La FondAzione PRimA’vera e la rivoluzione copernicana.

Redazione - Riceviamo e pubblichiamo

    Oggi, 26 ottobre 2019, dopo la bellissima cerimonia della consegna delle Borse di Studio agli studenti più meritevoli, nell’antico palazzo municipale di Pra’ abbiamo assistito ad un evento molto particolare e insolito : il dott. Gilberto Danesi, amministratore delegato di PSA Genova -Pra’, ha ricevuto un importante riconoscimento, la Cittadinanza Onoraria di Pra’ rappresentata da una targa che reca lo stemma del nostro exComune. Perché parliamo di rivoluzione copernicana? Perché Copernico, a suo tempo, cambiò totalmente la concezione della forma della Terra e qui a Pra’, oggi, si è sancita una nuova concezione, quella dei rapporti che intercorrono tra gli insediamenti industriali e I territori che li ospitano.

Guido Barbazza, Presidente Onorario della FondAzione, ha illustrato molto bene l’iter di questo radicale cambiamento : “Avevamo iniziato anche noi a protestare, a manifestare, ma non riuscivamo a cambiare nulla, eravamo pieni di bernoccoli, ma nessun risultato. E allora abbiamo deciso di cambiare strategia : Identità, rappresentanza, influenza. Incontrare gli interlocutori, sedersi attorno ad un tavolo e cercare insieme delle soluzioni, avendo ben presenti I nostri obiettivi… “ E un altro contributo importante ci ha testimoniato oggi: “ Ragazzi, conoscete il Principio di Attrazione ?… È quel principio in base al quale se desiderate fortissimamente di raggiungere un risultato e lavorate sodo per riuscirci, credendo fermamente che sarà possibile, ebbene, lo raggiungerete “. Impegno, volontà, collaborazione e fiducia hanno prodotto a Pra’ grandi miglioramenti e cambiamenti e io pensavo in cuor mio che per come andavano prima le cose, stamattina nel palazzo municipale avrebbe dovuto esserci una folla inferocita, e non una moltitudine di cittadini che applaudivano, riconoscendo l’impegno e il lavoro del dottor Danesi …ecco, appunto, una vera rivoluzione, una rivoluzione positiva, costruttiva, che ha già prodotto buoni frutti e altri ne produrrà. Un porto attento ai bisogni dei cittadini, meno rumore, meno fumo, fino ad arrivare a portare a termine il nostro progetto di Pra’futura , un progetto, non un sogno , con il porto isola, il verde aumentato e una passeggiata ampliata e arricchita, che continui lungo la banchina di levante, con uno spazio per le evoluzioni veliche. Una passeggiata con la lama d’acqua che costeggi Pra’Palmaro , la sistemazione delle sponde del San Pietro… ecc…ecc… Visto quello che già è stato fatto, mi prenoto per le prossime inaugurazioni.

Maria Luisa Decotto 

22 Comments

  1. Una targa non la si nega a nessuno. La cittadinanza onoraria è invece una cosa seria e non è la Fondazione che può darla a suo piacimento, ma soltanto una Istituzione che rappresenti tutti i cittadini. Mi spiace di quanto accaduto, al di là delle buone intenzioni di cui non ho motivo di dubitare e del metodo che non sono chiamato a condividere. Le parole sono pietre e i simboli, come la Cittadinanza, macigni. Non è giusto alterare a proprio piacimento le parole e ancora di più i simboli.

  2. Avrebbe dovuto esserci invece una folla inferocita! Composta soprattutto dagli abitanti di Palmaro per i forti disagi causati e per essere stata dimenticata.

