Lilli Lauro: in Consiglio del Municipio 7 Ponente, ad ascoltarne i cittadini

Empatia, rigore e passione

– Elis@ Provinciali –

Laura (detta Lilli ) Lauro è la personificazione delle caratteristiche femminili di ecletticità multi-tasking; nasce a Genova, da famiglia ischitana, formazione nel settore del broker marittimo in Inghilterra e poi a Genova, super mamma di quattro aitanti ragazzi, fondatrice de “Il Volano”, circolo promotore di eventi culturali.

Eletta con Biasotti nel 2007 Consigliere Comunale, rieletta nel 2012. Nel 2014 nominata Coordinatore Metropolitano di Forza Italia, ed attualmente, dal 27 ottobre 2015 è Consigliere Regionale della Liguria, capogruppo di “Giovanni Toti in Liguria”. Alle ultime elezioni amministrative è la top delle preferenze, ben 2500, e ciò la qualificherebbe perfettamente come Vice-Sindaco, tuttavia assume l’incarico di Consigliere Comunale con delega ai rapporti con i Municipi, il Comune e la Città Metropolitana, Nell’ambito appunto di tale delicato mandato, ossia il dialogo tra istituzioni contigue, ha partecipato il 22 novembre u.s. ad un Consiglio Municipale dedicato, cui erano invitati anche i cittadini.

Oltre all’intera compagine municipale schierata al completo, erano presenti il cons. comunale Guido Grillo e l’ex cons. municipale Silvana Bignone e, soprattutto, tanti abitanti della delegazione, che hanno accolto l’invito a partecipare a questo confronto diretto con i propri rappresentanti sul territorio.

Molti gli argomenti in discussione: l’accorpamento dei municipi, che non puo’ assolutamente riguardare il 7mo Ponente, il quale da solo occupa un terzo di superficie dell’intera citta’, ed ha problematiche differenziate: la configurazione di Pegli e di Voltri, che hanno conservato l’affaccio al mare, (il 50% dell’intero municipio) non e’ certo accostabile a quella di Pra’, completamente occupata dalla piattaforma portuale, con enormi disagi per gli abitanti, ed un pesantissimo impatto ambientale. Bignone sostiene una posizione di forte criticità nei confronti dei mancati controlli sulla radiattività dei containers ed auspica che il “bunker” destinato ad ospitarli,venga collocato altrove. Inoltre, non ha condiviso le affermazioni del sindaco Bucci, circa la destinazione di maggiori risorse al levante di Genova, rispetto al ponente, che avrebbe ricevuto già abbastanza: non è così e ci si augura un ripensamento del Comune.

Il presidente Chiarotti rilancia la proposta del Tavolo condiviso Istituzioni/Porto, e subito si accende la discussione, con interventi del presidente della Fondazione Primavera, Niclo Calloni ed altri esponenti dell’associazione, i quali esternano le forti problematiche di un’area portuale nel bel mezzo di un centro abitato. La cittadina Decotto ricorda un esempio virtuoso di dialogo costruttivo col porto in passato, che condusse a risultati concreti riguardo all’impatto sonoro dei cicalini lamentato dagli abitanti.

Ascoltati gli interventi del pubblico, la consigliera Lilli Lauro ha espresso vicinanza e comprensione per tale situazione , certamente al Tavolo la partecipazione di Comune e Regione è fondamentale, anche perché il municipio non può disporre di molte risorse economiche, e Chiarotti si augura maggiori possibilità di intervento, considerata anche la vastità dell’area delegazionale. Una più consistente autonomia di spesa dei Municipi è cosa auspicabile in tempi brevi. Il presidente prefigura altresì una migliore comunicazione con comune e regione, ed asserisce che a volte le informazioni tra istituzioni non sono fluenti e tempestive. Abbiamo colto un concreto interesse dei presenti in questo incontro e speriamo ne seguano altri, a cui la consigliera Lauro possa partecipare, per interagire sempre con la cittadinanza, attraverso quel suo “mood”, così semplice, affabile e diretto.

