Natale a Genova

Nicoletta Provinciali

Dopo quattro mesi dal disastro che non ha solo spezzato un ponte, ma piegato la nostra città, Genova ha superato la “prova” del Natale, Superba come non mai. Mentre a Roma si discuteva di costi-benefici, bloccando le grandi opere che se attuate in parte avrebbero potuto ridimensionare il nostro disagio, si parlava di tunnel inesistenti, ci si domandava “per colpa di chi?”, e si paventava il recupero della nostra città nell’arco “di qualche anno”, qui si lavorava e si lavorava sodo. In quattro mesi sono state riaperte le strade principali della Valpolcevera, interrotte dal crollo; si è sopperito alla mancanza del tratto autostradale con il potenziamento della viabilità cittadina, costruendo rampe strategiche che sgravassero il traffico dalla statale; sono state ampliate le strade di scorrimento già esistenti ed il traffico dei mezzi pesanti diretti al Porto è stato sviato su un percorso alternativo, la viabilità ferroviaria è stata ripristinata, i mezzi pubblici potenziati. Tutto questo in quattro mesi. In una città come Genova che da sempre, anche senza ponti crollati, senza mareggiate, alluvioni o chissà quali altre disgrazie, andava in tilt per qualche goccia di pioggia o incidenti stradali di media entità, si è riusciti a far fronte ad una vera e propria catastrofe che di fatto aveva tagliato non solo la nostra città, ma l’intera Liguria, in due. Intanto, mentre i palazzi del potere sempre continuavano a parlare di Autostrade sì/Autostrade no, condono ad Ischia, reddito di cittadinanza, aziende di famiglia scoperte per caso, contratti in nero dei giustizialisti, insegnamenti sullo spread a economisti di fama mondiale, finanziarie bocciate dalla UE, ferie di Ferragosto saltate per colpa nostra, quota 100, riforme del cambiamento, noi andavamo avanti. Genova andava avanti, senza piangersi addosso e senza limitarsi a riparare, per quanto possibile, al danno. Genova andava avanti cercando addirittura di crescere ancora, con un Salone Nautico in attivo, un programma turistico e culturale in perenne espansione, il tunnel di luci più grande d’Europa ad impreziosire la città per Natale, ambulatori medici e veterinari gratuiti per gli indigenti, posti letto per i senza tetto, sviluppo dei rapporti commerciali con i Paesi europei ed extra europei, stanziamento di fondi per la ricostruzione e l’implementazione degli impianti sportivi, crescita del nostro aeroporto con un netto incremento delle tratte attive.
Ecco io credo che, in un Paese come il nostro in cui troppo spesso siamo abituati a lamentarci solo per tutto ciò che non funziona, sia giusto ogni tanto spendere qualche parola per chi invece, per quanto possibile e nonostante enormi difficoltà oggettive, riesce a far girare la ruota cercando di restituire la “normalità” alla vita delle persone, addirittura con qualche extra in più. L’Italia è un Paese campanilista in cui si è sempre guardato più alla bandiera che alle persone. Penso che, in questo caso, anche chi è legato politicamente ad altre realtà, dovrebbe con tutta onestà, in coscienza, fare lo sforzo di ammettere che questa Amministrazione è la migliore che potesse governare la città e la Regione in un periodo così caotico e difficile.
Un briciolo di ragionevolezza, un grazie dovuto, un passo indietro rispetto ai propri idealismi e a vantaggio di un po’ di obiettività, non rendono affatto le persone più deboli, ipocrite o voltagabbana. Le fanno semplicemente apparire un po’ più mature, coscienziose e consapevoli, se mai.

30 Comments

  1. Ha scritto quello che tutti pensiamo e che pochi hanno il coraggio di dire.
    Una fotografia della realtà e della verità.
    Bravissima!

