Lo zolfanello – Il PalaPra’ come San Pietro in banchi ?

Velocifero –

Da quando, poco meno di un anno fa, nel febbraio del 2016, la FondAzione PrimA’vera ha lanciato l’idea del “PalaPra’”, il palazzetto dello sport sulla Fascia di Rispetto di Pra’, ne sono successe, di cose. Prima, gli architetti Fabio Cimmino e Patrizia Pittaluga hanno risposto all’annuncio “AAA Archittetti cercasi” pubblicato su SuPra’Tutto e si sono messi a disposizione per impostare la progettazione concettuale dell’edificio. Poi un paio di migliaia di Praesi e non hanno “bombardato” le istituzioni competenti (Regione, Comune, Municipio, CONI) con e-mails con cui hanno supportato a gran voce l’idea. Poi si è fatta viva la Regione Liguria, su iniziativa del Dottor Mearelli, che anche a nome dell’Assessore Ilaria Cavo, ha manifestato il totale gradimento dell’idea e si è messa a disposizione per contribuire finanziariamente alla realizzazione dell’opera. Poi è stata la volta del CONI, per iniziativa del Presidente Regionale, Professor Vittorio Ottonello, ad interessarsi alla cosa e a garantire il sostegno ed il supporto, con tutti i mezzi possibili, sia del Coni Regionale, sia delle federazioni di atletica che, finalmente, con il PalaPra’, potrebbero avere a disposizione l’agognata struttura sportiva per la pallacanestro, la pallavolo, la ginnastica artistica ed a corpo libero. Pare addirittura che il grande campione Juri Chechi, detto “Il signore degli anelli”, informato dell’iniziativa, sia propenso a mettersi a disposizione come “Testimonial” del PalaPra’. Inutile dire che il Municipio VII Ponente (Pegli – Pra’ – Voltri) è anch’esso a bordo con il Presidente Mauro Avvenente e il Consigliere Claudio Chiarotti che hanno sostenuto l’idea della FondAzione in occasione del recente incontro sul tema con il Vice-Sindaco Stefano Bernini, tenutosi presso il Palazzo Municipale di Pra’. Ovviamente lo smaliziato Vice-Sindaco, che non ha potuto non allinearsi ai favorevoli all’iniziativa, ha puntualizzato che i soldi per realizzare un’opera di tale ambiziosa portata il Comune, semplicemente, almeno al momento, non li ha a disposizione, suggerendo il coinvolgimento di operatori privati che si facciano carico sia della costruzione sia della sostenibilità dell’esercizio. Premesso che, come esternato dai cittadini di Pra’ allo stesso Vice-Sindaco, sarebbe ora che il Comune destinasse risorse proprie in maggior misura per Pra’, visto che, sia in modo diretto, sia indirettamente, è corresponsabile per i disastri combinati con la costruzione del porto e dei quartieri collinari, che hanno devastato l’ambiente ed il territorio praesi, si potrebbe perciò pensare al PalaPra’ in modo similare a quanto  avvenuto, alla fine del Cinquecento, per la costruzione della chiesa di San Pietro in Banchi, in quel di Genova. Infatti, la chiesa, caso unico, si trova sopra ad una serie di negozi ed esercizi commerciali e con loro fin dall’inizio si è trovata ad operare in modo simbiotico: i bottegai contribuirono al costo dell’opera traendone grande beneficio, godendo di intensi flussi di persone che si recavano in chiesa e facendo ciò passavano davanti alle vetrine e lì si fermavano ad acquistare. Oggi sembra quasi che i fattori si siano invertiti nel senso che la chiesa si trova al centro dell’attenzione anche e proprio per l’intenso passaggio di gente che si reca a comprare nei negozi sottostanti e limitrofi. Forse anche per il PalaPra’ si potrà trovare una soluzione simile ? Certo che, una volta completata l’area di “Pra’ To Sport”, Pra’ diventerà una vera e propria “Cittadella dello Sport”, attrezzata ai massimi livelli per il canottaggio, il nuoto, la pallanuoto, il calcio, il jogging, la vela, la motonautica, e, con il PalaPra’, anche l’atletica, ci starebbe tutta l’avere una serie di negozi di articoli sportivi inglobati nel PalaPra’ o addirittura un unico grande negozio di articoli sportivi “alla Decathlon” che tragga vantaggio dalle centinaia e centinaia di persone che ogni giorno si recano, ed ancor di più si recheranno, sulla Fascia di Rispetto a fare sport. Indipendentemente dal finanziamento del PalaPra’, per cui la FondAzione continuerà ad operare per trovare soluzioni opportune, in Italia ed in Europa, con il completamento del progetto POR-Pra’ Marina, che valorizza il litorale di Pra’ creando ampi marciapiedi e zone pedonali, si sta creando una grande opportunità per commercianti locali e non per creare nuovi businesses e nuove attrattive. Pra’ si sta scoprendo come il luogo più opportuno e favorevole in tutto il ponente genovese per fare ciò, per la vastità e fruibilità degli spazi disponibili e ottimamente serviti dalla stazione ferroviaria “vista mare”, dal grande parcheggio di interscambio e dal vicino casello autostradale…di Pra’. Speriamo che gli imprenditori del settore commerciale intravvedano questa grande opportunità e la sfruttino a dovere, per il benessere non solo loro ma di tutta Pra’. Carpe diem, dicevano gli antichi.

1 Comment

  1. Certamente, avvalersi di risorse finanziarie da privati potrebbe accelerare la realizzazione del PalaPra’…vi sono molti esempi positivi su tutto il territorio nazionale.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*