Ora anche il Porto di Pra’ ha un suo indirizzo

Velocifero

Uno dei motivi che, in passato, hanno portato alla aberrante, informale, errata, denominazione “di Voltri” per il porto realizzato solo ed esclusivamente di fronte al litorale di Pra’ è stata la mancanza di una precisa e dedicata toponomastica. Ricordiamo che, con tattica che oggi si potrebbe definire subdola, la discarica portuale iniziò infatti pochi metri al di là del confine tra Pra’ e Voltri, cioè subito oltre il Rio San Giuliano, torrente che scorre subito a ponente delle Ex-officine Verrina di Pra’, per poi virare subito verso Levante e scaricare nel mare di fronte a Pra’ materiali terrosi di risulta, residui di demolizioni, ma anche, come purtroppo ben noto, ogni genere di rifiuti industriali e tossici, dalle loppe degli altoforni dell’allora Italsider di Cornigliano, ai fanghi di cromo esavalente dell’allora “Stoppani” di Cogoleto. I Praesi ricordano bene l’incessante flusso di camion che, anche e specialmente in ore notturne, sfilavano davanti alla spiaggia di Pra’, lungo l’attuale terrapieno portuale, per scaricare i loro carichi che, a poco a poco, andavano ad inghiottire le cristalline acque praesi ed a condannare la bellissima spiaggia all’interramento ed all’oblio. Ebbene, proprio perchè i camion, tecnicamente, accedevano “da Voltri” (badate bene, da pochi metri oltre il confine con Pra’, per non scaricare neanche un metro cubo a Voltri) l’indirizzo che veniva fornito ai camionisti era quello di Piazza Lerda, in quel di Voltri, in cui prese sede il primo ufficio della prima società terminalista che assunse, di conseguenza, la palesemente errata denominazione di “Voltri Terminal Europa”. Nei vari anni che seguirono, però, sia il viadotto portuale, sia le varie strade realizzate all’interno del Bacino Portuale di Pra’, non ricevettero mai alcuna denominazione ufficiale, mantenendo in voga l’assurda pantomima dell’errata denominazione del tutto. Ebbene, come atto di ulteriore giustizia e rispetto per la gente ed il territorio praese che tanto ha pagato per la realizzazione del porto e che oggi deve anche sopportarne l’impatto ambientale, con Decreto numero 923 l’Autorità Portuale, a firma del Commissario Straordinario, Ammiraglio Ispettore Giovanni Pettorino, ha attribuito una precisa ed ufficiale denominazione alle strade del Bacino Portuale di Pra’. Il viadotto che collega il porto al casello autostradale di Pra’ si chiama perciò ora “Viadotto Bacino Portuale di Pra’ “, e la strada che, da via Don Giovanni verità, a Voltri, conduce al terminal del PSA a Pra’ si chiama “Via al Bacino Portuale di Pra’ “. Le varie strade che attraversano le aree portuali e le collegano tra loro si chiamano ora: “Via degli stivatori”, “Via dei gruisti”, “Via dei rallisti”, in onore alle maestranze specializzate che nel porto operano. Da notare che la lunga strada che dalla rotonda portuale, che si trova pressappoco di fronte alla Villa Podestà, conduce fino a dietro la pista ciclo-pedonale a mare della Fascia di Rispetto di Pra’, la costeggia fino alla fine del piazzale portuale e poi piega verso mare fino al limite della banchina, più o meno di fronte al “Castelluccio di Pra’ “ ha assunto il nome di “Via dei canottieri”. Un giusto riconoscimento alle tradizioni remiere praesi ed attenzione per il limitrofo campo di regata di canottaggio. Questo importante decreto, firmato lo scorso 27 Luglio segue e completa l’opera di giustizia avviata con quello numero 764 del 4 Settembre 2014, a firma dell’allora Presidente dell’Autorità Portuale, Dottor Luigi Merlo, che ha attribuito la denominazione ufficiale e corretta di “Bacino Portuale di Pra’ “. Come ha fatto osservare il Dottor Giuseppe Canepa, Dirigente di Autorità Portuale «I due decreti dell’Autorità Portuale fanno chiarezza su un concetto più volte sottolineato dai cittadini residenti e cioè che il porto si trova in corrispondenza della Delegazione di Pra’, venendo incontro alle legittime richieste ed aspettative del territorio di riferimento, che è inequivocabilmente quello di Pra’». Nell’attesa che vengano finalmente realizzate le dune alberate e l’elettrificazione delle banchine del Porto di Pra’ la denominazione delle strade portuali è un altro importante tassello che avvicina ulteriormente Autorità Portuale ai cittadini di Pra’, stempera le tensioni e le polemiche del passato, e fa registrare un altro passo avanti nel percorso condiviso Autorità Portuale – FondAzione PrimA’vera nell’ambito della visione di “Porto Amico”. A questo punto, però, “il PSA è nudo”, nel senso che crolla anche l’ultima giustificazione addotta per mantenere il toponimo “Voltri” nella denominazione del terminal che opera presso il Bacino Portuale di Pra’. E’ auspicabile che, a questo punto, PSA completi il percorso di contestualizzazione con il territorio di riferimento avviato con il “re-branding” da “VTE” a “PSA Voltri-Pra’ “ ed assuma la denominazione palesemente corretta ed appropriata di “PSA Pra’ “, cessando di fornire fonti residue di errori ed equivoci, ma anche alibi e giustificazioni a coloro che, per inerzia, continuano ad usare la errata denominazione di un porto che a Voltri non è mai esistito e che, si spera, a Voltri non arrivi mai.

Autorità Portuale    (cliccare sul link si apre in .pdf )     layout-toponomastica-pra-1

Decreto                                                                                  decreto_n_923_26_07_2016-1

3 Comments

  1. Come si è detto più volte a conclusione di confronti anche polemici, non ci sarà mai d’andar fieri della presenza del porto, ma a Cesare va dato quel che gli appartiene, nel bene e nel male, per onestà e correttezza. Quindi, bene così e speriamo chi di dovere prenda atto definitivamente che questo è quanto.

  2. Il decreto dell’Ammiraglio Pettorino completa un percorso e chiude il cerchio, con la nuova toponomastica i dubbi residui sono spazzati via.
    Certamente, l’appartenenza del Porto non e’un vanto, ma questo vale in quanto ancora non sono stati portati a termine quei processi di bonifica e riprogrammazione del territorio cui la Fondazione lavora da anni.
    Molto e’ stato fatto e molto rimane ancora da conquistare:ma ogni tassello che va al suo posto nel grande puzzle denominato “Pra’ Futura”, va , a mio avviso riconosciuto ed acquisito positivamente.
    Nessuno mai farebbe il cambio con la spiaggia perduta, ma occorre guardare avanti, partendo dall’esistente, secondo il mio modesto parere.

  3. Finalmente tutti i tasselli vanno al loro posto. Da decenni Pra’ è penalizzata dalle errate denominazioni di porto e casello. Era ora di farla finita e di guardare avanti. E’ anche ora che il PSA smetta di avere atteggiamenti ambigui, tolga il ridocolo “Voltri” dalla propria ragione sociale e cominci ad indirizzare attenzioni e contrbuti economici ai praesi che, solo loro, si sorbiscono ogni giorno e ogni notte rumori ed inquinamento da navi e gru. Grazie al Dottor Canepa ed alla Autorità Portuale, non è mai troppo tardi.

Rispondi a Paola G. Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*