Nuovo viadotto e galleria fonica all’attenzione del GdL Bravo del Pra’lmarium

Luciano Bozzo

Il 2 marzo ed il 20 aprile di quest’anno si sono tenuti in videoconferenza due nuovi incontri rispettivamente del Gruppo di Lavoro (GdL) “Alfa” e del GdL “Bravo” del Tavolo Tecnico Pra’lmarium. In questo secondo articolo vi diamo conto della seconda di queste due riunioni. Il GdL Bravo si occupa di limitare l’impatto ambientale ed il rumore generati nel sestiere di Pra’-Palmaro in particolare dalla presenza del viadotto di collegamento tra il porto e l’autostrada, sia quello attuale che quello nuovo, la cui costruzione dovrebbe iniziare già entro la fine di quest’anno e che andrà a sostituire quello oggi esistente; questo GdL ha come principali componenti Autostrade per l’Italia, Autorità di Sistema Portuale (AdSP), PSA Genova Pra’, Comune di Genova, Municipio VII Ponente e le associazioni locali che hanno aderito al Consiglio di Comunità Praese. Nella riunione del 20 aprile oltre a verificare la situazione degli obiettivi che ci si è posti nel GdL si è anche chiesto informazioni alla Società Autostrade circa i tempi di realizzazione della programmata copertura di insonorizzazione del tratto autostradale di Pra’-Palmaro visto che dopo tantissimi anni di infinite discussioni e diversi progetti avanzati, a dicembre 2018 Autostrade per l’Italia proprio a Pra’-Palmaro aveva presentato alla cittadinanza il progetto finale per la galleria fonica per il tratto di autostrada che corre all’interno di questo sestiere. Secondo le tempistiche allora prospettate i lavori avrebbero dovuto iniziare nel 2019 e concludersi nel 2021 ma ad oggi non sono mai stati avviati. Per di più all’inizio del 2021 sono anche state smontate le barriere antirumore nel vicino sestiere di Pra’ -Borgo Foce facendo ripiombare in una situazione di pesante rumore in particolare gli abitanti di via della Torrazza, via Durante e via Finale. Nel corso di questa riunione Autostrade ha risposto annunciando che l’avvio dei lavori della galleria fonica è ora stimato per la fine di quest’anno; i lavori dovrebbero poi durare 725 giorni (quindi all’incirca 2 anni) e concludersi alla fine del 2023. Per quanto concerne il ripristino delle barriere foniche che sono state abbassate nelle altre parti di Pra’, Autostrade ha fatto sapere che ad oggi non ci sono tempi già stabiliti perchè si sta ancora lavorando perchè il Ministero competente definisca il protocollo necessario per effettuare il loro rialzamento. Più o meno a breve, non appena dal Ministero arriveranno le opportune autorizzazioni, ed in via transitoria le attuali barriere verranno parzialmente rialzate per limitare il disagio creato ai residenti mentre in seguito le barriere saranno poi sostituite con altre nuove e pienamente in linea con il rispetto di quegli standard di sicurezza su cui la Magistratura ha posto l’attenzione.  Il Presidente del Municipio VII Ponente Claudio Chiarotti prendendo atto dell’ennesimo annuncio (per la quarta volta) di un prossimo avvio dei lavori per la galleria fonica ha chiesto urgentemente che il Municipio sia informato nel dettaglio sulle modalità con cui si avvieranno e si stabiliranno i cantieri per la copertura, per il nuovo viadotto e per il ripristino delle barriere fonoassorbenti rimosse nei mesi scorsi. I dirigenti di Autostrade hanno poi comunicato di aver ripristinato i cartelli con le indicazioni per il Porto di Pra’ che erano stati rimossi in occasione della messa in servizio del nuovo Ponte San Giorgio, sia all’aeroporto che in altri punti dell’autostrada. Dopo aver ottenuto le informazioni richieste si è passati a fare il punto sugli obiettivi che il GdL Bravo persegue a partire dai miglioramenti estetici dell’accesso al casello autostradale di Pra’. Negli anni scorsi la FondAzione PRimA’vera con il sostegno del Consiglio di Comunità Praese aveva proposto alla società Autostrade un progetto concettuale che grazie a semplici accorgimenti e soluzioni renderebbe più gradevole esteticamente il punto di accesso all’ingresso autostradale da via Pra’ valorizzando anche le peculiarità del territorio ed offrendo l’immagine di una Pra’ bella ed accogliente, un gradevole “biglietto da visita” per chi transita da questo importante punto di accesso al nostro paese che oggi appare invece brullo e disadorno. Si tratterebbe di modellare lo spazio al di sotto del viadotto con una pavimentazione in pietre di mare, palme e ringhiere di pregio ponendo in evidenza in alto lo stemma di Pra’ con la scritta “Pra’ capitale del basilico”. Due anni fa i dirigenti genovesi di Autostrade avevano accolto favorevolmente la proposta e si erano detti intenzionati a realizzarla in tempi brevi. Alle parole non sono però seguiti i fatti e così in questi ultimi anni si è perso un’occasione per abbellire questo luogo; in questa ultima riunione comunque si è confermato di voler procedere realizzando i miglioramenti estetici proposti che a questo punto andranno fatti, allineati ed armonizzati con il nuovo viadotto di collegamento tra il casello autostradale ed il porto visto che anch’esso verrà a trovarsi al di sopra del punto di ingresso dell’autostrada nella stessa posizione del viadotto attuale che sarà naturalmente demolito a fine lavori.  Al momento si parla della fine del 2024 poiché i tempi di realizzazione del nuovo viadotto sono di circa 3 anni. Il progetto del nuovo viadotto, fa sapere AdSp, deve infatti fare i conti con alcuni problemi: intanto per avere i finanziamenti per la costruzione serviva una convenzione del Ministero che è stata trasmessa ad Autostrade e AdSP solo a fine novembre 2020. Appena arrivata la Convenzione AdSP è partita con la procedura di gara, la cui parte burocratica si è chiusa tra febbraio e marzo. Bisogna poi considerare che la demolizione del vecchio viadotto e la costruzione del nuovo non possono essere fatte contemporaneamente perchè va sempre garantito l’accesso da e per il porto anche se solo con una rampa provvisoria. Si deve quindi demolire completamente il vecchio solo dopo che il nuovo sarà già entrato in funzione. C’è poi l’interferenza con la linea ferroviaria Genova-Ventimiglia che dovrà essere interrotta per almeno una decina di volte ma solo di notte e coordinando e decidendo gli interventi con RFI. Si cercherà ovviamente di creare il minor disagio possibile anche per i residenti.  