P.S.A. Genova-Pra’: un altro tassello per ricostruire l’identità e l’immagine della Pra’ di oggi e della Pra’ futura

#Luciano Bozzo

Mi capita ogni tanto di avere tra le mani l’Antologia Praese, un libro bello, ampio e abbastanza completo sulla storia, la cultura e le tradizioni della Pra’ di ieri e di oggi, scritto a metà degli anni ’90 dal Comitato Culturale Praese. Il libro fa notare che in quel periodo Pra’ aveva appena subito devastazioni territoriali molto pesanti e sconvolgimenti socio-ambientali decennali per la costruzione di quartieri collinari di edilizia popolare densamente abitati, del porto container a scapito della nostra bellissima spiaggia e del maxi svincolo autostradale nella Piana Podestà. Eppure, a fronte di tutte queste drammatiche trasformazioni, il terminal container veniva chiamato Voltri Terminal Europa, il porto e il casello autostradale, pur interamente in territorio praese, erano definiti “di Voltri”. In conseguenza di ciò il nome di Pra’, un tempo associato a un ben noto e frequentato turismo balneare, a fiorenti attvità marinare di pesca e cantieristica navale e a una diffusa e pregiata agricoltura, era di fatto quasi del tutto sparito anche dalle cartine e dalle mappe topografiche regionali e cittadine oltre che dall’immaginario collettivo.

Difendere il nome di un luogo, di un paese, di una città costituisce la prima azione essenziale per riconoscerlo, amarlo, valorizzarlo ed anche per cercare poi di migliorarlo. <<Chiamare le cose con il loro nome è in effetti il primo passo per riconoscerne la giusta importanza e costruire delle cose positive>>  ha ricordato anche il Presidente del Municipio VII Ponente Claudio Chiarotti.
E ben consci di questa verità i cittadini praesi da lungo tempo hanno portato avanti una doverosa battaglia per la difesa della nostra identità anche attraverso le rivendicazioni del corretto nome da attribuire al porto ed all’uscita autostradale; una battaglia condotta prima dal Comitato Culturale Praese insieme a diverse altre associazioni locali, poi dal Comitato per Pra’ e dal giornale “Il Praino” ed ultimamente dalla FondAzione PRimA’vera.
I risultati alla fine sono arrivati visto che nel 2014 il porto ha assunto ufficialmente la denominazione di “Bacino Portuale di Pra’ ” e nel 2016 anche l’uscita autostradale è stata giustamente rinominata “Genova-Pra'”.
Nel frattempo anche i sempre maggiori riconoscimenti e apprezzamenti attribuiti al basilico ed al pesto prodotti sul nostro territorio hanno contribuito e non poco alla riscoperta ed alla valorizzazione dell’ex Comune e Delegazione di Pra’, senza voler dimenticare l’Alemante Festival e le tante bellissime iniziative portate avanti in maniera egregia e fantastica da una miriade di piccole e grandi associazioni locali grazie alle quali il nome di Pra’ è tornato ad essere e in positivo sulla bocca di tutti.

Venerdi 24 maggio 2019 anche un altro importante tassello si è aggiunto a questa ricostruzione della nostra identità con il cambio del nome, il re-branding per usare un termine anglofono di ampia diffusione, del maggior concessionario ed attore all’interno del nostro porto; P.S.A. che già aveva affrontato negli anni scorsi il passaggio intermedio dalla denominazione di V.T.E. (Voltri Terminal Europa) a quella di P.S.A. Voltri-Pra’, ha infatti deciso di tenere conto delle richieste giunte in maniera massiccia da associazioni e cittadini praesi per un allineamento anche nominale alla realtà geografica del luogo che lo ospita, ed ha quindi deciso di assumere la denominazione di  P.S.A. Genova-Pra’.


