Intitolate le Passeggiate sul Canale di calma alla vecchia spiaggia ed ai cantieri navali praesi

Alessandro Cassinis, Direttore del Secolo XIX

Preservare il ricordo di ciò che non c’è più guardando però al futuro.

Elisa Provinciali#

Persino il tempo ci ha dato una mano, martedi mattina 17 novembre, sulla Fascia di Rispetto di Pra’: quei nuvoloni cupi, che non promettevano nulla di buono, sono stati immobili e hanno “graziato” lo svolgimento di una cerimonia, di una festa piena di allegria e spontaneità.
La Banda “C.Colombi”, 250 bambini della scuola primaria, con la loro dirigente ed insegnanti,i rappresentanti delle istituzioni e della cultura, delle società sportive, cittadini e genitori, i parroci delle nostre due chiese, N.S. Assunta e San Rocco, la P.A. Croce Verde di Pra’, il corpo della Polizia Municipale, gli esponenti della stampa e dei media, i membri della FondAzione PRimA’Vera, che ha promosso l’evento…tutti quanti, si sono riuniti attorno alle targhe fresche di apposizione, ma ancora coperte dalla croce di San Giorgio di Genova, che finalmente, hanno tolto dall’anonimato un luogo pregnante di ricordi, commoventi e coinvolgenti.

Passeggiata Spiaggia di Pra’ “ e “Passeggiata Cantieri Navali Praesi”, così sono stati denominati gli eleganti percorsi pedonali che fronteggiano il Canale di Calma, collegandone gli estremi.

Intitolazione_1
Lungo il loro snodarsi, le palazzine in legno delle storiche società sportive praesi, alternate da chioschi e panchine,e davanti ad esse, gli approdi ed i pontili delle imbarcazioni: uno scenario completamente trasformato, ha ricordato Guido Barbazza, Presidente della FondAzione, rispetto a quando, trent’anni fa, all’incirca, in quello stesso luogo c’era il mare limpido e pescoso di Pra’: si nuotava, ci si tuffava per scovare tesori nascosti, si viveva con semplicità, in un territorio non ancora ferito dall’avvento del porto container. I bambini hanno ascoltato rapiti queste narrazioni, riprese anche dal Com.te Calloni e dal Presidente Avvenente, che hanno saputo parlar loro il linguaggio dei semplici…e certamente, il messaggio che è passato in quelle testoline, orecchie curiose, occhi vivaci e’ stato positivo: ricordiamo il nostro territorio, amiamolo e proteggiamo sempre le sue bellezze; impegniamoci, credere negli ideali conduce alla loro realizzazione!
Valorizziamo le radici, l’identità, la partecipazione: concetti non semplicissimi, ma i ragazzi del 2000 o meglio, i nativi digitali 2.0, sono lesti a capire.

intitolazione 3
Le giovanissime generazioni di Pra’ hanno quindi ricevuto il testimone dagli adulti e sono stati protagonisti di un evento che ha rappresentato una lezione, dal vivo, di storia, sociologia , geografia ed educazione civica, tutto insieme.
La solennità di taluni passaggi, la fanfara, l’inno d’Italia e quello di Pra’, cantati all’unisono, sventolando le bandierine tricolori, hanno suscitato in tutti i presenti, grandi e piccoli, una vera empatia, una sincera commozione, visibile in tante persone, con le lacrime agli occhi, poiché la musica unisce i cuori e le anime, rendendo festoso ogni incontro.
Il direttore del Secolo XIX, Alessandro Cassinis ed il Prof. Enrico Musso sono stati insigniti di attestati di benemerenza, per il loro impegno nel coadiuvare l’operato della FondAzione per Pra’. Ma, in calce alla cronaca, sono tantissime le persone da ringraziare, tra le quali abbiamo ricordato il socio Alfredo Ponte, prematuramente scomparso, che tanto ha dato al suo territorio, per il quale nutriva un amore totale.
In conclusione, una merenda per tutti, offerta da Latte Tigullio e da Coop Liguria, e per gli adulti, dalla società Sapello e dalla FondAzione…era molto abbondante, per cui ciò che è rimasto, è stato portato alle suorine di Madre Teresa , che così hanno festeggiato, con i loro assistiti, insieme a noi l’intitolazione delle Passeggiate, un altro passo verso il cammino che conduce a Pra’ Futura.
Un’immagine è ricorsa nelle parole degli intervenuti: quella della fenice, mitico uccello che rinasce ogni volta dalle sue ceneri, più bella e splendente di prima…e’ questo l’auspicio che ci sentiamo di fare per il nostro territorio.

intitolazione 2intitolazione 4

 

 

 

 

 

 

 

Hanno detto:

Ringrazio di cuore la FondAzione per aver coinvolto la Scuola in questa significativa manifestazione, e tutti i presenti che hanno contribuito alla sua realizzazione; credo nel valore educativo del collegamento con il territorio” – Francesca Migliorero, Dirigente Istituto comprensivo di Pra’

Non serve a nulla piangersi addosso, occorre invece credere e lavorare con impegno per costruire Pra’ Futura; ..quando avevo la vostra età e portavo i calzoncini corti, mi -abbullavo- nel mare, proprio qui, da dove vi sto parlando adesso. Chi sa cosa vuol dire questa parola?” Guido Barbazza, Presidente FondAzione PRimA’vera

Mai perdere memoria del passato, ma parlarne alle nuove generazioni, guardando al futuro con fiducia. Basta fare un giro sulla Fascia: la piscina, la pista ciclabile, il campo di calcio, gli approdi nautici , il canottaggio sono belle realtà e presto, con il progetto -Pra’ to sport- verranno ancora migliorate ed ampliate….Mi fate vedere bene cosa avete in mano, bambini? (le bandierine tricolori, nota d.r)” – Mauro Avvenente, Presidente 7mo Municipio Ponente (Voltri, Pra’, Pegli)

