P.O.R. – a che punto siamo, parte 1

Luciano Bozzo

Facciamo il punto sulla situazione del progetto P.O.R. Pra’ Marina dopo l’ultima riunione del Comitato di Monitoraggio dello scorso 9 luglio. Il progetto che avrebbe dovuto concludersi già da tempo (i lotti di ponente e levante della nuova via Pra’ addirittura da oltre due anni) si sta ancora trascinando in una fase che definiremmo di stanca e anche di difficile comprensione, soprattutto dall’esterno.
Nei ritardi molto ha pesato sicuramente il fallimento della ditta Unieco a cui erano stati affidati i lavori del lotto di ponente di via Pra’. Poi incredibilmente anche la ditta subentrante si è rivelata inaffidabile ed inadempiente non riuscendo a completare i relativamente pochi lavori che rimanevano tanto che il Comune ha dovuto alla fine estrometterla per affidare infine il lotto di ponente alla ditta EsoStrade (che pure non ha dato fin qui neanch’essa una grande impressione di impegno e celerità) . E naturalmente i tempi si sono spaventosamente allungati: << ci sono voluti tre mesi per il passaggio dalla prima alla seconda ditta del lotto di ponente e ben un anno e mezzo per passare alla terza>> ha sottolineato il presidente del nostro Municipio Claudio Chiarotti. E i lavori, specialmente nel lotto di ponente, sono stati fatti anche male; innumerevoli sono stati infatti i cedimenti dei tombini sulla nuova carreggiata a mare della strada ed in più punti dei nuovi marciapiedi tanto che l’ultima ditta subentrata ha dovuto mettere mano ad una seria opera di ripristino e manutenzione di quanto fatto in precedenza dagli altri. Il Comitato di monitoraggio ha sollecitato la realizzazione delle ultime modifiche al progetto iniziale che sono state concordate da tempo; una di queste, l’accesso da ponente a via Sapello è sempre in attesa delle dovute autorizzazioni: il collegamento c’è, il semaforo pure e potenzialmente funzionante ma tutto è bloccato da molti mesi in attesa delle necessarie autorizzazioni: <<dopo un anno e mezzo è arrivato a giugno il nulla osta da parte della Regione per le varianti approvate, compresa la svolta di accesso in via Sapello. Adesso occorre il via libera da parte del Provveditorato ai lavori pubblici e dell’Ufficio sulla Mobilità del Comune che devono esprimersi in relazione a possibili problemi di sicurezza>> ha detto il Responsabile del Procedimento Mirco Grassi. Da notare peraltro che funzionari dell’Ufficio mobilità del Comune erano presenti alle prime riunioni del Comitato di monitoraggio in cui si decise di inserire la svolta in via Sapello e quindi dovrebbero conoscere da tempo la questione. Aggiungiamo che i lavori del P.O.R con finanziamento europeo sono terminati nel 2015 come previsto. Le variazioni e le rifiniture richieste per il completamento dei lavori, collegate ai risparmi a disposizione ed alle penali alle ditte inadempienti, invece sono ancora aperte. Sta alla, si spera, buona volontà della Ragioneria del Comune lasciare questi fondi a disposizione per il completamento dei lavori. L’attesa dell’autorizzazione sulla varianti da parte del Provveditorato sta bloccando anche il collaudo dei due lotti di via Pra’, in particolare in quello di levante dove invece i lavori si sono conclusi già da due anni. Il Parco di levante con i nuovi impianti sportivi invece è ora finalmente concluso con tanto di telecamere funzionanti per la videosorveglianza. A breve si approverà anche il collaudo e si farà l’inaugurazione ma deve ancora essere fatto il bando per l’affidamento in gestione degli impianti sportivi; anche qui c’è da augurarsi che i tempi non siano eccessivamente lunghi. Per quanto riguarda i lavori esterni della ex stazione, meteo permettendo, le coloriture dovrebbero concludersi in questi giorni di fine luglio e quindi entro la prima settimana di agosto il cantiere dovrebbe essere rimosso.

1 Comment

  1. Dettagliato resoconto dello “stato dell’arte” per quanto riguarda l’ opera che ha cambiato, in bene, i connotati a Pra’…del resto, l’autore segue da oltre tre anni l’evoluzione dei lavori nell’Osservatorio permanente POR.
    Utile conoscere i dettagli. Grazie, adesso andiamo avanti con i sestieri rimasti fuori dalla riqualifica, Palmaro e Ca’Nova!

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*