C Il sedime della vecchia ferrovia a Longarello
Il tratto della vecchia ferrovia davanti a Longarello

La supposta presenza di amianto nel sedime della vecchia ferrovia sembra essere il maldestro pretesto accampato dal Comune di Genova per lo stravolgimento del concetto originario del P.O.R., che da pregevole opera di recupero e valorizzazione del martoriato litorale di Pra’ verrebbe trasformata in una mera colata di cemento e asfalto con quattro corsie, (due per senso di marcia)  per giunta non  complanari. Per chiarire quanto sia aberrante l’ipotesi progettuale comunale basti pensare che, se il progetto venisse così modificato, chi scende in auto da via Villini e vuole dirigersi verso Pegli, giunto sulla via Pra’ sarebbe obbligato dalla non-complanarità a svoltare a destra, arrivare fino all’innesto di via Taggia, a Sapello, per tornare indietro e ripercorrere in senso inverso tutto il tratto di via Pra’ ritornando allo stesso punto, sull’altra corsia, sopraelevata di mezzo metro. Se poi voleva semplicemente recarsi presso la “Biomedical”, non potrà svoltare in sua prossimità, ma sarà obbligato a continuare fino a piazza Lido per poi prendere la rotonda e tornare indietro. Il tutto, aumentando i percorsi chilometrici a parità di direttrice con conseguente, inutile, aumento dell’inquinamento e dei consumi di carburante. Una operazione semplicemente assurda. Senza contare che, con le attuali due corsie, la via Pra’ è l’unico tratto della via Aurelia, nella zona del ponente genovese a non presentare mai, ma proprio mai, code ed ingorghi, mentre sono tristemente noti i costanti rallentamenti e blocchi del traffico nei tratti che interessano le Delegazioni limitrofe di Pegli e Voltri. Ebbene, a fronte di tale situazione, il Comune, debitamente spalleggiato da un Municipio Ponente che pare trovarsi a distanza siderale dalle necessità ed aspettative dei cittadini praesi che dovrebbe rappresentare, vuole testardamente realizzare quattro corsie proprio e solo a Pra’, unica Delegazione a non averne assolutamente bisogno. Visto che la questione dell’amianto sotto la ex-ferrovia pare essere l’alibi per lo stravolgimento progettuale del P.O.R. che, come sottolinea giustamente il Comitato per Pra’ con i suoi striscioni, verrebbe trasformato in una «PORcata, la FondAzione PRimA’vera ha svolto indagini e ricerche in merito per fornire ai cittadini informazioni chiare e dettagliate, consultando esperti e professionisti. La linea ferroviaria fu costruita a Pra’ nel 1858, anni in cui non erano attive in Italia cave di materiali contenenti amianto (il cui sfruttamento e uso industriale in Italia iniziò attorno al 1920), e il materiale inerte utilizzato per compensare i dislivelli sotto la massicciata fu  prelevato dalla spiaggia, cosa confermata da  ispezioni sul sito. L’ispezione visiva della massicciata ha evidenziato la presenza di normale ghiaia di natura silicea e calcarea, senza alcuna traccia di “pietre verdi” contenenti amianto.  Non risultano ufficialmente casi di massicciate costituite da inerti contenenti amianto in Liguria, regione dove non sono mai state attive cave per estrazione di amianto e che abbiano così potuto diffondere scarti di lavorazione sotto forma di pietrischi. Negli anni scorsi il Comune di Genova ha effettuato a più riprese lavori di scavo e costruzione sul sedime ferroviario, asportandone anche delle sezioni, nella zona tra piazza Bignami e piazza Sciesa, senza effettuare nessuna operazione di bonifica,  per cui si dà per scontato che, almeno in quel tratto, vi sia la assoluta e di fatto certificata assenza di amianto. Nonostante le richieste avanzate da FondAzione, Comitato per Pra’ e Comitato dei genitori tramite il Difensore Civico Regionale, il Comune non ha voluto fornire alcuna chiara ed affidabile documentazione che attesti la presenza di amianto sotto le rotaie della vecchia ferrovia. Non si vedono pertanto motivi plausibili per non rimuovere il sito dismesso della ex-ferrovia ed effettuare un progetto di qualità in linea con quello originario, complanare, e che privilegi la vivibilità, il recupero, la valorizzazione, la qualità della vita dei residenti.

DOSSIER Il sedime della vecchia ferrovia a Pra’

Velocifero

1 Comment

  1. I piccoli comandanti di questo Paese ci credono con l’anello al naso. Fortunatamente la gente non si fida e indaga, spulcia e soprattutto pubblica in modo che tutti possano informarsi. La soluzione prospettata e ‘ chiaramente quella più economica (sarebbe da capire dove andranno i soldi … risparmiati) …. ma sarebbe un ennesimo torto per Pra e i suoi abitanti … qualsiasi sia l’ideologia politica! !!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*