Inqualificabile “gaffe” del Presidente di Autorità Portuale Signorini

La Redazione-

“SuPra’tutto sta ricevendo in questi giorni innumerevoli segnalazioni di protesta ed indignazione da parte di cittadini di Pra’ in merito alle parole pubblicamente espresse dal Presidente dell’Autorità Portuale Signorini durante un’intervista con le quali avrebbe fatto riferimento a Pra’ ed al Ponente come “zona meno pregevole della Città”. Tra i tanti messaggi ricevuti in Redazione pubblichiamo l’ e-mail di Stefano Silvestri, che ha richiesto scuse formali. In sintesi i messaggi dei cittadini, ricordano al Presidente Signorini che il litorale di Pra’ prima della devastazione apportata proprio dalla “Istituzione” che presiede aveva una delle più belle spiagge della Liguria, con 34 stabilimenti balneari e pregevoli attività di pesca e costruzioni navali, sottolineaiamo il fatto che Pra’ non si sente per niente “zona meno pregiata”. I cittadini suggeriscono allo stesso Presidente di concentrarsi a realizzare le “opere di compensazione” per Pra’ da lui stesso da tempo annunciate ed ancora nemmeno percepibili, che i cittadini locali aspettano da decenni, e di farsi parte attiva e proattiva per realizzare la visione di “Pra’ Porto Amico” preconizzata dalla FondAzione PRimA’vera, prima di pensare a portare altri disagi e servitù come sarebbero quelli di traghetti e Ro-Ro a Pra’. Sarà cura di questo giornale inoltrare allo stesso Presidente le note e le comunicazioni che riceveremo dai cittadini sul tema.”

Link trasmissione   http://www.primocanale.it/single_video.php?id=100063

33 Comments

  1. Assolutamente inqualificabile. Noi a Pra’ e nel Ponente abbiamo sacrificato la nostra ottima qualità di vita in favore di puro business. Non voglio sentir parlare di lavoro. Noi qui, di lavoro, di benessere e ricchezza diffusa ne producevamo molto di più con la spiaggia e le attività ad essa correlate. Non siamo più disponibili a subire. Intanto incominci a cercare altri spazi per Borgo Nuovo Terminal. La collocazione attuale, adiacente alla passeggiata ciclo-pedonale, doveva essere provvisoria…
    Sono cinque anni che è provvisoria. È pericolosa…
    E ora i container sono addirittura in quarto tiro… guardare per credere! Signorini, si scusi e si attivi!

  2. Dopo le doppie finestre per il rumore anche questa offesa…la gente di Palmaro aspetta da anni la realizzazione di un progetto di riqualificazione del territorio e invece l’Autorita di Sistema Portuale fa cadere dall’alto un’altra servitu’. Come al solito senza condivisione con la cittadinanza meno pregiata della citta’. Vergognoso

  3. E’ veramente una vergogna!!! L’interesse di pochi a discapito del benessere dei praini…e non solo…turismo, pesca, industrie marittime erano la vocazione della nostra porzione di territorio

  4. Vergognoso.Ma che carica ricopre costui? La popolazione di Pra e Palmaro ha vissuto con dignità il sacrificio della sua terra.Ci hanno tolto uno dei litorali più belli della costa.neppure le sue dimissioni pareggerebbero il suo dire.subito una mobilitazione.

  5. Questa è la conferma di come veniamo considerati da chi , invece, dovrebbe impegnarsi per completare l’opera di riqualificazione della fascia di RISPETTO di PRA’. Mi domando come possa farlo un Presidente di Autorità di Sistema Portuale che pare proprio non conoscere la parola RISPETTO. Come Praina mi sento offesa ed indignata e voglio ricordare al presidente Signorini che i cittadini delle “Zone meno pregiate” hanno un orgoglio, una forza d’animo, una coesione ed una capacità di reazione che li rendono nobili come il territorio su cui sono nati e vivono. Vede Presidenre Signorini non basta avere una posizione di vertice per pensare di poter fare tutto ciò che si vuole, io le dico che a Pra’ i traghetti non ce li porterà perché Pra’ non è e non si sente una ” Zona meno Pregiata” bensì un territorio che tanto ha già pagato e paga in termini di qualità della vita per la presenza invasiva del terminal PSA ma PRA’ vuole essere risarcita di tutto quello che le è stato tolto e vedere finalmente realizzarsi tutte le promesse che le sono state fatte . Con questo la saluto con la speranza che possa ripensare alle sue parole e sostituire l’aggettivo ” pregiate ” con ” trascurate ” che bene indica come sono sempre state trattate le zone di ponente. Buona giornata e buon lavoro.

