La Proposta – A Pra’ l’Accademia della Marina Mercantile

Velocifero

A Pra’ l’Accademia Italiana della Marina Mercantile; in particolare, una sua sede secondaria, distaccata ed alternativa / specializzata della sede principale di via Oderico, in quel di Genova – Albaro, da realizzarsi adattando allo scopo la Villa Podestà, che si trova vuota ed inutilizzata da anni, dopo un ingente impiego di risorse pubbliche per la sua ristrutturazione. E’ l’ultima proposta della FondAzione PrimA’vera che si sviluppa nell’ambito della visione “Pra’ Futura”, e si basa su quattro considerazioni logiche. Primo, la connotazione territoriale: l’edificio di Villa Podestà fa parte della storia e dell’identità della comunità e del territorio di Pra’ e costituisce l’ultimo lembo rimasto di quelli che un tempo erano i terreni della Famiglia Podestà, intimamente legata ed affezionata a Pra’, devastati da scelte urbanistiche (quartieri collinari di Cà Nuova, porto, linee ferroviarie e casello autostradale) ad alta invasività e che hanno penalizzato pesantemente il territorio e la comunità locali. L’edificio fa quindi parte del patrimonio pubblico con forte connotazione locale e farebbe piacere vederlo uscire dallo stato di totale inutilizzo ed abbandono in cui versa da anni senza assistere a potenziali destinazioni di dubbia utilità pubblica e territoriale.

Villa Podesta’ – Pra’ sede secondaria ideale per l’Accademia Marina Mercantile

Mentre nelle delegazioni limitrofe di Pegli e di Voltri sono presenti istituti scolastici superiori, a Pra’ non ce ne sono: l’Accademia della Marina Mercantile è un’ottima opportunità per colmare la lacuna. Secondo, la logistica: la villa Podestà si trova in posizione ottimale per una destinazione scolastica, essendo situata a pochi metri dal casello autostradale di Genova-Pra’, a pochi metri dalla linea “1” di Bus AMT e a poche decine di metri da quella che sarà tra pochi anni la fermata ferroviaria “Metro-Genova” di Pra’-Palmaro. La villa dispone inoltre di parcheggio riservato. Terzo, la vicinanza con le navi ed il porto: la villa si trova di fronte al Bacino Portuale di Pra’, quindi contigua ad un ambiente marittimo / portuale che renderebbe estremamente facile organizzare visite ed esperienze pratiche per gli allievi sia a bordo delle navi, sia presso il terminal container PSA. Sarebbe l’unica sede dell’Accademia della Marina Mercantile non solo con “vista mare”, ma anche con “vista navi” e “vista porto”. Quarto, la sinergia con il terminal container: la vicinanza con il terminal container gestito da PSA Singapore e del Pra’ Distripark Europa porterebbe importanti sinergie e simbiosi, specie alla luce dell’innovazione e dell’automazione che caratterizzeranno sempre di più le attività portuali, con prevedibile sempre maggiore richiesta di personale altamente specializzato, per cui nella villa Podestà porterebbero in futuro anche essere formate le professionalità necessarie all’esercizio del terminal stesso.

Villa Candida, sede Accademia della Marina Mercantile                           

L’Accademia Italiana della Marina Mercantile, presieduta da Eugenio Massolo, ha iniziato le attività presso la sede di villa Candida, in Albaro, il 14 Ottobre 2005, ed ha la missione di offrire alta formazione e training per il personale marittimo di bordo e di terra, gli operatori a livello manageriale e operativo nell’ambito del cluster marittimo. L’Accademia prevede inoltre attività di prima formazione, formazione continua e adeguamento alle discipline marittime di titoli di studio non nautici. Il 6 Dicembre 2006 è stata inaugurata la sede secondaria di Villa Figoli, in Arenzano, centro di formazione per “l’hotellerie” di bordo. Daniela Fara, Direttore Generale dell’Accademia ha accolto con favore la proposta della FondAzione, «confermando l’interesse ad effettuare congiuntamente una visita presso la villa per accertare, innanzitutto, se l’edificio può essere idoneo allo svolgimento delle attività istituzionali dell’Accademia». Mauro Avvenente, Presidente del Municipio VII Ponente, ha dichiarato che «l’ipotesi di trasferimento dell’Accademia della Marina Mercantile nella villa, rappresenterebbe una benedizione “Divina”, che sarebbe accolta con entusiasmo da Istituzioni locali e cittadinanza». La villa Podestà è di proprietà della Citta Metropolitana di Genova, che peraltro risulta tra i fondatori proprio dell’Accademia della Marina Mercantile. Tutti a Pra’, e non solo, augurano pertanto che anche la Città Metropolitana, tramite il Dirigente del Servizio Patrimonio e Provveditorato, Stefano Salvarani, che fin’ora si è dimostrata “tiepida” nei confronti della proposta avanzata dai Cittadini di Pra’ tramite la FondAzione garantisca pieno supporto e collaborazione per l’operazione.

 

 

4 Comments

  1. Fantastico. Una scuola superiore, anzi persino di un livello più alto delle superiori visto che l’Accademia viene dopo l’Istituto Nautico, sarebbe una cosa molto positiva per Pra’, tutta Pra’ ed in particolare il circondario di villa Podestà ne trarrebbe vantaggio. Zolezi potrebbe persino ritornare ad essere un albergo vero, potrebbe essere riadattato a foresteria per gli allievi “di fuori Genova”, intorno a villa Podestà potrebbero aprire dei negozi…forza FondAzione !

  2. Ottima proposta. Come tutto ciò che è teso a connotare positivamente la nostra Delegazione, contribuendo a rivitalizzarla. In questo caso, più che mai, con “linfa nuova”. Come per altre situazioni in abbandono, spezza il cuore vedere un gioiello come Villa Podestà, edificio di pregio e testimonianza dell’antica bellezza del nostro territorio, versare nel degrado. Sporcizia, palme e alberature del parco trascurate, erbacce che addirittura travalicano la recinzione. Una vera tristezza per gli occhi. Per non parlare del disinteresse e della miopia con cui si lascia languire, inutilizzato, uno spazio che davvero potrebbe essere un fiore all’occhiello per l’intero Ponente, quale che sia la sua destinazione.
    Tutto il mio appoggio, forza e coraggio!

  3. Concordo con Paola, attenta lettrice ed abitante “consapevole” del nostro territorio…questa proposta e’ di grande valore per Pra’, oltre che perfettamente calzante per tutte le ragioni che Velocifero ha indicato.Avere una sede cosi’ prestigiosa potrebbe anche motivare a risolvere una volta per tutte l’area portuale che la fronteggia, al limite della decenza, inutilizzata, indecorosa ed abbandonata.Oltretutto, zona di confine della delegazione, e quindi pessimo biglietto da visita.
    Viceversa, con Villa Podesta’ restituita all’antico splendore ed utile alla cultura marina, ed una bella passeggiata davanti, un ingresso splendido in Pra’!

  4. Magari l’accademia venisse a Prà, sarebbe un’altro passaggio importantissimo per migliorare la nostra delegazione. Incrociamo le dita !

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*