L’autostrada è…nuda !

Anche i Cavalieri della Repubblica segnalano la paradossale situazione del casello dal nome sbagliato, questa volta al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella

Velocifero#

Così come il bimbo della celebre frase della fiaba “I vestiti nuovi dell’Imperatore”, del danese Hans Christian Andersen, gridò, fra lo sconcerto generale “Il Re è nudo!”, è ora la volta dei Cavalieri della Repubblica Praesi a gridare la verità, e cioè che “La Società Autostrade è…nuda!”. Si è ormai ridotta ad una comica l’incredibile vicenda di una Società Autostrade che, avendo marchianamente sbagliato l’attribuzione della denominazione al casello costruito a Pra’, continua a cercare in ogni modo e maniera di aggrapparsi ad ogni cavillo per ostacolare l’affermazione della realtà, della giustizia e dell’onor del vero che i Praesi, da anni ormai, chiedono a gran voce. In occasione dell’ultima puntata della patetica vicenda, che data 10 Dicembre 2014, in un incontro presso la Regione Liguria, la Società Autostrade, messa alle strette, ammetteva che sì, è vero che il casello si trova a Pra’, e che l’AISCAT ha finalmente dato parere favorevole alla correzione del nome in: “Casello di Voltri – Pra’ ”, a condizione però che venissero rimborsati i costi da sostenere per la sostituzione delle targhe autostradali, per l’importo di circa 8.000 Euro. La FondAzione PrimA’vera, che partecipò all’incontro, rilevò come fosse surreale che la Società Autostrade, che fa parte di un gruppo che fattura più di 4 miliardi di Euro all’anno, consolidando profitti stellari in termini di Ebit di oltre il 40 % chiedesse a dei cittadini, (peraltro danneggiati nella loro immagine ed identità proprio dagli errori di attribuzione del nome del casello da parte della stessa Società Autostrade) di pagare per rimediare ai propri errori.
Il Presidente del Municipio di competenza, Mauro Avvenente, concordò in pieno con la FondAzione. Venne ribadito ulteriormente che, dopo decenni di denominazioni sbagliate, il casello potesse ricevere solo una e ben precisa denominazione, quella esatta, e cioè “di Pra’ “, manifestando comunque la disponibilità, per assecondare la Società Autostrade nei suoi inconcepibili timori “di disorientare l’utenza” (anche se, a quanto pare, la suddetta società non si è mai timorata nel “disorientare l’utenza” chiamando il casello con il nome totalmente sbagliato “di Voltri”, ma cosa ci volete fare, così gira il mondo…N.d.R.) a mantenere per un periodo limitato di massimo un anno la doppia denominazionme “di Pra’-Voltri”.   Da allora, come da tradizione purtroppo consolidata da società Autostrade, niente di fatto. Però, nel frattempo, un timido, positivo, segnale, è arrivato da Società Autostrade, con la comparsa di cartelli “Genova Voltri-Pra’ “, posti recentemente alle porte di ingresso del casello di Pra’.

I nuovi cartelli al casello di Genova-Pra'.
I nuovi cartelli al casello di Genova-Pra’.

Ma torniamo ai nostri cavalieri. A settembre è toccato proprio a tre Cavalieri della Repubblica di Pra’, Nicolò Bozzo, Luigi Mori e Guido Barbazza, prendere l’iniziativa per sanare finalmente questa profonda ingiustizia. Preso carta e penna hanno chiesto l’intervento del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, «anche per la Sua insigne prerogativa di Gran Maestro dell’Ordine di riferimento» per «un decisivo ed autorevole aiuto e sostegno, completando l’opera di giustizia avviata dal suo predecessore, intervenendo con la Società Autostrade affinchè siano sostituiti i cartelli indicatori posti all’entrata ed all’uscita del casello autostradale in predicato con altri recanti la giusta indicazione “di Pra’ “, consolidandone così finalmente la corretta denominazione ufficiale “di Pra’”. La gente lo chiede da decenni, in tutti i modi che la democrazia gli consente, per non dover continuare a subire, oltre ai pesanti danni per la perdita di pregiate colture di basilico ed espropri per la realizzazione del tratto, dello svincolo autostradale e del casello, e tutti gli ulteriori oneri ed i disagi derivanti da inquinamento e rumore, anche la paradossale situazione di vedere il proprio casello chiamato con il nome di una località limitrofa dove, sia di svincolo, sia di casello, non se ne trova, letteralmente, neanche un centimetro», «eliminando così l’ultimo obbrobrio toponomastico che ostacola il ristabilimento della giustizia, della realtà e dell’onore del vero nel nostro martoriato territorio, che tanto ha pagato nel nome del progresso e delle grandi opere a vantaggio della collettività genovese ed italiana». Con la lettera dei Cavalieri al Presidente della Repubblica cade l’ultimo brandello di tessuto, lasciando la Società Autostrade, come ritratta magistralmente in vignetta dal valente disegnatore praese Raimondo Műrer, nuda di fronte alla realtà, e cioè, che il casello si trova a Pra’ e si può e deve chiamare solo…di Pra’.

2 Comments

  1. Bravissimi Cavalieri!

    Speriamo che Il Presidente Mattarella accolga la nostra richiesta e la verità storica e geografica venga finalmente ristabilita.
    Le scuse di Autostrade sono veramente penose, ed ancor più assurda la pretesa che siano altri a pagare il loro marchiano errore.
    Così va il mondo, dice giustamente Velocifero, ma la goccia scava la roccia! Basta: uscita autostradale di PRA’.

  2. Questi della Società Autostrade fanno veramente pena. Sarebbe ora che la loro direzione prendesse prevvedimenti verso i rappresentanti locali che danneggiano pesantemente l’immagine della società con un comportamento ridicolo e a i confini della realtà. Speriamo che il Presidente Mattarella segua l’esempio di Napolitano per il nome del porto e gli dia la sveglia.

Rispondi a elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*