Tribuna Elettorale Praese

Le tre domande su Pra’

Redazione –

Alzi la mano chi, in quel di Ponente in generale e in quel di Pra’ in particolare, ha mai visto una tribuna elettorale municipale focalizzata sulle necessità della gente e del territorio locali. Oppure chi ha mai ricevuto in modo chiaro, scritto, documentato, articolato, illustrato i programmi elettorali dei vari partiti per Pra’ ? Nessuno alzerà la mano perchè non è mai successo niente del genere. Il focus è sempre stato al traino delle politiche regionali e cittadine e, al di là di qualche sparuto volantino, e qualche discorso e battuta verbale, sulle tematiche che toccano veramente, e da vicino, i Praesi, ha sempre dominato il vuoto pneumatico. Solo “Il Praino” e “SuPra’Tutto” negli ultimi anni hanno esaustivamente intervistato candidati locali su questioni locali in occasione delle elezioni. Per le prossime elezioni comunal-municipali SuPra’Tutto ha pensato bene di colmare la lacuna, andando oltre alle singole interviste e lanciando la “Tribuna Elettorale Praese” in cui i candidati alla Presidenza del Municipio verranno invitati a sottoporsi alle domande ficcanti di un intervistatore/moderatore imparziale ed inflessibile, ed avranno inoltre occasione di misurarsi “ a singolr tenzone” sulle tematiche locali che interessano e coinvolgono i cittadini. In parallelo SuPra’Tutto intervisterà i principali candidati alla carica di Sindaco ed i candidati praesi a cariche comunali e municipali ponendo a tutti le stesse 3 domande. La Tribuna Elettorale Praese si terrà sabato 20 maggio p.v. dalle 10 alle 12 presso la Sala Consiliare del Municipio di Pra’ e verrà trasmessa integralmente e messa a disposizione di tutti i cittadini sul Web, in differita, tramite YouTube. Da ora in avanti un contagiorni scandirà il “conto alla rovescia” verso l’importante evento. Dopo la Tribuna Elettorale Praese uscirà SuPra’Tutto Magazine in versione rivista cartacea che conterrà sia il resoconto della Tribuna Elettorale Praese sia le interviste ai candidati.

Le tre domande su Pra’

  1. Pra’ Porto Amico e Progetto “Ridiamo il mare a Pra’- Palmaro”: i cittadini di Pra’ aspettano da anni l’elettrificazione delle banchine, la realizzazione delle dune alberate porto-fascia di rispetto e lo spostamento dei mucchi di container incombenti sull’abitato. Inoltre, la FondAzione PrimA’vera ha proposto di realizzare una “mini fascia di rispetto” con passeggiata, dune alberate e “lama d’acqua” nella zona di ponente di Pra’ tra i torrenti Branega e San Giuliano, ed in particolare in corrispondenza dell’abitato del Sestiere di Pra’ – Palmaro, per riportare vivibilità ed innalzare la qualità della vita nella zona di Pra’ maggiormente impattata dalla realizzazione del Bacino Portuale di Pra’. Quantosopra in attesa del prolungamento del canale di calma lungo tutto il litorale praese come previsto dal Piano Regolatore Portuale. Spingerà per velocizzare le azioni di Autorità Portuale e realizzerà il progetto ?

  2. POR Pra’ Marina 2.0 e Progetto “PalaPra’ “: la FondAzione PrimA’vera chiede di compensare i difetti del POR aggiungendo alberi e fasciando in pietra le superfici di cemento armato. Inoltre propone di realizzare un palazzetto dello sport di atletica nell’area “Pra’ To Sport” per completare la visione di “Cittadella dello sport” a vantaggio di Pra’, del Ponente Genovese e della Città tutta, dove gli impianti sportivi esistenti sono insufficienti a coprire le necessità dei cittadini. Si attiverà per la fase “2.0” e realizzerà il progetto ?

