P.O.R. Pra’ Marina: ad agosto ripartiranno i lavori su più fronti

#Luciano Bozzo

Lunedi 23 luglio, nell’ex palazzo municipale di Pra’ si è tenuta la quindicesima riunione del Comitato di monitoraggio sul P.O.R. Pra’ Marina alla presenza, come sempre, dei rappresentanti dell’istituzione municipale, tra i quali il Presidente del Municipio Claudio Chiarotti, delle associazioni di cittadini che lo partecipano, dell’architetto Mirco Grassi, Direttore del settore Attuazione nuove opere e Lavori Pubblici del Comune, e dei responsabili dei vari cantieri coinvolti nel progetto P.O.R.
Nel corso della riunione sono state comunicate importanti novità, in virtù delle quali, è lecito aspettarsi una decisa ripresa dei lavori a partire dal prossimo mese di agosto.
Innanzitutto già dall’inizio del mese dovrebbero partire i lavori per il recupero della ex stazione ferroviaria, l’edificio di metà Ottocento che si trova proprio nel cuore dell’area interessata dal P.O.R. nel punto di contatto tra la Fascia di Rispetto ed il sestiere storico di Borgo Foce.
Si ripristineranno tetto, facciata e infissi. Si prevedono sei mesi di lavori per una spesa di circa 600 mila Euro. Ancora però il Comune di Genova non ha deciso quale sarà la destinazione d’uso dei locali interni dell’edificio restaurato e la prossima riunione del Comitato sarà dedicata proprio in maniera monotematica e, si spera, con l’Assessore comunale competente alla futura destinazione degli spazi interni della ex stazione.
SuPraTutto sostiene decisamente la proposta che il Consiglio di Comunità Praese ha avanzato presso il Comune ed il Municipio di farne il “Palazzo del Basilico” per dare sempre più spazio, visibilità e lustro al prodotto principe del nostro territorio, oltretutto proprio nel centro del nostro paese e davanti alla sede della Cooperativa Agricola. I locali del piano terra potrebbero infatti ospitare il museo del basilico di Pra’ (nel corpo centrale), un laboratorio di preparazione “on demand” di pesto artigianale ed il mercato a chilometri zero del nostro basilico (e non solo).

Al primo piano potrebbe invece trovare spazio una moderna sala conferenza con dotazioni multimediali in grado di ricordare e far rivivere anche la storia del nostro litorale, con i cantieri navali, gli stabilimenti balneari e la fiorente pesca di un tempo e fornire informazioni sulle attività del porto di oggi.

Tornando ai lavori del P.O.R., si sta anche finalmente sbloccando l’empasse che ha determinato la lunga paralisi del cantiere e la mancata conclusione dei lavori nel Lotto di Ponente tra la rotonda San Pietro e Via Taggia. Questo lotto, com’è probabilmente noto, ha subito una doppia sfortunata vicissitudine; innanzitutto il fallimento della ditta concessionaria dei lavori, UNIECO, ad inizio 2017, a causa della quale il cantiere si è fermato già da dicembre 2016, quando ormai mancavano soltanto poche settimane per poter arrivare alla conclusione dei lavori programmati. Poi anche la ditta che è stata individuata come subentrante, COS.IN., del tutto inaspettatamente non ha portato a termine quanto concordato e dopo un lungo tira e molla alla fine è stata estromessa dal Comune. Adesso si sta procedendo con l’assegnazione della parte restante dei lavori ad una nuova ditta.
E proprio la settimana scorsa è stato fatto il provvedimento di affidamento al consorzio tra le ditte ESOStrade, ILSET e SIRCE, terzo classificato della gara di appalto iniziale; ESOStrade ha già operato negli anni scorsi per la ri-sistemazione di Piazza Sciesa. Quindi tra due o tre settimane, al termine della verifica dei documenti che si stanno producendo, ci sarà la chiusura del contratto e la ripresa dei lavori prevista per la seconda metà/ fine di agosto. La durata dei lavori è stimata in 90 giorni, probabilmente prolungabili per mettere a posto anche le magagne fin qui emerse e già note: ad esempio tombini danneggiati, tratti di marciapiede soggetti ad allagamenti etc.
Il Comitato ribadisce la necessità che tutte le varianti al progetto iniziale, già in precedenza individuate e concordate vengano assegnate alla nuova ditta che sta subentrando.
Di queste varianti una parte sono già state approvate e finanziate ed attendono solo di essere eseguite. Ci riferiamo in particolare alla possibilità di svolta per entrare finalmente in Via Sapello anche da ponente. I tecnici comunali confermano che nella parte di appalto che si sta assegnando alla nuova ditta subentrante è previsto il finanziamento del semaforo e della parte di guard-rail che mancano; ci sono quindi buone speranze che questa opera così tanto invocata dai cittadini possa finalmente essere realizzata quanto prima; altra opera già prevista nel completamento dei lavori del lotto di Ponente è la fontana di Piazza Venezian. Va studiata la soluzione migliore per realizzarla fermo restando che verrà fatta in muratura e non in vetro.

