LENZE KILLER

La Redazione: riceviamo e pubblichiamo.

Sappiamo tutti che le coste liguri sono estremamente urbanizzate; le case e le strade arrivano talvolta a lambire il mare e, spesso, delimitano i confini dei nostri torrenti.
In questo contesto conosciamo bene le spiagge dove andiamo a fare il bagno d’estate o le rive dei corsi d’acqua dove molti si dilettano con la canna da pesca.
Quello che non tutti sanno, però, è che questi residui di Natura, stretti tra le opere dell’uomo, sono luoghi vitali per la sopravvivenza di un gran numero di uccelli.
La Liguria si trova proprio lungo alcune rotte di migrazione e le sue coste costituiscono un approdo importantissimo per tanti migratori che la percorrono in tutta la sua lunghezza o che arrivano dall’Africa dopo un estenuante e pericoloso sorvolo del Mediterraneo.
Esattamente come per noi uomini, quando d’estate percorriamo le autostrade e ci fermiamo negli autogrill, le foci dei fiumi, e le coste in generale, sono luoghi che gli uccelli migranti utilizzano per riposarsi, trovare qualcosa da mangiare e rifugiarsi se il tempo è inclemente.
Ma anche nei mesi invernali queste residue aree naturali offrono, agli uccelli che fuggono dalle rigide temperature del nord Europa, un luogo dove sopravvivere più facilmente.
E’ un via-vai poco evidente, quasi inavvertibile agli occhi di chi non cerca con attenzione queste presenze alate.
Noi birdwatchers, che monitoriamo questi siti da decenni, conosciamo bene tutte le specie, anche rare, che visitano la nostra regione e, naturalmente, cerchiamo di fare del nostro meglio per difenderle.
Difenderle significa, prima di tutto, tenere sotto osservazione lo stato dell’ambiente, il grado di inquinamento dell’acqua, l’equilibrio sempre precario tra il cemento e la Natura.
Ma ci sono anche altri pericoli, poco conosciuti eppure terribilmente micidiali per l’ornitofauna.
Uno di questi è costituito dalle LENZE DA PESCA, spesso abbandonate sul territorio dai pescasportivi che, forse, ne ignorano il potenziale distruttivo.
Sempre più di frequente ci capita di trovare esemplari che rimangono impigliati in queste vere e proprie “trappole” , con ami conficcati nelle zampe o addirittura ingoiati per errore.
Nella maggior parte dei casi questo significa, per gli individui che ne sono vittime, una morte lenta ed atroce.
Nel tentativo di liberarsi, infatti, gli uccelli non fanno altro che peggiorare la loro condizione perché i fili da pesca serrano sempre di più gli arti, bloccano la circolazione, provocano mostruosi gonfiori e terribili infezioni. Gli ami inghiottiti sono causa di lesioni interne, soffocamento, indicibili sofferenze.
Spesso l’esemplare non riesce più ad alimentarsi, non può cacciare o sfuggire ai vari predatori.
Purtroppo, anche quando individuiamo una di queste bestiole ancora in vita, non sempre riusciamo ad aiutarla perché, sino a che ne ha la capacità e la forza, segue l’istinto di fuggire l’uomo, volandosene via.
E’ stato il caso del PIOVANELLO VIOLETTO che ha svernato per diversi giorni, tra dicembre 2015 e gennaio 2016, sul litorale di Pegli.
Si tratta di una specie molto rara, nidificante lungo le coste rocciose della tundra scandinava, che solo occasionalmente può raggiungere le nostre latitudini.
Birdwatchers provenienti da molte regioni italiane si sono precipitati a vederlo e fotografarlo ed è stato subito chiaro che l’uccello aveva un problema: una lenza da pesca arrotolata attorno alle zampe ed un amo conficcato in una di esse. La povera bestiola riusciva ad alimentarsi saltellando su una sola zampa ma era evidente il suo stato di sofferenza ed il progressivo indebolimento. Purtroppo ogni tentativo di cattura è stato vano perché riusciva sempre a volare via senza apparenti problemi. Non sappiamo con certezza che fine abbia fatto ma è sicuro che in quelle condizioni aveva i giorni contati. Come LiguriaBirding, nodo dell’associazione nazionale EBN-Italia, abbiamo deciso di mettere in atto una piccola, ma speriamo utile, campagna di SENSIBILIZZAZIONE rivolta ai pescasportivi che frequentano la nostra regione. Si tratta di un volantino che riassume quanto qui esposto, corredato da immagini eloquenti sui danni provocati da quelle che noi abbiamo battezzato LENZE KILLER.
Vogliamo, anche tramite le pagine di questo giornale, lanciare l’esortazione che campeggia sul manifestino:
Amico pescatore, non abbandonare i tuoi ami e le tue lenze sul territorio!

a cura di LiguriaBirding
“il birdwatching in Liguria”
www.liguriabirding.net

2 Comments

  1. Contributo utile e qualificato dei nostri amici che amano la natura, tutti quanti dobbiamo adoperarci per evitare incidenti potenzialmente letali per questi bellissimi esemplari di uccelli marini!
    Le foto suscitamo emozione, tenerezza, dispiacere per l’avifauna che abita il nostro territorio, peraltro in numero cospicuo ed in molte varieta’ costiere, stanziali e migratorie.

Rispondi a Barbara Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*