  3. Dopo questa onerificenza perché non premiamo anche Pacciani?
    Mi sembra che qualcuno soffra della sindrome di Stoccolma…

  4. Più che sindrome di Stoccolma c’è forse qualcuno crede nel terrapiattismo.
    Addirittura conferire l’onorificenza della cittadinanza onoraria a chi rappresenta chi ci ha svenduto alla proprietà straniera, e con essa la nostra storia, i nostri vecchi che si rivoltano nella tomba ed elogiare il cambiamento di strategia come se risolvessero tutti i guai che cadono sotto i nostri sensi (vedere, toccare, annusare, respirare) mentre la gente si ammala di tumore… o è una fake news come si chiamano adesso o una presa per i fondelli come diciamo dalle nostre parti.
    Ci vuole una bella faccia tosta a scomodare Copernico per avvallare 40 -50 anni di porcherie e degrado. Spero anche io che sia uno scherzo anche se di cattivo gusto. Allora mettiamoci anche Galilei e Newton o Leonardo.
    Sembra una celebrazione di marziani. Ci hanno fanno spellare il fondo schiena per decenni seduti alle riunioni di protesta, ci hanno fatto venire le vene varicose a stare in piedi a spellarci le mani ad applaudire le manifestazioni di protesta e ora fanno la rivoluzione copernicana?
    A Pra’ siamo gente alla buona ma non idioti.
    No Paola Dramis, non hai abitato a Prà negli ultimi 55 ani anni ma su Marte.

  5. Ci sono molte incoerenze e situazioni che non tutti capiscono… Forse sarebbe meglio ascoltare tutte le Associazioni non profit del territorio che dare consenso a chi ha fatto business, peraltro legittimo, ma un pochino invasivo per Prà e i praesi…
    #CerchioBluOnlus

  6. Vedo che le mie considerazioni hanno suscitato molte reazioni…. Io sono vecchia e ho vissuto con profondo dolore il deterioramento di Pra’, che era anche scomparsa dalle carte geografiche. Tutto ciò che ricadeva sul nostro territorio era “magicamente” passato ad altri l, mentre tutti sanno che il primo punto imprescindibile è la nostra identità personale.
    Ecco… L’identità…. E la FondAzione PRimA’vera si è data come primo scopo l’identità, poi la rappresentanza e infine l’influenza.
    Essere riconosciuti come cittadini di un territorio, rappresentarlo e provare a influenzare le scelte che lo riguardano, scelte che fino a quel punto erano state scellerate.
    I riconoscimenti dati a chi ci ha aiutato a fare giustizia della nostra identità, nome del porto, del casello e del terminal, sono delle tappe lungo il percorso. Un percorso che ha visto i cittadini di Pra’ protagonisti insieme alle istituzioni nel Comitato di monitoraggio del POR, in cui i cittadini sono stati importanti. Un percorso che sta continuando e che ora riguarda la zona di Palmaro con i tavoli tecnici che comprendono Municipio, Comune, Ferrovie, Autorità Portuale, Terminalisti, ecc. e che sta incominciando a dare qualche risultato. Se qualcuno preferisce buttare all’aria tutto per lasciare le cose come stanno dovrà assumersi la responsabilità. Si chiama Cittadinanza Attiva e tutti possono partecipare. Senza volpi sotto le ascelle e senza secondi fini…. Unico obiettivo è il miglioramento del luogo in cui viviamo.

  7. Io prima di sparare sentenze e di pensare sempre male ci penserei un pochino: il premio a Danesi riconosce delle cose già fatte, cambio nome, concentrazione sponsorizzazioni su Pra’, elettrificazione mezzi banchine, e lo vincola a fare ancora di più. Eppoi non dimentichiamo che chi ha fatto il porto a Prà non è il PSA ma comune e autorità portuale loro sì che sono i responsabili del disastro e non mi sembra poi che il municipio abbia mai fatto qualcosa di degno di nota anzi se ricordo bene ha approvato i mucchi di container sulla pista ciclopedonale

  8. Io seguo supratutto e vedo che il tavolo tecnico è buono. caro Angelo ho letto che per il tavolo sono state coinvolte tutte le associazioni e comitati di palmaro quindi anche il premio a danesi mi sembra più una cosa astuta che un errore. io non penso che quelli della fondazione sono degli sprovveduti visto che sono riusciti a andare alla UE e sbloccare i por che hanno cambiato prà. prima di pensare male degli altri guardiamoci allo specchio io penso che c’è un senso in quello che stanno facendo

  9. Una vergogna: siamo stati condannati allo scempio del territorio e ora brindiamo a una targa e a un nome.
    L’identità avrei preferito che tutelasse una realtà e una condizione di vita migliore, non questo bel risultato al quale siamo arrivati.
    E’ come mettere le palline e la stella cometa su un albero di Natale marcio di cancrene.
    Ma come si fa a essere contenti di questa scelta? Il principio di attrazione avrebbe dovuto portare il popolo dei forconi. Ha ragione Roberto: ci mancava una benemerenza a Pacciani, se ne dice uno per citare tutti. Quindi praticamente rinneghiamo tutte le battaglie del passato?

