La Signora in Giallo

La Liguria, insieme alla maggior parte delle regioni, ritorna al “colore” meno restrittivo

Elis@Provinciali –

Gli alunni della P. Thouar

Con un sospiro di sollievo, ed in buona compagnia con la maggior parte del Paese, possiamo ritornare ad una vita più normalizzata e libera; da lunedì primo Febbraio, non è più reato sedersi a prendere un caffè, o andare al ristorante, mentre anche i musei si riaprono al pubblico.e presto si potrà andare anche a sciare. Ciò consentirà un po’ di ripresa per i suddetti comparti, economicamente in ginocchio, e darà a tutti noi una virata verso il buon umore. Purtuttavia, i TG ci rimandano immagini preoccupanti, già dalla domenica precedente migliaia di persone hanno anticipato i tempi, riversandosi per le strade dello shopping e della movida, facendo così scattare l’allarme e l’ammonimento del Comitato scientifico. Le lezioni sembrano non servirci mai: dopo un ferragosto di aperture indiscriminate, un Natale e un Capodanno altalenanti nell’avvicendamento dei colori e nelle restrizioni o nelle deroghe , ora ci aspetta un Carnevale da liberi tutti? Speriamo davvero di no, perchè si possono celebrare le ricorrenze senza perdere la testa, pur se i messaggi che il Governo ci invia rischiano di disorientarci; si potrebbe pensare che i politici ricerchino più il consenso, che la reale aderenza alle indicazioni della scienza! Nella gestione della pandemia tanti errori sono stati commessi, ma ciò e’ accaduto in molti paesi dell’Unione e del mondo: gli ospedali versano in preoccupante carenza di medici ed infermieri, i dispositivi di protezione ci sono a giorni alterni o vengono acquisiti con procedure oscure, altrettanto dicasi sulla fornitura dei vaccini. Abbiamo visto contratti EU con le case farmaceutiche zeppi di imbarazzanti “omissis”, e dopo un’inizio molto buono, sono iniziate le     disfunzioni: ritardi nelle consegne, protocolli di conservazione complicatissimi, il preparato AstraZeneca, a cui l’Italia ha concorso nello studio e produzione, ha rivelato una ristretta finestra di utilizzo, ovvero da 18 a 55 anni (solo da noi!), lasciando quindi scoperta la fascia a rischio, ovvero dai 55 agli 80 anni. Saltano quindi le previsioni iniziali. Intanto il genoma del virus galoppa a tutta velocità verso pericolose mutazioni …mentre il commissario Arcuri parla di “Primule”, strutture dedicate per il piano vaccinale. La gente pensa:<<Inutile perdere tempo a costruirle ex novo, abbiamo centri, ambulatori, ospedali militari, studi medici e farmacie già dotati di elettricità, refrigerazione, arredi e quant’altro serve>>. Le primule piacciono sui vasi dei terrazzi, o nei prati , ma davvero, appare ai più un’inutile spreco di risorse, (che si accompagna ai banchi a rotelle ed ai monopattini).
 Ed a Pra’, nostro amato paese, cosa accade in questa nuova fase? Da fonti Municipali , nulla da segnalare, ovvero non si sono verificati finora, i temuti assembramenti, e ciò viene confermato da molti negozianti, in particolare una cittadina esercente in Pra’-Palmaro rileva che <<Anche se siamo in zona gialla, la gente si comporta ancora come fossimo in arancione, non vedo mai nessuno senza mascherina, entrano uno alla volta, sono disciplinati…>>Un’amica mi racconta di essere andata al bar, e di aver notato ordine e rigore, << La bustina dello zucchero, i tovagliolini ce l’hanno dati a parte, sui tavolini non c’ è nulla >> Un utile provvedimento per evitare contatti indesiderati. Ed i ragazzi?
L’Istituto comprensivo scolastico di Pra’ , dove gli alunni frequentano in presenza, ha effettuato uno screening di tamponi, nei tre plessi, tanto sugli alunni, che sui Docenti e personale ATA: una fonte accreditata presso la scuola ci assicura che sono risultati tutti negativi. Per quanto riguarda ristoranti, pizzerie e bar, il comparto versa sicuramente in crisi, ma adesso le riaperture consentono almeno , fino alle 18, di pranzare o rifocillarsi ai tavoli, opportunamente distanziati, molto riferiscono che non e’ il massimo, ma dopo la lunga chiusura, è un inizio , che consente di non chiudere e fare un po’ di cassa. <<Anche gli asporti non sono andati male >> confida un’operatore, pur lamentandosi della pandemia che alla fine, lascerà tanti caduti sul terreno, ovvero serrande definitivamente chiuse,e speriamo siano poche. Abbiamo sentito alcuni medici di base a Pra’ o meglio MMG (Medici di Medicina Generale), i quali recentemente si sono incontrati con le autorità regionali per il piano vaccinale. Orbene, ci troviamo ancora in fase 1 (soggetti medico sanitari e residenti RSA), che com’è noto , richiede dose più richiamo, dopodichè a partire dal 15 febbraio indicativamente, si apriranno le prenotazioni per gli over 80.<<Si tratta circa di 170.000 persone, esclusi coloro gia vaccinati nelle residenze sanitarie e coloro che rifiutano. Si potra’ prenotare tramite Cup, Call center, Farmacie , MMG, si farà poi il vaccino in postazioni Asl dedicate, escludendo a priori che lo possano somministrare i medici di famiglia in studio, (per le problematiche relative alla conservazione a -80 gradi.) La Regione Liguria a febbraio, dispone di 20mila dosi, pertanto si prevede occorrano tre mesi per coprire questa fascia di pazienti fragili, di cui una parte a domicilio.>> Mi sembra di capire che arriviamo a aprile, purtroppo! <<Si, ma nella seconda fase, forse si farà piu’ presto, perchè il vaccino Astra Zeneca, destinato al range 18/55 anni, insegnanti, studenti, forze dell’ordine, guarde carcerarie ha meno esigenze di refrigerazione. Infine, coloro che sono rimasti fuori, ovvero 55/80 anni, potranno ricevere un antidoto adatto, ed è allo studio che lo possano somministrare i MMG, potrebbero arrivare altri vaccini più semplici da conservare>> Magari le due tipologie possono avvenire in contemporane, ma effettivamente, trattasi di un piano complesso, per tutta Italia, complicato dalle dosi che non arrivano regolarmente. Invece come va il drive -trough sulla Fascia di Rispetto di cui abbiamo già parlato al suo esordio? <<Bene, regolare, ovviamente l’accesso è un po’ diminuito, siamo sui 20/30 test molecolari (i più precisi), al giorno, probabile che anche i vaccini verranno somministrati qui ; non basterà questa sede, abbiamo esaminato anche il Palamare ed altre potenziali strutture >> Si capisce che sono indicazioni di massima, pronte ad essere adattate alle circostanze.
Infine, dalla Polizia Locale che presidia il nostro territorio, ci giunge l’autorevole osservazione di un’ esponente e concittadino di rilievo il quale ci informa:<<La situazione su Pra’ è relativamente soddisfacente, non mancano sporadici episodi di inosservanza delle disposizioni ministeriali, ovvero mancati dispositivi di protezione individuale ed abbiamo riscontrato un certo calo dell’attenzione, in Fascia di Rispetto, Parco Dapelo e zone collinari. Raccomandiamo pertanto la massima osservanza delle regole, perchè “zona gialla” non significa affatto che il rischio sia diminuito. L’errata percezione di quanto è ad oggi in essere,è l’errore più grande che si possa fare. Le persone non devono pensare che siamo fuori dal rischio>>
Con questo avvertimento, ad una settimana dalle nuove norme, ribadiamo allora l’attenzione per tutti, facendo leva sul senso di responsabilità individuale…i praesi hanno dimostrato resilienza e costanza, quindi comportiamoci bene, WHATEVER IT TAKES!

