Mini-colline verdi per Pra’- Palmaro

 

Guido Barbazza –

Gli “schermi verdi”, naturali o artificiali, possono attuare una efficace riduzione dei rumori costituendo delle vere e proprie barriere antirumore. Disponendo lungo una strada o una ferrovia, ma anche in prossimità di un’industria rumorosa, una barriera vegetale di arbusti e alberi, soprattutto se a foglia larga, si può abbattere il rumore fino a un paio di decine di decibel, che rappresenta una significativa percentuale del rumore complessivo. Le barriere antirumore vegetali attenuano la propagazione delle onde sonore basandosi sui principi dell’assorbimento, della riflessione e della deviazione. Questo è il motivo per cui la FondAzione PRimA’vera continua da anni “a spingere” per la realizzazione delle collinette alberate di separazione tra il Bacino e la Fascia di Rispetto di Pra’ e ha inserito tali collinette anche nel progetto “Ridiamo il mare a Pra’ – Palmaro” che prevede lo spostamento a mare della linea ferroviaria GE-XX Miglia con la realizzazione di una passeggiata “stile POR – Pra’ Marina” con “lama d’acqua” e, appunto, collinette alberate di separazione tra la via Pra’ e il Parco ferroviario “Pra’ Mare”. I cittadini di Pra’ ed in particolare quelli del Sestiere di Palmaro, non possono però aspettare i tempi medio-lunghi per la realizzazione di un tale progetto, hanno bisogno di azioni immediate per mitigare ed assorbire il rumore. La soluzione è l’adozione di barriere antirumore “vegetali” che possono facilmente e rapidamente essere installate in sostituzione delle vecchie griglie e ringhiere di delimitazione della ferrovia, sul muro della stessa. Tali barriere, disponibili dal pronto da svariati fornitori, sono costituite da una struttura autoportante di forma trapezoidale in pali di cemento precompresso, barre di acciaio ed altri elementi zincati e da un paramento di contenimento composto da reti elettrosaldate e geotessuti. La struttura viene successivamente riempita con terreno vegetale e rivestita con cespugli di cotonaster, edere, gelsomini o simili. Rilevazioni acustiche su simili barriere poste in opera a Gambellara e Sommacampagna effettuate dalla Regione Veneto hanno dimostrato attenuazioni veramente interessanti, dai 15 ai 24 decibel.

Nella scelta delle specie vegetali per il sito di Pra’ – Palmaro sarà opportuno selezionare piante con fogliame anche nella parte bassa del tronco, per aumentare l’effetto barriera, sempreverdi per evitare riduzioni di efficacia durante il periodo invernale, rustiche che richiedono una manutenzione limitata e la riduzione dei costi di realizzazione e, ovviamente, resistenti agli agenti inquinanti. In considerazione della notevole dimensione e del pesante impatto visivo ed ambientale delle infrastrutture ferroviarie, in particolare portuali, in quel di Pra’, sembra cosa buona e giusta che Reti Ferroviarie Italiane si attivi per installare quantoprima tali barriere verdi lungo tutto il muro della ferrovia tra il Rio Branega ed il Rio San Giuliano, cosa che il Consiglio di Comunità Praese proporrà quantoprima in occasione di un incontro chiesto ed in fase di programmazione con la dirigenza regionale delle ferrovie .

6 Comments

  1. Il verde è sempre efficace per migliorare l aspetto urbano, ed in questo caso poi, assume una valenza mitigatrice dell impatto duplice( polveri e rumori) derivante dall attività portuale.
    Speriamo che l idea venga re spira e messa in pratica quanto prima!

  2. Mi sembra un prezioso suggerimento per risolvere, almeno in parte, l’emergenza inquinamento acustico! Mi pare peraltro che, essendo una barriera “vegetale” non abbia bisogno di una cura particoltre, di cui ha senz’altro bisogno un ambiente naturale vero e proprio! La tecnologia esiste ed è di ottima qualità. ..bisogna volerla utilizzare!

  3. Proposta molto interessante e intelligente. In attesa di opere più “importanti” e quindi di non immediata realizzazione, questa mi sembra una soluzione efficace e facilmente realizzabile. Speriamo che si riescano a “stanare” le Ferrovie per poter parlare con loro e giungere ad un accordo. La parte più difficile è sempre questa: un tavolo tecnico in cui affrontare le questioni e trovare delle soluzioni.

  4. Speriamo che non mitughi il rumore solo alla parte bassa sulla strada… Poiché noi che abitiamo alti il rumore lo sentiamo tantissimo…

  5. Sicuramente è una proposta interessante che dovrebbe essere realizzata in tempi brevi in quanto sicuramente gli effetti saranno positivi. Ottima cosa riferirsi ad esperienze già attuate di cui si possono valutare gli effetti.

  6. Visivamente ottima la proposta.Il verde in sé ovunque venga collocato è sempre una piacevole vista.Puo mitigare una parte del rumore ma nn è la soluzione.
    Piu volte si è parlato di allontanare i container dal piazzale antistante,in linea d aria,Villa De Mari.Piu volte si è chiesto di spostare la movimentazione container e lo smistamento delle merci in arrivo e partenza sempre da questo piazzale e portarlo dietro i “famosi” capannoni che allietano il sonno degli abitanti di Palmaro con il loro allarme( tra l altro piu volte segnalato).Da quello che conosco,dietro i capannoni,esistono i parcheggi dei dipendenti PSA
    Credo che nn sarebbe difficile invertire la locazione almeno in attesa delle grandi opere
    A breve termine,i parcheggi davanti,e dietro “Lo scempio”,potrebbe essere gradito come azione per allontanare parte del rumore.Fra poco avremo davanti alle case di Palmaro anche il nuovo parco merci,prepariamoci ad avere il nostro sonno deliziato oltre che dai tonfi container,dai cicalini anche dalla frenatura dei carri.

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*