P.O.R.: si aprono al traffico le due corsie lato monte della nuova Aurelia anche nel lotto di Ponente

#Luciano Bozzo

Questa settimana si dovrebbe finalmente procedere con l’apertura al traffico dell’asse viario principale dell’Aurelia delle due nuove corsie lato monte della nuova strada, quelle in direzione di Voltri, realizzate nell’ambito dei lavori del P.O.R. nel lotto di Ponente tra la foce del Rio San Pietro e Piazza Laura. La giornata indicata dovrebbe essere mercoledi 9 agosto, sempre che non sopraggiungano nuovi problemi o imprevisti dell’ultima ora.
L’apertura delle due corsie è stata richiesta a gran voce dalla cittadinanza e dalle associazioni rappresentate nel Comitato di Monitoraggio sul P.O.R. che si è riunito giovedi 27 luglio nell’ex palazzo municipale di Piazza Bignami.
La chiusura di queste corsie stradali, finora utilizzate per il solo accesso da e verso Via Sapello, e gli interminabili lavori del cantiere nei pressi delle palazzate di Via Pra’ in questa zona si protaggono infatti ormai da ben oltre un anno e mezzo e continuano a creare problemi e sofferenze sia ai commercianti che a tutti i residenti di questa parte del paese che ad esempio sono costretti ormai da moltissimi mesi ad un lungo giro per poter accedere con auto, moto e motorini in Via Sapello e nelle vie limitrofe o per uscirne in direzione levante e che hanno visto sparire da tempo le panchine di Piazza Venezian, solitamente molto frequentate.

Secondo la tabella di marcia iniziale i lavori nel lotto di Ponente con la conseguente apertura completa della nuova strada avrebbero già dovuto concludersi entro la fine dello scorso anno ma il fallimento della ditta Unieco concessionaria dei lavori di questo lotto ha complicato incredibilmente le cose; come ha ricordato l’architetto Mirco Grassi, responsabile dei lavori del POR: “L’operatività di Unieco era già iniziata a calare nell’autunno dell’anno scorso ma la ditta, pur in situazione già di crisi, ha chiesto lo stesso varie proroghe per continuare i lavori prima di giungere allo stato di fallimento vero e proprio: i tempi dei lavori quindi si sono di molto allungati.”
“Questa situazione ha portato la gente all’esasperazione tanto che si stava ormai pensando di organizzare delle manifestazioni di protesta nelle strade” ha denunciato, tra gli altri, Mauro Rossi, presidente del CIV Pra’ Insieme.
La richiesta avanzata quindi all’architetto Grassi ed ai tecnici comunali è stata di procedere con l’apertura della nuova strada lato monte il prima possibile, lasciando poi ad una successiva fase il completamento delle varie opere al contorno, “opere che vanno però realizzate per il meglio e senza sconti” ha dichiarato il Presidente del Municipio Claudio Chiarotti.

