La notizia – Stop all’espansione del porto di Pra’ a Levante

Velocifero –

Finalmente arriva un chiaro e tangibile segnale di arresto dell’espansione del terrapieno del Bacino Portuale di Pra’ verso Levante. Il “fronte del porto” del tristemente famoso, almeno tra i praesi, Sesto Modulo, sul lato di Levante era infatti mantenuto da anni allo stato di “discarica sospesa”, con un aspetto degradato, sottolineato anche dalla presenza malaugurante di chiatte semi-affondate un tempo utilizzate per la realizzazione del Bacino Portuale di Pra’ e colà abbandonate al termine dei riempimenti. In aggiunta, durante gli anni scorsi, quel lembo di porto è stato utilizzato a più riprese dall’Autorità Portuale per destinarvi attività varie e che non si poteva o non si voleva fare altrove, ad elevato impatto visivo ed ambientale, come la costruzione di vasche in cemento armato per l’Acquario di Genova, la base operativa per la demolizione della Costa Concordia, il posizionamento di antenne ripetitrici per reti cellulari, l’isolamento di container radioattivi, eccetera eccetera. Ciò ha sempre tenuto in apprensione i cittadini di Pra’ e di Pegli che, di ulteriori espansioni del terrapieno portuale e di ulteriore riduzione dello specchio d’acqua antistante il Castelluccio di Pra’, proprio non ne vogliono sentir neanche parlare. Non a caso uno dei punti fondamentali sia della visione “Porto di Pra’ – Porto Amico” della FondAzione PRimA’vera e del Progetto “Waterfront Praese” del Consiglio di Comunità Praese è proprio il banchinamento del lato di Levante del terrapieno portuale sulla posizione attuale con relativo prolungamento della passeggiata ciclo-pedonale e relative dune alberate. In aggiunta, la visione della FondAzione prevede anche la realizzazione di un “Campo di Evoluzione Velica”, istituzionalizzato e munito di boe e traguardi proprio nello specchio d’acqua antistante il Castelluccio, che presenta eccezionali caratteristiche in termini di assenza di onde e presenza di brezze termiche ideali per l’addestramento allo sport della vela. Ebbene, grazie agli indirizzi ed alle indicazioni   dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, ed al finanziamento da parte della società Nuovo Borgo Terminal Container dell’imprenditore Salvatore Prato, sono iniziate le operazioni per il banchinamento in maniera adeguata e decorosa, tramite massi di pietra, proprio di tale versante portuale, sottolineando e consolidando in maniera fisica, al di là delle parole, lo stop dell’espansione del porto di Pra’ verso Levante, oltre che di Ponente. Da ricordare che proprio il progetto “Waterfront Praese”, presentato all’allora neo-eletto Sindaco Marco Bucci aveva riscontrato il suo interesse e sostegno fattivo e tangibile, con azioni seguite nel dettaglio dall’Assessore Comunale al Porto Francesco Maresca, che il 23 Luglio u.s. si è recato ad ispezionare l’opera, insieme ai cantieri per la realizzazione delle dune alberate e dell’impianto per l’alimentazione elettrica delle navi portacontenitori insieme al Dirigente di Autorità di Sistema Portuale Giuseppe Canepa. Un altro tassello che va al suo posto nella visione di costruire la Pra’ Futura, bella, seppur in modo diverso, come un tempo, ed in un rapporto simbiotico e di “win-win” con il suo porto. Ora però dopo lo sfruttamento intensivo dell’area in oggetto per stoccarvi pile di container di NBTC e relativo flusso di camion in andirivieni verso il casello autostradale di Pra’ bisogna che vada avanti veloce proprio il prolungamento della pista ciclo-pedonale e delle dune alberate di schermo anche e proprio lungo quel “fronte del porto”.

 

9 Comments

  1. Bella notizia su pra’
    Ma si riesce a sapere il perché non si può più praticare pesca sportiva sulla diga di pra’.
    GRAZIE

  2. Speremmu. Positivo il banchinamento pero…..però continuerà sino al dentino o si fermerà a rinforzare solo la zona destinata alla movimentazione ferroviaria? Ci sono nuovi giganteschi carroponti ferroviari indice di una rinnovata volontà, soprattutto per la conquista di nuovi mercati,dell’utilizzo, per il trasporto dei contenitori, della ferrovia. A tale riguardo cosa si fa per ridurre il rumore che queste grandi strutture e contenitori contro contenitori di certo produrranno? Opere di mitigazione: La prossima novella duna la vogliamo far proseguire almeno sino alla punta del VI modulo, fronte castelluccio? Poi, interessante e sicuramente importante per “allontanare” un porto industriale dalla città,il prosequio della passeggiata, con relativa duna, sino al dentino; ma passeggiata e duna come coesistono con il NBTC visto che riguardano lo stesso pezzetto di terreno!?Con questo sempre insistere e mai desistere per avere vere opere di mitigazione che abbattano fumi e rumori del porto e migliorino la qualità del territorio e della vita di noi cittadini del ponente genovese.

  3. Della serie “è già qualcosa” la notizia è sicuramente molto positiva in quanto fino a oggi l’autorità portuale ha sempre tenuto quella zona come discarica di schifezze per tentare di allungare il porto. Quindi bene. Come giustamente scritto in finale di articolo ora bisogna continuare a spingere per la pista e le dune fino all’estremo sud del lato di levante, poi che Nuovo Borgo faccia il suo lavoro che va anche bene magari assumendo ragazzi disoccupati di Pra’

  4. Grazie per questa buona notizia e grazie per tutti e tutte voi della fondazione e del giornale che vi date cosi tanto da fare per Prà.

  5. Notizia bella a metà. Stop espansione a Levante non comprende la futura espansione a Ponente con il bacino mediterraneo Genova-Savona.
    Qualcuno prima di diffondere le notizie legge i giornali o vede la TV?
    Aprite bene le orecchie: sta comprando tutto la Cina, qui e a Trieste e ne vedremo delle belle, altro che dentino, duna e passeggiata.
    Non guardate il dito: poco più in là c’è la luna.

  6. A suon di guardare la luna si perde di vista la realtà: hanno appena fatto un terminal a Vado Ligure ancora mezzo vuoto e il PSA Pra’ è mezzo vuoto, invece di spaventare la gente mandando messaggi terroristici e complottistici su cinesi e extraterrestri è meglio guardare i fatti, e il fatto è e che il sesto modulo si banchina li dov’è. Grazie a tutti quelli che si mettono a disposizione e fanno grandi cose per Prà e grazie a supratutto che fa informazione vera e che i giornali di professione dovrebbero imitare visto che su Prà hanno sempre detto cose imprecise e spesso sbagliate

    • infatti abbiamo visto i risultati.
      Venti anni fa dicevano le stesse cose, gli speranzosi di Prà del sole dell’avvenire.
      Tieni questi commenti e rileggili tra qualche anno.

Rispondi a Elsa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*