Issiamo Le Vele Auriche !

Importante evento sportivo al Circolo Nautico ILVA

Da sinistra Alessandro Macrì, Pierangelo Cipolletta e Franco Kokeza

Guido Barbazza

La Fascia di Rispetto di Pra’, con il suo canale di calma e l’ampio bacino davanti al Castelluccio, è nota per essere sede di importanti attività di canottaggio agonistico, ma non tutti sanno che, nel corso degli anni, tali specchi acquei sono diventati anche una fantastica palestra per la vela. In particolare per quanto riguarda il tratto di mare compreso tra il limite di ponente del terrapieno portuale del Bacino Portuale di Pra’ e la diga di levante dello stesso. Con la forma di un trapezio, lì il mare è quasi sempre calmo e perfettamente piatto, ben ventilato da termiche e da venti di tramontana, scirocco e libeccio che creano condizioni ideali per l’insegnamento dello sport della vela. Non a caso la FondAzione PRimA’vera ha da tempo consegnato al Sindaco di Genova, Marco Bucci, un documento progettuale concettuale, il “Waterfront Praese”, che prevede di realizzare proprio lì un “campo di evoluzione velica” ufficialmente e permanentemente istituito, con tanto di campo boe e di tribuna spettatori. Proprio in questi giorni, dal 28 al 30 maggio, nell’ambito della storica associazione “Circolo Nautico ILVA” è in corso il raduno di preparazione degli equipaggi di “Optimist” (monoscafo dalla tipica forma “a vasca da bagno” dotato di una singola vela trapezoidale, di tipo aurico, ) in vista delle gare che si terranno nello stesso sito il 5 e 6 giugno p.v. che selezioneranno, con il vincitore, la squadra ligure che parteciperà ai prossimi Campionati Italiani della specialità. Alessandro Macri, Direttore Tecnico della “Prima Zona” FIV (Federazione Italiana Vela), che comprende  

Il corso per gli allievi tenuto da Michele Ricci

tutta la Liguria, con la sola eccezione di La Spezia, ci ha spiegato che «La competizione è basata sul concetto del “Team Race”, simile alle gare di match race di Coppa America. In questo caso competono squadre di 4 imbarcazioni, e vince chi fa il maggior punteggio totale, privilegiando così il risultato della squadra». La partecipazione è molto ampia e variegata,    vedendo in lizza 45 ragazzi delle classi 2011-2006 appartenenti a 8 diversi circoli velici con basi da San Remo a Vernazzola. «Oltre a corsi di istruzione e di preparazione per i ragazzi tenuti da Michele Ricci, dello staff nazionale della FIV e docente di vela, che comprendono tra le varie cose la strategia e la tattica della regata, nella tre giorni di maggio vengono anche preparati i giudici di gara, che possono così prendere confidenza con le specificità del campo di regata “a quadrilatero” praese. «A causa del fatto che la nostra sede si trova in una posizione defilata e poco visibile dalla via Pra’, non tutti sanno che il Circolo Nautico ILVA, che insieme all’associazione “Il Pontile” fa parte del Consorzio “Pegli Mare” sviluppa con continuità importanti attività nel settore della vela, come quelle in corso proprio in questi giorni» ha sottolineato Pierangelo Cipolletta, Presidente del Circolo, affiancato dal Vice-Presidente Franco Kokeza. Il Circolo Nautico ILVA venne fondato nel 1967 come CRAL Italsider, ottenendo le aree attuali in eredità da quelle che erano le “Ferriere Ratto di Pra”, poi entrate a far parte del polo siderurgico “ILVA”, e che proprio in quel sito avevano costruito, nel 1918, un grande pontile, poi demolito in anni relativamente recenti nell’ambito della realizzazione della Fascia di Rispetto e del Canale di Calma di Pra’. «Il Consorzio Pegli Mare conta circa 500 associati, di cui 290 circa appartenenti al Circolo Nautico Ilva. Solo negli ultimi anni i soci hanno investito centinaia di migliaia di Euro per il rifacimento e miglioramento delle banchine. Molti dei nostri associati sono appassionati di vela». Tra le varie cose vi è da ricordare che già da diversi anni la FondAzione PRimA’vera ha realizzato e condiviso con l’Amministrazione Comunale e Municipale un progetto, a cui ha collaborato l’Architetto Patrizia Pittaluga, proprio per recuperare e valorizzare le aree dismesse del vecchio tracciato della linea GE-XX Miglia, tramite prolungamento dalla Rotatoria “Pontile” (Isola Ecologica di Pra’) fino al Castelluccio del POR Pra’ – Marina, con tanto di pista ciclo-pedonale, intensa piantumazione e realizzazione di un piccolo mercato del pesce. La realizzazione di tale progetto rimuoverebbe anche l’ostacolo del vecchio muro ferroviario rendendo finalmente facilmente visibile le aree dell’ILVA, gli alberi dei suoi natanti a vela, la freschezza e l’entusiasmo dei suoi velisti.

Gli Optimist pronti a prendere il mare

2 Comments

  1. Ottima notizia. La Fascia di Rispetto di Pra’ e il suo Canale di calma sono veramente un polo sportivo di eccellenza. Mi fa molto piacere sapere che questi spazi che noi Praesi abbiamo conquistato con tanta fatica e impegno siano utilizzati in maniera proficua da tanti ragazzi. Le Fonderie Ratto hanno contribuito a costruire la storia di Pra’ e quel tratto di mare e di costa, all’ombra del glorioso e antico Castelluccio di Pra’ è sempre stato per me, bambina, un angolo magico. Tantissimi auguri quindi, ai giovani velisti e speriamo di riuscire ad ottenere un’ampia area dedicata agli sport velici, magari prolungando lungo tutto il lato di levante la passeggiata ciclo pedonale del lato sud del Canale. Pra’ sarà sempre più bella e attrattiva.

Rispondi a Srefano Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*