Ci sono poi invece altre 6 varianti, già concordate, ma ancora in fase di progettazione. Esse sono:

  • area sgambatura cani nel Parco Dapelo
  • apertura del muro verso mare per la pensilina alla fermata dell’autobus lato mare nei pressi della rotonda San Pietro
  • pensilina lato monte nei pressi della rotonda San Pietro con la necessità forse di eliminare un’aiuola
  • vecchia scaletta di accesso alla Fascia di Rispetto nei pressi della piscina
  • nuova scaletta di accesso a Via Maria SS Ausiliatrice
  • la ringhiera di protezione dell’area giochi nella parte bassa di Piazza Bignami.

Tutte queste varianti sono ferme nei passaggi della fase di progettazione. Ed anche la recente riorganizzazione dei vari uffici comunali che su queste cose hanno voce in capitolo certo non ha aiutato ad accellerare i tempi, anzi. Per di più la polizia municipale ha anche iniziato delle verifiche su queste e su altre varianti e c’è stato anche un esposto alla magistratura che va a cavillare su dettagli implementativi quali il maggior numero di panchine installate (e sembrerebbe non adeguatamente autorizzate), una rampetta all’altezza della Banca Carige, la scalinata dei giardinetti di Piazza Bignami con 2 scalini in più rispetto al previsto. E per quanto incredibile dietro a questi piccoli aspetti potrebbero essere addirittura ravvisati possibili reati di tipo ambientale. Misteri dei meandri delle procedure burocratiche ed amministrative, croce e delizia del nostro Bel Paese.
Come afferma l’architetto Grassi, l’idea è comunque di riunire tutte queste ulteriori varianti in un unico progetto che deve essere approvato, si spera quanto prima dagli uffici comunali competenti.
A quel punto si potrà approvare il relativo impegno di spesa e procedere con la fase realizzativa.
Del resto, come ha ricordato il Presidente del Municipio ad oggi siamo di fronte ad un risparmio economico sostanziale in quanto non si è speso tutto quanto messo a bilancio e potremo, molto probabilmente, anche avvalerci delle penali da infliggere alle due ditte che non hanno fatto i lavori in programma. Quindi ci sono i soldi per finire quanto previsto, comprese tutte le varianti che in questi 2 anni sono state individuate e definite con precisione, anche se le procedure burocratiche sono sempre in agguato per complicare le cose, come ad esempio per il Parco di Levante con i nuovi impianti sportivi. Qui va approvata una variante in corso d’opera per il collegamento della strada carrozzabile che attraversa il parco con la rotonda di levante nella zona dell’isola ecologica; serve per questo una variazione di bilancio ed a causa di ciò i lavori sono parzialmente sospesi. Si prevede comunque di riprenderli a breve e di lavorare anche ad agosto. Un pò di discussione si è avuta per le opere che dovrebbero affiancarsi alla mezza pista di atletica in quanto il Municipio si aspettava una mini-gradinata su almeno uno dei due lati lunghi mentre il progetto esecutivo prevede solo una serie di panchine su entrambi i lati.


Il Comitato chiede peraltro che all’interno dell’impianto ci siano tutti gli spazi per le attrezzature sportive come ad esempio le pedane per i lanci ed i salti in lungo ed in alto in modo che la pista possa consentire la pratica del maggior numero di specialità dell’atletica leggera e lo svolgimento di campionati studenteschi.

Il Comitato è tornato a fare pressione per attivare quanto prima il semaforo di Piazza Sciesa da parte del Servizio Mobilità del Comune ed un rilevatore di velocità come deterrente per limitare la velocità di auto e moto. Si è pensato anche di disincentivare il passaggio sulle corsie esterne a km 30(quella tra la stazione dei carabinieri e Via Cordanieri e quella a fianco del Centro remiero) da parte dei “furbetti” che vogliono evitare i semafori della strada principale. A tal fine Chiarotti ha comunicato di avere richiesto la presenza di un dosso per rallentare la velocità nella strada a Km 30 a ponente della stazione dei carabinieri; inoltre la strada interna alla Fascia di Rispetto che corre a fianco del Centro remiero e del piazzale della stazione diverrà a senso unico.
Si è parlato poi delle corsie dedicate agli autobus h24 e sulla possibilità di limitarle a determinate fasce orarie. Su questo argomento Chiarotti ha ricordato che avere una sola corsia per il passaggio del traffico privato dovrebbe garantire maggiore sicurezza ai pedoni. Ritiene che sia anche utile per riuscire a portare un autobus collinare a Pra’ dal quartiere Cà Nuova e ribadisce che comunque ogni eventuale variazione sulla corsia bus h24 deve prima passare dal Municipio.
Non dovrebbe poi mancare molto per arrivare al collaudo del Lotto di Levante dove però va sistemato ancora qualche difetto in vari punti, relativo soprattutto a reti bianche ed asfalto; ma il collaudo sarebbe sostanzialmente pronto. Verrà fatto verosimilmente dopo le ferie di agosto. Collegato ad esso c’è anche la sistemazione ed il miglioramento della segnaletica verticale e la soluzione di una controversia per la sostituzione di un palo.

