Riflessione sul dopo voto

Francesco Provinciali –

Cara Fondazione, caro Supratutto,  

sono un semplice cittadino, uno che viene dalla “società civile” e ne condivide gli affanni, le tribolazioni e le speranze. Come molti altri cittadini mi sono rassegnato a considerarmi orfano della politica: dopo la caduta del muro di Berlino, la fine delle ideologie, le vicende di tangentopoli e il passaggio alla cd. “seconda repubblica” e finanche alla “terza” – ammesso che esistano davvero e non siano un mero flatus vocis – … sono rimasto spiazzato e sconcertato dalla lunga deriva negativa che ci ha portato alla situazione attuale. La retorica del nulla ha spogliato la vita dei suoi antichi valori. Siamo a un tutti contro tutti, senza capo né coda, che pervade anche il tessuto sociale di egoismo, invidia, acrimonia, delazione, cattiveria, come ribadito dagli ultimi Rapporti Censis. Recentemente ho vissuto la vicenda referendaria sul taglio dei parlamentari ma non mi sono messo tra coloro che si sono scagliati contro la scelta della maggioranza popolare: la vittoria del SI resterà un fatto inconcludente, senza sbocchi come lo sarebbe stata ad onor del vero quella del NO, ritengo infatti che restino intatte le colpe della politica, è arrivata la stagione della confusione tra reale e virtuale, non esiste un modello di società sostenibile con idee forti e chiare, sostituite anch’esse da opinioni transeunti, discutibili e da scelte di corto respiro, farcite di bonus e demagogia di cui presto si pagherà un prezzo salato.

Mai come adesso le promesse sono smentite da pessimi esempi, senza attenuanti. La frammentazione politica è totale e produce schegge impazzite. Un sistema elettorale veramente democratico e la questione etica della soluzione di ogni tipo di conflitto di interessi avrebbero miglior sorte se la politica fosse nobilitata nel perseguimento degli interessi collettivi e del bene comune. Non mi sono ancora rassegnato, però, a leggere la cronaca o i resoconti sportivi su una panchina dei giardini pubblici: sento pulsare il cuore della gente, sento montare la sua sfiducia e la sua rabbia, sono convinto che prima o poi ci possa essere un Balilla che rinnovi il famoso gesto del “che l’inse?”….come accadde nel dicembre 1746 per difendere la Repubblica di Genova dagli invasori. Vivo il mio tempo e le sue contraddizioni, conservo la speranza che si possa fare qualcosa per migliorare lo stato attuale delle cose. Ripenso spesso a quell’articolo della Costituzione che afferma che la “sovranità appartiene al popolo” e mi ribello all’idea che i partiti attuali siano gli indegni depositari di questa consegna. Non riesco a tollerare un sistema centrato sulla partitocrazia come espressione moderna di antichi privilegi, trovo indecoroso e inaccettabile che i simboli dei partiti diventino proprietà personale dei loro leader, che il sistema degli interessi e della corruzione dilagante sopravviva in modo così sfacciatamente autoreferenziale. Mi domando se non sia possibile por mano ad una riforma in grado di sbloccare questa concezione deteriore della politica resa mestiere e “professione a vita”: intere carriere vissute a separare il paese legale da quello reale, esprimendo una politica incapace di raccogliere e gestire onestamente il consenso popolare, di immaginare una politica-servizio e non una politica-affare. Mi chiedo – più concretamente – cosa accadrebbe se si riuscisse a far passare il principio della ineleggibilità di tutti i deputati e i senatori, i consiglieri regionali e comunali dopo un secondo mandato parlamentare: credo che questo sarebbe l’unico modo concreto e risolutivo per azzerare un’intera classe politica, consentendo un reale avvicendamento nella gestione della cosa pubblica. E sono altrettanto convinto che si debba far qualcosa, fare ancora di più per creare un “Movimento Popolare” capace di restituire la politica alla gente. Penso che questa idea – se realizzata – avrebbe una portata veramente, profondamente, radicalmente innovativa. Nel momento di crisi attuale una svolta addirittura rivoluzionaria. Non dimentichiamo che ad ogni tornata elettorale è sempre meno la gente che si reca ai seggi. Figuriamoci cosa accadrebbe se i cittadini dovessero farlo solo per ratificare decisioni prese altrove, senza poter scegliere da liste aperte i propri rappresentanti. Avverto tutto il senso del mio limite ma ascolto da lungo tempo i sentimenti di disaffezione e di sfiducia della gente, la rabbia crescente, la disperazione, il disgusto verso una consuetudine padronale e punitiva della politica. Ma percepisco anche un bisogno vitale di cambiamento, di rifiuto verso una condizione antropologica di soccombenza che ci renda sudditi a vita.

