Partita la rimozione del cumulo di terra davanti a Pra’ Palmaro

Redazione

Lunedi 4 maggio ha segnato l’inizio della fase due della crisi sanitaria e sociale dovuta al virus Covid 19 in tutto il territorio nazionale con la riapertura di molte aziende, attività economiche e cantieri, pur nel rispetto di ferrei vincoli e specifiche norme di comportamento per evitare il contagio. Sul nostro territorio ciò ha significato anche la riapertura del cantiere ferroviario allestito davanti ai sestieri di Palmaro e Cà Nova. E con la ripresa dell’attività, come si può vedere dalle foto, una ruspa ha iniziato a rimuovere il cumulo di terra che da qualche mese era abbandonato nell’area del cantiere. Nella prima parte dello scorso anno un cumulo di terra simile, posizionato questa volta all’altezza di Villa de Mari, aveva già creato gli stessi problemi, disagi e preoccupazioni che più recentemente si sono rinnovate con questo nuovo cumulo di terreno, abbandonato senza alcuna copertura, all’altezza della chiesa di Nostra Signora Assunta, della Farmacia Palmaro, dei numerosi negozi e delle abitazioni presenti in quella zona. La mancanza di protezione e copertura faceva si che il vento trasportasse questa terra direttamente nelle case della gente.  Da tempo la Giunta del Municipio VII Ponente e le associazioni locali che fanno capo al Consiglio di Comunità Praese e che partecipano al tavolo tecnico Pra’lmarium ne richiedevano la rimozione: già in occasione della riunione del gruppo di lavoro Foxtrot del Pra’lmarium, tenutasi a Palazzo San Giorgio, nei primissimi giorni di marzo, i cittadini praesi avevano chiesto esplicitamente all’Autorità Portuale di sollecitare  la rimozione del terreno abbandonato . Gli stessi sono poi tornati sull’argomento anche nella riunione on line del gruppo di lavoro Delta di venerdì 3 aprile alla presenza dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana apprendendo così che l’azienda che opera  aveva finalmente ottenuto i permessi richiesti per lo smaltimento del terreno e che era interesse anche dell’azienda procedere celermente con il suo smaltimento non appena il cantiere fosse stato riaperto. E lunedi 4 maggio  la ruspa ha iniziato la rimozione. Un altro dei risultati che piano piano il Tavolo Tecnico sta portando a casa e che invogliano ad aumentare l’impegno comune per ricercare e perseguire le soluzioni ai tanti problemi che gravano sullo storico sestiere praese di Palmaro, problemi che il Pra’lmarium ha raggruppato intorno a 16 specifici obiettivi, oggetto della propria azione.

Questi i commenti dell’assessore comunale allo sviluppo portuale Francesco Maresca e di Guido Barbazza, presidente onorario della FondAzione PrimA’vera, entrambi parte attiva del tavolo tecnico.

<<Abbiamo organizzato questi tavoli per migliorare il rapporto tra città e porto ed accelerare la rigenerazione urbana del quartiere. Abbiamo altre sì ottenuto i primi risultati, grazie alla collaborazione di tutti gli attori coinvolti, ma di certo gli incontri tecnici verranno mantenuti nel tempo in modo permanente per restare sempre informati ed attivare tutte le misure necessarie affinché al fondamentale e desiderato sviluppo portuale non venga sacrificato il benessere dei cittadini. Insieme al Consiglio della Comunità Praese e le associazioni stiamo lavorando bene ed in modo proficuo. Devo inoltre fare i complimenti ai cittadini di Pra’ per il tanto amore dimostrato verso la propria terra. Mi sento ormai un Praino di adozione, pur essendo nato e vivendo in un altro quartiere>>.

Francesco Maresca – Assessore allo Sviluppo Economico Portuale e Logistico del Comune di Genova

 

<<Con la rimozione del cumulo di terra davanti a Pra’ – Palmaro va al suo posto un’altra delle tessere del quadro di recupero e valorizzazione del sestiere praese oggetto del “Pra’lmarium”, il Tavolo Tecnico per Pra’ – Palmaro. Ringrazio i cittadini e le associazioni locali per la loro attiva partecipazione e il Comune di Genova e Rete Ferroviaria Italiana per la fattiva collaborazione>>.

Guido Barbazza – Ideatore del Pra’lmarium

 

<<Ieri aver visto la ruspa in attività, forse anche dopo tanta desolazione dovuta al covid, ha trasmesso un segnale positivo, gioia e voglia di ricominciare. Un altro tassello messo a punto dal Pra’lmarium>>

Francesca Franchelli – Farmacia Palmaro

 

<< Un altro buon risultato ottenuto dal CCP in sinergia con le associazioni del territorio>>

Giuliano Ferrando –  Presidente Consorzio Villa De’ Mari

 

<< Dapprima avevamo il muro di containers, e grazie all’impegno dei cittadini siamo riusciti a farlo andare via, adesso col progetto del Pra’ lmarium abbiamo ottenuto la rimozione del cumulo di terra…bene, speriamo non arrivino altri intralci a disturbare i cittadini di Palmaro, ci sono ancora tante cose da rimediare, avanti così!>>

Dino Brigida – Presidente Borgo di Palmaro

 

 

19 Comments

  1. Certo che da quando la fondazione ha cominciato a occuparsi anche di PràPalmaro che i comitati di Pra’ ci hanno sempre dimenticato e quelli di qui non hanno mai combinato un tubo di niente cominciano a succedere le cose. Grazie non mollate e non date retta agli invidiosi qui a PràPalmaro non ci sono solo loro anzi. io sono riconoscente a voi che fate poche chiacchiere e tanti fatti.