  10. Grazie Angelo per il tuo commento
    La consegna di questa targa ha offeso mortificato tutti coloro che hanno lottato e stanno lottando per recuperare dignità tolta da un porto che ci ha devastato tutti PRA e Palmaro.
    Ma ci rendiamo conto che nn facciamo piu vita?
    Siamo esasperati e disperati
    Stare a casa è diventato un incubo
    Forse qlcn ha la fortuna di abitare in zone piu riparate dal rumore,ma chi,come me,abita praticamente dentro il porto,credete questa è veramente una vergogna
    Nn dormiamo abbiamo perso addirittura la meraviglia di un cielo stellato,del buio.Solo luci artificiali di navi estremamente rumorose,per assurdo,negli ultimi mesi ancora di più.
    Questa targa consegnata da una vittima ad un carnefice mi fa rabbrividire
    È l unica parola degna di essere pronunciata è
    VERGOGNA

  11. Io non capisco perchè si debba sempre criticare. Io incontrerei la fondazione e mi farei spiegare. Non sono gli ultimi arrivati se lo hanno fatto ci sara un perchè: hanno sempre fatto cose utili e buone per tutta Prà.

    • Cara Elsa ma come fai a non capire? Dove eri in questi anni? Cosa vedi davanti ai tuoi occhi? Cosa sentono le tue orecchie? Che odori sente il tuo naso? Sei contenta della vita che ti offre abitare davanti al porto? Certo che la Fondazione è fatta di persone per bene e anche il Dr Danesi è persona professionale e degna di massimo rispetto.
      Ma non è il momento delle celebrazioni. Celebrare e festeggiare una targa?
      Anche i cimiteri sono pieni di lapidi e di targhe ma alla memoria.

  12. Leggo di continuo commenti e articoli su come solo il CCP o Fondazione sia stata capace di organizzare tavoli o incontri e non ci sto ora dico basta.
    L’incontro con il Sindaco per i Por di Palmaro l’ha avuto il Comitato Palmaro, rimandato poi per il crollo del ponte Morandi. Successivanente l’incontro nato dal Comitato è stato annoverato dal CCP…E va bene…Poi il tavolo nato dal Presidente del Municipio su idea di tutti i municipali e del Comitato Palmaro è stato anch’esso preso e ” riverniciato ” da CCP…Per quanto dobbiamo ancora subire persone che mettono il cappello sulle lotte altrui? Pensare che solo Fondazione con il suo metodo possa portare avanti battaglie nel modo giusto e’ inesatto e pregherei di non continuare con questo metodo.
    Ricordo che il Comitato Palmaro ha più di 200 iscritti, non siamo indigeni con l’anello al naso e neanche anarchici, la collaborazione con il Municipio ne è un esempio, a parti inverse invece vedo solo un denigrare le istituzioni che ricordo sono state votate e non si sono auto insediate con statuti ad hoc in fondazioni o CCP.