  2. Tutto vero quello che hai scritto Nicoletta.
    Questo articolo andrebbe mandato al Sindaco Bucci, come ringraziamento per l’impegno che ha messo per ripartire e avere un nuovo ponte.
    E un grazie a tutti quelli che hanno dato una mano, al volontariato, alle forze dell’ordine, ai pompieri, alla gente comune.
    Un abbraccio a chi ha sofferto per l’abbandono della propria casa, ai parenti delle vittime.
    Genova è così, come l’hai descritta: silenziosa e attiva, laboriosa, senza tante ciarle e discorsi, fiera, superba, magnifica.
    Dobbiamo essere orgogliosi di essere e sentirci genovesi.

  3. La capacità di ripartire di Genova è unica, straordinaria.
    La gente non mugugna solo, si rimbocca le maniche. Non aspetta l’assistenzialismo, si dà da fare.
    Purtroppo abbiamo pagato un prezzo altissimo alla negligenza di chi doveva vigilare, verificare, fare manutenzione.
    Non vogliamo più le cose “fatte un po’ così” a Genova.
    Ed è anche vero che la politica locale ha risposto agli appelli e ai bisogni della sua gente come mai era accaduto in passato.
    Quella nazionale un po’ meno e solo per farsi qualche selfie sul luogo della tragedia, stringere le mani e acchiappare voti.
    La magistratura farà le sue indagini, lasciamola lavorare.
    Ma il Sindaco ci ha promesso un ponte nuovo, fatto da gente qualificata, il nome di Renzo Piano è una garanzia e un vanto nel mondo intero per la nostra città.
    Se stavolta la politica manterrà le promesse andrà elogiata.
    Finora il Comune e la Regione hanno dimostrato di metterci la faccia.
    La gente colpita da questo disastro merita un risarcimento materiale e morale.
    Su queste cose non si può essere approssimativi.
    Ma credo che abbiamo buoni motivi per sperare che tutto vada per il meglio.
    Un conto altissimo è stato pagato. Ora guardiamo al nuovo ponte con fiducia ma sapendo che non ci saranno sconti e perdono per altri errori.

  4. Parole sante, articolo che rispecchia la situazione e il periodo di attesa che abbiamo subito per le lungaggini della politica.
    Ma se la fretta è cattiva consigliera meglio due mesi in più e un ponte ben fatto piuttosto che far la gara a chi finisce prima il ponte.
    C’è sempre da prendere lezioni da ogni situazione e questa volta Genova ha pagato un prezzo altissimo, anche se ha reagito con fierezza e dignità. Come sempre nella sua Storia.
    Prà è parte di Genova, quel lutto ha colpito anche noi ma a volte ci ricordiamo di essere solo Praesi e non Genovesi.

  5. Giusto Antonino: questo l’ho notato anche io . Poche voci di dissenso da Pra’.
    Dolore e cordoglio in tutti ma forse qui ha pesato la storia della Gronda non fatta e prima ancora non voluta, a partire da qui.
    Ora tutti dicono che andava fatta ma prima scendevano in piazza per non volerla. Comunque come ha detto Bucci: “abbiamo bisogno di un ponte”.
    E ce ne cresce. Fatti, non parole da ora in poi.

  6. Il mondo si divide fra chi fa e chi parla.
    A Roma si parla, a Genova si fa.
    E questo ve lo dice un trentino che a Genova ha fra i suoi piu’ ricordi piu’ belli dell’infanzia

  7. Sinceramente non mi risulta che a Pra’ la Gronda non fosse gradita… Mi sembra un osservazione che non risponde al vero ed anche abbastanza sgradevole.
    Antonino e Caterina , insieme ad osservazioni giuste, scrivono ” frasette” che potevano evitare.
    Si parla di Genova, tutta!!!

