Pra’ sta ancora aspettando le opere di compensazione per l’immane disastro ambientale che l’Autorità Portuale ha provocato realizzando il Bacino Portuale di Pra’, opere promesse da decenni e non ancora nemmeno iniziate. Come se ciò non bastasse, l’Attuale Presidente della AdSP Paolo Signorini parla, pubblicamente di voler realizzare una nuova ed ingombrante servitù: il “petrolchimico”.

Come è già accaduto in passato, la redazione di SuPRA’Tutto mette a disposizione un sistema di invio facilitato per manifestare il dissenso della popolazione direttamente al presidente di AdSP P.E. Signorini.

Compila il form e invia la mail (il testo integrale lo trovi qui sotto).

Il tuo nome e cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Data Invio (richiesto)

Caro Presidente Paolo Emilio Signorini,
in relazione alle sue recenti dichiarazioni riportate dalla stampa cittadina relative all’ “idea” di «spostare il petrolchimico sulla diga foranea di Pra’», sono con la presente a ricordarle gentilmente che a Pra’ stiamo ancora aspettando le opere di compensazione per l’immane disastro ambientale che l’Autorità Portuale che presiede ha provocato realizzando il Bacino Portuale di Pra’, opere promesse da decenni e non ancora nemmeno iniziate.

Rigetto pertanto fermamente ogni ipotesi di discussione o valutazione di interventi di qualsiasi genere che riguardino l’allargamento / modifica / cambio di destinazione dell’infrastruttura portuale di Pra’ fino a che non saranno completamente realizzate le seguenti opere:

  1. Dune alberate di separazione Porto – Fascia di Rispetto.
  2. Elettrificazione delle banchine del Bacino Portuale di Pra’ con alimentazione elettrica delle navi da terra e spegnimento dei gruppi elettrogeni di bordo durante la sosta a Pra’.
  3. Banchinamento del lato di levante del terrapieno portuale sul fronte attuale e prolungamento della Fascia di Rispetto e Pista Ciclo – Pedonale lungo tale fronte.
  4. Prolungamento del Canale di Calma e della Fascia di Rispetto di Pra’ lungo tutto il litorale della Delegazione Praese, fino al Rio San Giuliano, con dune alberate e particolari opere di schermatura visiva ed acustica del porto e del parco ferroviario di fronte al Sestiere di Pra’ – Palmaro.

Constatando con delusione e indignazione come Lei, signor Presidente, si sia ancora una volta comportato in modo indelicato e poco rispettoso nei confronti dei cittadini e del territorio di Pra’, non coinvolgendoli nè consultandoli su valutazioni che potrebbero impattare in modo pesante e duraturo sulla qualità della loro vita, sicurezza, salute, sono a chiedere con cortese fermezza che Lei da ora in avanti coinvolga e si interfacci direttamente con il Consiglio di Comunità Praese per perseguire insieme, con trasparenza, collaborazione e sinergia la visione di Pra’ Porto Isola – Porto Amico, nella sede opportuna del Palazzo Municipale di Pra’.