Prossimamente via al test dei nuovi cicalini a rumore bianco delle gru di PSA Pra’

Luciano Bozzo

Una delle fonti di rumore più fastidiose per chi abita in zone a diretto contatto con i porti e le attività portuali sono i cicalini delle gru. Ogni movimento delle gru di banchina e di piazzale deve essere accompagnato dal rumore dei cicalini che sono necessari per rispettare le normative di sicurezza per i lavoratori del porto ma che risultano indubbiamente fastidiosi sia di giorno che, a maggior ragione, di notte per tutti i residenti che abitano nelle vicinanze. Tra le strategie adottate a livello nazionale e internazionale per ridurre l’inquinamento acustico portuale il tema dei cicalini si rivela quindi di particolare importanza e uno degli accorgimenti che si sta sempre più adottando prevede di sostituirne il suono tradizionale con differenti toni sonori ed in particolare con il rumore bianco. Il rumore bianco è molto simile al suono ed al rumore che si ottiene quando ad esempio il sintonizzatore delle nostre radio ed autoradio non riesce ad agganciare alcuna stazione e ci restituisce quindi quel particolare tipo di rumore. Sempre di suoni e di rumore si tratta ma la mancanza di un suono modulato risulta meno fastidioso all’orecchio umano in particolare di notte così da non disturbare il sonno delle persone. Seguendo questa tendenza PSA Genova-Pra’ ha già installato dei cicalini a rumore bianco su alcune delle sue gru nel nostro porto ed in particolare su una grande gru gommata di piazzale di colore verde denominata “cavaliere” posizionata nella parte orientale del Terminal container ed anche su 6 gru più piccole, gommate rosse di tipo “stacker”. All’interno del Gruppo di Lavoro Charlie del Tavolo Tecnico Pra’lmarium per Pra’-Palmaro nello scorso mese di novembre si è deciso di effettuare un test di questi nuovi cicalini a rumore bianco già installati sulle gru di PSA Genova Pra’ coinvolgendo i residenti praesi per verificare se effettivamente questi portano minore fastidio e rumore alle loro orecchie rispetto a quelli tradizionali. Se il test darà esito positivo PSA installerà i nuovi cicalini su tutto il suo parco gru; si tenga presente che nel nostro porto esistono ben 30 grandi gru di tipo “cavaliere” e svariate altre gru di tipo “stacker”. Anche Gruppo Spinelli e Nuovo Borgo Terminal Container si sono detti disponibili ad adottare questa nuova soluzione tecnologica. Il confronto del test si baserà su quanto percepito dai residenti in diversi punti dell’abitato praese e su quanto contemporaneamente misurato dai fonometri. Alcuni residenti coinvolti nel test ascolteranno i suoni ed i rumori generati per un periodo di alcuni minuti (si sta ipotizzando tra i 10 ed i 15 minuti) dai cicalini tradizionali e successivamente in un periodo di tempo di uguale durata da quelli nuovi a rumore bianco verificando la differenza al loro orecchio; contemporaneamente anche i fonometri registreranno la differenza tra i due tipi di rumore. Questo avverrà in 4 o 5 diversi punti individuati su tutto il territorio dei sestieri praesi. Le prove dovrebbero essere fatte sia in assenza di vento che in presenza di vento da sud. Si è creato quindi un gruppo di lavoro in seno al Consiglio di Comunità Praese con il compito di organizzare il test in coordinamento con PSA Genova Pra’, l’Autorità di Sistema Portuale di Genova, ARPAL Liguria e l’assessorato allo sviluppo economico, portuale e logistico del Comune di Genova, fermo restando che Autorità Portuale e ARPAL sono comunque gli enti delegati a implementare e certificare il test. Sono stati individuati 5 diversi punti all’interno dell’abitato dove effettuare il test.

Da ponente a levante essi sono:

  1. un palazzo residenziale in via alla chiesa di Pra’ (Pra’-Palmaro)
  2. un palazzo residenziale in via Pieve di Teco (Pra’-Sapello subito a levante del rio Branega)
  3. un palazzo residenziale in via Albenga (Pra’-Sapello)
  4. un punto di via Vittorini direttamente esposto a sud verso il porto (Pra’- San Pietro)
  5. un punto di via Ungaretti direttamente esposto a sud verso il porto (Pra’- Longarello)

