L’Italia reagisce, Genova non si abbatte, Pra’ nemmeno per sogno!

Il nostro territorio, tra paura e coraggio, al tempo del Coronavirus

 

Elis@Provinciali

Sono giorni che volevo scrivere, su quanto stiamo vivendo, un “editorialino”…quelli veri li fa il direttore Barbazza, il mio vuol essere semplicemente dar voce ai mille pensieri che in questo mese hanno affollato la mia mente e il mio cuore, e magari, com’è nel nostro obiettivo primario, amplificare ciò che ascolto dalla gente e dai miei concittadini. Tramite i commenti a fondo articolo, possano anch’essi esprimersi.

La tempesta perfetta

Ci ha preso davvero brutta, amici, questo Coronavirus maligno, letale, sconosciuto e veloce come tutte le tragedie: abbiamo passato, dall’inizio dell’anno , alterne sensazioni, amplificate e spesso distorte dai media. “E’ poco più di un’ influenza”, “Non discriminiamo i cinesi”, “Evitiamo panico immotivato (immotivato? Così il Presidente Mattarella”) “La situazione è sotto controllo”, “Pochi casi nel Lodigiano”, e mentre il governo voleva rassicurare, con una sovraesposizione televisiva, i fatti dimostravano il contrario, le migliaia di contagi in Cina, il virus che si espandeva, dilagava, si moltiplicavano giorno dopo giorno i casi drammatici, da terapia intensiva, nel nostro paese. Che finalmente, dopo le indecisioni ed i “pannicelli caldi”, metteva in atto misure draconiane per contenere l’epidemia. In Italia siamo arrivato ormai a diecimila persone positive al Covid19, un’unica zona rossa. Mentre l’Europa rapidamente, ci sta seguendo e così il resto del mondo. Non c’è scampo, l’OMS ha dichiarato la Pandemia.  Perlomeno, adesso non abbiamo dubbi sul fatto che ci troviamo davanti ad un evento sconvolgente per il mondo intero, e che dobbiamo mettere in campo tutte le risorse umane, scientifiche e legislative che possiamo per sconfiggere questo subdolo nemico.

Angeli ed Eroi

In questa situazione da “disaster movie” (basta guardare le immagini che entrano nelle nostre case), esseri in scafandro che irrorano di disinfettante strade, metropolitane, città deserte, scenari irreali, il mio pensiero va a quegli angeli/eroi dei medici e personale sanitario, che garantiscono, con mille fatiche, e rischiando la loro stessa vita, assistenza e cura ai malati ospedalizzati, senza risparmiarsi, protagonisti di una sanità nazionale d’eccellenza; ha fatto il giro del web la foto dell’infermiera  stremata assopita al pc, ed i visi con i segni lividi della mascherina. Altrettanto grati dobbiamo essere alle forze dell’ordine, che presidiano le nostre città , cercando di mantenere ordine e legalità…ed ora ci mancava pure la rivolta delle carceri ad aggravare un bilancio dirompente, speriamo che quest’ultima emergenza possa trovare una veloce risoluzione. Resta la grande abnegazione delle donne e degli uomini in divisa.

