Niente “Porto d’Africa” a Pra’

Guido Barbazza – 

21 novembre u.s., “The Medi Telegraph”, giornale digitale specializzato nel settore marittimo/portuale ha riportato la notizia della decisione, da parte di Autorità Portuale, di smantellare il “pennello”, all’interno del Bacino Portuale di Pra’, che delimita l’accosto per le navi traghetto. I praesi ricorderanno che proprio a quella banchina nei primi tempi di operatività portuale a Pra’, molti anni fa, scalavano i traghetti “Ro-Ro” verdi della compagnia “Via Mare”, che collegavano Pra’ a Termini Imerese, e anche le grandi navi “porta-macchine”. In seguito, qualche anno fa, proprio quell’accosto era diventato il “casus-belli” tra la cittadinanza praese e l’allora Presidente di Autorità Portuale, Luigi Merlo, il quale aveva prefigurato l’utilizzo di Pra’ per spostarvi i collegamenti traghetti con il Marocco e la Tunisia trasferendovi così onori (nulli) ed oneri (tanti). La voce dei praesi, amplificata dalla allora neo-nata FondAzione PRimA’vera fu molto chiara: mai più delocalizzazione di oneri e servitù dal centro a Pra’, ma solo opere positive, di mitigazione, recupero e valorizzazione. E i traghetti “africani” non rientravano certo tra quello, oltre a significare un ulteriore aumento del traffico di TIR e semirimorchi attraverso il casello e il viadotto di Pra’. Molto meglio, disse la FondAzione, rimuovere il piccolo pennello per consentire l’ormeggio di navi portacontenitori più grandi, o di una nave di piccola/media dimensione in più, e contemporaneamente sviluppare sempre di più il trasporto su ferro per diminuire l’inquinamento da traffico su gomma. Da quelle considerazioni nacque così il progetto-visione “Pra’ Isola – Porto Amico”, che sembra, ora, finalmente, recepito in tutto e per tutto da Autorità Portuale. Pare che i lavori di smantellamento di quella parte di infrastruttura portuale siano previsti iniziare già a gennaio del prossimo anno. E’ però importante che TUTTI i concetti tracciati dalla FondAzione siano messi in pratica, ed in particolare quello che prevede che PRIMA di iniziare ogni nuova opera in porto se ne avvii una di riqualificazione, valorizzazione del territorio di Pra’ e anche di minimizzazione dell’impatto ambientale delle operazioni portuali. Bene che qualcosa continui a muoversi per la realizzazione delle dune e dell’elettrificazione delle banchine del porto praese, bene la decisione di Autorità Portuale di piantumare con 100 alberi di alto fusto il limitare delle aree portuali di fronte al Sestiere di Pra’ – Palmaro, ma di fatto, tutte azioni per la (ancor parziale) compensazione delle opere già realizzate. Ci si aspetta perciò che a fronte dell’ampliamento del fronte banchina, della possibilità di attracco per una ulteriore mega-nave, dell’ulteriore traffico aggiuntivo container, Autorità Portuale finanzi già da ora il prolungamento del POR – Pra’ Marina dalla Rotatoria Scoglio dell’Oca fino al Rio San Giuliano, portando finalmente rivalutazione, decoro, miglioramento dell’ambiente e della qualità della vita in quel di Pra’ – Palmaro, dove oggettivamente le scelte progettuali e realizzative della stessa Autorità Portuale hanno comportato decennali, pesantissime rinunce, servitù e disagi per una parte importante di cittadinanza che merita ora di essere, finalmente, debitamente compensata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*