    • A Pra’ si è consolidata un’opinione fortemente contraria alla Gronda , avvallata politicamente. Comunque non mi soffermerei sulle cose di ieri ma coglierei lo spirito costruttivo dell’articolo che esalta il fare sul dire, come sottolinea il Sig. Rudi, molto saggiamente.
      Se ricominciamo a fare parole e parole e parole…. torniamo al punto di partenza.
      Infine: a Prà ci sono molti cittadini che vorrebbero la secessione dal Comune di Genova e una indipendenza locale. Non è un peccato di cui pentirsi, io sono tra costoro e la penso esattamente così.
      Il conflitto tra il centro e la periferia del ponente non l’ho inventato io e i praesi ricordano bene che a Tursi nessuno aveva mosso un dito per fermare il porto.
      Se la politica del Comune fosse stata più attenta al ponente non avremmo avuto questo sfacelo che vediamo ogni mattina come apriamo gli occhi.
      Chi è questo o questa Ariel che puntualizza sempre gli interventi altrui come se fosse depositaria della verità rivelata?
      Ci vuole un poco di umiltà, in democrazia le opinioni divergenti sono il sale della libertà.
      Tornando al Ponte e ai sentimenti dei genovesi: trovo tutto perfettamente descritto nell’articolo pubblicato, scritto senza altri fini se non quello di esaltare la genovesità come valore e descrivere la Superba, non la superbia. Il Ponte che si va a costruire appartiene a TUTTA Genova e a TUTTI i genovesi.

  8. Ho letto con piacere questo articolo, l’ho trovato costruttivo, positivo, guarda al futuro.
    E descrive molto bene i sentimenti dei genovesi, nei quali tutti ci riconosciamo e di cui tutti facciamo parte.
    E’ proprio così: la gente di Genova parla poco e mugugna sotto i baffi ma si rimbocca sempre e subito le maniche per ripartire. Non piange sul latte versato. Lo avevamo visto in occasione delle alluvioni, del rio Feregiano, del Bisagno e anche a Ponente con i disastri ambientali e la tragica alluvione del 70.Gente rude, che dà poca confidenza e vuole i fatti, non tante parole. Anemmu discursci! Lo sentiamo dire ogni giorno dai nostri anziani e abbiamo tanto da imparare da questa dolorosa esperienza che ha lasciato il segno. Ma che ha unito, NON diviso. Non dimentichiamolo mai. Come dice Nicoletta ognuno la pensa politicamente come vuole ma quando c’è da ripartire e da ricostruire non ci sono differenze, l’unione fa la forza, Genova sta sempre al di sopra degli interessi di parte.
    Lezione amara, che mai avremmo pensato di subire e di meritare: no, non la meritiamo e ogni pietra ogni mattone che farà parte del nuovo ponte sarà un aiuto alla voglia di ricominciare.

    • Prendo spunto dalle osservazioni di Davide che condivido.
      Mi piace la descrizione del carattere dei genovesi che badano al sodo e mettono al bando le parole superflue o inutili.
      E’ vero: questo Sindaco sta conquistando tutti per la sua straordinaria concretezza. Magari avessimo al Governo gente che parla meno e fa tanto, come dice Rudi la differenza sta in questo.
      Mi pace l’articolo che con modi educati e pacati mette in evidenza la straordinaria reazione dei genovesi alla tragedia del crollo del ponte.
      La compattezza, il lavoro silenzioso ma concreto, la voglia di ripartire.
      Un bell’esempio per l’Italia, altrove non sempre è così.
      Anche a Prà usiamo lo stesso metodo: ci stiamo dando da fare per reagire ai guai procurati dalla presenza del porto e lo facciamo con la stessa determinazione di Genova rispetto al Ponte Morandi.
      Siamo orgogliosi e SUPERBI ma in senso buono.

  9. Anemmu discursci! Siamo fieri di essere liguri, genovesi e praini.
    Su quel ponte che si costruirà ci passeremo anche noi e non vogliamo altre vittime. Questo se lo mettano tutti nella zucca.
    A volte ci vorrebbero le forche, non le parole.
    Ma a noi bastano i fatti, purchè arrivino fatti e non restino solo promesse.
    Bucci, non ci abbandonare!

