Le meraviglie del colore: un nuovo grande murales all’ingresso della stazione

Luciano Bozzo#

Nella primavera di quest’anno hanno già realizzato il grande e bellissimo murales che adorna la facciata delle palazzine del Centro Remiero e che rappresenta due bambini intenti a giocare con una piccola barca a vela. L’anno scorso invece avevano portato la magia del colore nel sestiere di Cà Nova realizzando anche lì alcuni pregevolissimi grandi dipinti su muro, uno dei quali ricorda la figura di Don Andrea Gallo, che nei suoi ultimi anni di vita aveva saputo creare un particolare legame di affetto e di amicizia proprio con questo quartiere praese.
Drina A12 e Giuliogol sono i nomi d’arte di questi due artisti del murales che evidentemente vogliono molto bene a Pra’ se è vero che continuano a portare gratuitamente la loro sapiente e sorprendente arte della pittura di strada in vari luoghi della nostra delegazione, abbellendo e rendendo mirabili e degni di attenzione angoli che invece in alcuni casi inizialmente di bello non hanno proprio nulla.  E uno di questi luoghi è il grandissimo muro bianco di cemento che conduce al sottopassaggio della stazione ferroviaria, obiettivamente una bruttezza resa talvolta ancora più squallida da scritte stupide e da assurdi sgorbi da bombolette spry senza arte nè parte.

Drina A12,  Roberto Ferrando e Giuliogol
Drina A12, Roberto Ferrando e Giuliogol

Da alcuni giorni  Drina A12 e Giuliogol stanno lavorando su questa “infinita” distesa di cemento per realizzare un nuovo grande murales il cui soggetto sarà evidentemente a tema con la vicina stazione ferroviaria.  Al termine dei lavori potremo quindi ammirare un nuova opera che non mancherà di destare l’interesse e l’ammirazione non solo dei Praesi ma anche dei tanti viaggiatori e pendolari che utilizzano abitualmente il treno ed i parcheggi del Piazzale Brigata 334 est SAP.
Inoltre la presenza di questo nuovo grande affresco a poca distanza da quello che fa già mostra di sè sull’altro lato dello stesso piazzale ed unitamente a quelli che si possono ammirare lungo i tornanti di Cà Nova avvicineranno Pra’ al novero dei tanti paesi dipinti che, specie negli ultimi anni, si stanno diffondendo sempre più nelle regioni del Nord Italia così come anche nel Centro ed in Sardegna e che rendono questi paesi una meta di particolare interesse ed attrattiva turistica.
L’idea dei murales è stata sostenuta con entusiasmo dal Municipio VII Ponente ed è stata portata avanti in particolare dal Consigliere Roberto Ferrando, il quale ha trovato da subito nei due artisti una eccellente disponibilità e collaborazione; il gruppo Boero, Gaggero Costruzioni e Coop Liguria hanno generosamente messo a disposizione ponteggi, vernici e risorse varie perchè si potesse donare ai due lati del grande piazzale la magia del colore mentre si sta cercando di ottenere l’aiuto di Rete Ferroviaria Italiana per riuscire a proteggere questo nuovo affresco dalle future possibili minacce di vandali, stupidi e devastatori vari che ahimè, oltre a non avere il minimo senso estetico e la minima forma di rispetto del bene pubblico, come è risaputo.. purtroppo non mancano mai.

"Giuliogol" Centanaro all'opera per il nuovo affresco
“Giuliogol” Centanaro all’opera per il nuovo affresco
Il grande murales del Centro Remiero
Il grande murales del Centro Remiero

4 Comments

  1. Sono stupendi! Bravissimi gli artisti Drina e Giulio, un plauso al consigliere Ferrando che ha trovato per noi questi geniali decoratori, che come sottolinea l’autore, riescono ad infondere grazia e carattere ai muri spogli nel nostro territorio. Anche gli sponsor sono da ringraziare, finalmente un progetto corale degno di interesse, nessuno che dica NON SI PUO-NON CI SONO I SOLDI-DOBBIAMO FARE LA GARA- ecc ecc.
    Vale e conta, la volonta’ di fare: sono molto in sintonia con la visione di una Pra’ costellata di grandi affreschi murali, frequenti non solo nel territorio nazionale, ma anche nelle grandi citta’ nordeuropee e non solo.
    Credo che queste opere vadano “ferocemente” protette e tutelate dai vandali…Troveremo il modo.

  2. Tempo fa, forse in occasione del dipinto che prendeva vita sulla facciata di una delle palazzine del centro remiero, scrissi che mi sarebbe piaciuto veder comparire murales sugli spazi a cemento di Pra’ … ed ecco qui, sul muro a vela antistante la nuova stazione si sta realizzando una magia. Ottima l’idea, da ripetere ove possibile. Bravissimi gli autori. Mi auguro altrettanto efficace il piano di prevenzione contro gli incivili che scelgono gli spazi comuni per “comunicare” o lasciare una testimonianza della propria “arte”: i graffiti non autorizzati, anche quelli che pure rivelano maestria, non sono espressione artistica … sono reato. Prima che perseguito, andrebbe, come si vorrebbe fare con la collaborazione delle Ferrovie, prevenuto … esistono vernici protettive repellenti, ci sono casi in cui si possono piantare rampicanti o porre ostacoli che impediscano l’accesso alla superficie … posso chiedere come si intende procedere? Speriamo l’iniziativa continui. Gli spazi a disposizione sono tanti, anche sulle facciate “cieche” delle vecchie case dei pescatori che, ad esempio, potrebbero “raccontare” la storia della nostra Delegazione con dipinti attinenti la sua tradizione marinaresca. Nel frattempo, mi unisco ai ringraziamenti per il quadro che sta nascendo, con abilità e passione, questa si, per l’arte. Buon lavoro!!!

  3. È la strada giusta. Gli sponsor sono la soluzione. Anche per il mantenimento del verde pubblico. Un grazie enorme ai due artisti. Mi auguro che qualcuno premi la loro bravura concretamente. Se lo meritano. Grazie di nuovo.

  4. Trovo veramente belli questi dipinti che adornano la nostra Prà.
    All’inizio ero la prima scettica, ma mi sono ricreduta e sono oggi ben felice che l’opera sia stata replicata anche sulla bianca, anonima e industriale vela bianca antistante la stazione (che di suo non è molto bella…).
    Spero davvero che si possa provvedere e ripetere nuovamente per altri spazi comuni e muraglioni di cemento così tristi e desolanti nel loro grigiore, l’emblema di una periferia abbandonata, spesso colonizzata da vandali e incivili.
    In certi casi, artisti non ufficiali hanno portato un po’ di colore con le loro scritte, in altri i muri sono diventati un guazzabuglio di frasi, offese e scritte.
    spero che le Ferrovie provvedano a proteggere adeguatamente le opere d’arte che ora abbelliscono anche i loro muri

Rispondi a Nicolina Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*