Vogliamo fare un’alchimia, portando il passato nel presente e consegnandolo a voi bambini perchè ne abbiate cura, e possiate dire, da grandi, passando di qui:-Io c’ero!” – Com.te Niclo Calloni, FondAzione PRimA’vera

Pra’ Viva è una realta’ trentennale, che gestisce i 2,5 km di waterfront, ed ha cura della restituzione di servizi alla cittadinanza, privata della spiaggia per far posto al porto” – Mimmo Barlocco, Presidente Pra’ Viva

L’amicizia con la FondAzione PRimA’vera è nata da una discussione per un articolo apparso sul giornale, che attribuiva erroneamente il porto a Voltri; adesso, siamo completamente solidali con Pra’ e diamo risalto all’impegno dei suoi cittadini”– Alessandro Cassinis, Direttore del Secolo XIX

Ringrazio per questo invito e riconoscimento; apprezzo la vostra realta’, perchè a differenza di altre zone del mondo ove il porto ha fagocitato i centri abitati, qui si tenta una sintesi, una convivenza con esso, pur se difficile e faticosa. Pra’ è un modello di integrazione”- Enrico Musso, Direttore C.I.E.L.I

intitolazione 6Intitolazione7

 

 

 

 

 

 

 

La FondAzione PRimA’Vera vuole ringraziare tutti coloro che si sono adoperati per l’ottima riuscita della manifestazione.
Si ringrazia di cuore (in ordine assolutamente casuale):

Fulvio Sorbara ed i musicisti della “Banda C.Colombi”di Pra’, giunti anche da fuori Genova per allietare la cerimonia. Senza di essi, non sarebbe stata cosi’ bella.
Nino Durante,
autore dell’Inno di Pra’, cantato e suonato con i bimbi.
Claudio Chiarotti
, Consigliere del municipio, che ha seguito costantemente l’iter della preparazione, attivo ed assiduo sul territorio. E’ riuscito ad appianare le criticità che potevano sorgere per l’organizzazione.
M.Rosa Morlè
, Assessore municipale alla Cultura, che non manca mai nella propria disponibilita’ a partecipare tra la gente.
Il Consigliere comunale
Salvatore Caratozzolo, in rappresentanza del Vice-sindaco, e concittadino praese.
Don Claudio Valente
e Don Antonio Lovati, Parroci delle due chiese di Pra’. La loro presenza ed appoggio spirituale valorizza sempre anche gli eventi civici della delegazione.
La pubblica assistenza
“ Croce Verde Praese”, ed i militi attestati sul luogo.
Il
Maresciallo Raffaele Fantauzzo ed i Vigili urbani, per la rassicurante assistenza durante il percorso e sul sito.
La societa’
ASDPS Sapello, per l’assistenza logistica (tavolini, allacciamento elettrico e quant’altro)
e rifocillativa, con l’ offerta di una cospicua quantita’ di mitica focaccia del Panificio Cioi.
SMS Pescatori
per la collaborazione e altre associazioni sportive per la presenza.
L’officina comunale addetta alla
Toponomastica.
Coop Liguria,
nella persona della gentile sig.ra Marina Curcio e Latte Tigullio, gentile sig.ra Barbara Toso, che hanno fornito la merenda alle scolaresche.
La Dirigente Scolastica
Francesca Migliorero, la maestra Barbara Battisti e tutte le insegnanti accompagnatrici, per la collaborazione e la disponibilita’.
I cittadini intervenuti, i genitori, i nonni.
Infine
I BAMBINI DI PRA’!

intitolazione 5intitolazione 8

6 Comments

  1. Aver messo insieme tanta gente e tante Autorità rende merito a questa importante iniziativa e ai suoi bravi organizzatori. Sempre più Supratutto diventa catalizzatore di idee di rilancio per Prà, in passato dimenticata e assente dalle cronache cittadine delle buone notizie. Vorrei ringraziare di cuore chi si è dedicato a questa manifestazione.

  2. Una iniziativa lodevole che rivitalizza la delegazione, non più solo luogo di passaggio ma anche di interesse da parte della città e dei cittadini, a cominciare da chi ci abita e non si accorge che a poco a poco si può migliorare l’ambiente urbano e che non sempre tutto è triste e negativo.

  3. Molto bello vivere momenti aggreganti e carichi di positività e speranza per il futuro coinvolgendo i bambini tra i ricordi degli adulti e il domani che sarà loro. Un augurio a Pra’ e Palmaro, che queste iniziative possano stimolare tutti i cittadini di buona volontà e sensibili al miglioramento della qualità della vita della cittadina. Grazie Fondazione!

  4. Complimenti per lo spirito e la riuscita dell’iniziativa. Pra’ sta forse tornando un luogo dove è interessante andare a vivere. Un luogo da scegliere e non solo da ereditare. Puntare (o continuare a puntare) su: sostenibilità delle attività produttive, “green port”, rapporto col mare, collegamenti con il centro di Genova e con l’aeroporto, architetture innovative, conoscenza e diffusione della storia e delle tradizioni di Pra’. Avanti tutta!

  5. Bravissimi, bella festa e fate bene a ad attirare con queste iniziative l’interesse su Pra. Bisogna essere tutti uniti sul futuro del ponente. Forza tutta a dritta.

  6. Sentire i bimbi, tanti, allegri e spensierati, cantare l’inno d’Italia e l’inno di Pra’ mi ha commossa. Veramente bello e toccante l’intervento del direttore del Secolo XIX Cassinis. Non ho parole, bravi tutti, continuate così, per il bene di Pra’. Elsa Peirano

Rispondi a Caterina Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*