  6. Buongiorno redazione ,

    oltre alle scuse formali , direi che il Presidente ,deve passare all ‘ operatività, attuando iniziative concrete propense ad un valido cambiamento per il litorale ; non peggiorandolo con un probabile arrivo di traghetti .

    È una vergogna e un affronto verso tutti i cittadini che ricordano come era Pra tempo fa e che ora rimane solo nelle fotografie appese in qualche locale della zona.
    Servono soluzioni concrete , non parole; servono proposte prontamente attuabili .
    È una vergogna che definisca “ zona meno pregiata “ un pezzo di terra che è stata deturpata proprio da loro .
    Almeno sarebbe gradito il silenzio e non tale etichetta, che rappresenta, un’ autentica ed ulteriore “deturpazione”.
    Un accanimento cronico,ingiusto e sopratutto non condiviso .
    Chiederei pertanto un riscontro al fine di trovare soluzioni possibili e soprattutto caratterizzate da due elementi importanti :
    praticità ed immediatezza .

    In mancanza di ciò , sarebbero auspicabili autentiche e convinte dimissioni .
    Questo signore non mi rappresenta
    Grazie per L attenzione

  7. Dott Signorini
    La sua affermazione è alquanto offensiva , Non si dimentichi che in questi anni , nella zona di Prà Palmaro , siamo stati calpestati in tutti i sensi , anche se a lei sembra strano noi cittadini di Palmaro abbiamo una dignità come quelli di Albaro o Nervi . Aspettiamo le sue scuse . O le sue dimissioni! Dobbiamo convivere con il porto , faccia qualcosa per migliorare la difficile qualità della vita che si è venuta a creare in questi anni .

  8. L affermazione del dott signorini non è altro che il pensiero dei governanti di questa regione è ora di dire basta le parole non servono tutti con aiuto dei vari comitati in piazza mobilitazione e corteo.

  9. Grazie per l’affermazione che ci esterna e chiarisce una sola cosa ….SECESSIONE dal comune di Genova. Il porto dovrà trattare con i Praesi unici padroni del territorio.

  10. Concordo in pieno con Fabio.E’ caduta la maschera. Pra’ e gli altri comuni accorpati da Genova sono sempre stati e purtroppo continuano ad essere, considerati colonie da utilizzare a proprio piacimento per scaricarvi tutti i disagi le servitù e le schifezze. ORA BASTA. SECESSIONE DI PRA’ (e anche di Pegli e di Voltri) DALL’INFAME COMUNE DI GENOVA.

  11. Non si capisce perchè pur essendo nella stessa città metropolitana Arenzano Cogoleto & C. debbano avere Sindaco e amministrazionee Pra’ che è quattro volte tanto non debba avere neanche un rappresentante. Certo che vedere personaggi in queste posizioni comportarsi in modo tanto indecente è semplicemente sconcertante. Se le decisioni vengono prese da gente così che non solo non fa niente ma addirittura insulta i cittadini molto meglio che Pra’ ritorni comune e che il porto di Pra’ cominci a fare i contri, sul serio, con i praesi.

  12. PUBBLICHE SCUSE
    DIMISSSIONI
    RISANAMENTO DEL “MENO PREGIATO” PONENTE”, del quale non è ammissibile parlare in questo termini.
    VERGOGNA!

  13. Buongiorno, riguardo l’intervista rilasciata a primocanale dal Presidente Signorini, il Comitato Palmaro esprime la sua indignazione ed esprime una sua piccola riflessione.
    Forse nessuno sa che la modernità e il futuro pensato negli anni ’70 non hanno più motivo di esistere in quest’epoca, siamo nel 2018 e qualcuno non lo ha ancora capito o forse torna meglio pensarla così, stanno con i poteri forti ma soprattutto sono privi di ideali veri e di rispetto per il prossimo a scapito sempre dei cittadini.

    Si arriva quindi alle dichiarazioni del presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale che si permette, senza remora alcuna e senza nessuna forma di rispetto, di etichettare le zone del ponente Genovese ” Meno Pregiate “, non che il suo giudizio conti, ma parole del genere se non filtrate creano convinzioni a chi ascolta e passa cosi un messaggio deplorevole, un messaggio chiaro, voluto per screditare una parte della città per poter fare i loro comodi, i loro affari, qui nel Ponente, dove la servitù industriale/portuale ha strappato ai cittadini tutto, il mare, la salute, il sonno!