14 Comments

  1. Grazie Francesco di questa lettera ricca di spunti di riflessione…anche io avverto nella gente sfiducia e sgomento di fronte alle notizie che ci inondano, a questo clima di lotta continua, oltretutto la tecnologia dei social rende il politico di turno pervasivo e sovraesposto, ogni sera abbiamo almeno un paio di talk show dove ci si parla addosso, oppure anche li’, esplode l’invettiva e l’aggressività verbale.
    Certo, se i cittadini si dessero una bella sveglia…
    Non ne posso piu’ di vedere le solite facce e sentire gli stessi nomi.
    Sara’ qualunquistico, ma invoco la partecipazione massiccia della società civile.

  2. Articolo di livello e di contenuto importanti. Se ci manca la capacità di riflettere e conoscere bene la realtà intorno a noi diventiamo incapaci di organizzare il presente e progettare il futuro. Ma l’alternanza è il ricambio sono indispensabili. Non possiamo affidarci a politici a vita, serve scegliere i migliori , i più preparati e ricchi di motivazioni. Ora siamo un po’ orfani di politica vera. Stavolta Prà è stata assente dalla competizione elettorale e questo è controproducente e ci priva di rappresentanza. Nessuno si è dato da fare, nessuno si è proposto e mi chiedo perché?

  3. Il doppio mandato e un limite che tutela il ricambio anche generazionale. L’idea è giusta ma mi pare che il movimento politico che l’ha lanciata adesso faccia indietro e ci ripensi. Come farebbe Di Maio ad accettare di cedere il passo agli altri e tornare a cercarsi un lavoro? Oggi Toninelli ha detto di essere stato il ministro che nella storia ha fatto più di tutti: come possiamo pensare che questi lascino dopo due mandati? Saranno politici a vita come quelli che c’erano trenta o quaranta anni fa. A meno che come dice Francesco qualcuno con il consenso della gente intorno a noi non faccia partire iniziative e decisioni dal basso, da quel popolo ( che poi siamo noi) tante volte preso per i fondelli. Vedremo se ne saremo capaci, ogni anno praticamente si vota.

  4. Una bella riflessione da meditare , apprezzo che Francesco ci abbia messo la faccia. In genere la gente tace e mugugna, dando sempre la colpa a qualcun’altra. Evviva la lealtà e il coraggio.

  5. Sono d’accordo con Alessio. Quando uno con esperienza e competenza si esprime a cuore aperto va ascoltato e rispettato. Nitro poca fiducia sul fatto che la politica ceda il passo ai giovani. Il Recovery fund in effetti si chiama Next generation eu ma nessuno farà nulla per le giovani generazioni. Figuriamoci se accettano il limite del doppio mandato: i politici di oggi sono persino più avidi di quello di ieri. Vogliono prendere tutto, soldi e potere. Ma se c’è chi si batte per cambiare abbiamo ancora qualche speranza. Dovremmo tirare fuori attributi e coraggio e scegliere e sostenere persone oneste e per bene. Invito Francesco a non sedersi sulla panchina a leggere il giornale ma a continuare a diffondere le sue idee. Troverà certo chi lo appoggia

  6. Bella riflessione di Francesco che conosco da quando eravamo compagni di scuola. Scrive cose che tutti pensiamo, interpella con coraggio la politica, si esprime in modo chiaro e con proposte precise. Una in particolare, quella del doppio mandato, finora è stato un cavallo di battaglia di un movimento politico.
    Vediamo se saranno coerenti.
    Ma noi che abbiamo gente in gamba dobbiamo appoggiarla e sostenerla.
    Francesco c’è una cosa che ti rimprovero: di non averlo fatto prima. Con la tua esperienza e competenza forse non saremmo ridotti così, come dici tu succubi a vita.
    Facci un pensierino e vai fino in fondo, ti conoscono in tanti e sei stimato da ogni parte politica.
    So che hai avuto un curriculum professionale di tutto rispetto, oggi scrivi su riviste e quotidiani prestigiosi.
    Hai una dimensione di conoscenza nazionale dei fatti del nostro tempo. Saresti l’uomo giusto per sollevare le sorti di questa sfortunata ma non colpevole delegazione. Noi ce ne siamo sempre stati delle promesse che poi si sono rivelate fregature. Ma il tempo passa e non possiamo perdere l’ultimo treno.
    Io ti appoggio e spero lo facciano in tanti. Preparati per il prossimo pit- stop

