Ordinanza sul fotofinish blocca i fuochi di San Pietro a Pra’

Motivi di cautela, relativi alla presenza del container“esplosivo”, rendono incompatibili i tradizionali ed amatissimi artifici

 

Elisa@Provinciali-

Guarda, mercoledì era tutto pronto, perfettamente a posto con i permessi” così Mauro Rossi, attivissimo Presidente di CIV Pra’ Insieme, il quale si esprime anche a nome del Comitato Valorizzazione del Ponente, che come ci rammenta Paolo Francia, da anni si occupa in toto degli aspetti anche burocratici della festa, essendone pure responsabile, per l’aspetto civile e penale. Emessa dalla direzione mobilità e trasporti del Comune di Genova l’ordinanza che detta le temporanee modifiche della circolazione e della sosta veicolare in alcune strade del quartiere di Pra’ nella giornata di domenica 7 luglio, per l’appuntamento fieristico più atteso nel ponente, festa patronale da tempo immemore replicata ogni estate e conclusa con lo spettacolo pirotecnico, per cui ogni anno si cerca di fare meglio del precedente. predisposto il ricco programma di eventi e presenze necessari per onorare SanPietro… Ma, “Quando u diau ghe mette a coua”… a ciel sereno arriva la notizia , un’ ordinanza di revoca del questore di Genova è sicuramente non superabile, tanto più che domani è sabato. A causa della presenza del famigerato container “esplosivo”, peraltro non proprio vicinissimo all’area pirotecnica, i fuochi artificiali non potranno aver luogo. E pensare che il container in oggetto alligna da mesi sulla piattaforma portuale, nell’apposito bunker , probabilmente il fatto è venuto a conoscenza in Questura solo recentissimamente. Considerando pure che di simili carichi, ne scalano ormai parecchi a Pra’: il divieto suona irrituale e sgradito, certo nessuno vorrebbe forzare i motivi di sicurezza alla base del provvedimento. Pazienza,- continua Rossi- basta che la gente sappia che non è colpa nostra, ma cause di forza maggiore!” La delusione è grande, ma tutto il resto è garantito, banchetti, gastronomia, musica e via festeggiando. Non sarà un San Pietro col naso all’aria ad ammirare luci e stelle, aspettando i tre botti finali, a meno di un’improbabile retromarcia.

4 Comments

  1. La gente è un po’ incredula e molto incazzata…i fuochi di san pietro sono irrinunciabili. Chiarotti sino all’ultimo ha provato a mediare, ma ovvio che parlare di esplosioni…non piace a nessuno!

  2. Se la motivazione è così grave…purtroppo sarà inevitabile attenersi alla inaspettata decisione di non far finire la festa di San Pietro nel modo classico e tradizionale. …certo dispiace parecchio! Soprattutto agli organizzatori che avevano fatto tutto quel che occorre e ricevuto i dovuti permessi. Peccato!!!!

  3. Certo che lA motivazione è grave, una revoca delpretore non è scavalcabile.
    Però chiedia.oci come mai questo container da aprile pare sia nel porto e nessuno vi ha posto rimedio…disinnescarllo, spostarlo…..il twmpo c era tutto.

  4. Sarebbe opportuno che a causa del Porto si e’ rinunciato ai fuochi di tanto cara memoria lo stesso si adoperasse per farci recuperare la festa soppressa ovviamente a sue spese .

Rispondi a elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*