Genova, consiglio comunale – il primo giorno di Marco Bucci sindaco – con Lilli Lauro

Abbiamo rivolto a Lilli Lauro alcune domande:

1) Consigliera, innanzitutto, la ringraziamo per essere qui, ed aver apprezzato le bellezze di questo territorio, stretto tra litorale e colline. Vorremmo sapere quali sono state le sue impressioni nei confronti del nostro Municipio e la sua percezione delle problematiche che l’affliggono.

<Nel corso di questo primo incontro come assessore delegato ai Municipi ho avviato un percorso di confronto con i cittadini. Ascoltare direttamente gli abitanti è stato doveroso ma soprattutto utile, per cercare insieme una soluzione ai problemi più pressanti. Difficile fare una classifica delle priorità, ma mi sono subito resa conto dell’attenzione che c’è per la questione ambientale, rispetto alla convivenza con il porto commerciale e il petrochimico.>

2) Cosa possono fare comune e città Metropolitana per aiutare Pra’ a convivere in modo armonioso con il porto?  Come mai i nuovi progetti di Waterfront di cui i media parlano non contemplano interventi di risanamento della nostra delegazione? Possiamo contare sul suo interessamento particolare a favore della questione porto – containers a Pra’?

<Ho a cuore tutte le problematiche che riguardano la delegazione e sono abituata a occuparmi di temi concreti. Il progetto di riqualificazione del Waterfront di Ponente è in programma, anche se non è ancora definito. Invece un miglioramento dell’impatto ambientale visivo ed acustico rispetto all’attività portuale è uno degli obiettivi dell’amministrazione. So bene che è una notizia molto importante e attesa da chi vive a ponente e da troppo tempo deve convivere con l’inquinamento acustico 24 ore su 24, durante le operazioni portuali. Grazie all’impegno di Regione, Comune e dell’Autorità portuale, l’elettrificazione delle banchine farà spegnere i motori delle navi durante le operazioni portuali e la sosta. Saranno anche realizzate “dune”, su cui piantare alberi e arredi, per coprire la barriera di container e migliorare l’impatto visivo. Si sta lavorando e lo si fa senza clamori ma con la concretezza necessaria.>

3) A suo avviso, il ponente ha ancora possibilita’ di partecipare alla visione di Genova -Città Turistica?  In quale modo rimediare alla compromissione territoriale a Pra’, rendendola comunque gradevole ed attraente per il turista e lo sportivo?

<I quartieri di Pegli, Pra’ e Voltri non vanno considerati come periferia industriale della città. Il ponente genovese è lo sbocco naturale a mare del basso Piemonte, le campagne regionali come #lamialiguria sono globali e coinvolgono anche questa parte della città. Villa Durazzo Pallavicini e Villa Duchessa di Galliera sono un patrimonio ambientale, culturale e turistico su cui si sta puntando. L’economia turistica di Genova è in crescita, grazie alle campagne di promozione come #lamialiguria, che costituiscono un’attrazione per i potenziali visitatori. C’è poi tutta la partita legata al basilico di Pra’ e alla valorizzazione di Villa Sauli Podestà, oggi ristrutturata. L’idea è quella di farne un luogo di istruzione, cultura e valorizzazione del territorio, un incubatore di idee e progettualità, grazie anche al coinvolgimento dell’istituto alberghiero Bergese. Tra i punti di forza non dimentichiamo le Terme di Genova che vanno accompagnate nel loro rilancio. Il turismo qui ha delle potenzialità.>

4) Le periferie di Genova soffrono comunque la presenza di servitù di vario tipo, degrado ambientale, problematiche annose ed irrisolte, che lei conosce benissimo; in ordine di priorità,come la giunta Bucci intende occuparsene?