Ad annunciare l’evento questo venerdi mattina all’interno dell’antico salone del palazzo municipale di Piazza Bignami erano presenti l’Amministratore delegato di P.S.A. Italia Gilberto Danesi, il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale Paolo Emilio Signorini, il Sindaco di Genova Marco Bucci, l’Assessore regionale alle attività produttive Andrea Benveduti ed il Presidente del Municipio VII Ponente Claudio Chiarotti; presenti anche Guido Barbazza e Niclo Calloni della FondAzione PRimA’vera. Un grande schermo collocato nei giardinetti di Piazza Bignami ha consentito di poter seguire la conferenza anche all’esterno visto che il salone del municipio era gremito.

Lo scorso 4 aprile in un affollato Consiglio municipale aperto al pubblico e dedicato al tema dello spostamento dei depositi di idrocarburi di Carmagnani e Superba, il Presidente dell’Autority portuale Paolo Emilio Signorini aveva affermato di voler mantenere il patto stipulato una ventina di anni fa per non espandere il porto di Pra’ nè verso ponente oltre il rio San Giuliano nè verso levante oltre il sesto modulo; allo stesso tempo aveva di fatto rassicurato i Praesi ed anche i vicini Pegliesi sul fatto che è abbastanza impensabile che il porto di Pra’ possa essere la nuova destinazione dei depositi chimici in virtù di tutto quello che Pra’ ed il ponente in generale hanno dovuto e devono sopportare quotidianamente per la presenza di tante importanti ed invasive attività produttive ed infrastrutture, un dato di fatto inconfutabile che in quella sede i residenti hanno ribadito con fermezza e determinazione.

In questa occasione Signorini ha invece affermato che : <<Questo cambio del nome da parte di P.S.A. segue il cambio di denominazione del porto di Pra’ voluta dal mio predecessore Luigi Merlo e insieme ad esso costituisce una restituzione a Pra’ di quanto le era stato tolto>>;  lo stesso Signorini ha poi ricordato l’impegno portato avanti dall’Autority per ridurre l’impatto ambientale e l’invasività del porto: << Proprio in questo mese di maggio abbiamo assegnato i lavori per l’elettrificazione delle banchine che possono quindi partire e stiamo anche facendo passi avanti decisivi per l’innalzamento delle dune di separazione con la Fascia di Rispetto ed il centro abitato>>.  Signorini ha anche annunciato la prossima installazione di centraline per rilevare e controllare il livello di rumore prodotto dal porto.

E quello di perseguire un sempre maggiore rispetto dell’ambiente, di pari passo con la sicurezza del lavoro e dei lavoratori è anche un obiettivo a cui tiene molto l’A.D. di P.S.A. Gilberto Danesi: <<Abbiamo da poco sostituito tutte le nostre gru di piazzale e di banchina con nuove gru elettriche meno inquinanti. Entro il gennaio 2020 sarà inaugurato un secondo binario in entrata ed uscita dal terminal che consentirà di spostare molte più merci con i treni anzichè con i camion, cosa che avverrà in misura ancora maggiore quando nel 2023 verosimilmente avremo 7 binari dedicati ai lunghi treni da 750 metri nel parco ferroviario collegato al terminal portuale, la cui attività voglio ricordare dà lavoro a circa cinquemila persone>>.
Ha quindi aggiunto che il nuovo nome di PSA Genova-Pra’ sostituisce la vecchia denominazione di V.T.E. sia a Genova che in tutto il mondo.

Niclo Calloni, Presidente della FondAzione PRimA’vera, introduce la conferenza.

Ma oltre al cammino per  la difesa dell’identità e della realtà toponomastica e per la riduzione dell’impatto ambientale del porto e delle altre infrastrutture presenti sul territorio ci sono anche le idee, le proposte ed i progetti per la riqualificazione urbana.

