Notizia – Navi rumorose addio !

Velocifero –

Da tanti, troppi, anni, il riposo ed il sonno di molti cittadini praesi sono disturbati dalle emissioni sonore, intense e pulsanti, che provengono dalle 4 navi della classe “T”, della Maersk Line, e precisamente la Maersk Tanjong, la Maersk Taurus, la Maersk Tukang e la Maersk Taikung, navi portacontenitori da 8.000 TEU costruite in Corea del Sud nel 2007-2008. Come fin dall’inizio sottolineato dai tecnici della FondAzione PrimA’vera, il problema del rumore non sarebbe certo stato risolto con il rimedio palliativo inventato dalla pur ingegnosa e proattiva Capitaneria di Porto di Genova, di spegnere i gruppi elettrogeni “lato terra” e mantenere in funzione solo quelli “lato mare”. Il fatto è che, per probabili difetti di progettazione e/o costruzione di questa specifica classe di navi, il rumore purtroppo caratteristico e tristemente noto in zona non proviene semplicemente dai motori attraverso i condotti di scarico e di ventilazione, ma viene amplificato, specie nei campi di frequenza bassi, dalle vibrazioni dei condotti di scarico, della ciminiera e di tutta la sovrastruttura, che agiscono da gigantesca cassa armonica diffondendo nell’ambiente il rumore pulsante proveniente dalla sala macchine. Come tutti sanno in quel di Pra’, ma anche nell’estremità di ponente del territorio di Pegli, il baccano è particolarmente fastidioso ed invadente in presenza di venti prevalenti da meridione, che convogliano il sordo “bum-bum-bum” direttamente nelle stanze e camere da letto praesi e pegliesi. Il problema maggiore è che tali navi, contrariamente ad alcune altre, anch’esse rumorose seppur con meno intensità, ma che toccano saltuariamente il Porto di Pra’, da anni “fanno la linea su Pra’”, cioè scalano regolarmente proprio dalle nostre parti. Vi è anche da ricordare il fatto che proprio la “Maersk Tanjong”, la notte del del 15 Luglio 2015, è stata “pizzicata” dai fonometri certificati dell’Architetto Roberto Gaddoni, che collabora con la FondAzione PrimA’vera, ad emettere rumore ben al di sopra del consentito, infrangendo ben 6 leggi e regolamenti applicabili, il tutto riportato in un esaustivo rapporto scritto “stile FondAzione” che è finito sui tavoli di Enti ed Istituzioni preposti alla tutela della salute dei cittadini, tra cui quello del Difensore Civico Regionale. Forte di quanto rilevato, a fine 2016 la FondAzione aveva contattato la Maersk Line per cercare di trovare una soluzione dialogando direttamente con la società armatrice, utilizzando il consolidato stile proattivo e collaborativo che contraddistingue il movimento di cittadini praesi. Nonostante la grande disponibilità della compagnia armatrice al dialogo ed alla comprensione dei problemi dei cittadini, unita alla grande sensibilità ed attenzione del gruppo Maersk, (numero uno al mondo per il traffico container), verso gli aspetti ambientali, modificare le rotte delle navi portacontenitori non è cosa facile e non fu tecnicamente fattibile, anche in considerazione del grande e complesso sistema logistico ed operativo che sta dietro al trasporto dei container. Comunque la Maersk informò la FondAzione che, periodicamente, in occasione dell’uscita di linea di una o più navi per le periodiche operazioni di bacino e di manutenzione, poteva anche succedere che per motivi tecnici ed operativi le navi in oggetto fossero reimmesse su altre linee. La notizia, che si potrebbe a ragione definire “la notiziona”, è che, “a seguito delle normali pratiche operative della società le 4 navi della classe “Tanjong” – proprio quelle “attenzionate” dai cittadini di Pra’ N.d.R. – sarebbero state spostate su altre linee”. L’ultima nave, la “Tukang”, ha scalato al Porto di Pra’ l’ultima volta il 12 settembre ultimo scorso. Sicuramente succederà che qualche altra nave, della Maersk o di altre compagnie di navigazione possa generare “rumori molesti” durante la sosta al Bacino Portuale di Pra’, ma difficilmente si potrà eguagliare il disagio generato da ben quattro navi “altamente rumorose” come le “quattro sorelle” della Maersk in linea fissa e con scali continui a Pra’. Resta comunque il fatto che, come evidenziato nel report della FondAzione, se è pur vero che i rumori sono la forma di disagio più evidente e maggiormente percepita dai cittadini, l’aspetto ambientale più serio costituito dalla presenza del porto a Pra’ è quello delle emissioni dei gas in atmosfera delle navi in sosta che, secondo le valutazioni della FondAzione, equivalgono a quelli prodotti da ben 750 autovetture costantemente in moto e stazionanti sul territorio. Come più volte riportato sulle pagine di SuPRA’tutto, la FondAzione ha da tempo richiesto di realizzare con la massima velocità il sistema di alimentazione elettrica delle navi, soluzione efficace, finale e definitiva sia al problema dei rumori sia soprattutto a quello del’inquinamento atmosferico. Più volte l’Autorità Portuale ha comunicato che il progetto è stato approvato, finanziato, e si trova in fase di pianificazione e preparazione ma, dopo ben 4 anni, non si è visto ancora niente. Idem per quanto riguarda le collinette alberate di separazione porto / fascia di rispetto, anch’esse proposte e caldeggiate dalla FondAzione fino dal momento della sua nascita, nell’aprile del 2013. Ora che, ormai da un tempo consistente, Autorità Portuale è finalmente dotata di un presidente nella pienezza dei suoi poteri, il Dottor Paolo Emilio Signorini, tutti a Pra’ e anche in molti a Pegli si aspettano che si passi, finalmente, dalle parole ai fatti. Come sta succedendo con le navi della Maersk.

