“Palmaro lectures”, un grande successo di pubblico

Vogliamo parlare un po' di tematiche profonde ed universali?

 

Elis@Provinciali –

Chi l’ha detto che non ci si possa divertire anche al di là di schemi consolidati…la commedia, il film tutto effetti speciali, l’ultimo block buster…basta avere il coraggio di sperimentare e proporre, al nostri concittadini, uno spettacolo originale, come un monologo, “lectio magistralis” di Alessandro Baricco, grande affabulatore, scrittore , intellettuale. Aggiungi un intrattenimento musicale a tema, col nostro Ninetto Durante, la sua chitarra, e voce carezzevole. Programma per pochi intimi selezionati, il cinema no, ma un ambiente più riservato, la saletta “Roberto Montecucco” del Centro Polifunzionale, dotata di maxischermo, capienza moderata, 33/40 persone, per un’esperienza collettiva, in cui conta anche vedere il tuo vicino di sedia, le sue reazioni, guardare negli occhi il presentatore, godersi la musica da pochi metri. Concludi con una merenda fatta in casa ed offerta con la consueta gentilezza e professionalità dai volontari del Borgo di Palmaro ed hai fatto bingo, offrendo un’iniziativa originale e molto gradita, viste le reazioni positive del pubblico. Il titolo già incuriosisce assai:”La metropolitana di Londra-sulla verità” In semplici parole, partiamo dalla storia di tale documento, il quale fintanto che si presentava fedele alla realtà, non veniva affatto consultato dai viaggiatori, anzi, metteva quasi ansia/confusione. Dobbiamo ad un impiegato precario della metro (peraltro nata nel lontano 1863),  Henry Charles Beck, l’innovazione di una carta semplificata al massimo:solo linee dritte o a 45°/90 °, tutte le stazioni equidistanti, anche se ciò non corrispondeva al vero, il Tamigi, un segno sfrondato da tutte le anse, ponti, parchi, pochi colori essenziali…il massimo dell’intuitivo, rassicurante, quasi rilassante,tanto che della nuova mappa se ne stampano e leggono 700milacopie, e la gente riesce ad orizzontarsi. Ecco, il concetto: l’uomo procede per raffigurazioni, più sono simboliche ed essenziali, più gradite sono, e tutto ciò si applica anche all’arte, alla musica, alla poesia. In due parti, quindi, Baricco propone un affascinante excursus sul tema della verità, cosi com’è e come si rivela, attraverso citazioni dense, mai banali o difficili da cogliere, tant’è che l’attenzione era catturata al massimo: Leopardi, Dante, Kant, Bach, Beethoven, un vortice di personalità che ci hanno lasciato schegge di verità, affascinanti ed eterne nell’immaginario culturale umano, e trasversali nei luoghi e nei tempi. Niente di complicato e troppo elevato, diciamo un percorso mentale, condiviso con noi che alterna momenti solenni, ad altri persino comici, divertenti, nessuna pesantezza, ma levità ed empatia. Abbiamo intervistato Remo Rimotti, responsabile culturale del Cinema, il quale ha dichiarato: <Palmaro Lectures nasce dal bisogno di approfondire le cose e di rifuggire dall’approssimazione. E’ un bisogno che sta crescendo sempre di più di fronte alla complessità della vita di ogni giorno, tanto più in quartiere come il nostro che sta subendo le contraddizioni di uno sviluppo economico sordo alle elementari necessità dei cittadini. Prenderemo in esame una parola alla volta tra quelle decisive per l’esistenza di ogni persona: Verità, Felicità, Salvezza, Bellezza, Grazia e ascolteremo come sono raccontate dai grandi divulgatori del nostro tempo attraverso la poesia, la musica e l’arte. Gli appuntamenti del venerdì pomeriggio di Palmaro Lectures continuano con le proiezioni di due film dedicati all’arte: il 5 aprile alle ore 15 vedremo insieme “Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità” ed il 12 aprile, sempre alle ore 15, “Caravaggio – L’anima e il sangue”. Il successivo incontro del 3 maggio alle ore 15 sarà infine dedicato, in occasione della festa della mamma, ad ascoltare lo psicologo Massimo Recalcati che ci parlerà dell’amore materno, a dirci quanto é importante, sia per noi che per gli altri, riscoprire l’aspetto materno che ognuno porta dentro di sé.> Un programma estremamente interessante ed ambizioso: ascoltiamo Ninetto Durante, che si ripropone di partecipare al terzo di questi appuntamenti, con commenti musicali che cantano appunto l’amore materno. <Ho accettato di partecipare a questo progetto di buon grado, anche se temevo potesse risultare “difficile”, ed impegnativo, ma in questi due incontri mi sono ricreduto, vedendo l’interesse del pubblico…come ho abbinato le canzoni ai monologhi? Beh, mi sono lasciato guidare dal mio gusto musicale dalle affinità che possiamo cogliere nei testi. Ad esempio, ne “Il Pescatore”, la verità del vecchio viene coperta da una certa “omertà cristiana”, infatti non tradisce il passaggio dell’assassino ai gendarmi, fingendo di essere assopito. In “Sand Creeck”, invece, la canzone mette davanti a noi la verità delle stragi sui nativi d’America, in questo caso ristabilisce la realtà storica, sempre mistificata nei film western. Nella seconda parte, canzoni che, come il ritratto di Maria di Antonello da Messina, scelto per l’evento, introducono la spiritualità della verità, che si esprime nel linguaggio non verbale della postura della Madonna “Fratello Sole, sorella Luna “ ed il “Testamento di Tito” , concludendo poi con la canzone in lingua genovese ”Ma se ghe penso”…nostalgia e rimpianto nella verità degli affetti per la nostra terra.>