Ricordiamo poi che la costruzione del nuovo viadotto è anche propedeutica allo successivo spostamento a mare della linea ferroviaria Genova-Ventimiglia e alla realizzazione di una Fascia di verde e di mitigazione davanti all’abitato secondo l’idea progettuale di “Ridiamo il mare a Pra’ Palmaro”, prolungando di fatto a ponente l’attuale Fascia di Rispetto, se pur con spazi più ridotti; i lunghi tempi di realizzazione del viadotto vanno quindi a ritardare anche questa importante e necessaria opera di mitigazione ambientale e non solo l’abbellimento dell’accesso al casello autostradale. Ovvia quindi la richiesta che arriva da parte delle associazioni di cittadini per ridurre non solo il disagio creato inevitabilmente dal cantiere ma anche la durata dei lavori. L’altro aspetto importante relativo al nuovo viadotto è quello di cercare di abbatterne ulteriormente l’impatto ed in particolare il rumore e l’inquinamento prodotti dal passaggio degli automezzi e qui il GdL Bravo si concentra soprattutto su due aspetti: il perfetto allineamento dei giunti e il potenziamento delle barriere fonoassorbenti previste con la piantumazione ove possibile di alberi di alto fusto a fianco del viadotto nella parte in cui esso più si avvicina alle case. Per i giunti, il responsabile del progetto di Autostrade per l’Italia aveva spiegato che la loro efficacia in termini di limitazione del rumore dipende molto dalla loro messa in posa; il GdL raccomanda pertanto grande attenzione da parte della Direzione dei lavori in fase di realizzazione per far si che il livellamento dei giunti sia fatto per bene visto che anche minimi disallineamenti potrebbero amplificare notevolmente il rumore prodotto dai camion in transito. E AdSP che ha preso in carico da Autostrade l’onere della realizzazione del nuovo viadotto risponde che verrà data la massima attenzione alla fase esecutiva, a quella di posa dei giunti e ancor di più a quella di collaudo per assicurare un perfetto allineamento dei giunti. Per quanto riguarda invece la possibilità di potenziare la presenza di alberi e verde tra il viadotto, via alle Sorgenti Sulfuree e via Porrata per avere una seconda barriera naturale (oltre alle barriere fonoassorbenti già previste nel progetto), la questione è attualmente all’attenzione sia del Comune che di alcune associazioni locali. Per ridurre invece la rumorosità del transito dei camion sull’attuale viadotto autostradale di collegamento con il porto nel corso del 2020 AdSP e PSA Genova-Pra’ hanno collocato su di esso un autovelox e dissuasori con l’indicazione delle velocità registrate e la “faccina” che indica quando i limiti vengono superati. PSA ha informato del fatto che la manutenzione dei giunti viene fatta ogni qualvolta si renda necessaria (è stato così ad esempio nell’ottobre 2019) mentre altri interventi strutturali più profondi dovrebbero modificare anche la soletta del viadotto e non è pensabile farli quando nel giro di pochi anni questo viadotto sarà demolito e sostituito da quello nuovo.  Sull’autovelox Giuseppe Canepa di AdSP aggiunge che è stato messo per ridurre la velocità dei mezzi e per la sicurezza dei camionisti; recentemente è stato però danneggiato da un incidente e va quindi re-installato. Purtroppo in Italia bisogna fare i conti con tempi lunghissimi per ogni pratica; ad esempio l’autovelox è stato comprato nel 2014 ma ci sono voluti quasi 6 anni per avere l’autorizzazione ad installarlo e poi sono seguite discussioni con la Capitaneria di porto per la sua gestione ed anche per stabilire a chi debbano andare gli introiti delle multe comminate visto poi che la strada è di proprietà del demanio e non di AdSP. Secondo Canepa la velocità dei camion è effettivamente diminuita grazie al pannello di PSA che misura la velocità di transito, alle due colonnine dell’Autovelox ed alla collaborazione della Capitaneria che ha provveduto a comminare anche multe salate. AdSP ritiene che i benefici di una minore rumorosità si vedranno soprattutto con il nuovo viadotto; su questo ritiene che sia stato fatto tutto il possibile, con la manutenzione dei giunti e con l’installazione di dissuasori e autovelox. Il GdL Bravo ha apprezzato gli sforzi fatti, invitando altresì a rimettere in funzione quanto prima l’autovelox danneggiato e se possibile a fornire anche numeri e dati quali ad sempio la velocità mediamente registrata dai pannelli dissuasori e il numero di multe comminate. Nella precedente riunione si era poi richiesto ad AdSP e PSA di operare un miglioramento del fondo stradale del tratto di via dei Canottieri davanti al sestiere di Pra’- Palmaro auspicando l’installazione di almeno un dissuasore di velocità anche in questo tratto in virtù del fatto che nel corso del 2020 era aumentato il transito dei camion su questa strada; la strada è abbastanza vicina alle abitazioni e le condizioni di dissesto dell’asfalto e la velocità dei mezzi erano e sono fonte di notevole rumore.
E proprio nel corso di aprile di quest’anno AdSP ha avviato il rifacimento della pavimentazione del tratto che va dal Distripark alla rotatoria (posta all’incirca subito a ponente di Villa Sauli Podestà).
Il segmento che va invece dalla rotatoria al rio San Giuliano che è di competenza di PSA sembrerebbe invece già a posto ed è peraltro anche più distante dalle abitazioni. Secondo AdSP i dissuasori in queste aree operative portuali non possono essere messi, il codice della strada li prevede solo per le strade urbane. C’è peraltro il limite dei 30 Km, anche per la presenza di binari e mezzi operativi; per chi non rispetta il limite occorrono sanzioni e multe comminate dai corpi di polizia demandati a tale scopo. Complessivamente rispetto all’estate scorsa si può dire che siano stati fatti dei passi in avanti anche se i lavori sono ancora da completare. Viene poi aggiunto che l’asfalto anche nella parte di strada di competenza di PSA è stato risistemato nel corso della scorsa estate e che l’attività di sistemazione dei cedimenti dell’asfalto nelle strade del terminal è abbastanza costante.