E di questo ha voluto parlare il Sindaco Marco Bucci che in particolare ha ribadito di voler estendere il parco pubblico sull’altra sponda del Canale di calma fino al sesto modulo e, su suggerimento e proposta della FondAzione PRimA’vera, di prolungare le migliorie e gli arredi urbani in stile P.O.R. anche a Pra’ Palmaro e di collocare un “bigo” (a ricordo dei marinai, dei pescatori, degli armatori e dei costruttori navali praesi) sulla rotonda San Pietro. <<Penso poi ad un nuovo ponte per raggiungere più facilmente da terra il nuovo parco all’estremo di levante del Canale di Calma. Tutte queste opere possono essere inserire nel piano straordinario per la ricostruzione dopo il disastro del viadotto Morandi>>.
Il Sindaco ha anche preso atto con piacere del fatto che Pra’ è una città viva e ricca di persone che cercano di migliorare l’esistente e che 
<<se porto e città sanno lavorare bene insieme, se perseguono obiettivi comuni nel reciproco rispetto possono raggiungere traguardi davvero importanti sia in termini economici che di vivibilità>>.

L’intervento di Marco Bucci, Sindaco di Genova.

L’Assessore regionale Andrea Benveduti ha sottolineato come i nomi, il passato e l’identità siano cose importanti tanto quanto lo sviluppo da perseguire con le nuove infrastrutture già da tempo in cantiere e che inoltre il profitto giustamente perseguito dal porto e da chi nel porto lavora va condiviso anche con il territorio che quel porto ospita.

Il Presidente del Municipio Claudio Chiarotti ha invece voluto ricordare la presenza del Municipio ai tavoli di confronto istituzionali per una migliore compatibilità ambientale ed una più serena e proficua convivenza tra porto e città individuando in questa strategia la giusta strada per un continuo miglioramento ed una necessaria riqualificazione e valorizzazione dell’ambito cittadino.  <<Lavoro, ambiente, qualità della vita delle persone devono essere coniugabili nel modo migliore>>, pur non negando che le cose da fare sono ancora tante, ed ha citato come esempio l’annosa questione dell’innalzamento delle dune che non può davvero essere ulteriormente rinviato nè fatto in maniera insoddisfacente.

 

Ed è anche la linea di navigazione indicata dal Presidente onorario della FondAzione PRimA’vera Guido Barbazza, a partire dagli obiettivi per cui sei anni fa nacque la FondAzione: <<Trasformare le esigenze della cittadinanza praese in visione e progetti ambiziosi, cercando poi di realizzarli attraverso il dialogo con le istituzioni. Volenti o nolenti il porto ormai c’è, è presente davanti a noi; bisogna quindi trovare il modo di farlo crescere, far si che porti più lavoro e ricchezza anche sul nostro territorio diminuendo al contempo i disagi creati secondo una visione di tipo “win win” per la quale porto e città crescono insieme, ed in cui il porto trasferisce anche più risorse per migliorare il territorio, come in effetti sta iniziando a fare>>. Barbazza ha ringraziato pubblicamente l’A.D. Gilberto Danesi per aver dimostrato attenzione e sensibilità alle richieste del territorio e tutti coloro che hanno reso possibile questo ulteriore passo avanti sulla strada della rinascita della nostra cittadina che si vuole vedere in futuro, seppure in modo diverso, bella come un tempo con la piena valorizzazione delle risorse oggi presenti, a partire dai suoi monumenti, dai suoi prodotti tipici e dalla vocazione ludico-sportiva della Fascia di Rispetto.