    • Hai ragione da vendere Mary: anemmu discursci, dammegu avviou!
      Costruiamo in fretta e bene un ponte come si deve entro il 2019.
      Nessuno ha parlato del sacrificio che si fa ogni giorno ad attraversare la città, da ponente a levante e viceversa.
      Nonostante tutti i lavori di smaltimento del traffico, fatti con tempismo e celerità, ogni giorno migliaia di genovesi attraversano la città con pazienza e in modo ordinato. Se fosse successo a Napoli, apriti cielo!
      Come si dice bene nell’articolo siamo riusciti a mettere in piedi anche il Salone Nautico.
      L’orgoglio dei genovesi e la loro laboriosità ha fatto miracoli. Ora ci aspettiamo un ponte bello e sicuro, come ha detto il Sindaco Bucci, che è commissario e garante dei lavori.
      Uno con gli attributi al posto giusto: poche parole e tanti fatti.

  10. Già non ci abbandonare!!!!
    E sopratutto umiltà ed unità!!
    Annemmu discorsi e puntualizzazione che c entrano come il cavolo a merenda.ovvero zero.
    Nicoletta cui mi lega un affetto speciale, dice bene: prescindiamo dalla politicadallapolitica, finalmente pare si sia imboccata la giusta strada….pragmatismo, iniziativa e speriamo con tutto il cuore di vedere Genova rinascere come la Fenice…
    Chi è questa Ariel?
    Curiosoniiiiiiii!!!!!!!

  11. L’articolo è molto bello e rispecchia lo stato d’animo e i sentimenti vissuti dai genovesi. Tutti si sono stretti intorno a chi ha sofferto, pianto, perduto parenti, casa, sacrifici di una vita. Genova ha dato dimostrazione di orgoglio, grandezza, fierezza: tutti uniti per la rinascita.
    E il Sindaco Bucci ma anche il Presidente della Regione Toti hanno dato un esempio concreto di come la politica possa essere vicina alla sua gente, al suo popolo, una prova di buon governo, di concretezza come non era accaduto in passato.
    Dobbiamo essere uniti per ricostruire il ponte senza polemiche ma guardando alla solidità della struttura, una cosa che duri per sempre, che si controllata e monitorata e dobbiamo vigilare perchè questo accada, che nessuno ci mangi sopra o ci faccia la cresta. I morti del ponte non chiedono vendetta ma giustizia e le cose fatte er bene.
    I genovesi si sono comportati in modo civile, esemplare, hanno dato una lezione a tutti.
    Perciò trovo che l’articolo che stiamo commentando sia la fedele testimonianza del pensiero di tutti e dimostri ancora una volta la fierezza e la tenacia che contraddistinguono i genovesi. Al di là delle pretestuose polemiche ci siamo anche noi Praini a portare la nostra voce e la nostra testimonianza.

  12. Certo, sono d’accordo con Giovanna.
    I genovesi danno lezioni di sapersi rimboccare le maniche, in poco tempo è stato fatto tutto quello che c’era da fare, mente a Roma si discuteva del sesso degli angeli, qui si lavorava sodo.
    Ora manca solo il ponte.
    Politici e tecnici facciano le cose per bene, non una cosa ardita come il Ponte Morandi che ha dimostrato tutta la sua fragilità e ha sopportato negli anni un carico di traffico pesante dieci volte cento volte quello che poteva tollerare.
    Non basta fare un bel ponte, deve essere durevole e sicuro e la gestione della ricostruzione resti in mano ai genovesi per favore.

  13. Cara dottoressa Provinciali il suo articolo è veramente scritto col cuore, lo si capisce riga per riga.
    Si legge il suo amore per Genova e l’orgoglio di essere cittadina di questa città fiera e combattiva, taciturna e concreta, che bada ai fatti e non alle parole.
    La ringrazio per aver riassunto in poche righe i sentimenti e l’amore che proviamo tutti per la nostra città e la speranza che il futuro ci riservi più garanzie e rispetto di quanto avvenuto in passato.
    Responsabilità: questa è la parola che deve guidare la costruzione del nuovo ponte. Penso che ogni volta che ciascuno di noi lo percorrerà sarà sopraffatto dall’emozione del ricordo delle vittime, per quel crollo incredibile che ci ha spezzato il cuore e ha pure spezzato in due la città, la Liguria e l’Italia stessa.
    Ma proveremo anche un sentimento di timore e di paura se le cose non saranno state fatte per bene, se non avremo rassicurazioni e certezze da persone autorevoli. Certo, il Sindaco Bucci, nella sua apparente semplicità bonaria , ha dimostrato di essere un politico capace e concreto, di possedere tutte le doti di competenza e tenacia che servono per guidare la nostra meravigliosa città. Magari fosse così anche per la guida dell’Italia.Abbiamo coraggio e fierezza da vendere e competenza da esportare in campo nazionale. Dispiace per la tristissima circostanza ma dico anche : finalmente!

