NOTIZIONA – Ecco il Casello di Genova-Pra’, e non è un fotomontaggio

Redazione –

Il casello autostradale in Pra’, il 9 Giugno, ha finalmente assunto la denominazione corretta di “Genova-Pra’ “. La Società Autostrade, recependo il parere positivo della “Commissione Toponomastica AISCAT” di Roma ha finalmente accolto le richieste dei cittadini praesi supportate nel corso degli anni da Municipio, Comune e Regione. Questo semplice e basilare atto di giustizia consistente nell’applicazione della logica e dell’onor del vero arriva dopo ben 40 (quaranta) anni di proteste e richieste in tal senso dei cittadini. Iniziate, appunto, nel lontano 1977 quando, stupefatti, cominciarono a vedere sui nuovi tabelloni dell’uscita autostradale ampliata e dello svincolo gigante che si era mangiato gran parte della “Piana del Basilico” il nome di una delegazione limitrofa dove, semplicemente, il casello non c’era. Il “mal di pancia” dei praesi restò però sommerso, senza sbocchi nè soluzioni, manifestandosi in modo sparuto di tanto in tanto fino al 1997, quando il neonato “Comitato Culturale Praese” lanciò le prime petizioni e  raccolte di firme, ricevendo però sempre pareri burocraticatesemente negativi da parte della commissione romana. Poi ci provò il Comitato per Pra’ con i suoi striscioni “naif” ma molto efficaci appesi di fronte al casello, prima nel 2010, con «Domanda: il casello è a Pra’ e si chiama Voltri, perche ?» ribadito poi nel 2013 con: «Ancora nessuna risposta, perchè il casello è a Pra’ e si chima Voltri ?». Lo stesso comitato poi, nello stesso periodo scelse “il gran rifiuto” nei confronti di chi propose “di aggiungere il nome di Pra’ a quello di Voltri”. E fece bene. Fu così che la neonata “FondAzione PrimA’vera”, nel 2014, raccolse il testimone e a colpi di documenti, atti e azioni formali, ultima delle quali l’appello al Difensore Civico Regionale, ha finalmente raggiunto l’obiettivo. Ora anche questa ulteriore, importante, tessera della visione “Pra’ Futura” va al suo posto. A chi potrebbe obiettare che “sono ben altri i problemi” o minimizzare, chiosando su un presunto “campanilismo” vale ricordare che, proprio a seguito delle errate denominazioni del casello e del porto Pra’ era a poco a poco sparita dalle carte geografiche e la sua identità, visibilità, consistenza terrioriale fatte a pezzi. Al punto che alcuni esercizi commerciali di nuova apertura in Pra’, anche e persino in via Airaghi, nel pieno centro di  Pra’, si connotavano come situati “a Voltri” e la distratta burocrazia comunal-municipale collocava “a Voltri” anche i “Piani di Pra’“ e il “Punta Martin”, monte praese per eccellenza. Insomma, una grande ingustizia spazzata via grazie alla comprensione, intelligenza e sensibilità della nuova Direzione del 1° Tronco Autostradale, che lascia anche ben sperare per gli imminenti lavori di copertura fono-assorbente del tratto autostradale limitrofo al Casello di Pra’ e che interesseranno il Sestiere di Pra’-Palmaro, altra cosa che i cittadini di Pra’ chiedono da lungo tempo.

7 Comments

  1. Giustizia e’ stata fatta, si chiude una brutta pagina della toponomastica e se ne apre un altra, smagliante, dove campeggia PRA’…Infinite volte, discutendo con amici o conoscenti, ricorreva la frase” Ma che vi frega del nome, della forma ecc ecc?”
    Eccome se ci frego, in tanti anni non abbiamo mai avuto una flessione ne’ un cedimento, forti di essere dalla parte del vero; petizioni, raccolte di firme, tsunami di mail, tutto sembrava scorrene vanamente, come pioggia sul vetro.
    Ma la Fondazione ha trovato il modo di giungere a scardinare un errore madornale, che ormai si avvitava su se’ stesso (meglio Voltri-Pra’o Voltri Maiuscolo e Pra’ minuscolo, oppure Pra’ -Voltri- Genova… ci si arrampicava sugli specchi, pareva!)

    Che e’ stato finalmente cancellato e corretto, restituendo ai cittadini, ad un territorio, ad una zona ben definita, la perduta identita’.
    Possiamo essere contenti…e ringraziare chi ha consentito questa epocale correzione!

  2. Infatti… non è un fotomontaggio ma il reale risultato di impegno e perseveranza della Fondazione PRimAvera.
    Immagino già i commenti superficiali di coloro che vedono con superiorità queste azioni.
    Con superiorità verrà sicuramente “mugugnato” : ” bellu lou…. i problemi però sono altri”.
    È vero, ma bisogna pur sempre iniziare da qualcosa e questo è un elemento fondamentale per ridare diritto di esistenza e identità al nostro territorio.
    Ora finalmente anche oltre appennino sapranno che esistiamo, cosa offre il nostro territorio e consapevolezza di provenienza dei nostri prodotti e servizi.
    Avanti così! Siamo pronti per nuovi obbiettivi per rendere PRA la vera perla del ponente.

  3. Il nome del casello non è per niente una “belinata” ma aiuterà anche i nostri produttori di basilico di Pra’ che hanno anche le serre in giro al casello e che erano danneggiate un nome sbagliatissimo che non aiutava certo l’immagine del basilico praese. per non parlare del nome del porto grazie al quale furbacchioni voltresi dirottavano a Voltri i contributi sacrosantamente dovuti ai cittadini praesi a parziale compensazione (non sarà mai abbastanza) per le perdite e i dasagi subiti. che Voltri sfrutti la propria immagine e territorio, non quelle di altri. Finalmente giustizia è fatta.

  4. Ma allora bisognerebbe cambiare anche il nome del casello di Genova-Nervi, che si trova tra Quarto e Quinto: lì Nervi non c’entra niente.
    Magari lì non ci saranno interessi economici come il basilico o altro, ma sarebbe una correttezza toponomastica.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*