    Nel nome del profitto si sferrano attacchi alla nostra salute, alle libertà individuali, alla dignità personale, alla integrità della natura e dell’ambiente – alla bellezza della gioia di vivere. Siamo stufi e pretendiamo rispetto e protezione. Non vogliamo piu vivere in una condizione di precaria legalità…

    Chiediamo quindi rispetto e se queste sono le basi per una collaborazione futura forse il Presidente non lo sa, qui a Palmaro l’aria è cambiata, e il pregio tanto paventato ce lo riprenderemo con la forza, con la costanza, con l’orgoglio, quello che in certi momenti qui è mancato ma non è mai morto, forse si era addormentato come molte persone stanche dei soprusi perpetrati nel tempo qui a Ponente, ma mai morto, e con le parole del Sign. Signorini lo hanno risvegliato.

    Quindi si presenterà una dura lotta a Ponente, non basteranno le scuse, ora conteranno solo i fatti, e noi a Ponente aspettiamo la riqualificazione, non i Traghetti, e questo signor presidente forse lei non lo sapeva ma qui noi le cose noi non le dimentichiamo…

    Comitato Palmaro

    via Diano Marina, box 3

    16157, Genova

    https://comitatopalmaro.wordpress.com/

    comitatopalmaro@gmail.com

  14. Credo che le parole irresponsabili , riaprano una ferita ancora aperta nella popolazione di pra’ Palmaro.
    Dopo il danno pure la beffa, invece di scusarsi per i danni che il porto ha causato alla zona.
    Bisognerebbe chiedere danni per milioni a queste persone che hanno amministrato così male una situazione che poteva essere gestita facilmente con un po’ di competenza.
    Mi riferisco ad una progettazione iniziale che prevedesse un impatto ambientale meno invasivo di quello che in realtà c’è stato.
    Un rispetto dell ambiente , per la salute dei cittadini , i rumori , la scelta dei raccordi stradali, tutte cose ampiamente fuori legge.

  15. Pubblico una serie di commenti che mi sono giunti via mail personale e wattsapp, di lettori che me l’hanno chiesto non avendo molta dimestichezza col programma:
    Nadia T.
    Infatti si sapeva che ci consideravano cosi’, altrimenti non avrebbero costruito questo scempio.Mica lo hanno fatto a Nervi o Sturla ed altri luoghi “Pregiati”!
    Silvana B.
    INQUALIFICABILI!
    Caterina
    NON HO PAROLE!
    Davide
    Poteva chiudere il becco. Ergo, se Pra’ e’ diventata uno schifo, cacciate la grana per riqualificarla!
    Paola:
    Io non accetto scuse, solo DIMISSIONI. Elisa, scatena la tua penna magica!Dobbiamo replicare al suo insulto.Siamo cittadini di alta classe noi, abbiamo vissuto con dignità il nostro ponente deturpato.

  16. VIVIANA
    Ci stanno trattando come rifiuti: che schifo!
    Elio:
    Vergognoso, fare business sulla nostra pelle, e’ lora di dire BASTA!
    Pino:
    Invitiamolo a chiarire quanto affermato sulla zona del ponente…
    Elia:
    Un presidente che si esprime con questi termini andrebbe dimissionato da tale incarico.Le persone che abitano a ponente pagano le tasse nella stessa misura di S.Ilario e zone Chic di Genova!
    Mauro:
    La logica classista della suddivisione della citta’ continua: a Levante le residenze signorili, in centro la cultura ed i servizi, in Val Polcevera e Ponente, le servitu’ che nessuno vuole…CI SIAMO ROTTI!

  17. Presidente Signorini,
    avevo avuto occasione di ascoltarla, al primo convegno sulla portualita’ genovese affermare con tracotante indifferenza che l’unico compenso possibile ai disagi provocati dal porto erano ”doppi vetri alle finestre e condizionatori per tutti”…e la cosa non mi era piaciuta affatto, ma con l’ultima intervista Lei ha veramente passato ogni limite , avendo prospettato lo spostamento dei terminal traghetti “a Ponente, zone NON DI PREGIO della città”!
    Si rende conto della gravita’ di tale affermazione? Significa suddividere arbitrariamente Genova in cittadini di serie A, che vanno in Crociera, e poveri tapini di serie B, abitanti in zone degradate, NON PREGIATE e quindi , da caricare ulteriormente di servitu’ dequalificanti! Sono, siamo tutti INDIGNATI per la sua definizione, e le faccio notare che il deprezzamento del Ponente e’ stato causato da dissennate politiche, che hanno trasformato un’i ncantevole litorale, la spiaggia piu’ bella ed ampia della citta ed interi paesi, nell’anticamera dell’inferno.