  14. Concordo con tutti i commenti precedenti. Bellissimo scritto che ci ricorda che non siamo abituati a piangerci addosso ma che sappiamo reagire ad ogni avversità. Genova, ancora una volta, è di esempio per l’Italia intera.

  15. La tragedia di Genova è stata l’evento più doloroso del 2018 per l’Italia.
    Qui c’è la colpa dell’uomo, della sua mano, dell’incuria e della negligenza. Il colpo è stato durissimo ma non siamo stati con le mani in mano, noi genovesi.
    Abbia reagito, come sempre è accaduto nella nostra storia millenaria. Genova è questo: dolore e orgoglio, silenzio e lavoro, fierezza e capacità di ripartire.
    Mentre a Roma discutevano, in questi oltre 4 mesi a Genova si è lavorato sodo.
    Non conosco il Sindaco Bucci ma credo sia un uomo tutto di un pezzo, coraggioso, uno che assumersi le sue responsabilità, che non gioca allo scaricabarile, che non nasconde la testa nella sabbia o si trincera dietro la burocrazia e i tempi lunghi.
    Abbiamo bisogno di persone così. Peccato scoprirne tutto il valore in circostanze così dolorose.
    Molto molto bene l’articolo ci ricorda i giorni bui e i giorni del lavoro, aprendoci a quelli della speranza.
    Per sempre, passando lassù , sul ponte ricostruito ognuno non potrà non sapere che cosa è accaduto il 14 agosto 2018.
    Sono cose che restano nella storia di una città e della sua gente.
    Adesso cerchiamo di fare le cose per bene, dobbiamo esigerlo da tutti.
    Su queste tragedie non si scherza.

  16. Anche i praesi hanno partecipato al lutto che ha colpito Genova.
    Abbiamo tanto sofferto per quella disgrazia, non potremo mai dimenticare.
    L’articolo è molto chiaro, descrive bene tutto, il prima in presente e il dopo.
    Faccio i complimenti alla scrittrice.

  17. Una bellissima descrizione del carattere e dell’orgoglio di Genova, della voglia di reagire e ricostruire, di come siamo fatti noi genovesi.
    Anche i praesi sono fatti così.
    Speriamo di dire basta alla sfortuna e alle tragedie, alle persecuzioni subite – tipo il porto – vorrei vedere una Genova risorta un a Pra’ risorta.
    Penso che ci meritiamo un po’ di serenità per il 2019 e anche per tanto tempo dopo.

  18. Costruiamo un ponte che unisca il ponente e il levante di Genova, che unisca la gente e i cuori.
    Facciamo le cose per bene, stavolta. Ogni errore non sarebbe perdonato.
    Buon 2019 a tutti.

  19. E’ appena cominciato il 2019 e tutti speriamo che sia migliore dell’anno che se ne è andato.
    Ma quel ponte crollato resterò sempre nel ricordo di tutti, le vittime saranno compiante ma indimenticabili.
    Ecco, penso che anche quando avremo un ponte nuovo non potremo MAI dimenticare.
    Non è voltando pagina che tutto diventa improvvisamente diverso, che il passato sia rimosso e cancellato.
    Il crollo del Ponte Morandi è stata una tragedia e quando avremo un ponte nuovo forse non sarà il caso di battere le mani.
    Abbiamo pagato un prezzo troppo alto, certe ferite restano indelebili.