Un video di notevole impatto e fascino, realizzato dagli architetti Fabio Cimmino e Patrizia Pittaluga ha poi illustrato meglio di tante parole quali siano i progetti che la FondAzione PRimA’vera sta portando avanti per il miglioramento e la valorizzazione dell’ambiente urbano: estendere la riqualificazione della zona intorno alla Via Pra’ anche agli estremi di levante e di ponente della Delegazione arricchendo la strada con una lunga fila di alberi verso il litorale, sostituire il Palamare con un più funzionale e solido Palazzetto dello sport, installare un bigo, piccolo gemello di quello del Porto antico, sulla Rotonda San Pietro e riqualificare l’accesso dalla rotonda alla Fascia di Rispetto. E poi un moderno centro civico aperto alla cittadinanza con sala conferenze multimediale e biblioteca digitale nella ex stazione, dove valorizzare anche al meglio il nostro basilico, ricordare adeguatamente la nostra spiaggia perduta e la nostra storia, far conoscere a tutti come lavora il porto di Pra’ e quali progetti sono in itinere per abbatterne l’impatto ambientale. Riqualificare l’area delle ex officine San Giorgio e Verrina destinando quegli spazi anche a nuove serre di basilico e naturalmente creare una fascia di vivibilità tra l’abitato di Palmaro e la ferrovia con alberi, pista ciclo-pedonale e “lama d’acqua”. Davanti al sesto modulo del porto, finalmente banchinato, si vuole avere un campo di evoluzione velica e di scuola di vela per i nostri ragazzi.
La visione della Pra’ Futura si completa poi con il porto isola sempre più staccato dall’abitato attraverso il prolungamento a ponente della Fascia di Rispetto e del Canale di Calma e con merci che viaggiano sempre più su rotaia e sempre meno sui TIR riducendo fortemente rumori ed inquinamento.

In conclusione mi piace ricordare la citazione che Niclo Calloni, emozionato e commosso, e Claudio Chiarotti hanno voluto dedicare ad un grande amico di Pra’ e della FondAzione, Alfredo Ponte, un sognatore generoso e concreto, capace di rimboccarsi sempre le maniche e fare le cose in prima persona; lui che tanto impegno, passione ed entusiasmo aveva dedicato alla prospettiva di vedere un giorno il doveroso riconoscimento del nome praese al ” Bacino portuale di Pra’ “e a P.S.A. Genova-Pra’, oggi in mezzo a noi sarebbe stato sicuramente tra quelli più contenti e sorridenti, soddisfatto si ma anche pronto a mettersi subito in gioco per un’altra battaglia per la sua….per la nostra Pra’.

Gilberto Danesi, A.D. di P.S.A. Italia presenta il nuovo brand P.S.A. Genova Pra’

8 Comments

  1. Complimenti Luciano per il tuo articolo. Congratulazioni a tuti coloro che lottano giorno a giorno per Pra’. Mi sento fiera delle mie origini e di questa Pra’ che si fa più grande, bella e importante!!!!
    Un saluto dal Cile!!!

  2. Se tutto quello che abbiamo letto nel bellissimo ed esauriente articolo di Luciano si avverasse, magari fra non molti anni, sarebbe fantastico! Forse c’è davvero una nuova consapevolezza che se il lavoro è importante non si può più continuare a violentare il nostro Paese in nome dell’economia! Dobbiamo veramente sforzarci di trovare un giusto equilibrio che renda compatibile la vivibilità degli umani con le esigenze dell’economia! Ci vuole un’inversione di rotta e forse questa è la volta buona! Grazie a coloro che si spendono per la nostra cittadinanza e per il bene comune!

  3. Tutto bello e condivisibile !
    Ma io credo che queste opere di mitigazione e di restituzione sono già state annunciate in passato ma mai realizzate …
    Nel frattempo i Praesi muoiono di tumore ai Polmoni di leucemia etc come dice uno studio di Alisa e il comitato dei medici per l’ambiente…
    Ecco questo a me interessa la salute mia e dei miei figli prima del nome di Prà sul Porto o sull’autostrada !!!
    In questo senso vi dico meno riunioni e fiori d’arancio e più fatti !!!
    Grazie

    • Fabrizio ciò che hai scritto ha il valore di un quinto Vangelo laico.
      Tutti hanno fatto voli pindarici sulle ali della fantasia e del vedremo-faremo.
      Ma la realtà la descrivi bene tu che sei rimasto coi piedi ben piantati per terra, mentre gli altri sono felici del nome e del cartello all’ingresso del porto.
      Basta riunioni, tavole rotonde e quadrate: anemmu discursci…..