  1. Par Condicio Municipale: da 20 anni, da quando è stato istituito il Munciipio Ponente, Pra’ è stata rappresentata il modo insufficiente, la maggior parte dei consiglieri sono di Pegli e di Voltri e non c’è mai stato un presidente di Pra’. Inoltre, il Palazzo Municipale di Pra’, pur essendo in posizione baricentrale nel territorio municipale, è stato spogliato di servizi e versa in uno stato dimesso ed indecoroso, mentre i palazzi ed i servizi municipali di Pegli e Voltri sono rimasti inalterati. Farà qualcosa per la “Par Condicio Municipale” ?

29 Comments

  1. Sono davvero curiosa di conoscere il punto di vista del futuro Presidente del Municipio7 Ponente: le domande preparate sono tutte molto puntuali e colgono nel segno di quelli che sono i problemi e le speranze della complessa realta’ praese, e l’idea di una Tribuna Elettorale “ad hoc” , e’ vincente per tutti noi concittadini che possiamo trarre le nostre conclusioni, ascoltando i Candidati a viso aperto esporre i loro programma.
    Penso che sara’ un incontro cui non mancare, e che lascera’ parecchio traccia di se’.

  2. Bravi ragazzi, fategli dire prima cosa promettono di fare per Pra’. Sono ere geologiche che votiamo in bianco i partiti sulla fiducia e hanno sempre fatto disastri a Pra’. bella iniziativa, ci sarò.

  3. belle idee ma sarebbe necessario oltre che alberi e panchine l’attività di polizia locale sia più attenta e che i mega marciapiedi siano ad esclusivo passaggio dei pedoni e non diventino come adesso posteggi delle macchine (vedi coop ed altro) su aree coperte dai sanpietrini. Ma mi domando anche ma esiste un candidato Presidente per Pra’???? non penso che gli attuali consiglieri abbiano i requisiti necessari.

  4. Il presidente sarà scelto dai partiti, come sempre, come accade in tutta Italia per ogni posto di potere, dal dopolavoro ferroviario di Roccacannuccia di sopra alla guida del Governo. Nomi non ne escono, nessuno è così stupido da bruciarsi. Deve essere la Fondazione a proporre una rosa di candidature. Comunque ripeto, sono i partiti che guidano le istituzioni: vedremo se i loro candidati risponderanno a queste belle domande della redazione. Basta che sia gente perbene e che non si fermi alle promesse.

  5. La FondAzione e SuPra’Tutto hanno scelto di rimanere indipendenti, super-partes, avendo come unico obiettivo Pra’, il suo territorio, la sua gente, nel suo insieme, cercando di influenzare le scelte dei partiti in modo utile per Pra’, convogliando ed amplificando la voce dei cittadini.
    Sappiamo bene che non è facile, ma siamo sicuri che qualcosa di meglio del passato lo otterremo. Certo, se ciò non dovesse accadere, se il Municipio non migliorerà, se la rappresentanza dei Praesi non aumenterà, per le prossime elezioni la FondAzione potrebbe “dissotterrare l’ascia di guerra” e valutare l’opportunità di creare una lista civica indipendente, con candidature all’altezza della situazione, che certo non mancano, preparando però le cose già a partire da due anni prima delle elezioni. Quest’anno, vista la complessità ed il volume delle problematiche affrontate, anche volendo non sarebbe stato possibile. Ogni cosa a suo tempo…

  6. L’esperienza insegna che i problemi o le questioni locali si risolvono spesso a livello regionale, nazionale o addirittura europeo.
    Per il porto di Prà è successo così: tutto è stato deciso ALTROVE.
    Sarà bene pensare anche a questi LIVELLI di GESTIONE POLITICA dei nostri problemi: avere un Presidente di Prà del Municipio del Ponente ma un deputato o un senatore eletti nel PONENTE ma CATAPULTATI da FUORI servirà a poco. Forse a gestire l’ovvio, il quotidiano. lo spicciolo, quella che si chiama l’ORDINARIA AMMINISTRAZIONE. Invece abbiamo bisogno di INTERLOQUIRE CON I LIVELLI DECISIONALI ALTI attraverso NOSTRI RAPPRESENTANTI ELETTI IN LOCO ed ESPRESSIONE DELLA COMUNITA- LOCALE. BASTA con i politici imposti dai partiti, eletti a Pra/Voltri/Pegli ecc. ma residenti in altre regioni. Basta coi capilista BLOCCATI. Basta con gente che comanda da FUORI, ALTROVE senza aver mai messo piede nel ponente.Ci sono illustri esempi negli ultimi 40/50 anni di democrazia/partecipativa/nazional/popolar, gente che manco sapeva che Pra- esistesse eppure veniva votata dai cittadini del Ponente con oltre il 60% dei voti.
    Dobbiamo fare un salto di qualita, pensare in grande, capire che dobbiamo restare agganciati alle dinamiche e alle scelte nazionali e internazionali. Solo cosi daremo una svolta decisiva al nostro futuro.