  2. Il mucchio che va via è chiaramente merito del Pralmiriurum o come si chiama il tavolo tecnico e al lavoro finalmente fatto insieme dalle associazioni di palmaro finalmente unite a tutta Prà. bisogna andare avanti su quella strada.

  3. Ha ragione Giuliano Ferrando: un altro buonissimo risultato ottenuto dal Consiglio di Comunità con l’unione di tutte le associazioni del territorio. Bravi, andate avanti così.

  4. voglio ringraziare l’assessore Francesco Maresca che si è preso cosi tanto a cuore il problema di Praà – Palmaro ne avevamo tanto bisogno. Grazie, poi, se riesce anche a spostare la ferrovia … la invito a cena.

  5. Ragazzi ora che ci avete preso gusto togliete anche l’oscenissimo cesso pubblico fuori dal cimitero di Prà che fa veramente schifo. Grazie

  6. Stamattina non credevo ai miei occhi: c’è la ruspa e il mucchio se ne va. Grazie. leggendo supratutto avevo capito che si stava finalmente muovendo qualcosa ma non me lo aspettavo così presto. Ora spero che il Consiglio Praese riesca anche a far mettere un pò di alberi e di verde davanti al distripark come avevo letto su un articolo

  7. Dapprima avevamo il muro di containers, e grazie all’impegno dei cittadini siamo riusciti a farlo andare via, adesso col progetto del Pralmarium abbiamo ottenuto la rimozione del cumulo di terra…bene, speriamo non arrivino altri intralci a disturbare i cittadini di Palmaro, ci sono ancora tante cose da rimediare, avanti cosi’!

  8. Penso che questo ottimo risultato sia la dimostrazione che gli urli gli insulti i mugugni le critiche le lotte intestine non portano proprio a nulla. Quelli che hanno messo su questo tavolo tecnico ci stanno mostrando che servono idee voglia competenze pazienza costanza ma anche cultura conoscenze esperienza. Grazie a chi ha inventato il Pralmarium, ne avevamo tanto bisogno.

  9. A chi è riuscito a far levare i mucchi di terra posso solo dire un grazie grande cosi. Quando vedo certe critiche e maldicenza sui social contro gli unici che si stanno dando veramente da fare e portano dei risultati mi viene il vomito. Vergogna. Spero che certi individui invidiosi che sanno solo parlare male la smettano e che chi sta portando avanti il Pralmarium non si stufi degli individui. Sarebbe la fine per le nostre speranze di riqualificazione.

  10. Che tristezza aver bisogno di eroi, ma meno male che ci sono! I container ed un cumulo di terra non dovevano star così vicini alle case. Ringrazio e spero che il coronavirus ci insegni almeno qualcosa sulla responsabilità ed il rispetto delle persone.

  11. Bene nel frattempo in questi giorni si stanno dinuovo ammucchiando i container davanti all abitato bisognerebbe far intervenire dinuvo il giudice Lalla che li aveva fatti spostare

  12. Un ringraziamento agli spalatori più che ai cervelloni.
    Concordo sul cesso del cimitero da togliere.
    Lalla è in pensione, bisogna andare da chi si è occupato del Morando.
    Una domanda a tutti: chi sono gli invidiosi e cosa invidiano?

  13. Personalmente ritengo che il ringraziamento vada riconosciuto a chi si è dato da fare e si è impegnato affinché il cumulo di terra venisse rimosso in tempi brevi. Gli spalatori eseguono quello che viene loro ordinato di fare e, l’unico merito sta nel farlo bene. Quello che mi sta a cuore veramente sono tutti gli altri interventi che ancora devono essere fatti per ridare dignità architettonica e una migliore qualità della vita al sestiere di Pra’ Palmaro e per far si che questi progetti si trasformino in realtà sento di poter affermare che c’è bisogno di unità, necessità di unione e di lavorare tutti assieme per raggiungere questo obiettivo. Fare squadra e mettere a disposizione del progetto i talenti ed i carismi che vengono espressi dal nostro territorio, ritengo sia la via maestra per cercare di ottenere qualcosa di concreto, perchè quello che è sulla carta non è detto che si trasformi nellei opere du cui abbiamo necessità per la completa riqualificazione di Pra’ ed in particolare di Pra’ Palmaro. Il Consiglio di Comunità Praese con l’intervento dell’assessore Maresca ha dato vita al tavolo tecnico del PRA’LMARIUM che, a mio giudizio, rappresenta oggi il più qualificato e qualificante strumento che possa consentire un dialogo tra pari con tutte le istituzioni e gli enti coinvolti in questo grande progetto di riqualificazione che tutti desideriamo si concretizzi. Poi la mamma degli imbecilli è sempre incinta, ma questa è un’altra cosa.

  14. Il tavolo tecnico sta ottenendo più risultati in pochi mesi di quanti (non) ne abbiano ottenuti comitati, proteste, insulti, avvocati, improbabili politicanti di quartiere, di qui e di fuori, perdite di tempo e noia e sbraitamenti e strilli in riunioni a villa de mari eccetera eccetera eccetera in decine di anni. il municipio poi non è mai esistito. Ringrazio chi ha avuto questa idea e lo prego di andare avanti.

  15. Io all’inizio questa roba quà del tavolo tecnico non la avevo bene capito e avevo dato retta ai soliti criticatori criticatutto che lo criticavano. Ora però sto con il tavolo tecnico e con quelli che i risultati li portano.I criticatori tanto per criticare partiticizzati farebbero bene a stare zitti e a non rompere le P. Ma lo sanno che i loro post poi circolano in giro e li leggono tutti ? non ci fate una bella figura. Che si mettano a disposizione del tavolo e diano una mano, invece di remare contro. Incapaci irresponsabili.

Rispondi a Corrado Ferro Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*