4 Comments

  1. I bimbi ci insegnano il coraggio e la serenità, anche in questa fase difficile. Bene questa informativa sulla nostra realtà, vicina a noi, che anche a me appare abbastanza positiva. Teniamo le dita incrociate, e la mascherina indossata!

  2. Grazie Elisa che, vista la mia lontananza, mi tieni informata sugli avvenimenti della “Mia” Pra’…come sempre articolo interessante.

  3. Come sempre Elisa ci hai esposto per filo e per segno la situazione reale della nostra regione ponendo L accento su quanto in realtà avviene nonostante L allentamento. Purtroppo i dati a volte smentiscono ciò che di fatto in alcune aree si è riscontrato e cioè L aumento delle positività. Sta a noi singoli cittadini cercare sempre (e di fatto lo facciamo) di rispettare le regole . Per noi e per gli altri. Che dire di quel meraviglioso disegno fatto dai bambini? Io dico che quando si spiega ai bambini com è la situazione , capiscono più degli adulti. Si spera che con il vaccino finisca quest’incubo anche se purtroppo si legge di troppi individui sui social che sono contrari .

  4. Un’ottima analisi della situazione, che non lascia ombre né spazio ad equivoci.
    A distanza di quasi un anno da quel marzo in cui l’Italia si è fermata, quando le sirene delle ambulanze erano l’unico rumore che si sentiva in giro, quando il mondo ci guardava e proiettava il Tricolore sui grattacieli e sul Cristo Redentore, ci siamo quasi abituati a questo continuo apri ma non troppo, chiudi ma vai a lavorare, bevi il caffè ma da seduto, prendilo in piedi ma fuori dal locale, compra questo ma non quello.
    E dopo mesi e mesi forse, malgrado le varie lungaggini e burocrazie, i vaccini arrivano, i fondi UE anche.
    Dopo la tempesta, si deve cominciare a ricostruire. Ripartiamo.
    WHATEVER IT TAKES.

Rispondi a Claudio Repetto Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*