<Genova è una città multicentrica con svariate identità locali che vanno valorizzate. La giunta sta immaginando uno sviluppo armonioso che guidi la trasformazione urbana. Penso alla maggiore dotazione di servizi, allo sviluppo della mobilità urbana. Il sindaco Bucci ha tracciato il programma del cambiamento di Genova anche con il completamento della metropolitana con una direttrice da Voltri a Nervi.>

5) Infine, le chiediamo come riesce a conciliare in modo così produttivo la vita famigliare privata con il suo intenso impegno politico? Ritiene che la donna, pur avendo ovviamente maggiori difficoltà, per il suo ruolo primario in famiglia, possa essere una risorsa positiva nei posti di rilievo della vita pubblica?

<Non solo la mia giornata, ma quella di tutte le donne, è sempre piena di impegni che, spesso, si sovrappongono e si alternano con una rapidità incontrollabile. Oltre la casa, i figli, la spesa, ho scelto anche l’attività politica. E’ faticoso certo, ma adesso ho molta più esperienza nella divisione del tempo tra politica e famiglia. Mi sono organizzata e ora concilio i vari impegni senza troppa ansia.>

N.d.R. Effettivamente, una caratteristica della mente femminile pare essere quella di occuparsi di diverse problematiche in contemporanea, dell’identificare facilmente soluzioni ,trovando risposte spesso inusitate o molto “creative”.Quando si dice “l’altra metà del cielo”.

Un ringraziamento,per la collaborazione a Gioconda Pomella, addetta stampa della consigliera Lauro.

 

 

7 Comments

  1. Quanta enfasi, retorica e solo belle parole che fanno solo scena. A Pra’ servono azioni concrete che nessuno ancora a messo in pratica.

  2. Mah. Questa della Lauro non riesco proprio a digerirla. Ho seguito anche nel quadriennio precedente i lavori comunali, non riesco a capire cosa centri Lei con Pra’ o Voltri. Spero di sbagliarmi ma questa giunta ci rendera’ la vita dura. Comunque Auguri

  3. Sono d’accordo con Antonio e Gianni. Mi sa che è solo una passerella.
    Ma era il caso di dare tutta questa importanza? Cosa mai ha fatto per Prà. E sopratutto cosa farà? Per me non c’entra niente.

  4. Dispiace leggere commenti così pessimisti e negativi, qualcuno scrive giustamente che le cose non si migliorano a parole, vero.. ma neanche stando a guardare criticando, cerchiamo di collaborare attivamente e diamo tempo e spazio affinché la nuova giunta dimostri effettivamente che le parole non sono solo fumo, l’ostruzionismo e la critica fine a se stessa è una sconfitta in partenza!

    • Assolutamente vero, io che pure ho votato la parte opposta un po’ di fiducia la ripongo nella giunta. Non sono persone stupide, alcuni le competenze oggettivamente le hanno. E poi sono trascorsi solo sei mesi.

  5. Bisogna non mollare e continuare propositivi nel chiedere il giusto rimedio al grosso danno che Pra’ ha subito, mi sembra che ultimamente finalmente Pra’ si faccia sentire, altro che sedersi sulle panche a lamentarsi. Chi c’è c’è e sarà suo dovere ascoltare quello che i cittadini chiedono. Bianchi, rossi, verdi o ciclamino non importa nulla. Buon anno a tutti!

  6. Come cosa c’entra la Lauro?
    C’entra eccome, se ha le deleghe di Assessorato ai Municipi e Citta metropolitana, in questo incontro era perfettamente nel suo ruolo, la sala consigliare era gremita, io c’ero.
    Informarsi…prima di sparare sentenze, oltretutto dire “temo che non faranno nulla”…” la vita dura”.
    Speriamo tutti che si passi dalla enunciazione ai fatti concreti, ma sinceramente parlare prima…oltre che inutile, porta sfiga!
    Buon Anno invece a tutti!

Rispondi a Davide Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*