A Pra’ parking modello Milano? No, grazie, ma…

Stefano Silvestri –

Il 14 agosto 2018 rimarrà una data funesta e storica per la nostra città.

Tuttavia, dalle ceneri del disastro del ponte Morandi, Genova ha la possibilità di rinascere più bella e più forte di prima con nuovi progetti per renderla più vivibile, introducendo diversi ed aggiornati modelli di viabilità urbana. E’ indubbio che un obbiettivo debba essere quello di ridurre il traffico di veicoli privati in favore del trasporto pubblico (gomma e rotaia) e della mobilità sostenibile, Sorge però spontanea una domanda…tutto ciò a che prezzo ? Dalle ultime notizie apparse sui quotidiani locali purtroppo si ipotizza un ulteriore “costo” ambientale addebitato al territorio praese.

L’ampliamento del parcheggio di interscambio ha una sua logica, ma l’esempio estetico presentato dal Sindaco, facendo riferimento a Milano Famagosta, fa rabbrividire.

La Fascia di Rispetto (già il nome non rende onore al territorio) è stata faticosamente ottenuta dalla popolazione in segno di mitigazione ambientale per la presenza del porto. L’attuale parcheggio, fruito prevalentemente da utenze non locali, svolge anche il ruolo di area multifunzionale di superficie per ospitare manifestazioni come “Alemante festival” e come piazzale di servizio per le sempre più importanti gare di canottaggio che il Canale di Calma, con il relativo campo da regata, di Pra’ ospita.

A tal proposito si capisce come un silos auto multipiano nello stile dei citati modelli milanesi di Famagosta o Molino Dorino faccia pensare ad una ulteriore deturpazione irreparabile per il nostro già martoriato territorio, sottraendo superfici fondamentali per la vita pubblica, sportiva e sociale,

Nel rispetto del raggiungimento del nobile obbiettivo di migliorare la viabilità, tenendo conto del territorio ospitante e della sua popolazione, perché non ricercare soluzioni alternative ?

Senza andare troppo lontano, basta guardare come si è ottenuto un ottimo risultato a Genova col Parking di Piazza della Vittoria o come al porto antico per l’Acquario , Una soluzione sotterranea porterebbe al raggiungimento del risultato ricercato senza creare un mostro architettonico di fronte all’area centrale del nostro paese.

Il Decreto Genova si spera possa far sbloccare la questione della sdemanializzazione tanto richiesta sia dalle passate sia dalle attuali amministrazioni pubbliche cittadine. Questo non dovrà però stravolgere l’area “fagocitando” opere esistenti, sacrificando sull’altare della viabilità gli impianti sportivi , e le realizzazione di opere di mitigazione per i cittadini.

Il presidente del Municipio VII Ponente Claudio Chiarotti sull’argomento ci ha dichiarato: <La Fascia di rispetto nasce con uno scopo bene preciso: una comunità rivendica all’indomani del trasferimento del porto commerciale un spazio per la vivibilità, per l’attività sociale ludica sportiva ,uno spazio di rispetto appunto. Oggi il risultato è sotto gli occhi di tutti e ci aspetta tutti insieme una seconda stagione per il rilancio definitivo di tutto il litorale Praese da Palmaro a Longarello. L’immane tragedia che ha travolto Genova ha trovato la comunità di Pra’ e il Municipio tutto da subito disponibile a mettere in campo quello che poteva. Il già utilizzato parcheggio d’interscambio è stato potenziato e si può naturalmente ottimizzare se si renderà necessario per la città. L’idea di un silos però non può esser accolta favorevolmente nè dal Municipio nè dalla comunità praese perché andrebbe a scontrarsi con la “mission” stessa della Fascia. Resto naturalmente disponibile ad una discussione nel merito e ringrazio il Sindaco per aver già affermato che le decisioni le prenderà con il territorio. Colgo l’occasione per rammaricarmi del dietro-front governativo rispetto alla sdemanializzazione. Nel 2016 avevamo finalmente ottenuto l’impegno da parte dello stato alla cessione non onerosa alla Città della Fascia tutta. Ora nel decreto Genova sull’emergenza si riparla di concessione trentennale, un triste passo indietro del quale mi rammarico pesantemente>

