“L’ultima notte” di Alex Stefani

Elis@ Provinciali-

Genova é lo scenario perfetto per storie nere ed efferate, con i suoi spazi industriali, il porto, i carruggi…non a caso la troviamo , in tutta la sua decadente ed urbana bellezza in moltissimi film e videoclip. Non si contano neppure gli autori di testi, poesie e canzoni che ne hanno celebrato luci ed ombre: una città ambigua nel suo fascino, che ti attira, ma più spesso ti respinge, e dove lo splendore del passato di ville e strade, si alterna improvvisamente ad aree di degrado. Come una splendida donna, a volte vestita sontuosamente, altre sciatta e disfatta, come una che si è appena alzata dal letto, senza neppure darsi una pettinata.

Non solo questo, a Genova: città portuale per eccellenza, viene disegnata come importante crocevia di traffico di stupefacenti del Mediterraneo.

Nella narrazione della vicenda, l’autore parte da accadimenti casuali e da persone che hanno una vita normale: non è necessario che i protagonisti siano killer o prostitute, per un intreccio noir: Davide Manara, uomo di una certa rigidezza, con saggi principi, si troverà impelagato in una brutta storia dove si, il denaro,la droga e la criminalità sono padroni della scena. Persona come tutti noi, banale e prevedibile, ma costretto a muoversi in un ambiente malavitoso.

Il motivo? Cherchez la femme! Valeria Poggi, bella, ricca e spregiudicata, ispirerà in lui un’ insana passione che li condurrà all’epilogo finale, attraverso una discesa all’inferno impossibile da fermare.  

Lo stile di Stefani, asciutto e penetrante, dà grande spazio ai dialoghi, per rendere la nitidezza di una sceneggiatura. I personaggi, tratteggiati sapientemente tanto nel loro aspetto che nell’interiorità che rivelano, come detto, si muovono nella città genovese, prevalentemente in notturna, che è resa con grande fedeltà di riferimenti alle nostre vie e piazze, facendo da contrappunto alla storia, la quale si sposta nello spazio, ed in una breve parentesi temporale.

Un libro da leggere tutto d’un fiato.

L’autore  

Nato ed abitante a Genova-Pra’, svolge la professione di management strategico nel settore navale. Ciò lo conduce spesso in giro per il mondo, e sono città prevalentemente portuali, che lo ispirano nelle sue divagazioni letterarie, Marsiglia, Napoli…

Appassionato di scrittura fin dai tempi scolastici, Alex Stefani esordisce

con “ Il destino di Valeria” (1999), a seguire “Camera 311 hotel Fontane Marose”, nel 2006,entrambi romanzi di ambientazione genovese. Il terzo racconto “Il mio mestiere sono i guai”, sempre del genere noir ed ambientato come i precedenti nel capoluogo ligure, esce nel 2014 con Europa Edizioni.

Nel 2016 il quarto romanzo intitolato “L’ultima notte” risultata primo classificato nella categoria thriller “Collana Blacknight” al Concorso Internazionale Golden Selection per romanzi inediti.I titoli pubblicati da Alex Stefani hanno avuto riscontri favorevoli ed hanno meritato la citazione fra gli autori genovesi di riferimento nel saggio “Genova tra le righe” di Federica Merlanti. Cultore del noir, soprattutto americano e francese, Stefani ha contribuito con recensioni di romanzi di autori famosi su alcuni siti dedicati al genere.

2 Comments

  1. Non sapevo che Pra’ avesse 1 cittadino cosi’ “intrigante”!
    Leggo volentieri gialli ed i noir, ma l’ambientazione in casa nostra mi intriga a maggior ragione! Faro’ certamente la conoscenza con questo scrittore, grazie Elisa di avercelo presentato.

Rispondi a Davide Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*