  13. Mi permetto una riflessione e voglio uscire dalla logica dei discorsi di pancia, come sento essere alcuni. Mi domando: se oggi a Pra’ abbiamo un porto al posto della spiaggia, se invece del rumore dello sciacquio delle onde del mare abbiamo rumori invadenti generati dall’operatività del porto, se invece della brezza salubre e pura del litorale abbiamo polveri e fumo, di chi è la responsabilità? Rileggendo la storia degli ultimi 50 anni con onestà e rispetto degli avvenimenti come si sono succeduti, mi rispondo che le responsabilità di tutto questo sono della Politica e delle Istituzioni, chi ha permesso lo scempio di Pra’ hanno nomi ben precisi: Comune, Municipio, Consorzio Autonomo del Porto di quei tempi e un pizzico di inerzia e di passività dei cittadini praesi (tutti da Longarello a Palmaro) che si sono lasciati illudere dalla promessa di migliaia di posti di lavoro che non sono mai arrivati. L’onesto riconoscimento della storia dice questo, quindi ben vengano dei cittadini preparati e consapevoli che si mettono a disposizione per migliorare le condizioni del nostro territorio che ha pagato, paga e non vuol più pagare per responsabilità di altri. Come diceva un grande artista . . . Ci vuole orecchio . . . alcuni commenti che ho letto . . . non vanno a tempo. .

    • Rispondo a Giancarlo che ha detto la pura verità: le colpe sono della politica che ci ha governato – qui e a Genova e Roma – da oltre 50 anni, inoltre dell’indifferenza della gente da Palmaro a Lungarello , dei posti di lavoro che non sono arrivati. L’ho letto mille volte e qualcuno ha posto proprio questo problema, qui, su Supratutto, della politica che viene da fuori e comanda e noi ci siamo cuccati tutta la rumenta che ci ha lasciato.
      Tanto la politica le colpe se le prende e scrolla le spalle.
      Ma di qui a vedere futuri radiosi partendo dalle ceneri del passato ce ne corre.
      La Fondazione è stata lodevole, tutti i comitati anche , Palmaro ha il record della sfiga e dello sfruttamento, lo aveva anche prima del porto, salvo proprio agli inizi quando – lo dice il nome – era un posto di palme, villette, quasi residenziale, quando a Villa De Mari c’erano le Orsoline. I giovani di Palmaro di oggi non sanno quanto era bella nei primi anni delle prime costruzioni , ci si conosceva tutti, era una grande famiglia.
      Prà ha reagito sempre con orgoglio ai soprusi e alle esagerazioni ma ora dire che dobbiamo cancellare tutto e ripartire da una targa e da un nome, vedendoci una identità che non c’è più ce be corre. L’identità era la spiaggia, l’acqua pulita del mare, i pesci sempre freschi venduti nelle vie del paesi dalle donne dei pescatori, il verde delle fasce, l’uva bosco, i funghi poco sopra la Torrazza, girare per i nostri carruggetti, giocare a pallone per la strada, uscire di casa senza pericoli. L’aria era respirabile e pulita, si viveva bene. Erano altri tempi? E’ vero ma qui hanno distrutto tutto, capite? TUTTO! Nulla tornerà più come prima. E il timore è che si vada di male in peggio. Il porto ormai è una parte dell’ambiente, levarlo non si può, chiuderlo nemmeno, ci sono interessi superiori anche alla nostra salute per altri decisori. Dobbiamo realisticamente affrontare il presente e guardare oltre, essere ai tavoli di decisione dove non siamo mai stati. Quindi la targa o il diploma non sono gesti di cedimento ma di realismo che vede lontano

  14. Domanda: ma quello che conta è fare le cose o dimostrare chi ha avuto le idee o no ? Noi che leggiamo non sappiamo cosa voleva fare il comitato Palmaro se l’idea è stata sua o di altri penso però che parlano i fatti: il consiglio di comunità o come si chiama il tavolo tecnico lo ha messo su SUL SERIO E NON A PAROLE o intenzioni e dovrebbe essere interesse anche e soprattutto del comitato Palmaro dare una mano se proprio aveva queste idee. Ma perchè a Palmaro si guarda sempre il bicchiere mezzo vuoto invece di quello pieno ? Tutti noi che ci becchiamo inquinamento e rumore dovremmo lavorare affinchè il tavolo funzioni e chissenefrega chi lo organizza altrimenti continueremo a avere puzza e casino anni a venire ma saremo contentissimi perchè abbiamo fatto saltare tutto perchè l’idea era mia o sua e perchè hanno dato un premio a uno invece che all’altro, ma ci siamo ?