    • Hai ragione da vendere Ilaria. Non potremo mai dimenticare la tragedia grandissima che ha colpito la nostra città e i cittadini genovesi.
      Ora guardiamo con fiducia alla ricostruzione. Ma con gli occhi bene aperti. Soprattutto se ci infila la “manina” la politica romana gli inciuci sono dietro l’angolo pronti a fregare soldi e offendere la fiducia.
      Comunque Bucci finora è stato grande e una giunta così non l’abbiamo mai avuta. Onore alla verità.

  20. Tutta Italia guarda a Genova come simbolo della rinascita nazionale. Ma i genovesi devono contare su se stessi, a Roma c’è ancora troppa confusione e l’interesse che prevale è quello elettorale, delle europee, non certo il bene della città.
    Dove ci sono stati terremoti e alluvioni ci sono ancora persone che dormono nei container.
    Se a Genova questo non è accaduto questo è dovuto solo ed unicamente al carattere orgoglioso e alla capacità di risorgere di Genova e dei genovesi.
    Il Comune e la Regione hanno dimostrato una concretezza e una capacità di organizzare le cose che non abbiamo ancora riscontrato altrove. Coraggio! Genova è l’Italia e l’Italia è con i genovesi.

    • Cara Elisa Brambilla, tutto bello e tutto giusto.
      Ma noi dobbiamo esigere un CRONOPROGRAMMA della ricostruzione del PONTE.
      Ci fidiamo della politica locale, il nome dell’architetto Piano è una garanzia ma vogliamo seguire passo dopo passo la costruzione del ponte nuovo, perchè non si ripetano gli errori e le mancanze gravi del passato. Dalla qualità dei materiali alla competenza dei tecnici, ai collaudi da calendarizzare. La popolazione dovrà essere puntualmente informata perchè la tragedia è stata grande e la paura di ripassare là sopra altrettanto. Dobbiamo essere chiari e perentori. Senza fare sconti a nessuno.

  21. Finalmente qualcuno parla con sincerità del carattere dei genovesi, apparentemente mai contenti e mugugnoni, diffidenti e tirchi. L’articolo mette in luce invece le qualità: concretezza, lealtà, unione al momento del bisogno, poche ciance e tanti fatti, badare al sodo, mantenere la parola data.
    Mi ha colpito in particolare il comportamento dignitoso di chi ha dovuto lasciare la propria casa sotto il moncone del ponte pericolante.
    Poi il volontariato senza grancassa, silenzioso ma utile, pratico, presente quando serve. L’abnegazione dei vigili del fuoco e delle forze dell’ordine, dell’esercito, della polizia municipale. Le qualità della nostra gente sono emerse, nessuno ha usato il megafono per attirare l’attenzione. Finora ce l’abbiamo fatta da soli. E persino la politica – parlo di quella genovese e ligure- ha dimostrato unità di intenti con la gente comune, come mai era accaduto in passato. Ha ragione la dottoressa Provinciali quando afferma che ci si lamenta sempre di tutto ma quando c’è qualcosa che funziona, quando la gente ci mette del suo e si rimbocca le maniche senza farsi prendere dalla malattia del risarcimento, allora bisogna spendere parole di elogio per questi comportamenti di cui andiamo fieri come genovesi.
    Ora la parola e le azioni passano nelle mani di chi sarà incaricato di costruire il ponte nuovo.
    Dobbiamo avere pazienza e tanta fiducia, io penso che non saremo traditi. Stavolta.

    • Hai ragione Vincenzo. Basta che si facciano le cose per bene.
      Sono d’accordo con chi ha scritto che ci vuole una calendarizzazione pubblica dei lavori: faremo questo in tot tempo. Il materiale che usiamo è questo. La qualità è certificata. La manodopera qualificata. Il controllo sempre presente. Il collaudo ripetuto da più enti. La certificazione di idoneità verificata e supervisionata.
      Basta trappole mortali!
      Alla fine la colpa non sarà di nessuno. Non vogliamo ripetere questa storia.
      Il ponte serve come ha detto Bucci e va fatto a regola d’arte.

  22. Il più bell’articolo che ho letto sulla vicenda del Ponte Morandi e soprattutto del DOPO.
    I genovesi hanno da insegnare al mondo, modestia a parte.

Rispondi a Ilaria Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*