Le persone del gruppo di lavoro hanno incontrato l’ingegner Marco Ferrari di PSA Genova Pra’ che ha confermato la piena disponibilità dell’azienda per l’effettuazione del test. Con lui ad inizio marzo si è anche   fatto un sopralluogo preliminare nei luoghi dell’abitato sopra descritti. Questo sopralluogo ha confermato l’invasività del rumore dei cicalini in particolare nei 3 luoghi più a ponente (nei sestieri di Palmaro e Sapello) mentre il rumore dei cicalini è risultato invece molto lontano e sicuramente meno disturbante nei due punti più a levante (nei sestieri di San Pietro e Longarello alta) tanto da ipotizzare di effettuare il test in uno solo di questi due punti. L’emergenza sanitaria causata dal Covid-19 ha poi momentaneamente bloccato l’organizzazione del test che è però ripresa con un paio di incontri in videoconferenza l’11 ed il 22 maggio; in tali occasioni alcuni cittadini coinvolti nel gruppo di lavoro hanno potuto incontrare rappresentanti e tecnici di Autorità di Sistema Portuale, PSA Genova-Pra’, Comune di Genova, Municipio VII Ponente e ARPAL Liguria e si sono fatti quindi importanti passi avanti verso la realizzazione del test.
L’idea è di effettuare un test che si avvicini il più possibile ad un test ideale che presuppone di provare le due tipologie di gru (cavalieri e stacker) in tre diverse posizioni del Terminal: a ponente (nella zona del DistriPark ed a ridosso di esso), al centro (di fronte all’abitato del sestiere di Sapello) ed a levante (di fronte ai sestieri di Longarello e San Pietro). La cosa dovrebbe risultare sicuramente più facile per le gru più piccole che possono essere posizionate senza grossi problemi nei diversi punti del terminal mentre per l’unica gru di grandi dimensioni oggi dotata di cicalino a rumore bianco i limiti di movimentazione sono decisamente maggiori visto che si può muovere solo entro tratti prestabiliti e su rotaia. 
A questo punto si attende che i tecnici di PSA, Autorità Portuale e ARPAL concordino tra loro una data di giugno in cui poter eseguire un primo test insieme ai residenti coinvolti, utilizzando anche uno o due apparecchi fonometrici nei luoghi dell’abitato già individuati.  Al momento ci si sta orientando verso un test da eseguire in due diverse giornate a seconda dei differenti punti sul territorio. Si considera infatti che la fascia oraria ottimale per il test è quella serale (dalle 21 alle 23) perchè consente un minore disturbo dovuto ad altri rumori provenienti ad esempio da traffico stradale o ferroviario. E così dovrebbe essere fatto per i due punti del sestiere di Sapello per i quali le gru dovranno essere posizionate verosimilmente nella parte centrale del terminal sia a ridosso del Canale di calma che subito a levante del Distripark. Il sito individuato nel sestiere di Palmaro risente invece soprattutto del rumore delle gru originato nell’area del Distripark o ad esso attigua; l’area del Distripark è infatti l’area portuale più vicina alla zona di Pra’-Palmaro ed è quindi anche l’area in cui il rumore dei cicalini impatta maggiormente sui residenti del sestiere. Visti gli orari delle attività del Distripark qui il test potrebbe essere condotto in un’altra giornata in ore diurne e non serali. In questo caso le gru dovranno essere posizionate verosimilmente all’interno e a ridosso del Distripark, previa preventivo accordo con il Gruppo Spinelli.
La misurazione e verifica in via Ungaretti e/o via Vittorini sarà eseguita in una delle due giornate prestabilite ed in questo caso le gru dovranno essere posizionate verosimilmente nella parte orientale del terminal.
SuPra’Tutto darà naturalmente maggiori informazioni su giorni, orari e luoghi dei test non appena questi saranno definiti con esattezza.

4 Comments

  1. Speriamo che si risolva il problema
    E che insieme all’elettrificazione delle banchine migliori la situazione generale !
    Grazie

  2. Molto bene! Altro passo avanti verso una modifica sostanziale che migliori la nostra qualità di vita. La strada è ancora lunga ma …intanto prendiamo atto di questo ulteriore avanzamento!

  3. Grazie alla fondazione primavera e a supratutto che continuano a lavorare a fare poche parole e tanti fatti per il bene di Prà e dei praesi. A poco a poco Prà sta recuperando e migliorando un sacco.

  4. Ottima notizia. Bello vedere che a poco a poco finalmente si risolvono i problemi che per decine di anni nessuno era riuscito a combinare niente specialmente i politici.

Rispondi a Rita Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*