 

12 Comments

  1. Mi sono molto divertita…il tempo e’ volato, Baricco e’ un grande, nella sala non volava una mosca, tutti attenti ed affascinati.
    Ninetto e’ Ninetto, Remo e’ stato bravissimo, i volontari del Borgo sempre disponibili e gentili…le mie amiche ed io aspettiamo con curiosità le prossime, analoghe iniziative.

  2. Una bela iniziativa culturale, un evento per Palmaro, pensando al passato incolore…
    Queste idee rilanciano un’immagine diversa del ponente cittadino e dimostrano un interesse della gente per la cultura.
    Eccellente!

  3. Un evento di grandissimo interesse culturale che fa bene alla testa e al cuore, oltre ad un’occasione di incontro tra cittadini, una volta tanto senza l’assillo e la presenza del porto e dei suoi problemi.
    Fantastico.

  4. Bellissima iniziativa che riqualifica Palmaro e il Ponente dal punto di vista dell’intrattenimento culturale. Ogni tanto, tra i miasmi del porto, fa piacere una boccata d’aria di cultura. Bravissimi.

  5. Analisi perfetta come sempre…io c ero, e tu hai espresso il contenuto con raffinatezza e leggerezza di linguaggio, brava Elisa!

  6. Ringrazio di cuore tutte le gentili lettrici/lettori per i benevoli commenti, che vanno al di sopra delle mie capacità…spero di aver fatto da stimolo ad altri , per partecipare a questo ciclo di eventi….se avete apprezzato l articolo.è perché si avverte, spero, che a me è piaciuto tanto e con tinuero a partecipare.

  7. Lodevole iniziativa. Siamo nella bratta fino agli occhi era ora che qualcuno ci aprisse gli occhi e le orecchie su qualcosa di culturale,. piacevole, apprenditivo. Palmaro dovrebbe diventare capoluogo della cultura del ponente.
    Una rivoluzione!

  8. L’iniziativa merita più di un elogio perchè a Pra’ e Palmaro siamo sempre stati orfani di eventi culturali.
    Ben vengano manifestazioni pubbliche che servono da collante per la gente non intorno al solito mugugno ama a qualcosa di istruttivo.

  9. Ottima iniziativa. Ci voleva proprio, qui si vive nel deserto culturale.
    Anche la mente ha bisogno di essere gratificata e la cultura non è mai abbastanza.

  10. Un grande successo di pubblico per un evento che lo ha meritato. E un gran bel report dell’iniziativa. Bravissima Elisa! Queste sono cose bellissime e tu sai riferire magnificamente.

Rispondi a Mary Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*