    Lo erano si, di pregio, Pra’ ed il Ponente tutto, vero e’ che bellissime ville nobiliari sorsero sulla sua costa….e se sono diventate cosi’, a maggior ragione vanno urgentemente riqualificate, risarcite, e compensati i cittadini con saggi interventi di riqualificazione, o vogliamo sparare sulla Croce Rossa?

    Continuare ad infierire sul Ponente, ed anzi, a dileggiarlo pubblicamente attraverso la principale emittente genovese?
    La invito a riascoltare le sue dissonanti ed offensive parole, non consone ad un uomo che ricopre un ruolo istituzionale così strategico e delicato, a ravvedersi pubblicamente, le scuse sarebbero del tutto opportune, e ad adoperarsi al massimo per rimediare agli errori che hanno fatto del Ponente un LUOGO NON PREGIATO, dimenticandosi dei traghetti, che non permetteremo vadano ad aggiungersi ad una vivibilità già intollerabile.
    Distinti saluti
    Elisa Provinciali /Blogger/Cittadina di Pra’

  18. Pubblico il testo della lettera aperta al Presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mar Ligure occidentale Paolo Emilio Signorini che ho appena inviato per posta elettronica
    all’Ufficio stampa dell’Autorità di Sistema portuale e per conoscenza al Governatore della Liguria, al Sindaco di Genova, al presidente del Municipio VII Ponente ed alle redazioni di PrimoCanale, Secolo XIX e Radio Babboleo.

    Alla c.a.
    Del Presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mar Ligure occidentale
    Paolo Emilio Signorini