  15. Sono d’accordo con Anna fino a oggi nessuno era mai riuscito a mettere insieme ferrovie autorità autostrade comune municipio fuorimuro cazziellazzi e chi più ne ha più ne metta qui a Palmaro non ci hanno mai considerati ora sì. L’altro giorno dalla finestra ho visto che è venuta anche la RAI a filmare sono anche andati dentro al palazzo dei Cioi. Accidenti non mi interessa chi l’ha fatto chi lo avrebbe voluto fare chi ci riesce e chi ci sarebbe riuscito a magari anche no io voglio che il tavolo vada avanti e porti risultati per Palmaro per me e per i miei figli.

    • Basta tavoli, vogliamo erbui, panchine, aiuole, riunioni ce n’è state fin troppe! Chi è venuto a filmare dai Cioi mi ha fermata per strada e mi ha chiesto: ma come avete fatto a ridurvi in questo stato?
      Nessuno ha mosso un dito? Ma come riuscite a vivere qui?
      Qui ci deve essere un frastuono e un inquinamento pazzesco giorno e notte.
      Non ho avuto le parole per rispondere. Magari qualcuno sperava che fossero venuti per il grande fratello o l’isola dei famosi.

  16. E fateci anche il santo piacere di non farvi manovrare da questo o quello politico di turno che a lui e loro che quasi tutti stanno da altre parti di PràPalmaro non gliene frega niente e poi i gas di scarico e il rumore di notte ce li sorbiamo sempre noi.

  17. Cari amici, care amiche, io vi capisco bene e avete sacrosanta ragione, in questi anni io sono stata qui con voi a vedere la mia spiaggia i miei bagni distrutti e a sopportare tutto quello che tutti noi sopportato e stiamo sopportando ma però vi prego di pensare bene bene che astio critiche e lotte tra di noi non portano a niente: vogliamo tutti la stessa cosa, migliorare Pra’ – Palmaro, facciamolo insieme. Se poi l’idea l’ha avuta la fondazione, il comitato palmaro, il consiglio di comunità, ma cosa importa ? Ora che c’è una grande occasione cogliamola e tiriamoci fuori tutto quello che si può.

  18. Ma certo, sono d’accordo con Giorgio ed Anna, Elsa , Renato…hanno compreso la portata del gesto verso Danesi. Si vuole riconoscere l’importanza di aver effettuato il rebrainding della ragione sociale, cosiccome la Fondazione ha fatto per Merlo quando denomino’ correttamente il porto di Pra’, ed il dirigente di autostrade che sanci’ il giusto nome del casello di Pra’: IDENTITA’, se non hai quella non esisti, non puoi protestare, di che ti lamenti?
    Si auspica che Danesi si senta maggiormente vincolato a fare il bene di Pra’ e soprattutto, quando il prox anno andra’ in pensione, passi le consegne al successore AD di Psa Genova.Pra’ in modo filopraese, come si fa a non capirlo?
    Dov ‘erano tutti coloro che oggi si stracciano le vesti? da che parte guardavano mentre a Palmaro il degrado cresceva? Come mai non viene apprezzato tutto quanto portato avanti dalla Fondazione, ad esempio, le Borse di studio per il 5° anno consecutivo, la certosina assistenza ai POR ed ora il Pra’lmarium,che ha finalmente riunito attorno al tavolo esponenti di Rfi, Autorità Portuale, Comune, Municipio,Regione e rappresentanze cittadine ed ha stilato un percorso lucido e virtuoso per la riqualificazione dei sestieri rimasti indietro, ovvero Palmaro e Ca’Nova?
    Perche’, Roberto, annoveri pedantemente le riunioni, questo l’ho fatto io, quest’altro pure, ma che modo e’?
    Ragazzi, non ci siamo, e’ comodo indignarsi , senza aver mai fatto nulla, ed e’ veramente disonesto puntare il dito solo sulle cose che paiono negative, fingendo di non vedere i successi…basta scorrere l’almanacco di questo magazine, per trovare l’elenco degli avvenimenti positivi promossi da F.P. in questi ultimi 6 anni.

Rispondi a Pietro Ferrari Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*