Per fare ciò, dopo una riunione di coordinamento tra i tecnici e la ditta attualmente impegnata nel completamento dei lavori (la Cema che è stata chiamata a sostituire la precedente Unieco dopo il suo fallimento) nei giorni scorsi si sono dovute compiere ancora un paio di operazioni: la realizzazione della segnaletica orizzontale lungo le due nuove corsie stradali e l’innalzamento di un paio di chiusini sulla strada all’altezza di Piazza Bignami.
A questo punto se il sopralluogo dei tecnici in programma per lunedi 7 agosto non evidenzierà ulteriori criticità mercoledi 9 sarà il giorno dell’apertura al traffico veicolare della carreggiata lato monte; anche qui, come in altre parti della nuova strada, la corsia esterna sarà riservata ai mezzi pubblici e quella centrale al traffico privato.
Non è ancora chiaro se mercoledi 9 agosto verranno anche già attivati gli impianti semaforici ed i relativi accorgimenti per consentire la svolta verso levante per i veicoli che si immettono sull’Aurelia da Piazza Bignami e l’ingresso in Via Sapello per chi arriva sull’Aurelia da ponente o se per queste due possibilità bisognerà invece aspettare ancora qualche giorno.
Di sicuro in una fase successiva sono programmate alcune altre cose, tra le quali la copertura del muro tra le due carreggiate con piastrelle di due diverse tonalità di grigio con l’inserimento di decorazioni a rappresentare gli stemmi di Genova, del Municipio VII Ponente, di Pra’ e dei sei sestieri praesi; queste decorazioni in piastrelle verrrano poste sul muro divisorio in corrispondenza di altrettanti attraversamenti pedonali.  Nel novero delle rifiniture e dei lavori al contorno che dovranno essere completati quanto prima ci sono poi la messa in funzione dei vari semafori lungo la nuova strada (si spera anche con un’efficiente meccanismo di sincronizzazione degli stessi), la collocazione delle nuove panchine nelle varie piazze (Piazza Bignami, Piazza Venezian e l’area pedonale intorno alla vecchia stazione), la nuova scalinata di accesso a Via Maria SS Ausiliatrice (con la attesa rimozione della orripilante gabbia in metallo), la fontana in Piazza Venezian ed una discesa per portatori di handicap vicino all’angolo di ponente tra Via Pra’ e Piazza Bignami.

Il tema dei semafori e degli attraversamenti pedonali richiama inevitabilmente quello della sicurezza della strada per veicoli e pedoni. In questi ultimi due anni infatti la nuova viabilità nella attuale situazione transitoria con il cantiere ancora attivo ha comportato il dato allarmante di un notevole aumento degli incidenti stradali spesso a danno dei pedoni come abbiamo potuto appurare dalle testimonianze sia della Croce Verde Praese che della Polizia Municipale locale.
Ciò sembrerebbe dovuto a molteplici fattori: da un lato la maggiore pericolosità del tratto di carreggiata a doppio senso di marcia tra Piazza Laura e Via Cordanieri (situazione che per fortuna cesserà di esistere con l’apertura della carreggiata lato monte), poi la scarsa evidenza di alcuni attraversamenti pedonali, quindi l’eccessiva velocità che taluni veicoli (in particolare moto e motorini) assumono nel tratto a 4 corsie contigue ed infine l’analfabetismo stradale che taluni automobilisti manifestano nel transitare lungo le numerose rotonde.
Su questo argomento la FondAzione PRimA’vera ribadisce la richiesta di avere attraversamenti pedonali il più possibile evidenti e sicuri sia di giorno che di notte nonchè rilevatori e misuratori di velocità e cartelli che inducano veicoli e moto a ridurre la velocità.
Per quanto riguarda le nuove panchine da mettere nelle piazze e nelle aree pedonali ne sono state ordinate complessivamente 62 che verranno collocate probabilmente tra fine agosto ed inizio settembre. Sembra poi risolta l’annosa questione per installare la pensilina alla fermata dell’autobus lato mare di fronte a Via Taggia e ci si è accordati per installare due nuove pensiline per le fermate all’altezza della vecchia stazione. Queste al momento non ci sono ancora; se il Comune le renderà disponibili tutte le fermate saranno quindi dotate di cabina.

Ha destato invece sorpresa e sconcerto la recente collocazione di un’altalena e di una giostra davanti ai giardinetti di Piazza Bignami e proprio a fianco della nuova strada che in quel punto propone tra l’altro 4 corsie affiancate. Davvero non si capisce il perchè della scelta di un luogo così infelice ed inopportuno dove bambini e genitori che volessero ususfruire di questi giochi sarebbero costretti a respirare in pieno i venefici gas di scarico di autoveicoli, motociclette ed autobus che sfrecciano li davanti ed in un’area oltretutto priva di ombra. Questa scelta appare davvero inspiegabile tanto più se si considera che a pochi metri di distanza ci sono almeno due aree ben più adatte ad ospitare dei giochi per bambini; la prima è costituita proprio dai giardinetti davanti al municipio che oltretutto fino a pochi anni fa hanno ospitato un’area giochi nella parte bassa e che adesso invece ne sono privi, ma un’altra area potrebbero anche essere i nuovi spazi pedonali davanti alla vecchia stazione ferroviaria per la quale è stato approvato un progetto di recupero e riqualificazione, spazi che si trovano solo pochi metri a levante; in alternativa altalena e giostra potrebbero trovare sede all’interno del Parco Dapelo magari a fianco della “nave” giochi già presente per costituire così un’area giochi più completa e diversificata.