    Gentile Presidente Signorini,
    da Genovese che vive da sempre nel Ponente della città ed in particolare nell’ex Comune e Delegazione di Genova-Pra’ sono rimasto molto sorpreso ed amareggiato dalle parole che Ella ha usato nel corso di un’intervista rilasciata all’emittente televisiva PrimoCanale nella quale ha parlato della volontà di favorire l’arrivo delle navi da crociera nel centro di Genova spostando conseguentemente l’imbarco e lo sbarco del servizio di traghetti nelle aree del ponente cittadino “di minor pregio e più lontane dal centro della città”.
    L’amarezza ed anche la rabbia nascono sia dalla scelta delle parole da Lei usate che dal contenuto stesso dell’intenzione comunicata.
    Gentile Presidente per quanto riguarda l’aspetto formale voglio davvero sperare che le parole da Lei dette siano solo frutto di una scelta lessicale del momento non particolarmente felice e non siano invece il segno rivelatore di una sommaria conoscenza del territorio o peggio di un insopportabile pregiudizio da parte di chi è chiamato ad assolvere un compito molto importante per le sorti e la qualità della vita di migliaia di persone che si trovano a dover convivere con la presenza importante e spesso invadente di formidabili infrastrutture portuali a così breve distanza dalle proprie abitazioni.
    In ogni caso Le vorrei ricordare che il Ponente genovese non può certo essere considerato e gestito alla stregua di una anonima e moderna periferia urbana al pari degli spesso brutti quartieri e delle periferie che nel corso del secolo scorso sono sorte nelle nuove aree urbane intorno ai centri storici delle maggiori città italiane. Il Ponente genovese è invece territorio costellato da numerose cittadine, paesi e borghi che, da Voltri a Sampierdarena, possono vantare storia, cultura, tradizioni e monumenti plurisecolari quando non addirittura millenari, un territorio ancor oggi ricchissimo di eccellenze paesistiche, architettoniche, turistiche, naturali e gastronomiche da valorizzare al meglio e da rendere sempre più belle, fruibili e accessibili a residenti, cittadini, turisti e consumatori; sono località che contribuiscono a rendere Genova una città poli-centrica, caratteristica forse quasi unica al mondo e che ne fanno una città ancora più bella ed apprezzabile. E sono località che forse oggi potrebbero ancora godere di una maggiore autonomia, di un maggiore benessere e di una migliore qualità di vita se nel 1926, per decisione dell’allora governo Mussolini, non fossero state forzosamente accorpate all’amministrazione comunale di Genova. Oggi buona parte degli abitanti di questi centri, pur considerandosi Genovesi, tanto meno quanto ci consideriamo allo stesso tempo Voltresi, Praesi o Sestresi, stanno cercando con le unghie e con i denti di difendere la propria salute e riconquistare quei sacrosanti spazi di vivibilità e qualità della vita che sono stati molto pesantemente compromessi o limitati dalle scelte urbanistiche, economiche e progettuali dei decenni passati quando nel Ponente cittadino e nelle Valli Polcevera e Bisagno si sono volute concentrare infrastrutture ed insediamenti produttivi che hanno però determinato un drastico peggioramento delle condizioni ambientali, e della vivibilità dei residenti.
    Non so se l’area del Ponente genovese e di Pra’ in particolare possa essere considerata da taluni, e secondo me a torto, come area di minor pregio rispetto al centro di Genova, ma di certo è che è proprio per colpa di scelte quanto meno discutibili, per non dire scellerate, imputabili proprio ad Istituzioni come l’allora Consorzio Autonomo del Porto, (oggi diventato Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure occidentale) e delle amministrazioni comunali e regionali che si sono succedute nel tempo, se il bellissimo litorale di Pra’, per secoli fulcro della vità sociale ed economica degli antichi borghi praesi, nonchè rinomata spiaggia che richiamava turisti e bagnanti da tutta Genova e dal Nord Ovest d’Italia, è stata cancellata per sempre per lasciare posto ad un terminal container costuito senza tener minimamente conto dei diritti e delle esigenze dei residenti, addirittura a pochi metri dalle case con tutto il suo peso di invasività, impatto ambientale ed inquinamento e senza prevedere praticamente alcuna compensazione anche solo a parziale risarcimento dell’immane danno procurato, garantendo poi , a conti fatti, livelli occupazionali di gran lunga inferiori a quelli sbandierati e promessi a suo tempo.
    Ed è solo grazie alla strenue lotte di parte della cittadinanza se quanto meno si è riusciti a conquistare un piccolo grande spazio di vivibilità grazie alla Fascia di Rispetto, al canale navigabile in essa contenuto ed agli impianti sportivi che ospita. Questo spazio di vivibilità si estende però solo per metà del litorale cancellato e lascia ad esempio i sestieri di Pra’ Palmaro e Pra’ Cà Nuova a più stretto contatto con le opprimenti ed invasive attività portuali. Per fortuna però la comunità praese che può vantare un tessuto associativo antico, ricco e variegato, ha continuato e continua a lottare, da alcuni anni a questa parte anche e finalmente con il fattivo sostegno dell’istituzione e della rappresentanza del Municipio, per ottenere una doverosa mitigazione dell’inquinamento e dell’impatto ambientale generato dal porto e per una giusta estensione della Fascia di Rispetto anche a ponente e per tutta la lunghezza del porto fino al confine con Voltri. Teniamo infatti presente che diverse migliaia di cittadini si trovano a dover fare i conti quotidianamente con le grandi quantità di fumi, di microparticelle e di sostanze nocive riversate nell’aria dalle enormi navi porta-contenitori che stazionano sulle banchine, con le migliaia di TIR che transitano quotidianamente sul viadotto autostradale in uscita dal porto, per non parlare poi del rumore causato giorno e notte dai motori delle navi, dai cicalini delle gru e dalle operazioni in atto nel District Park proprio davanti alle case del quartiere di Pra’ Palmaro. E non va sottovalutato neppure un altro dato: in un anno e mezzo tra il 2016 ed il 2017 l’Agenzia delle Dogane ha infatti scoperto e sequestrato ben 1.700 tonnellate di rifiuti speciali e sostanze nocive nascoste nei container in arrivo e partenza dal porto di Pra’; si tratta di una cosa gravissima che espone lavoratori del porto e residenti ad ulteriori e seri rischi per la propria salute. E per non farci mancare nulla di tanto in tanto anche qualche contenitore con sostanze radioattive che resta magari fermo per settimane e mesi nelle aree del nostro porto e che dimostra ancora una volta tutte le falle di un sistema di sicurezza che va sicuramente potenziato e reso decisamente più efficiente, a partire dalle apparecchiatture di scansione dei contenitori per proseguire con i controlli sui carburanti utilizzati dalle navi e con la presenza di centraline davvero in grado di rilevare i dati sull’inquinamento nell’aria.
    Ecco, gentile Presidente Signorini, compito doveroso di un’Autorità di Sistema Portuale e, aggiungo di amministrazioni pubbliche che gestiscono al meglio il territorio, è anche quello di lavorare per preservare e salvaguare la salute e la qualità della vita delle persone (e parliamo di decine di migliaia di cittadini) che vivono a stretto contatto con i porti e le infrastrutture e le attività ad essi collegati e non solo di pensare a come poter incrementari traffici, affari ed attività economiche; anche perchè i due obiettivi possono e debbono andare avanti di pari passo secondo il concetto di “Porto amico”; e a dimostrazione di ciò ci sono numerosi esempi in Europa e nel mondo dove non solo i porti hanno abbattuto i livelli di inquinamento ma contribuiscono anche, con una parte dei propri guadagni, al benessere ed al miglioramento della vita di chi risiede nei territori ospitanti.
    Da Genovese che risiede da sempre a Genova-Pra’ ho accolto con favore i progetti approvati e in alcuni casi anche già finanziati dalla precedente presidenza dell’Autorità Portuale di Genova che prevedono l’elettrificazione delle banchine del porto di Pra’, il potenziamento delle dune alberate di separazione tra porto ed abitato, il prolungamento del Canale di calma e della Fascia di rispetto anche a ponente, l’allontanamento progressivo del porto dall’abitato secondo il concetto di “Porto isola”, una passeggiata ciclo-pedonale alberata davanti a Pra’ Palmaro, tutte opere basilari e necessarie per attenuare e schermare l’inquinamento generato dal porto, opere spesso progettate in accordo e attraverso il dialogo con le istituzioni e le associazioni locali.
    Anche il recente accordo raggiunto con RFI per potenziare i binari di accesso e di uscita dal porto sembra poter andare in questa direzione virtuosa, potendo consentire una maggiore quantità di merci trasportate su rotaia anzichè con i più inquinanti TIR.
    Ma sempre da Genovese residente a Pra’ non mi spiego però gli inaccettabili ritardi a causa dei quali la realizzazione di queste opere non è stata ancora neppure avviata o le difficoltà messe in campo per riuscire ad avere anche solo delle centraline che rilevino in maniera efficace i livelli dell’inquinamento nel centro abitato; da cittadino certo non mi spiego e davvero non posso accettare anche solo l’idea che si possa continuare a pensare di gravare il Ponente genovese e Pra’ in particolare con nuove servitù e nuove potenziali fonti di problemi anzichè darsi da fare per alleggerire ed abbattere seriamente quelli già ampiamente presenti sul territorio. Non posso davvero accettare l’dea anche di un trasferimento a Ponente di un terminal traghetti o di altre grandi navi oltre alle porta-contenitori con tutte le conseguenze che questo comporterebbe: ulteriore inquinamento, ulteriore transito e stazionamento di migliaia di TIR e di autoveicoli, ulteriore costipazione degli spazi urbani.
    Gentile Presidente se una tale intenzione dovesse essere confermata questa volta non potrà davvero aspettarsi una supina accettazione da parte dei Praesi e non potrà certo aspettarsi di essere accolto a braccia aperte. A Pra’, e da molto tempo, la misura è davvero colma e per quanto mi riguarda non esiterò un attimo a schierarmi con coloro che si opporrano in ogni modo ad una simile sciagurata eventualità; e a pensarla come me, Glielo posso assicurare, siamo davvero in tanti, sicuramente la maggior parte, se non addirittura la quasi totalità dei Praesi.