E’ da apprezzare l’apertura del Sindaco Bucci ad un confronto costruttivo con la cittadinanze e confidiamo che questo possa prevedere anche la valutazione di opere compensative che si potrebbero generare in considerazione sia dei disagi arrecati dall’eventuale ampliamento del parcheggio, sia dal relativo aumento del traffico pendolare. Auspichiamo quindi vengano inserite nel progetto opere pro-bono per tutta Genova come il palazzetto dello sport PalaPra’ a completamento dell’area “Pra’ to Sport” (struttura del territorio che permetterebbe lo sviluppo di attività sportive come Volley, Basket, Ginnastica attualmente sacrificati in piccoli edifici e strutture scolastiche) La realizzazione del PalaPra’ offrirebbe anche la possibilità di jmmaginare parcheggi sotteranei nel perimetro della struttura senza così stravolgere l’attuale asset della zona antistante alla stazione. Il modello d’esempio potrebbe essere il PalaFiumara a Genova . Tale parcheggio sarebbe sia a servizio, quando necessario, dei fruitori della struttura e potrebbe essere messo a disposizione come interscambio, quando non utilizzato per manifestazioni sportive. Altro punto fondamentale per completare l’opera di mitigazione del litorale è la prosecuzione del canale di calma davanti al sestiere di Palmaro (progetto “Ridiamo il mare a Pra’-Palmaro”) con la realizzazione della pista ciclabile da Pra’ a Vesima, ulteriore elemento innovativo per promuovere una mobilità sostenibile alternativa in una delle poche aree di Genova pianeggianti.

Il dialogo e il confronto sono la via per far risorgere la nostra Superba città, e Pra’, che ne è importante delegazione, al contempo.

11 Comments

  1. Qualora il territorio accettasse ancora questo ulteriore sacrificio per il bene della città sconvolta dal crollo del ponte, dovrebbe essere chiaro che , prima di qualsiasi servitù, vanno portate a termine le operazioni di riqualifica che da decenni aspettiamo…prima i compensi arretrati e dopo eventualmente se ne può anche parlare.
    Ma sempre in un ottica sostenibile ed integrata con realizzazioni ludico sportive, già approvate da tempo.Ovvero: parcheggi sottosuolo, mimetizzati ed integrati in un progetto dall estetica confortante, e dotati di verde ed impianti fotovoltaici a basso impatto ambientale.
    Di mostri deturpanti ne abbiamo già almeno tre, il silos anche no!!!!

  2. Magari un “molosso” come si vede in foto non mi sembra un bell’augurio per Prà. Stiamo attenti che le cose non prendano accelerazioni sfuggendo ai nostri sacrosanti desideri. Ricordo oltre al già citato Sindaco del quale abbiamo grande stima, il Prof. Musso che progetta studi per la viabilità il quale riconosce e condivide i bisogni di tutta Pra’.

  3. Ringrazio SUPRA’TUTTO per il puntuale approfondimento. Francamente sono sgomenta per questo nuovo “regalo” che l’Amministrazione Centrale (…leggi BUCCI…) intende fare a Pra’…
    Ma anche basta regali….!!!
    Un pesante silos per le auto, e penso ad esempio a quello della Fiumara, é assolutamente da scongiurare… Per fortuna almeno il presidente Chiarotti ha ricordato il perché della Fascia di Rispetto. A Pra’ è stato tolto tutto e la Fascia è stato uno spazio di “compensazione” duramente conquistato…e mai ottenuto per sempre.
    La nostra Fascia fa sempre gola a tutti…soprattutto a chi non abita a Pra’ e quindi non comprende minimamente l’assoluta necessità, per noi, di avere un respiro e uno spazio di riqualificazione… Se poi, oltre a noi, ne beneficeranno tutti i genovesi, ben venga…ma è fondamentale pensare innanzitutto ai praesi, che continuano a sopportare gravi disagi diurni e notturni (..i cicalini del porto e i generatori non si fermano MAI!…) ed è immorale pensare di gravare su di loro sottraendo quanto ancora di buono è rimasto!
    Ciò premesso, se invece di un mostro impattante si prospettasse appunto un parcheggio interrato e sovrastato da un’opera gradevole e utile per i cittadini, se si pensasse ad un riordino dell’attuale piazzale con aggiunta di zone verdi e ombrose allora sarebbe tutto un altro discorso…. Purtroppo l’esperienza mi fa temere, e molto, e spero solo che il Municipio e le realtà associative di Pra’ saranno debitamente coinvolti nella progettazione e non solo nel controllo di quanto altri hanno pensato e progettato.