15 Comments

  1. Anche se non menzionato nell’articolo di Luciano Bozzo si spera che venga finalmente rimossa la schifosa gabbia raccogli-rumenta di via Ausiliatrice (E’ veramente indegna) sostituendola con una scalinata larga quanto la via. Ormai non c’è più alcun passaggio per andare sotto il ponte e al massimo si può lasciare un tombino sulla strada. Qualcuno forse la stessa FondAzione aveva proposto di trasformare il tratto di via Ausiliatrice tra via Pra’ e via Airaghi in una “via degli artisti” abbellendo i muri con opere di artisti locali sul tema PRA’. A poco a poco che Prà migliora diventano sempre più evidenti le brutture, in questo caso quella dei muretti del “Palazzo sul ponte”, tutti scassati e scorstati, ancora dai tempi dell’alluvione del ’93. I proprietari sono pregati di fare qualcosa. Grazie.

  2. I giochini per i bambini in piazza Bignami ci sono sempre stati, l’altalena potea tranquillamente essere messa nalla parte bassa dei giardini, dove c’erano già i giochini. Veramente brutta poi la finitura della parte aggiunta dei giardini cementata e pitturata di…bianco. Ma ci voleva tanto a finirla in pietre come il resto dei gardini ? Se passasse un tal Vittorio Sgarbi sputerebbe all’architetto o al geometra che ha partorito una cosa del genere.

    • cara Elsa sono del tuo stesso parere. Visto che nessuno si è degnato di una risposta alla mia e mail del 2 c.m. provvederò di conseguenza.
      Grazie del tuo pensiero condiviso

  3. Pietro guarda che nell articolo Luciano parla eccome dell orripilante GABBIA di via Ausiliatrice..magari non si sofferma molto ma in compenso ci dà una panoramica dello stato dell arte relativo ai POR estremamente completa e dettagliata.
    I giochini….ch li ha pensati davanti alla strada a 4 corsie ha urgente bisogno di resettare i circuiti mentali e del buon senso.
    Senza pensare ad altre destinazioni, io li vedrei benissimo nei giardini di p.za a Bignami, dove vi sono sempre state simili installazioni. Anche a completare il modulo di giochi nell area del Parco Dapelo non sarebbe male, perche amplierebbero l offerta ludica che non è tantissima. Secondo me….

  4. come avevo già segnalato con mia del 2 c.m. che in calce alla presente allego:
    “Da giorni guardo costernato la messa in opera dei nuovi giochi per i bambini prospicienti i giardini del Comune e dico costernato perchè l’opera viene fatta a pochi metri dalla strada trafficata ed in zona non riparata dal sole con alberi.
    Ma chi ha progettato ciò come al solito ha lavorato a tavolino? ritengo necessario che sia rivisto il tutto affinché i bimbi possano giocare al riparo sia dal sole che dai pericoli ( se non sbaglio vicino transiterà la linea 1 che si immette nella strada vecchia e ci sarà, anche se regolato da semaforo, l’accesso delle macchine che scendono lato ovest per girare sia verso Pegli che Voltri).
    Se erro vorrei essere corretto da un vostra cortese risposta, grazie.

    A Bruzzone ”
    vedo che ora altri hanno segnalato il grandissimo errore.
    Rimango comunque attonito della mancanza di risposta da parte della presidenza della circosrizione che avevo cordialmente inviato nella mia su di sopra.