    La ringrazio per la cortese attenzione
    e Le porgo cortesi saluti ed auguri di buon lavoro per il bene del porto ed anche del Ponente genovese.
    Ing. Luciano Bozzo

    • bisognerebbe mandare noi tutti la mail del Sig. Bozzo ai destinatari citati. Chiedo alla redazione di creare un link, come già fatto in altre occasioni, dal quale la si possa inoltrare in massa.Grazie

  19. Luciano hai riassunto alla perfezione quello che in tanti pensiamo, il danno e la beffa a Pra’ non siamo più disposti a tollerarli. Abbiamo il diritto di sapere se cresciamo i nostri figli in un ambiente malsano, e abbiamo il dovere di batterci affinché questo non avvenga. Io ci sono

  20. Ottima l idea di Laura.la Fondazione sta lavorando proprio adesso alla realizzazione di una mail ad invio semplificato a Signorini ed in.copia Istituzioni ed emittenti, sull esempio di quella dell appello al Sindaco, tuttora in corso.
    L Unione fa la forza, il Ponente tutto si sta mobilitando…avanti tutta !

  21. Spett.le SUPRATUTTO

    Voglio esprimere i miei più sentiti ringraziamenti per vermi messo a conoscenza di tale MALEFATTA!!
    Proprio di questo si tratta e sto seriamente pensando di rivolgermi alle autorità competenti per val valere i miei diritti di cittadino ITALIANO in ottemperanza al principio costituzionale di uguaglianza.

    Il Dott. Sanguineti con le sue parole, se messe in pratica sancirebbero l’aumento delle disuguaglianze territoriali andando a far vanificare gli investimenti pubblici appena spesi come minimo risarcimento della sottrazione del litorale.

    Mi auguro una forte, anzi fortissima, presa di posizione in primis del MUNICIPIO e del COMUNE. E’ necessaria una forte reazione a tali parole a prescindere dallo schieramento politico. Desidererei leggere una forte condanna votata unanimemente dai consigli.

