La Fotonotizia – Via le schifezze sotto il ponte

Velocifero#

Nell’ambito della Fascia di Rispetto c’è un’area che si sta conquistando il poco lusinghiero titolo di zona più sporca, degradata e inguardabile di Pra’. E’ quella porzione di terreno, di forma approssimativamente quadrangolare, che si trova sotto al ponte ferroviario della linea Genova-Ventimiglia, sulla sponda destra della foce del Rio San Pietro.
Si trova ancora allo “stato brado” di quando è stata realizzata la discarica che ha inghiottito la spiaggia di Pra’; è colma di ogni genere di rifiuti, cosparsa di erbacce, invasa da blocchi in cemento che a suo tempo, probabilmente, sono stati utilizzati dalle Ferrovie per i collaudi statici dei ponti sulla Fascia e poi abbandonati lì. Recentemente è comparsa anche una vecchia barca abbandonata su un carrello. Infine, i piloni di cemento della ferrovia sono cosparsi di scritte e di graffiti che conferiscono ulteriore senso di degrado ed abbandono. I fatto è che quella schifezza si trova proprio di fianco al sottopassaggio di accesso alla Fascia di Rispetto, zona Ponente, e fornisce un pessimo biglietto da visita per chi accede alla passeggiata a mare. Cosa inconcepibile ed inaccettabile. Bisogna ripulire l’area, rimuovendo erbacce, sporcizia, barca e blocchi di cemento, pavimentarla e chiuderla con opportune grate, come fatto del resto in altri porzioni di terreno poste sotto ai ponti ferroviari. Municipio, Pra’ Viva e Trenitalia si attivino per quanto di rispettiva competenza e si proceda quanto prima alla bonifica e recinzione.
I Praesi ringraziano.

3 Comments

  1. Uno spaccato di degrado urbano tutt’altro che isolato. Vorrei segnalare un’altra zona sulla quale chi di dovere dovrebbe intervenire, altro biglietto da visita che io definisco “umiliante”, tanto più in bella vista, sotto gli occhi di chi parte e arriva a Prà via treno.

    Invito Comune, Municipio e chiunque abbia voce in capitolo a visionare lo stato pietoso (e VERGOGNOSO) in cui versano i “giardini/area parcheggio” antistanti la nuova stazione ferroviaria, una VERA SCHIFEZZA. Schifezza di varia natura: stracci, masserizie, plastica, cartacce e cartoni, bottiglie, vetri, residui di bivacchi e sbornie, il tutto alla mercè di topi taglia XXL che vedo ogni giorno con i miei occhi di pendolare. Sulla totale mancanza di “cura del verde” possiamo anche sorvolare perchè è l’intera città a soffrire sotto questo aspetto (e pensare che, un tempo, il Servizio Giardini e Foreste del Comune era un fiore all’occhiello della Superba!). Pare che, quando i riflettori delle inaugurazioni si spengono, il destino di ogni tentativo di riqualificazione, nella nostra Delegazione come in altre parti di Genova, debba naufragare nel degrado e nell’incuria più totali, vedi il Parco Dapelo, i giardini (???) ex Elah, la pista ciclabile, l’area del Gattile, le “aiuole/pattumiera” di fronte alla caserma dei Carabinieri e avanti così, la lista è lunga. Fermi restando la mancanza di educazione e di senso civico di cui tutti siamo responsabili (ma quando capiremo che la COSA PUBBLICA è COSA NOSTRA????), latita completamente la MANUTENZIONE di quel poco che ci resta. Dopo decenni di immobilità, decenni di muri e binari dismessi a dividerci dalle immense potenzialità che la Fascia potrebbe esprimere a favore di noi tutti, i lavori del POR sono finalmente partiti; ho fiducia che, al taglio del nastro, Prà si presenterà trasformata, tirata a lucido, “green”. Ma, come ho sottolineato più volte, dobbiamo ottenere l’impegno a mantenere tutto il “contorno” della nuova Aurelia, perchè il verde e gli arredi urbani sono parte integrante di questo disegno, la parte che più riqualifica aspetto e vita stessa dell’abitato. Altrimenti, nel giro di sei mesi, forse un anno, tutto si ridurrà alla sola cosa che non può degradarsi, una triste e grigissima colata di asfalto e parcheggi, l’ultima cosa di cui abbiamo bisogno.

  2. Sono totalmente d’accordo con Paola che ha commentato l’articolo, purtroppo al zona segnalata è un episodio tutt’altro che isolato, vorrei in particolare portare l’attenzione sul punto in cui i piloni della nuova ferrovia e della stazione sopperiscono al declivio digradando lentamente verso la zona pianeggiante della piscina: sotto i pilastri stazionano semipermanentemente un gruppo di persone accampate su materassi lerci cucinando e accendendo falò di spazzatura.
    Con il piano di riqualificazione in corso e, i lavori di raddoppio della strada e tutto quello di cui si parla, credo che una simile situazione che si protrae da ANNI sia intollerabile e vada al più presto gestita.

  3. Concordo in pieno. la situazione è INACCETTABILE, specialmente se si considera che ci fanno pagare le tariffe comunali più alte d’Italia. Chiedo alla Fondazione Primavera di valutare la possibilità di una CLASS ACTION dei cittadini di Pra’ per indurre un’amministrazione comunalmunicipale inqualificabile a fare IL PROPRIO, PRIMARIO, DOVERE.

Rispondi a Elsa P. Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*