  5. per le fermate del mezzo Amt avevo inviato una dettagliata descrizione dove erano necessarie le fermate linea 1 con annesse foto. Nonostante che l’Amt aveva espresso parere favorevole la segreteria della Mobilità e traffico ha viaggiato sulla sua linea senza tenere conto delle osservazioni
    Ho il file pdf ma non riesco ad inoltrarlo in copia invio e mail al sito della fondazione

    • I giochi per bambini, senza ombra e in mezzo allo smog non sono proprio indicati, sono da traferire nel parco Dapelo, purtroppo nella nuova spianata dei giardinetti non ci stanno anche per sicurezza. (Sarebbero da spostare anche i giochi in zona Palamare più a lato mare). Lo spazio liberato in fronte ai giardini dovrebbe consentire il passaggio solo in caso di emergenza ai mezzi di soccorso per accedere ai giardini e al tratto della vecchia stazione.

      • condivido quanto ta te espresso , comunque ho già mandato al secolo ixi tramite e mail anche le foto vediamo cosa fanno

  6. Scusate se mi inserisco con qualcosa di non proprio attinente, ma sempre del mantenimento di quanto finalmente è stato posto in essere e del decoro della Delegazione si tratta. I muri dello scolmatore, che non è esattamente un belvedere, sono stati recentemente ingentiliti con una colorazione pastello, verde e rosa Liguria. Come era facile prevedere, pochi giorni ed è comparsa la prima scritta vandalica, mi pare un “tris”, come al solito demenziale e incivile. La parte bassa di Via Zuccarello ed altri spazi sono imbrattati di ghirigori che recitano “BORN”, “DESMO” e una somma di stupidaggini che ricorrono ovunque a Pra’, sulla passeggiata di Voltri, sui muraglioni di contenimento di Vesima, fino ad Arenzano. Possibile che si debba lasciare la riqualificaxione in queste mani sacrileghe? Chiedo … cosa si può fare? Ridipingere le superfici non risolve la questione. La stazione insegna. Non facciamo altro che offrire a questi vandali spazi nuovi da deturpare il giorno dopo. Sulle vostre osservazioni in merito alla collocazione dei giochi, non si può non concordare. Una scelta veramente infelice e insensata, si resta attoniti. E la gabbia è davvero un’indecenza, frequentata, peraltro, da topi taglia XXL. Se le segnalazioni fatte in municipio dai singoli cittadini non hanno riscontro, spero la Fondazione possa dar voce alle nostre istanze.

  7. “Se le segnalazioni fatte dai singoli città di non hanno riscontro” … aggiungo … fatto peraltro gravissimo, che non fa ben sperare se davvero sta in questi termini. Il Municipio siamo noi. È come fossimo sordi a noi stessi.

    • ma se le persone che hanno preso piu voti non sono state poste nei ruoli chiave e chi ha preso meno voti e’ snchr il vice presidente…
      ..lascio a te il pensiero

  8. Allora, non c’è speranza. I cambiamenti sono veramente tali? Non so … mi pare di vivere dentro alla ruota per i criceti. Gira e non porta in nessun posto.

  9. Per piacere, amici, non facciamo il processo alle intenzioni a questa nuova giunta municipale, al Presidente ecc.ra…Siamo al 19 agosto, a Montecitorio dormono tutti, in Italia si sa che in questo periodo si ferma il mondo! Osservazioni giuste e condivisibili, ma diamo tempo al tempo, sono appena state abbozzate le varie commissioni, deve partire, da parte della Fondazione, un primo, ampio giro di incontri con gli Assessori Comunali e Municipali al territorio, e da parte loro, gli amministratori si stanno organizzando per incontrare i cittadini.
    Invece di mugugnare, prepariamoci a questi incontri, in modo che siano proficui.
    Il Presidente Chiarotti e’ sempre stato attivissimo su Pra’ quand’era Consigliere, il Nuovo Sindaco Bucci, nell’intervista a SuPratutto, ha sfidato cittadini ed associazioni ad essere stimolanti nei confronti del programma, per una Genova ed una Delegazione sempre al meglio. Quindi…mettiamoli alla prova!

  10. non condivido il tuo pensiero la giunta della municipalità non è altro che una riedizione e le persone che hanno preso più voti sono stati messi in disparte. Vedremo se come dice tutto sarà attivo chi vivrà vedrà.

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*