    Il ponente DEVE essere rispettato e le azioni di abbellimento non dovranno limitarsi solo a PRA’ma estesi a Voltri e Pegli –

    Non bisogna dimenticare che il municipio VII ponente vale 1/3 del territorio comunale genovese ed è, come splendidamente descritto dal sig Bozzo, depositario di tesori naturali, architettonici e storici unici.

    Cordialmente

  22. Ill.mo Presidente Autorità Portuale di Genova, è la seconda volta che ho modo di vederLa ospite a Primo Canale ed in entrambe le occasioni ha espresso giudizi preoccupanti sul quartiere di Pra’/Palmaro relativamente al compenso da Lei proposto per il danno acustico arrecato dal porto di Pra’ (doppi vetri alle finestre e condizionatori!!!) e in ultimo la recente dichiarazione che, abitando in zone da Lei definite degradate e non di pregio, potrebbe esserci lo spostamento a Ponente del terminal traghetti. Le rammento che storicamente, il degrado lo ha creato la imponente struttura di cui Ella è PRESIDENTE. Ho sentito da parte Sua un discorso offensivo della dignità di una Comunità che sa benissimo che Genova ha bisogno del porto ed il porto ha bisogno della città nella sua interezza. Ma vorremmo una convivenza migliore con una visione democratica e migliorativa per entrambe le parti. Le Sue dichiarazioni , hanno suscitato in tutti noi molto sconforto e dispiacere dimostrando la scarsa conoscenza delle gravi problematiche che ha dovuto subire il nostro quartiere in questi anni di regno incontrastabile del porto di Prà nonostante i nostri numerosi avvertimenti e proposte. Non posso fare a meno di informarLa che ritengo la struttura che Lei rappresenta, indiziata per il danno alla salute procurata ai cittadini di Palmaro a seguito del grave inquinamento sec. al passaggio di una innumerevole quantità di TIR (circa 5.ooo in entrata ed uscita al giorno),ed alla formazione di particelle sottili ed ultrasottili che inaliamo quotidianamente. Tutto cio’, lo verifico ogni giorno nella mia pratica medica ed ho modo di constatare un aumento esponenziale di patologie correlate. Sig. Presidente, noi siamo schierati a favore dei lavoratori del Terminal Container ma ” con la promozione del lavoro bisogna essere certi di produrre anche salute, tutela per i lavoratori , protezione dell’ambiente circostante e delle persone che ci vivono” Invece le nostre amministrazioni continuano a considerare il quartiere di Prà-Palmaro ed i loro abitanti: ” figli di un Dio minore”. Purtroppo, ad oggi, la periferia di Prà/Palmaro vive in una condizione di precaria legalità in cui la Costituzione viene violata e calpestata, in uno dei suoi capisaldi: “L’ art. 32 quale tutela della salute come diritto dell’individuo ”. Il diritto alla salute e’ un diritto primario ed inalienabile che non può essere sacrificato per un business mortale.. Adesso basta, è stato superato ogni limite. La invito pertanto a chiedere scusa pubblicamente ai cittadini di Palmaro e ad adoperarsi per una immediata riqualificazione mediante lo spostamento dei binari della ferrovia a Sud onde permettere la costruzione di un fronte collinare alberato quale proseguimento della fascia di rispetto per una nostra e vostra migliore vivibilità e convivenza.. I numerosi rappresentanti del Comitato di Palmaro sono pronti ad incontrarLa per addivenire ad un chiarimento sul nostro e vostro futuro.

