene a mancare quella dimensione collettiva che ci fa sentire comunità. La celebrazione della S. Messa, i segni rituali di scambio , le strette di mano, la Comunione, mancano fortemente, ma per tutti noi necessario questo sacrificio, che dobbiamo accettare, in nome appunto della Santa Pasqua, della Risurrezione alla vita, alla salute, alla serenità. Già pubblicate le modalità di accesso alle celebrazioni del Papa e Dell’Arcivescovo, ed anche le nostre parrocchie sono comunque attrezzate per esserci vicine: facciamoci forza, rinunciare ai rituali non significa rinunciare alla spiritualità, al nostro rapporto con Dio, all’unione nella preghiera. Il mio, il nostro augurio più sincero è che comunque tutti voi, cari lettori , cara Pra’, possiate trascorrere una Pasqua serena, magari riscoprendo nuovi modi di stare in famiglia e col prossimo.  Abbiamo sentito i nostri Parroci, e riportiamo le loro riflessioni

Don Andrea Robotti, parroco di N.S. del Soccorso e S.Rocco <<Quest’anno, qui come in tutte le parti del mondo, la Pasqua ha un sapore diverso. Certamente facciamo memoria della Risurrezione di Gesù, ma abbiamo la mente e gli occhi pieni di dolore per tanta sofferenza che vediamo e viviamo a Pra’, in Italia e nel mondo. E’ una festa dal sapore amaro per le tante persone morte a causa del coronavirus, per quel senso di impotenza di fronte a questa malattia e per l’incertezza del domani!  Se la Pasqua fosse una festa umana, potrebbe essere senza dubbio abolita o rimandata, ma sappiamo bene che la Pasqua è qualcosa di più. E’ la festa di un Dio che, dopo aver dato la vita per noi, risorge a vita nuova. E’ la festa della vita che vince la morte dopo essere stata donata per la salvezza di tutti. Ci ricorda che la morte non può vincere, che anche il virus più potente non ci può impedire di incontrare l’Amore di Dio. La Pasqua, oggi, si arricchisce di un nuovo significato: rendere grazie a Dio per tutte quelle persone (medici, infermieri, gente comune…) che si mettono a servizio degli altri, che donano sé stessi per il bene di tutti.  Anche noi, come parrocchia cerchiamo di essere vicini spiritualmente e materialmente alle persone. Pertanto se le celebrazioni liturgiche si svolgono a porte chiuse, è altrettanto vero che la nostra chiesa di N.S. del Soccorso e S. Rocco è aperta ogni giorno,chi lo desidera può entrare per un momento di preghiera o per accostarsi ai sacramenti. I sacerdoti ci sono, io ci sono, celebro ogni giorno la Santa Messa e prego, spiritualmente unito a voi, perché il Signore ci aiuti a superare questa situazione così difficile e dolorosa. Inoltre la tecnologia moderna ci permette di sentirci vicini in modi che, in passato, non erano neanche pensabili: in particolare, la S. Messa, che celebro la domenica e nei giorni festivi, e la liturgia del Giovedì e del Venerdì Santo, oltre alla Veglia del Sabato Santo, possono arrivare a voi in diretta streaming sul profilo facebook della parrocchia. Anche i gruppi di preghiera possono recitare il Rosario, ed io posso tenermi in contatto con i bambini del catechismo ed i gruppi giovanili attraverso le forme di comunicazione mediatica. L’emergenza sanitaria ha portato conseguenze gravi anche per la situazione economica di molte famiglie: per questo, in collaborazione con il Supermercato “In’s”, siamo in grado di distribuire buoni spesa per le persone in difficoltà >>.

Don Luciano Minacciolo , parroco di S. M. Assunta << Cari parrocchiani e amici di Prà, apriamo il nostro cuore alla presenza di Dio e al suo Amore. Lui è la Luce. È la forza per vivere. È il senso della nostra esistenza. Il Fine. È risorto per dare a noi la Vita Cristiana e la Vita Eterna. Non possiamo perdere la Speranza. In questi giorni di sofferenza lasciamoci illuminare dalla nostra Fede. Viviamola ! Vi abbraccio e vi affido a LUI.>> La San Vincenzo ha attivato una raccolta e distribuzione di beni di prima necessità per le famiglie bisognose, che sta andando a buon fine. La nostra comunità si ritrova tutta insieme nel canto dell’Exultet http://www.assuntaprapalmaro.org/media/Exultet.mp4

4 Comments

  1. Papa Francesco l’ha detto:siamo soli ed impauriti, ma comunque tutti sulla stessa barca…perciò abbracciamoci a distanza e remiamo tutti nella stessa direzione!
    AUGURIIIIIII

  2. Grazie questo articolo ci ha fatto sentire piu sereni attraverso le vostre parole…ha portato la Pace nei nostri cuori..

Rispondi a Marino Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*