6 Comments

  1. Per intanto bene! Grazie. E’ un evento concreto e di risultati ne abbiamo bisogno. Colpisce il fatto che dove può arrivare un singolo non siano riuscite, in tutti questi anni, anche se informate e con tavoli di lavoro, ad arrivare le Istituzioni . Questo è un segnale che nei fatti non sono ancora adeguatamente sensibilizzate al problema e che occorrono ancora tante e tante sollecitazioni prima di tutto da noi cittadini , non demordiamo. Occorre una una unità di intenti tra noi cittadini attivi, anche tra idee diverse , per arrivare a risultati e cercare di far convivere porto industriale e città; ne va della nostra salute e dell’ambiente in cui viviamo.

  2. Claudio seccia ha perfettamente ragione. Secondo me al di la delle frasi di circostanza e delle riunioni tanto per farle nessuno a livello di istituzioni ha mai fatto niente di concreto, deciso e continuato per tutelare la salute dei cittadini. Però la vicenda delle navi Maesrk dimostra che i cittadini possono essere anche più incisivi delle istituzioni. Ho sentito parlare dell’idea del consiglio di comunità e penso possa essere un ottimo strumento per fare sentire la nostra voce in modo più forte e deciso. Intanto grazie fondazione per un altro fatto tangibile che fa sbiancare le chiacchiere della politica.

  3. Quelle quattro navi facevano un baccano infernale, meno male che gireranno alla larga ora spero che la fondazione riesca anche a far togliere i mucchi di scatoloni di ferro davanti alle nostre finestre e a fare fare le colline con gli alberi sarebbe un altro passo avanti e non da poco per Prà e anche per Pegli

  4. Grazie a chi è riuscito a toglierci di torno le maersk quando erano in porto a Prà in casa mia sembrava ci fosse uno a suonare un tamburone tutta la notte non se ne poteva veramente più. Concordo con Seccia, è allucinante che siano i cittadini organizzati a risolvere problemi che dovrebbero risolvere politici e istituzioni

Rispondi a Pietro Ferrari Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*