Partiti gli scavi per l’elettrificazione delle banchine del Bacino Portuale di Pra’

Ernesto Soressi

Fiat Lux!  Non siamo proprio a questo punto, ma è stato fatto un altro importante passo verso il completamento dell’attività relativa all’elettrificazione della banchina del Porto Container PSA di Pra’. Malgrado l’impatto del Covid 19, il cantiere per la realizzazione dell’impianto è stato aperto nei primi giorni di maggio e sono iniziati gli scavi per la realizzazione della cabina elettrica. Non c’è bisogno di ricordare agli affezionati lettori di Supratutto che l’elettrificazione consiste nella realizzazione di un’opera che consenta alle navi di spegnere i generatori ausiliari di bordo, che alimentano tutti i servizi di nave, come le luci, la ventilazione e il condizionamento, quando sono attraccate alla banchina.  Questa operazione permetterà la riduzione delle emissioni inquinanti, sia in termini di gas nocivi sia in termini di inquinamento acustico.

Collegare una nave alla presa elettrica, come fosse un telefonino, non è però cosa così semplice come potrebbe sembrare. Si deve realizzare un “Sistema di conversione dell’energia” che adatti la tensione e la frequenza da quelle disponibili nella rete di distribuzione a quelle che sono utilizzate a bordo delle navi. L’adattamento della tensione sarebbe cosa facile, basterebbe utilizzare un trasformatore che realizzi i 6kV tipicamente utilizzati sulle navi dai 15kV disponibili dalla rete elettrica nazionale. In questo caso si deve anche modificare la frequenza dai 50Hz utilizzati nella rete europea ai 60Hz utilizzati sulle navi. Per compiere questa modifica sono utilizzati quelli che tecnicamente si chiamano convertitori statici di frequenza. Questi apparati sono prodotti da aziende specializzate; in questa occasione sono costruiti nella fabbrica milanese della Nidec ASI. La Nidec ASI è una multinazionale giapponese con sede anche a Genova, ed è l’impresa che ha progettato e sta fornendo l’intero impianto. Nel luglio 2019 si tenne in Palazzo S. Giorgio una interessante conferenza durante la quale fu indicata nel luglio 2020 la data di inaugurazione dell’opera, (vedi Clicca qui), auspichiamo tutti che la data possa essere mantenuta. Facciamo tutti il tifo perché ciò possa accadere.

Francesco Maresca, Assessore allo sviluppo del Porto del Comune di Genova ha dichiarato: <<Pra’ sarà il primo porto elettrificato in Italia. Proseguono in tal senso i lavori e come rappresentante del Comune ho deciso di riunire in un tavolo porto/città Armatori, AdSP  e Capitaneria per incentivare, attraverso azioni sinergiche, l’attracco della navi al Terminal elettrificato pronto a settembre>>.

Guido Barbazza, Executive Internazionale nel Settore Marittimo – Portuale, Fondatore di SuPra’tutto, ha dichiarato: <<Finalmente si inizia a realizzare quest’opera, fondamentale per ridurre l’impatto ambientale del Bacino Portuale di Pra’. Bisogna ora cominciare a lavorare alla stesura di opportune ordinanze e incentivi per far sì che, una volta disponibile l’alimentazione, tutte le navi che scalano al Porto di Pra’ si colleghino e spengano i motori durante la sosta>>.

2 Comments

  1. Grazie per l’aggiornamento e per l’approfondimento . Spero con tutto il cuore che i tempi siano veramente brevi. Dopo tanti anni di fumi nocivi davanti alle nostre case e di rumori a volte insopportabili, mi sembrerà un sogno respirare aria più pulita e riuscire a dormire con più facilità e serenità. I generatori di molte navi sono molto fastidiosi… Il prossimo obiettivo sarà un diverso “segnalatore acustico” per i tanti mezzi di banchina e di piazzale….. E poi tornerà un po’ di pace.

  2. Opera indispensabile e come dice bene Ernesto, tanto attesa!
    Grazie per le info tecniche espresse in modo semplic e e chiaro per tutti.adesso speriamo che nulla si frapponga al completamento veloce della realizzazione.

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*