La Cura

Oggi, per la prima volta, in Cina è iniziata la parabola discendente, sembra non vi siano nuovi casi, aumentano le guarigioni, segno che a mali estremi, estremi rimedi. Anche il nostro paese, dopo tante contraddizioni, ha messo in campo straordinarie misure: eliminando le interazioni sociali ed i contatti fisici, il virus non si espande, chiuso tutto, negozi, cinema, musei, palestre, si torna a stare TUTTI A CASA. Niente baci, ne’ abbracci, strette di mani, un metro di distanza, mascherina, guanti se occorre, massima igiene: alcune sono buona prassi, ma questo isolamento ci destabilizza, eppure è la prima cura. Vi sono tante cose che possiamo fare, a casa, da riordinare quell’anta dell’armadio che se la apri, ti casca tutto addosso, a rileggerci “Guerra e pace”, fare la cyclette o il tapis roulant, la meditazione zen, telefonare ad una persona cara, dormire, cucinare, riscoprire la vicinanza in famiglia, parlando di   più, magari giocare a monopoli o canasta , e meno male che in queste more, i tanto vituperati social possono aiutare a non sentirci soli, comunicando con l’esterno, al netto delle bufale e fake che circolano su questi canali. Ma lo dobbiamo fare tutti, drasticamente, #iostoacasa diventi il nostro mantra, un imperativo categorico. Abbiamo visto i furbetti, gli incoscienti, eludere le disposizioni, bere e fare la “movida”, come se nulla fosse: irresponsabili, deficienti, nel senso di mancanti di intelletto. Da stigmatizzare. Ma adesso, con il nuovo decreto, ciascuno di noi è chiamato a rispettare le norme, la polizia pattuglia le strade, sono previste severe sanzioni. Spero di non vedere mai più scene come quelle dei fuggitivi dalla Lombardia, assaltando i treni per il Sud: una vergogna, ma altrettanto è stato lasciarsi sfuggire la bozza del decreto restrittivo prima della sua firma, imperdonabile.

L’Antidoto Praese

Per ora Genova e la Liguria appaiono solo lievemente minacciati dal Coronavirus, con un numero ancora basso di casi, un centinaio, mentre il governatore Toti prefigura l’ allestimento di una nave sanitaria ancorata , pronta ad accogliere pazienti in quarantena. Circolano battute in rete, forse che il nostro proverbiale essere poco espansivi, un filo diffidenti, “risu raeo”, “ognidun in ca so”, ci protegge magari un attimo, ma io penso anche alla bella tramontana, che gli antichi dicevano spazza microbi, ed al nostro oro verde, il basilico, che già utilizzato come medicamento nel medioevo e giunto a noi con le crociate, condito con una robusta dose di aglio (antisettico), olio d’oliva (omega 3) e parmigiano (proteine nobili), possa giovarci, e contribuire a difenderci da questo Coronavirus. Insieme alla preghiera, un comportamento responsabile, tanta forza d’animo, e fiducia, e soprattutto,, #standoacasa. Passerà, siamo un grande popolo, che reagisce e non si piega alle catastrofi, ne abbiamo viste tante. A questo proposito vi linko due contributi, uno su Genova e l’altro su tutta la Nazione….dove Pra’ ha un bel risalto, quello che merita.

 

10 Comments

  1. Bell’articolo brava come sempre . “Stiamo in casa” dovrà essere il nostro motto. Siamo forti viva l’Italia!!!

  2. C’è la faremo, come abbiamo sempre fatto, siamo italiani e siamo caparbi, anche se a volte non sempre tutti disposti al rispetto delle regole, ma una cosa ci accomuna:quando si comprende la gravità di qualcosa.. Allora ci uniamo e lottiamo tutti insieme e per questo.. ce la faremo anche stavolta

  3. Questi giorni tristi e pure noiosi possono essere aiutati a passare anche leggendo supratutto.
    Preferibilmente resto a casa, ma appena smette di piovere una bella camminata in fascia me la faccio.

  4. Grazie per l’articolo. Confortante vedere le strade di Pra’ deserte così come è bello ed importante constatare il senso di responsabilità di tutti i Praesi. Forza Pra’,insieme ne verremo fuori.

  5. Brava Elisa come sempre usiamo questo tempo per rivedere la nostra vita, rivedere quegli egoismi che ognuno di noi porta dentro con la consapevolezza che basta niente per spazzare via la nostra arroganza, la nostra cattiveria, il nostro chi se ne frega : riflettiamo e preghiamo perché alla fine di tutto ciò ognuno di noi sia migliore di prima. Ce la faremo per adesso stiamo a casa

  6. Vero Fra…rivedere il memorandum ma non discriminare i Cinesi. A parte le loro schifose abitudini alimentari, hanno dato prova di efficienza e sono gli unici che ci hanno mandato tonnellatedi materiale sanitario, medici e solidarieta.
    Se era per l Europa!!!

Rispondi a Angelo Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*