    • Sono totalmente d’accordo con Luigino.
      Uno degli amici della mitica piazza di Palmaro che condivide ciò che ha scritto Francesco.
      E’giunta l’ora di farsi avanti. Se c’è ne sono anche altri ancora meglio. Ma che siano Praini doc

  7. Ricorcando gli anni della nostra adolescenza anche io mi unisco a quelli che ti apprezzano e ti invitano a fare un passo avanti.
    Ci siamo parlati recentemente e so che il tuo cuore batte per Prà e Palmaro, dove sei nato.
    Conosci i problemi di questo ponente martoriato e la pazienza infinita della nostra gente.
    Spero che la cittadinanza ti spinga e sia solidale con le tue idee

  8. L’articolo ben evidenzia il degrado della politica e insieme il desiderio comune dei cittadini di un governo valido e capace . Tra le parole si nasconde forse la velleità di entrare in politica? Buona domenica

    • Magari cara Nadia Francesco Provinciali si decidesse a fare il passo di entrare in politica! Sarebbe una bella notizia per Prà e il ponente da troppi anni orfani e cenerentole della politica che conta.
      Conoscendolo come professionista della scuola e poi della giustizia minorile penso proprio che saprebbe rappresentarci bene e con onore.
      Abbiamo bisogno di tutele e il Dott. Provinciali sarebbe la persona giusta al posto giusto. Spero che presto venga l’occasione di sapere se è un progetto realizzabile e soprattutto se lui è disposto. Penso che non avrebbe nulla da invidiare a nessuno, soprattutto considerando il livello rasoterra dei politici attuali

  9. Cosa aggiungere Francesco, la ciliegina sulla torta, capo dell’Imps, che poverino ha deciso che ha bisogno dell’aumento di stipendio….

  10. Il nome è noto e valido: ci vorrebbe un programma legato ai problemi di Prà e un accordo con il Ponente per avere più forza.
    Ma sono solo ipotesi penso per ora.
    Bisogna vedere per cosa si vota la prossima volta.
    E poi si fanno i conti con i voti che servono. Ma se le liste le fanno i partiti e non si esprimono preferenze, se quelli di adesso non mollano la poltrona, sarà dura anche se fattibile. Dipende dalla nostra volontà e dalla nostra forza. Ma ora è fantapolitica e abbiamo appena votato

  11. Ringrazio chi ha avuto la pazienza di leggere la mia lettera.
    Scrivere è una passione gratuita senza scopi reconditi.
    Mi gratifica, sperando che non metta a dura prova la pazienza dei lettori.
    Mi aiuta a conoscere, capire, cercare di essere migliore.
    La politica è un interesse prevalentemente culturale, recentemente ho pubblicato scritti su Zygmunt Bauman, il reddito di cittadinanza, il senso civico degli italiani, presto usciranno due riflessioni su Max Weber e Charles De Gaulle.La politica offre molti spunti di riflessione e di critica: diciamo che in Italia è una cosa sui generis.
    Finora tutto qua. Non sono iscritto ad un partito e confesso di non avere le idee molto chiare: sfido qualcuno a dimostrarmi il contrario. Dopo il tramonto delle ideologie cosa vuol dire concretamente essere di destra o di sinistra?
    Trovo che tutto sia intercambiabile, come i nostri governi ad esempio.
    In ogni caso sono convinto che ci siano persone più in gamba per eventuali candidature. Ciò non significa chiudersi in un fortino e non avere contatti esterni e una visione delle cose, che credo debba essere misurata e condivisa.
    Le vie della Provvidenza sono infinite e anche quelle che portano a Genova o a Roma lo sono spesso…Grazie di cuore a tutti.

Rispondi a francesco Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*