La Castagnata di Pra’, una festa in continua crescita

Luciano Bozzo –

Sabato 28 ottobre si è svolta a Pra’ la Castagnata di beneficenza.

Parliamo di un bell’evento nato da alcuni anni e portato avanti su iniziativa dei commercianti del C.I.V. Pra’ Insieme e che riscuote sempre più successo, una sagra locale che coniuga occasioni di festa e di svago con la valorizzazione di prodotti gastronomici locali e la beneficenza in favore delle scuole praesi; parliamo anche di una festa in continua crescita da molti punti di vista: il sempre maggior numero di iniziative e di attrazioni proposte, la sempre più ampia diffusione sul territorio urbano praese e la partecipazione crescente di pubblico e visitatori. Al centro della sagra c’è naturalmente lei, la castagna, il prodotto naturale più tipicamente autunnale, emblema di una cucina povera e preziosa al tempo stesso e naturalmente da sempre molto amato ed apprezzato.

Anche quest’anno sono state tantissime le persone che si sono messe in coda davanti allo stand delle “rostie” per poter gustare questo frutto prelibato; a distribuirle, nella nuova zona pedonale intorno alla vecchia stazione, attrezzata per l’occasione con un gran numero di tavolini e panche, c’erano gli alpini della Sezione di Sestri Ponente, ma non solo !; intorno a loro altri stand hanno offerto ai visitatori molte altre prelibatezze con al centro sempre il frutto dell’autunno per eccellenza: trofie di castagna al pesto di Pra’ e stoccafisso alla castagna per esempio, appetitosi piatti che si potevano accompagnare con vin brulè e birra alla castagna.

Quest’anno poi la festa non si è limitata ad una sola zona nè al centro storico di Pra’ Borgo Foce ma si è allargata anche al Parco Dapelo ed al borgo di Sapello così che stand gastronomici con frisceu e focaccette erano presenti già dal mattino anche in piazza Laura ed in piazza Sciesa. Per poter assaporare queste bontà era d’obbligo il cambio degli Euro con i Praini, la moneta locale in talloncini di cartone che ha avuto corso per l’occasione. Tanti anche i banchetti e le bancarelle nelle stesse piazze oltre che in via Pra’ ed in via Fusinato e le proposte e gli sconti vantaggiosi presentati da molti negozi e botteghe locali.

La festa si è aperta già al mattino ed ha avuto un momento importante alle 11 in piazzetta De Cristoforis con l’inaugurazione e l’installazione di uno dei 2 defibrillatori che i fantastici ragazzi della “The Colors Friends” hanno donato alla cittadinanza, risultato dei contributi raccolti con le iniziative di beneficenza organizzate a Pra’ nell’estate appena trascorsa ed è poi proseguita nel pomeriggio con numerosi momenti di sport, giochi, divertimento e spettacolo nei più diversi angoli del paese e del Parco Dapelo.

I bambini in particolare hanno potuto divertirsi con i giochi e le storie proposte dalla “Giostra della Fantasia”, rimanere incantati dalle bolle di sapone di Jack Bubble e dai giochi e dai colori della Tata Jessy o ancora ridere delle vicissitudini delle steghe pasticcione nello spettacolo “Le steghe fan così”. I più sportivi si sono invece cimentati in bicicletta con la gimkana a premi o con il pattinaggio, il calcio, la pallavolo in piazza Sciesa oppure con i genitori hanno seguito le interessanti esibizioni di ginnastica, danza ed arti marziali a cura delle società sportive di Pra’ e del Ponente genovese; non sono mancati ovviamente gli spazi musicali con i concerti della Big Band Colombi, della Banda Cittadina di Campoligure e di Cristina Gomes e neppure la possibilità di riscoprire il piacere della lettura in compagnia grazie all’associazione “Nati per leggere”.

In tale ricchezza di iniziative e di eventi vale la pena ricordare ancora un paio di curiosità: il nuovo simulatore di guida della Scuola Guida Parodi che tanti ragazzi hanno voluto provare e l’interessante idea con cui la bottega di Vini Allara ha voluto accompagnare l’aperitivo serale per celebrare gli oltre 130 anni del Corochinato, l’ottimo vermuth genovese di cui Allara detiene l’esclusiva di produzione e vendita; per l’occasione sono state prodotte e distribuite delle belle cartoline con l’immagine ottocentesca con cui all’epoca veniva effigiato e reclamizzato questo prodotto con tanto di annullo speciale delle Poste italiane.

Un bel clima di festa ha dunque pervaso le vie e gli spazi del nostro paese accompagnandosi in questo sabato di fine ottobre con i profumi di cibi e di autentiche e semplici meraviglie gastronomiche nel segno della castagna e dell’autunno dando vita a quello che sta diventando un appuntamento di sempre maggiore attrattiva, piacere ed interesse non solo per Pra’ ma per tutto il genovesato.

1 Comment

  1. Un bell’articolo, vivace e colorito, per rappresentare un evento autunnale che ha avuto e continua ad avere un gran successo di pubblico.
    Nella speranza che l’anno prossimo bancarelle e street food arrivino anche fino a Pra’-Palmaro, ci teniamo pronti per il prossimo appuntamento.

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*