  7. Ha ragione Antonio, peccato che la fondazione non abbia già creato una lista civica. Concordo con Agnese. In questo mi sembra che la fondazione “sia in palla” avendo influenzato personaggi ALTROVE come mai era accduto in passato. Per il futuro bisognerà seguire il consiglio di Agnese e influenzare la scelta di candidati di Pra’ e farli eleggere anche in consiglio comunale regionale nelle varie presidenze e assessorati. Mi sa che Guido ha ragione affermando che non si poteva fare tutto nei due o tre anni di vita della fondazione ma sicuramente ci si dovrà organizzare per il futuro.

    • Naturalmente si. Tutta la cittadinanza è invitata nella sala del palazzo municipale di Pra’ al primo piano. Cercheremo di mettere un sistema di amplificazione in modo tale da poter diffondere anche nella sottostante Piazza Bignami l’audio dell’incontro. La Tribuna Elettorale Praese iniziera alle ore 10; nella seconda parte, indicativamente dalle ore 11 ci sarà spazio per le domande e le richieste del pubblico ai candidati sempre e solo sui temi che riguardano Pra’

  8. un complimento a Supratutto..per l ottima occasione data alla cittadinanza di ascoltare e di vedere in faccia i candidati.un Bravo al moderatore e conduttore dell intervista, presentazione,non era facile da gestire.
    molta pochezza purtroppo da parte di alcuni esponenti,a parte il movimento,e il pd,che erano trasparenti e visibili,le altre forze non si e capito bene chi o cosa fossero,altra bieca manovra per confondere il cittadino e far confluire i voti chissa dove.
    per il resto ancora,e ancora promesse da parte di chi a governato e deciso per Pra,palmaro e il ponente negli ultimi 30 anni,ma non si vergognano un pochino,dico solo un po,con che coraggio vengono a parlarci di salute e tutela pubblica quando i promotori dello sfacelo di pra e di palmaro sono stati proprio loro..sono rimasto allibito e basito di quanto volessero prenderci ancora in giro continuando a promettere..ma accidenti chi a governato fino ad ora perché non sono state fatte queste cose prima…ed in ultimo ma non meno importante,anzi,,si e parlato di viabilita,urbanistica,insomma di politichese,ma di salute,di tumori del fatto che a pra e a palmaro di tumore si muore e che abbiamo il tasso più alto dopo Cornigliano nessuno ne parla anzi..le cause..il perché,altro che promettere la spiaggia ,ci e stata gia derubata e venduta anni fa,per i loro sporchi giochi politici ,speriamo solo che a questo giro la gente del ponente apra finalmente gli occhi,si guardi un attimino indietro agli anni passati,e guardi poi al presente,ad oggi ,ripensi al Mucchio,alle lampare,ai pescatori,a quanto era bella Pra,a Palmaro,al bel quartiere che era,vivo,popolato,con tanti negozi storici,che oggi non esistono più,povero pnente.abbiamo pagato tanto troppo e troppo a lungo..scusate il mio sfogo. Fabio un Praino ,Sestiere Palmaro fiero di esserlo.

    • Sa, sono uno di quei candidati che ha additato con ”molta pochezza”.. a parte che dato il suo diretto coinvolgimento nel turno elettorale trovo inappropriato il suo commento all’interno di questo forum senza neanche una specificazione, forse, prima di attaccare altri esponenti, guarderei in casa propria e al compitino recitato dal proprio candidato.. saluti

      • Buondi Alessio inappropriate de che, per chi,prima di tutto sono un cittadino Praino sestiere Palmaro e non mi occorrono specifiche per esternare dissenso in più questo e un forum moderato da un supervisore che interviene in caso di OT o di comportamenti scorretti o ingiuriosi,dato che tutto cio non e successo, non parli politichese con me non attacca,e i compitini se li legga e tenga lei,che poi sarebbe un candidato di chi di che..almeno Pd e Movimento erano chiaramente dichiarati..il resto..??? Buona vita.