  4. Buongiorno a tutti,sono contento per Pra.Il nome consono x il porto sarebbe in realtà Pra Palmaro ma nessun problema,importante è fare dei fatti immediati per il sestiere di Palmaro,incominciando subito nella sostituzione della griglia rugginosa lato ffss per tutta Palmaro!!(unica zona dove è ancora vecchia)ricordo che a Pra è nuova eppure siamo tutti abitanti della delegazione di Pra.

    Inserirei almeno 70’cm di verde di larghezza per tutta la zona di Palmaro in lunghezza collegando un semplice tubo di acqua all esistente fascia di rispetto in modo da sostituire la GRIGLIA e Nel contempo CREARE UNA BARRIERA VERDE,POI FARE UNA STAZIONCINA METROPOLITANA A PALMARO NELL IMMEDIATO..basta semplicemente mettere un gabbiotto all altezza dei Cioi.

    Quanto sopra è un suggerimento pratico e realizzabile subito.

    Ringrazio tutti quelli che si impegnano per fare qualcosa di buono per la delegazione di tutta Pra ma a Palmaro è giunto il momento di vedere qualcosa di concreto!!

    Poi più avanti bisognerà spostare due binari lato Sud per creare la microfascia pedonale a Palmaro che consentirà di avere una passeggiata ciclabile e alberata che congiunga Pra a Voltri ..e conseguentemente collegherà Pra a tutta la riviera del Ponente..un progetto chiaro e realizzabile.

    Ovviamente se migliora Pra è una bella cosa ma ora LA RIQUALIFICAZIONE PIÙ URGENTE È DA FARE A PALMARO.(negli anni scorsi inspiegabilmente dimenticata)

    GRAZIE
    Saluti
    ROCCO

  5. Il porto c’e’ , costruito senza i criteri giusti ,senza interpellare che cosa ne pensano i residenti che si ritrovano il porto con tutti i suoi movimenti, di merci, scali navi carrette smog rumore 7 fasci di binari con treni stridii tutto il giorno e notte , tutto questo subiamo a Palmaro ,il porto ferrovia si trova incastrato a 20 metri dalle case , come comitato Palmaro abbiamo chiesto al municipio a comune alle autorità portuale di mitigare tutto questo con un cuscinetto vegetale e pannelli fonoassorbenti , una microfascia fascia che separi porto dall’abitato, aspettiamo fiduciosi che almeno dopo il grosso guaio non ci sia anche la beffa , un passo avanti è proprio il nome che da terminal Voltri passa a terminal Prà per poter ottenere le richieste . il porto si affaccia interamente su tutta prà , visto che il disagio c’è , apriamo un dialogo costruttivo ,la prospettiva di interagire con il cittadino pare la mossa vincente.Spero non siano solo parole ma fatti concreti Grazie e complimenti per l’ articolo .

  6. Che non ti saresti perso questo appuntamento ne ero certo, c’è troppa Pra’ nel tuo cuore.
    E ti ho sentito lì, nella tua nuvola preferita, che mi guardavi con quella espressione “un pò così“ che abbiamo noi di Pra’ quando la sentiamo riconosciuta nella sua dignità e nel rispetto del suo territorio e della sua ruvida, complessa e meravigliosa gente.
    Ma d’altre parte ci siamo sentiti sempre un po’ impacciati con queste braghe da contadini e con questa blusa da marinai che finalmente abbiamo deciso di vestire di una sola ed unica identità di popolo: quello Praese per il quale ci siamo sentiti chiamati a metterci in gioco.
    Oggi Pra’ è Pra’ e lo è universalmente e non è poco, quello che era nostro portava un nome di un altro, volevamo uscire da questa umiliazione e ….
    le jour de gloire est arrivé .
    E in quel momento sei arrivato a tu a prenderti le mie emozioni e a rendere umano e bellissimo un fondamentale momento della storia di Pra.

Rispondi a Amalia Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*