  4. Appoggio assolutamente le grosse perplessità espresse nei commenti precedenti e mi auguro che si pensi bene alle decisioni da prendere in merito al nostro territorio già abbondantemente massacrato! Sarebbe ora di pensare al benessere delle persone e farlo coincidere con uno sviluppo sostenibile, non ulteriormente penalizzante!!!!

  5. Ma siamo matti ? Un parcheggio multipiano sulla Fascia ? Sarebbe un pugno nell’occhio e attirerebbe altro traffico “da fuori”. Da anni aspettiamo che vengano messi alberi e palme di alto fusto nel parcheggio assolatissimo della stazione: che il Comune si impegni per quello, e magari per portare la Nave-Bus a Pra’, il mostro-multipiano lasciamolo a Famagosta, in periferia di Milano dove non da fastidio a nessuno, qui da noi ci sono case, chiese e ville che si affacciano sul litorale. Pra’ (PER FORTUNA) non è Famagosta.

  6. Grazie al giornale Supratutto per informarci tempestivamente, anni fa a Prà quando si sapevano le cose i danni erano già fatti. Mobilitiamoci subito, se proprio parcheggio deve essere che sia sotto terra così magari si tirano via un po’ di rifiuti tossici e nocivi della maledetta discarica, sicuramente da NON FARE un obbrobrioso edificio multipiano proprio dove serve il piazzale per gli Alemante e le regate.

  7. A Shangai c’è un parking da 20mila posti auto nel centro città.
    A Tokio uno ancora più grande.
    Cosa sarà mai un parcheggio per il ponente genovese a Prà?
    Vogliamo le auto?
    Ne usiamo una per ogni persona?
    E poi dove le mettiamo, in tasca?

  8. Sulla fascia di rispetto l’unico volume sopra terra deve essere solo il palasport alto circa 10 metri,e basta! Se il comune di Genova vuole un parcheggio di scambio lo può fare sempre in Prà dentro l’area di Verrina, visto che la stazione futura di Voltri sarà ubicata proprio al confine delle due delegazioni,agevolando i voltresi,i ponentini e i valligiani del Leira e Cerusa che usano da anni il parcheggio praese. A Pegli in accordo FS si dovrebbe ripristinare il parcheggio in area stazione chiuso inspiegabilmente da anni, magari con due piani non inpattanti, vicino ai binari.
    Domanda: sul l’ area Verrina che accordi occulti ci sono? Un’ area estesa indispensabile alla comunità, chiusa da anni è un delitto

  9. Concordo con il signor Bruzzone. Anche le stazioni ferroviarie di Voltri e Pegli dovrebbero essere corredate da parcheggi di intescambio, seppur per limiti di spazio di dimensioni minori rispetto a quello praese. A partire da quello di Pegli che è già disponibile sul lato nord della stazione e la cui rimessa in servizio costerebbe davvero poco o nulla.
    Per quanto riguarda l’area della ex Verrina al confine tra Pra’ e Voltri so che dovrebbe ospitare, tra le varie cose, anche il supermercato P.A.M. che dal centro di Voltri (Via Don Giovanni Verità) verrebbe spostato proprio in questa area. Credo però che realizzare una serie di parcheggi intorno alla nuova stazione ferroviaria di Voltri sia necessario e doveroso.

Rispondi a Marino Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*