      • Egregio Alessio,

        sicuramente l’intervento del mio collega Fabio non era specifico ma se ti sei sentito in qualche modo offeso allora ti posso solo consigliare di lasciar perdere la carriera Politica. Perché di questo parliamo, tu sei un candito presidente e Fabio un cosigliere che prima di tutto però abita, vive, respira il suo quartiere e come tale può e non deve aver paura di commentare o giudicare i diversi programmi comunali a cui faceva riferimento, con tutte le belle promesse che per 30 anni sono rimaste tali. Sei giovane e a tratti se ricordi ho anche apprezzato i tuoi interventi venendo anche in tua difesa quando il candidato facente riferimento alla lista di Bucci ti ha interrotto per innumerevoli volte. Saprai apprezzare i commenti e i mugugni con la tua presenza sul territorio su cui io ancora vi ho visto poco o solo nei grandi palazzi se cosi si possono chiamare.

        Sicuro di una tua risposta esaustiva ti auguro le tue miglior fortune senza che tu debba guardare a casa nostra o che tu sia costretto in alcun modo a scimmiottare tutti i principi della tua nuova lista copiandoli dal M5s.

        Roberto Di Somma

        Candidato consigliere Comunale per VII ponente e Praino come Fabio Gabutti.

      • Nessun compitino recitato. Sono 5 anni che stiamo sul territorio e lavoriamo sempre, tutto l’anno…non solo sotto elezioni. Può chiedere in giro se non crede.
        Il mio “compitino” lo conosco bene perchè sono lotte che abbiamo affrontato con una certa coerenza e passione.
        Buona giornata.

        • Aggiungo, se lei era uno dei 4 candidati a confronto, se non crede a quel che dico, chieda al suo “candidato Sindaco”, ci conosciamo bene.

  9. Ciao Fabio, ti conosco e ricordo molto bene il negozio di tua mamma e papa’, da bambina mi ci perdevo, mi sembrava avesse una marea di cose e merce…eravate proprio davanti al nostro fantastico mare!
    Apprezzo molto il tuo commento alla T.E. P. di ieri e spassionatamente, ti auguro una positiva carriera politica.
    Io ho scelto la Fondazione Primavera per dare il mio contributo, tu ti impegni direttamente nelle istituzioni, ma entrambi siamo Palmaresi fieri e vogliamo lottare per farci restituire almeno una parvenza della bellezza che era il nostro piccolo sestiere!
    Mi sembra che possiamo ben sperare:-)

    • Grazie Elisa.me lo auguro e te lo auguro di tutto cuore,Palmaro e caduta in uno stato di abbandono devastante,mi auspico solo che ci sia la possibilità vera,concreta di poter cambiare qualcosa ma adesso subito nell immediato prima dell irreversibile e totale decadimento che come ben sappiamo noi che viviamo la delegazione tutti i giorni,tutto l anno,e molto molto vicina..

