“ PANCHINA CON VISTA”

Riceviamo e pubblichiamo questa segnalazione:

Cari lettori,

chi vi scrive e’ una commerciante di Pra’, una delegazione che negli ultimi tempi ha subito una trasformazione radicale acquisendo una sua nuova e vivace identita’.

Nuovi spazi verdi dove correre o semplicemente passeggiare, una nuova viabilita’ , nuove aree pedonali dove far giocare i bambini o stare insieme agli amici e fare due chiacchiere in compagnia.

Insomma, davvero un nuovo volto ad una parte di Genova, conosciuta in tutto il mondo per il suo basilico, che davvero lo meritava.

Ma ora veniamo al dunque……..All’altezza del civico 27 di Via’ Pra’ , di fronte ad alcuni esercizi commerciali fra cui il mio, da poco sono terminati i lavori di riqualificazione con l’installazione di nuove panchine e alberi di oleandri a disposizione della cittadinanza.

Che bello e che orgoglio direte voi…..Ma alcuni giorni fa l’amara sorpresa…..Proprio davanti ai nostri negozi e alle nuove panchine che avevano gia’ i propri frequentatori ecco arrivare degli ospiti assolutamente poco graditi: uno schieramento di bidoni della spazzatura….per ogni esigenza e per tutti i gusti.

Quasi una decina ad oscurare tutto quello che di bello era stato fatto!

Ed ecco qui che tutto il nostro entusiasmo nell’aver raggiunto questo traguardo tanto desiderato sfuma in un attimo; i  nostri negozi nascosti da questi intrusi, con annessi  i loro miasmi  specie in questi giorni di calura estiva , la delusione nel vedere le nostre panchine ormai deserte e la consapevolezza che se non si porra’ rimedio in fretta saranno lasciate li’ in totale abbandono. Chi avra’ voglia di godersi questo bel panorama fra rifiuti di ogni genere?

Spero solo che chi legge questa lettera comprenda l’errore commesso trovando una soluzione diversa in tempi brevi  in modo da riacquistare i nostri spazi per noi, le nostre attivita’ e il bene di tutta la cittadinanza.

 

Alessandra Nervi

Titolare Pra’ Viaggi

4 Comments

  1. Effettivamente…sono un pugno in un occhio,proprio davanti alle panchine.
    D’altra parte,la nostra societa’ odierna produce “rumenta” a ritmo industriale.
    Mi chiedo, altrove come fanno? Ovvero, in quale modo inserire nell’arredo urbano, con il minor impatto antiestetico possibile, i cassonetti della spazzatura?
    Ho sentito parlare di interratura parziale, forse non costa nemmeno troppo, scavare un bel bunker, diciamo a meta’ altezza,in modo che la parte sovrastante sia minore e non offuschi troppo la visuale.

    Per i miasmi, in Costa Azzurra spruzzano profumo sopra ed intorno, ma senza arrivare a tanto, visto che siamo rudi praesi, irrorare con qualcosa che assorba un po’ di puzza,potrebbe andare, d’altronde siamo in estate e cio’ non aiuta.

    Magari pero’, l’accortezza di collocarli con maggior criterio, questo si.
    Speriamo in bene.

  2. I bidoni vanno spostati da chi compete, punto e a capo. Basta parole, servono azioni.Il Municipio del Ponente può risolvere il problema segnalato o ci sarà un conflitto di competenze?

  3. E’ evidente che i bidoni sono stati spostati (togliendoli da davanti alla Coop dove soo sempre stati) dopo la collocazione delle panchine, da cui la spiacevole “panchina con vista rumenta”. Immgino che il Municipio possa trovare un’altra collocazione ai bidoni o almeno riposizionare le panchine in modo opportuno. E’ anche ora che a Pra’ (giusto per stare dalle nostre parti) si adottino soluzioni estetiche opportune x schermare alla vista i bidoni della spazzatura: una zona rivalutata come Pra’ dopo il POR – Pra’ Marina lo merita. Come sono posizionati in Croso Italia ?

Rispondi a antonio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*