2 Comments

  1. Tempi biblici come al solito mille paletti per rirare la zona fiera progetto mega galattico 2 anni chissa come mai quando ci sono interessi economici si velocizza tutto per la salute dei cittadini invece possono pure aspettare

  2. Lavorare ed impegnarsi sul fattibile istituzionale per migliorare per quanto possibile l’esistente attuale e prossimo è encomiabile, ma forse con questa ottica, mia opinione, continueranno le occasioni perdute. Il non fare una galleria al posto del nuovo viadotto, tanto , ma tanto meno impattante sul territorio e migliorante decisamente e l’ambiente e l’inquinamento è una occasione perduta. C’é un qualche scritto, NO PAROLE, che nella progettazione del nuovo collegamento porto casello di Pra’ la soluzione galleria è stata considerata e dichiarata tecnicamente non fattibile o è questione di soldi? Rispetto a qualsiasi capitolo di spesa i soldi per l’ambiente a quanto pare sono sempre tanti per i fautori di tali opere , ma, visti i risultati, pochini, per chi tali opere li subisce. Vediamo che non sia un’altra occasione perduta la copertura ferroviaria dello scalo merci e della ferrovia metropolitana, per riparare i cittadini di Palmaro da rumore e polveri non solo provenienti dalla movimentazione ferroviaria, ma anche con la massa della copertura almeno parte di rumore e polveri provenienti da PSA e da Spinelli. A mitigazione e compensazione magari una copertura calpestabile, ( sta ad architetti ed ingegneri renderla bella) giardino pensile, fascia di rispetto e rivalutazione per il sestiere. Tra le varie mini proposte operative, tanto per il viadotto, quanto soprattutto per l’autostrada, gli studi emersi dagli incontri interregionali Italia Francia marittimo, mettono in evidenza come l’asfalto fonoassorbente dimezzi e più il rumore emesso dal rotolamento delle ruote degli automezzi.

Rispondi a Mauro Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*