  10. Il limite di alcuni commenti sta in questo: che per parlare, dire la propria, contare, essere ascoltati, proporsi, proporre, ideare progetti e soluzioni ecc ecc BISOGNA APPARTENERE a qualcosa o a qualcuno.
    Non si uscirà mai da questa gabbia che ci imprigiona nella mente e nel cuore se non si dimostrerà la propria indipendenza e libertà. Contano le persone, accidenti. Contano le persone. Basta classificare e giudicare. Conta e serve chi vale di MERITO PROPRIO, senza padrini e padroni.Difficile sganciarsi da questa logica e abbracciare quella del tutti per uno e uno per tutti.Il giorno che ci riusciremo Prà spiccherà il volo.Serve un salto di qualità, bisogna riporre fiducia nelle persone che meritano stima e considerazione. I nuovi parametri non sono le tessere in tasca, conosco qualcuno che ne ha diverse…. non si sa mai. I nuovi parametri sono l’onestà, la RETTITUDINE, il rispetto della dignità altrui e del pensiero del nostro prossimo, anche se non lo condividiamo. Ma come si fa a immaginare qualcosa di nuovo, per certi aspetti di RIVOLUZIONARIO rispetto al passato, qualcosa che metta in mano ai cittadini il diritto-dovere di esercitare la democrazia diretta, di scegliere i propri rappresentanti più degni….se si applicano le vecchie logiche del manuale Cencelli, se si scimmiottano i metodi e gli inganni della politica nazionale che tanto ci ha deluso e ci delude, allontanando la gente e vivendo solo di autoreferenzialità e personalizzazioni. Basta con gli amici degli amici, basta con le deleghe in bianco. Accidenti mi domando spesso quando cresceremo mai…specie se ci vengono offerte opportunità straordinarie come questa “invenzione” geniale della Fondazione.
    Solo se uniti saremo forti.

    • Francesco, la delega in bianco, cioè il divieto di mandato imperativo, è stabilita dalla Costituzione e se pensa di cambiarla Le servirà una notevole rappresentanza parlamentare, quella detta di maggioranza qualificata. Ricordo che un solo raggruppamento politico ha osato mettere in discussione la nobiltà del divieto di mandato imperativo e rilanciare forme di democrazia diretta. Siamo in prossimità delle elezioni municipali e l’unica strada a Sua disposizione per far sentire la Sua voce è quella di scegliere nel repertorio politico la gente candidata dai partiti. Conosco un raggruppamento i cui candidati sono stabiliti non dai capi o da logiche di cooptazione e rapporti amicali, quanto dal possesso di requisiti oggettivi che sono l’iscrizione nel raggruppamento da un certo numero di anni e l’assenza di precedenti penali e carichi pendenti. A me sembra che se vuole facilitarsi il compito farà bene a rivolgersi al M5S e tirare la monetina per uno dei suoi candidati al municipio. Oltretutto, è uno dei pochi soggetti politici ai quali tutto si può rimproverare fuorché l’obbrobrio del Porto e alcune centinaia di altre sconcezze. In bocca al lupo.

  11. Fabio ed Alesso per piacere ponete fine a questo battibecco a due.
    Nessuno viene bannato, ma ci vuole misura, evitare gli attacchi personali grazie.
    Ogni opinione e’ bene accetta, per il bene di Pra’.
    Amministrator/redazione

  12. Caro Pentastellare, grazie del consiglio. Lo dico con sincera convinzione. In genere so osservare, con umiltà e capacità di discernimento,cerco di capacitarmi dell’esistente senza rinunciare all’uso del mio pensiero critico.Forse è l’unica dote che è rimasta a me e a molti altri: dipende se se ne vuole fare buon uso.
    Ho un po’ di esperienza, ho vissuto per molti decenni la storia di Prà, ho assistito alla svendita dei luoghi, della gente, della fiducia mal riposta. Ho osservato con rammarico, disgusto e impotenza al degrado e alla distruzione di una tradizione culturale, sociale e di valori che apparteneva alla nostra comunità. Ho visto il dissesto ambientale, ho condiviso l’umiliazione di subirlo, ho preso le distanze da chi ha contribuito allo sfacelo del ponente cittadino: intimamente, intensamente, in modo direi metabolizzato. Ho sempre cercato di imparare da ogni persona che ho incontrato nella vita, perchè ciascuno è portatore di vissuti, ragioni e speranze,nel mio piccolo ho scritto libri, articoli , saggi: l’ho fatto per me, per mettere nero su bianco il mio modo di vedere le cose. Cerco di mantenere intatta la mia libertà non chiedendo mai nulla a nessuno e combattendo le ingiustizie di ogni genere. Ci sono quelle fisiche – evidenti – e quelle psicologiche – più subdole e sottili ma non meno pericolose. Non ho mai messo in vendita la mia libertà di pensiero. Sopra-tutto rispetto chi fa uso della propria autonomia intellettuale e morale. Ho rappresentato a diversi livelli le istituzioni, non ho mai anteposto i miei interessi personali, ho servito lo Stato e la società civile. Ho una lunga storia personale, fatta di studio, riflessione, impegno, duro lavoro e sacrificio. Sto servendo la Giustizia, lo faccio sempre interrogando la mia coscienza. Cerco di capire e comprendere prima di giudicare. Ringrazio per l’augurio che raccolgo come auspicio: avrei qualcosa da restituire al mondo di relazioni dove sono cresciuto, sono grato a tutti perchè da ciascuno ho avuto modo di imparare che bisogna sempre mettersi dall’altra parte del tavolo, dell’interlocutore che al momento hai davanti a te. Ascoltare, sempre, senza pre-giudizi: questo potrebbe essere un buon proposito. Accetto dunque ogni consiglio, anche il Suo, con disponibilità, umiltà e desiderio di imparare. Se mi permette… avrei anche io qualcosa da dire e da raccontare e non è escluso che venga l’occasione di poterlo fare. Al servizio del bene comune.Grazie.

