La nuova toponomastica sulla Fascia di Rispetto

ATTUALITA'

Luciano Bozzo #

Passeggiata Cantieri Navali di Pra'
Passeggiata Cantieri Navali di Pra’

Già da alcuni anni la Fascia di Rispetto di Pra’ offre ampi spazi di piacevole vivibilità e costituisce oggi uno dei fiori all’occhiello del nostro paese. Nel canale di calma si praticano il canottaggio e la vela e crescono e si allenano giovani atleti di livello internazionale; lungo la passeggiata che costeggia il canale, nel Parco Achille Dapelo e sulla pista ciclabile ragazzi, famiglie e centinaia di Praesi possono vivere momenti di serenità, di riposo e di sport, privilegiando a seconda dei casi una tranquilla passeggiata all’aria aperta o invece la pratica del ciclismo e della corsa. Gli impianti sportivi presenti sulla Fascia, la piscina I Delfini così come il campo sportivo rappresentano elementi altamente qualificanti per il nostro territorio e sono fruite da un numero sempre maggiore di persone di Pra’ e del Ponente della nostra città  mentre la stazione ferroviaria e gli ampi spazi adibiti a parcheggio che si trovano all’interno della Fascia costituiscono invece un servizio indispensabile per migliaia di persone.  La Fascia di Rispetto è quindi davvero uno spazio bello ed intensamente vissuto dai Praesi così come è indubbio che diverse zone della Fascia, una tra tutte il parco Dapelo, meriterebbero di essere curate e mantenute in una condizione assai migliore dell’attuale; inoltre la Fascia stessa che con il suo verde ed i suoi impianti svolge una importante funzione di mitigazione e riqualificazione urbana, oggi limitata alla parte centrale di Pra’, andrebbe estesa anche a Levante nel sestiere di Longarello ed a ponente in quelli di Palmaro e Cà Nuova.   Eppure un’area così vasta e così frequentata finora non aveva assegnato alcun nome nè agli spazi della passeggiata lungo il canale di regata nè alle numerose stradine e piazzali che si possono attraversare tra il Palamare ed il Parco Dapelo; sin qui la toponomastica della Fascia è stata totalmente inesistente.  Proprio in queste settimane il Municipio, in prima istanza, ed il Comune come ente responsabile in sede definitiva di approvazione stanno facendo proprie diverse proposte di intitolazioni di piazze e spazi che sono state avanzate dai residenti e dalle associazioni presenti sul territorio.   Si incomincia sabato 6 dicembre con una cerimonia ufficiale di intitolazione del grande piazzale utilizzato a parcheggio di interscambio davanti alla stazione ferroviaria; su proposta dell’ANPI di Pra’ il piazzale verrà intitolato alla Brigata Partigiana 334 EST SAP, un gruppo di combattenti partigiani costituito in buona parte da Praini che operò proprio sul nostro territorio e nelle zone del Ponente genovese tra il 1943 ed il 1945.
Il piazzale circolare subito a levante della stazione, che ospita l’area di parcheggio pensata in funzione del previsto e futuro approdo della nave bus, su proposta della Fondazione PRimA’vera a breve sarà chiamato
“Piazza Concordia – A ricordo del naufragio”,  per testimoniare il legame che, con la presenza davanti a noi del relitto della Costa Concordia in via di demolizione, si è venuto a creare tra la nostra delegazione e quel drammatico avvenimento dell’Isola del Giglio di due anni fa. Queste sono le due intitolazioni suggerite dai Praesi e già approvate dal Comune.
Inoltre la Commissione III del nostro Municipio, riunitasi lo scorso 12 novembre ha stabilito di approvare altre proposte di intitolazioni suggerite dai cittadini e di avviare quindi il percorso che attraverso la Giunta Municipale e quindi quella Comunale dovrebbe portare ad assegnare i nomi proposti ad altre zone della Fascia fino ad ora “mute”.   Sempre nella zona attigua al grande piazzale della stazione, (dove le persone che già hanno vissuto qualche primavera ricordano come un tempo lì si trovasse il tradizionale “Muggiu” con il suo mercato del pesce al coperto e la elegante palazzina con i locali della Società di Mutuo Soccorso dei pescatori sormontata dalla statua di San Pietro), prossimamente una targa dovrebbe ricordare la storica destinazione d’uso dell’area riportando “Piazza del vecchio mercato del pesce di Pra’  – U Muggiu”.   Qui la Commissione municipale ha dovuto ottemperare ad una  indicazione vincolante arrivata dalla Commissione Toponomastica del Comune; per una normativa del Ministero degli Interni non si possono dare nomi a vie e piazza utilizzando forme dialettali ma solo la lingua Italiana.  Al di là delle discussioni che una tale imposizione può generare si è aggirato l’ostacolo indicando il nome “Muggiu”, proposto da numerosi cittadini praini, come sottotitolo al nome della piazza che ricorda invece l’attività principale per cui “U Muggiu” (Il  Mucchio – in Italiano) era nota.

Piazza Vincenzina Bozzo
Piazza Vincenzina Bozzo

Ancora  su proposta della FondAzione PRimA’vera, positivamente recepita e tradotta sul territorio dalla Consigliera Mariarosa Morlè, le due ali della Passeggiata lungo il canale, quella a ponente e quella a levante della foce del Rio San Pietro saranno intitolate “Passeggiata della spiaggia di Pra'” e “Passeggiata dei cantieri navali di Pra'” a ricordare quello che un tempo formava la ricchezza paesaggistica ed economica del nostro bellissimo litorale, sciaguratamente sacrificata per scelte totalmente discutibili.
Su proposta dell’ANPI, nell’ambito delle celebrazioni oramai imminenti del 70esimo anniversario della Liberazione (1945-2015),  il piazzale davanti all’ingresso della Piscina I Delfini sarà invece dedicato alla  partigiana  Vincenzina Bozzo – “Claudia” il suo nome di battaglia – della Brigata 334 EST SAP.
E ad altre tre  valenti staffette partigiane della Brigata saranno intitolati altrettanti giardini e spazi pubblici nel territorio praese, al di fuori della Fascia di Rispetto: ad Antonietta Vignolo – “Tonia” i giardini di Villa Fiammetta,  a  Vera Parodi – “Olga”  i giardinetti con giochi per bambini a fianco del curvone di Via Stassano e  a Tina Bertolotto  – “Alba”  i giardini sottostanti Via Ungaretti, all’altezza dell’edicola.
La  Commissione ha inoltre accolto la proposta del Consigliere Stefano Barabino e si è impegnata a chiedere alla Giunta di individuare un altro spazio pubblico da intitolare alla Brigata Partigiana Osoppo, i cui componenti furono fucilati dai Nazi – fascisti nel 1945

 

1 Comment

  1. Articolo assai interessante,e molto esauriente nella sua informativa, che dobbiamo al grande e preciso Luciano…
    Trovo molto appropriati i vari nomi indicati, ed in particolare, mi piace che siano state ricordate figure femminili della Resistenza.
    Sicuramente la Fascia ed il Parco acquisiranno ancor più valore, se correttamente denominati nelle sue parti e manutenuti in modo efficiente!

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*