John Gatti e i piloti di Pra’

Guido Barbazza

john-gatti-secondo-da-destra-e-alcuni-piloti-in-sala-operativa
clicca per ingrandire Gatti secondo da-destra e alcuni piloti in sala operativa

Tra le persone da annoverare tra gli “amici di Pra’ “ c’è sicuramente John Gatti, il giovane e brillante Capo dei Piloti del Porto di Genova. Avendo compreso le genuine ragioni dei cittadini di Pra’ e le loro legittime richieste ed aspettative, ha di sua spontanea iniziativa corretto tutte le scritte e diciture che, sui documenti dei Piloti e sul loro sito web, riportavano gli obsoleti riferimenti relativi al bacino portuale realizzato davanti a Pra’. John ha la grande responsabilità di dirigere e coordinare i piloti del più grande porto italiano, uno dei più grandi del mondo, quello di Genova, facendo in modo che le navi entrino, ormeggino ed escano nei tempi previsti ed in sicurezza, con ogni condizione meteo. Il suo ufficio si trova nell’edificio di Ponte Colombo che un tempo era il terminal Tirrenia, poi ristrutturato in modo originale, con i prospetti, porte e finestre che ricordano le sovrastrutture di una nave. Attorno a lui la sala operativa, “high-tech”, da dove è possibile seguire la situazione dei transiti, delle manovre, e degli accosti, e poi altri uffici, e le “cabine” dove i piloti possono riposare nelle pause, e perfino una piccola, deliziosa, mensa con cucina dedicata, operativa 24 ore su 24. La sede è ad uso temporaneo, dopo il triste evento dell’abbattimento della Torre Piloti da parte della Jolly Nero, e resterò operativa fino alla realizzazione della nuova struttura, posta all’impoccatura del  porto, di cui, nell’ufficio di John si può vedere uno schizzo a mano libera dell’ideatore Renzo Piano. Il Corpo dei Piloti, oltre alla sede principale a Genova, ha anche due sedi distaccate a Multedo e a Pra’. Il Corpo Piloti del Porto di Genova è composto da 23 Piloti più il Capo Pilota. Le aree in cui operano comprendono i bacini di Genova (Porto Vecchio, Sampierdarena, Italsider), Multedo e Pra’, per un totale di oltre 25 chilometri di costa. Annualmente ogni Pilota svolge dalle 700 alle 1000 manovre che, con il passare del tempo, diventano un bagaglio di esperienza a disposizione delle generazioni che seguono. Per entrare in questa Corporazione è necessario partecipare a un concorso pubblico bandito dalla locale Capitaneria di Porto a cui si accede per titoli ed esami. Occorre infatti aver effettuato diversi anni di navigazione su navi al di sopra di un certo tonnellaggio per arrivare a sostenere gli esami di diritto, manovra, inglese e comunicazione previsti dal concorso. Il vincitore accede a un tirocinio della durata di un anno, al termine del quale deve superare un ulteriore esame pratico, che consiste nello svolgimento di una manovra, e uno teorico sulla conoscenza del porto e delle sue caratteristiche. Il pilotaggio è un servizio di interesse generale che contribuisce in maniera rilevante alla sicurezza e alla piena funzionalità del porto, ma è anche un lavoro che permette di assaporare paesaggi incantevoli da punti di vista esclusivi e la bellezza del tratto di costa su cui è seduta Pra’, con il verde dei boschi che scende fino all’acqua, è uno spettacolo che aggiunge una perla alla collana di meraviglie offerte dalla Liguria vista dal mare. John ci ha reso una sua personale ed appassionata testimonianza: «Nascere e crescere nella delegazione di Pra’, abbracciata tra gli Appennini e il mare, vuol dire conoscere la Tramontana: un vento freddo che pulisce il cielo e rende l’aria asciutta e frizzante, ma significa anche aver visto tante volte lo Scirocco e il Libeccio frustare di sale l’intero paese. Non sono solo gli elementi a spingersi ai massimi livelli: in pochi chilometri di costa troviamo gru che appartengono alla generazione delle più grandi al mondo e davanti a loro evoluiscono i così detti giganti del mare” per ormeggiare nel Bacino Portuale di Pra’, uno dei terminal più moderni d’Italia che riesce a superare periodicamente i suoi stessi record».

7 Comments

  1. Articolo molto interessante…Guido ci ha fatto conoscere una bella persona ed un gruppo di operatori del mare di sicuro competenti ed appassionati.
    Sara’ capitato a tutti di seguire le loro manovre, trovandosi a bordo di una nave, un traghetto che salpa o attracca a Genova, ed e’ sempre un’ emozione, vedere la pilotina che “scorta” il natante ben piu’ grande. Un benvenuto ed un arrivederci marinaro, sancito dal colpo di sirena per saluto. Bello!

  2. Bellissimo articolo. Molto interessante. Più di una volta ho visto il nostro Capo dei Piloti del Porto intervistato in TV. Poche parole, ma consapevoli, schiette e determinate, come dev’essere lui a dispetto della giovane età. E come credo debba essere, d’altronde, chi ha l’enorme responsabilità di dirigere e coordinare il traffico di uno dei più grandi porti del mondo. Un plauso ai giovani come lui e agli uomini che, parimenti, sono un vanto per la nostra marineria. E un ringraziamento per la sensibilità dimostrata nell’apportare quelle correzioni che tanto ci stanno a cuore.

    • Mi hanno fatto molto piacere i complimenti per l’articolo e l’apprezzamento per il nostro lavoro, anche se credo che, entrando nel dettaglio, sia sconosciuto ai più. Spero in futuro di poter avere l’occasione per farci conoscere meglio.

  3. E bravo John. C’è bisogno di persone così, schiette, aperte, comprensive ed avulse alle stupidaggini che hanno avvolto la creazione del porto a Pra’per darci una mano a scrivere il nostro futuro. Sarebbe bello che John portasse i bimbi di Pra’ a vedere il loro porto con una delle sue veloci pilotine.

    • Senz’altro! Si potrebbe organizzare una visita alla nostra sede operativa seguita da un bel giro in pilotina. Mi attivo sicuramente!

  4. Grazie 1000 al grande Capo Pilota, sono sicura che la Direttrice Scolastica di Pra’ sarà contenta di portare una classe a vedere il Porto di Pra’ da prospettive nuove.

Rispondi a Elsa P. Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*