  13. Bella risposta Francesco. Io ho letto il tuo libro “DOVE VA la POLITICA?” che contiene interviste a praticamente TUTTI i politici italiani più importanti degli ultimi 20 anni, da Andreotti a Veltroni, per citarli in ordine alfabetico con l’introduzione del Presidente della Camera dei Deputati. Un lavoro giornalistico enorme e tutti i punti di vista da sinistra a destra passando per il centro. Osservati con distacco, rispettati e proposti al lettore in modo imparziale.
    Non credo quindi che “l’unica strada a sua disposizione per far sentire la sua voce sia quella di scegliere nel repertorio politico i candidati dei partiti”, come le suggerisce il non meglio definito pentastellato.
    A volte ci vorrebbe più modestia prima di aprire bocca, per evitare figure da dilettanti, specie in politica dove tutti sanno tutto e pretendono di insegnare agli altri come si fa, qual è l’unica strada giusta e addirittura CHI si deve votare. Fino a prova contraria siamo in democrazia FINORA. Caro amico pentastellato la prossima volta che vuoi dare un consiglio vedi di documentarti meglio.

  14. signora Caterina, non espongo il mio curriculum né la mia identità per ragioni di bon ton. Vorrei molto interloquire con Lei, ma il Suo pensiero è così esacerbato da un retorico bisogno di invettiva che si è dimenticata, o forse non sa farlo, di rispondere argomentando in maniera razionale. Su, provi a concentrarsi, faccia un respiro profondo e possibilmente aggiornata, parliamo della partitocrazia, della democrazia diretta e rappresentativa, dell’impegno civile e sociale e dei suoi frutti, come il massacro di Prà. Sono tutt’occhi.

  15. Magari sentiamo anche Pizzarotti e Cassimatis: prima di insegnare cos’è la democrazia diretta agli altri bisogna prima guardare in casa propria.
    Non trovo molto bon ton nelle sue parole ma solo la pretesa di dare lezioni a destra e a manca. Calma e gesso. Il curriculum non lo ha esibito nessuno, se rilegge le mail che stanno sopra. Il voto lo si conquista con argomenti convincenti e comunque bisogna rispettare chi non la pensa come noi. Non si senta troppo superiore, non ha nessun titolo per deridere chi la pensa diversamente da lei.

  16. Cari lettori,
    vi invito a moderare i toni, che specie negli ultimi post, mi sembrano un po’ sopra le righe…evitiamo, per favore, i botta e risposta, questo spazio e’ a disposizione di tutti per commentare il contenuto dell’articolo sopra.
    Cerchiamo di non fare propaganda elettorale, rispettiamo le idee di tutti, non facciamo interlocuzioni “ad personam”. Grazie!
    Se non l’avete notato, state scrivendo nell’articolo che proponeva la Tribuna Elettorale Praese, questa e’ avvenuta il 20 Maggio u.s., trovate la cronaca nella Home page, e’ molto piu’ appropriato spostare la discussione nei commenti relativi al servizio sulle risposte dei vari candidati a Presidente del municipio 7.ELISA

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*