Sono state fatte notare invece le carenze emerse nella cura e manutenzione del verde lungo l’Aurelia. I tecnci addebitano le colpe del problema alla rottura ed al danneggiamento di un paio di tubi per l’irrigazione; ora le cose, a detta loro, sarebbero state messe a posto. Viene confermato che l’appalto prevede due anni di manutenzione in carico alle ditte concessionarie, compresa anche la nuova ditta che sta per subentrare.
Resta il fatto che finora la cura delle aiuole che sono state inserite e degli alberi che sono piantumati ai lati e lungo la nuova strada è apparsa del tutto insoddisfacente, per non dire scandalosa, con più piante già rinsecchite ed aiuole abbandonate all’incuria, ed occorre quindi un deciso cambio di rotta da parte di chi ne deve invece garantire il mantenimento in condizioni quantomeno dignitose. Questo discorso vale poi a maggior ragione anche per il Parco Dapelo, dove la manutenzione e la cura del tappeto erboso e degli alberi è stata attribuita invece ad ASTER, il cui recente comportamento negligente, a causa del quale per diversi mesi non si è provveduto all’irrigazione del parco causandone un’evidente inaridimento e scadimento, lascia a dir poco sbigottiti e fa seriamente pensare all’opportunità di una diversa assegnazione dell’incarico e dell’appalto.

In conclusione tra le varie ed eventuali si è detto che:
L”impianto generale di illuminazione della strada in questo periodo estivo è inutilmente acceso alle 7 di sera e fino alle 7 del mattino nonostante la luce solare. L’orario di accensione va evidentemente migliorato per evitare inutili sprechi.
Vengono ri-chieste le barre per limitare la velocità dei veicoli, i rallentatori, anche nel lotto di Ponente in prossimità dell’attraversamento pedonale non semaforizzato di Via Taggia e dalla rotonda San Pietro al pari di quanto già fatto nel lotto di Levante.
Si informa che il bordo franoso alla foce del Rio San Pietro sarà ulteriormente e meglio sistemato.

Per ulteriori informazioni e dettagli si rimanda al verbale della riunione, disponibile (a breve) sul sito WEB del Municipio VII Ponente.

2 Comments

  1. Sia in questo sito web ricco di informazioni, che nelle pubblicazioni delle assemblee di circoscrizione, leggo sempre di iniziative nella fascia di rispetto/Aurelia a favore dei pedoni, anziani e addirittura cani. Ma mai, dico mai, si pensa alla categoria degli automobilisti che anche loro sono cittadini e residenti del nostro quartiere e devono valere tanto quanto le altre categorie di persone o animali.

  2. Fallimenti, riassegnazioni, ritardi … tutto il copione dei lavori pubblici italiani, nulla di cui sorprendersi. Ad agosto ci siamo arrivati. Speriamo in una effettiva ripresa. Portare a termine le incompiute e intervenire laddove il rodaggio di questi mesi ha evidenziato criticità è opportuno e doveroso. Poi, resta il problema del mantenimento. E qui non ho più parole. Basta guardarsi intorno. Per quanto concerne il verde, in particolare, la situazione è sotto gli occhi di tutti. Il degrado assoluto. Erbacce ovunque, alberi e arbusti inghiottiti dalle infestanti, storti disseccati, in perenne carenza d’acqua. Il parco Dapelo è la brutta copia di quello che abbiamo inaugurato … negligenza di Aster?? Non si puo sentire, non è ammissibile! Parliamo di un braccio operativo della Pubblica Amministrazione, non di un privato inadempiente! E nessuno chiede conto? Nel frattempo, se qualcuno non interviene e alla svelta, con queste temperature, perdiamo buona parte di quello che abbiamo ottenuto. Non c’è tempo per decidere a chi tocca o non tocca!!

Rispondi a Fabry Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*