    Cordiali saluti.
    Dott.Elio Giuliani

  23. Ill.mo Presidente Signorini,
    la presente è per esprimere il mio profondo sconcerto per quanto Ella ha espresso in una recente intervista a Primocanale.
    Già in passato aveva paventato quale “risanamento acustico” per gli abitanti di Pra’ l’installazione di “doppi vetri e condizionatori”. Allora avevo giudicato questa come una boutade dettata dalla poca conoscenza della nostra realtà, ma la sua ultima definizione classista del territorio mi ha lasciato letteralmente basito.
    Come può Ella definire un territorio che in passato era scelto dalle famiglie nobiliari di Genova quale località di pregio (veda le numerosissime ville presenti dal confine con Voltri fino al Castelluccio di Pra’) e che è stato deturpato proprio dalla struttura di cui Ella è Presidente come territorio di poco pregio?
    Da quando sono iniziati i riempimenti per la realizzazione di questo porto che ha distrutto decine di attività e massacrato l’economia e la vivibilità di una cittadina tranquilla e fiorente, i cittadini di Pra’ attendono un risanamento mai avvenuto: i lavori del POR non possono certo essere considerati come tali.
    La cittadina di Pra’ con tutti i suoi sestieri ed in particolare quello di Palmaro non vogliono opporsi alla realtà portuale, ma vogliono vedere garantita la propria salute e vivibilità.
    Per questa ragione chiedo, oltre alle sue pubbliche scuse, che Ella, unitamente al Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, al Sindaco della Città di Genova Marco Bucci ed al Presidente del Municipio VII Ponente, che leggono in copia, di attivarsi perché vengano realizzate tutte le opere che garantiscano i livelli minimi di vivibilità. Ovvero:
    1) Prolungamento del Canale di Calma e della fascia di Rispetto lungo tutto il litorale di Pra’, fino al Rio San Giuliano, secondo quanto prefigurato dal Piano Regolatore Portuale.
    2) Realizzazione delle dune alberate di separazione porto – pista ciclo-pedonale lungo tutta la sua lunghezza.
    3) Elettrificazione delle banchine.
    4) Eliminazione di qualsiasi attività portuale (PSA) e retroportuale (Distripark) davanti all’abitato di Pra’ Palmaro
    5) Trasporto dei container in prevalenza su ferrovia anzichè TIR.
    6) Rimozione delle pile di container incombenti sulla pista ciclo-pedonale della Fascia di Rispetto di Pra’
    7) Estensione della pista ciclo-pedonale e delle dune alberate lungo tutto il lato di Levante del terrapieno portuale.
    8) Completamento della contestualizzazione della società terminalista “PSA” e delle altre società operanti presso Bacino Portuale di Pra’ sul territorio di riferimento, che è solo ed unicamente quello della delegazione di Pra’, con correzione definitiva di brand e ragioni sociali rimuovendo riferimenti errati a territori limitrofi dove non esiste alcun porto, e con l’attivazione di contributi economici a favore della collettività di Pra’.
    9) Contributi economici di Autorità Portuale in favore del territorio e della gente di Pra’ in compensazione delle devastazioni arrecate ad ambiente e territorio.
    10) Abbandono di qualsiasi idea di trasferimento dello scalo traghetti e Ro-Ro all’interno del Bacino Portuale di Pra’.

    Cordiali saluti.
    Fabio Currò

    Genova Pra’ Palmaro

  24. Spett.Le Presidente dell’Autorità portuale di Genova,
    sono una cittadina che abita in una zona da Lei definita degradata e non di pregio; il suo intervento a Primo Canale è stato offensivo ed ha profondamente indignato e umiliato gli abitanti di questo borgo che Le assicuro un tempo era un’incanto.
    I miei ricordi di bambina sono nitidi quando facevo il bagno proprio sulla spiaggia dove ora ci sono file di container che impediscono la vista e rallentano il respiro specie d’estate quando il caldo è soffocante.
    Palmaro è stata depredata di ogni sua bellezza proprio dalla Struttura che Lei rappresenta, al posto dello sciabordare delle onde l’inquinamento acustico dovuto al passaggio di innumerevoli quantità di Tir, al posto della brezza marina le polveri sottili che coprono i nostri polmoni.
    La invito a chiedere scusa pubblicamente ed ad adoperarsi per una immediata riqualificazione mediante lo spostamento dei binari della ferrovia a sud onde permettere la costruzione di un fronte collinare alberato quale proseguimento della fascia di rispetto per una nostra e vostra migliore vivibilità e convivenza.
    Distinti saluti
    Maria Caterina Maio
    Segretaria Comitato Palmaro

  25. Qualcuno glielo deve dire a Signorini che fa tanto lo “splendido” sui vari canali: way of silk, cittadetta dei TIR,meganavi, maxi gru e profitti stellari…ma questi signori, in che mondo vivono? Sono totalmente disconnessi dalla realta’di uno e piu’ paesi martoriati perché loro possano fare come Paperon de’ Paperoni…tutti a nuotare nei dollari e noi all’inferno…EH NO RAGA! Inondiamoli, seppelliamoli tutti di mail, pertecipate ai due appelli che il magazine ha predisposto, piu’ siamo, piu’ contiamo.
    SE ognuno di noi ne manda 2o 3 e ne fa mandare altrettanti agli amici e cosi’ via…i numeri crescono.

    Ricordo che con la stessa mail si possono mandare alcuni messaggi, cambiando il nome: come ad esempio, una famiglia che usa lo stesso pc, perfettamente regolare!!!!!!!!!!!!!

  26. Dimenticavo il piu’ importante: con le buone o le cattive, devono capire che il porto e’ moralmente tenuto ad accantonare una quota parte dei ricavi miliardari, destinandoli al risanamento del territorio ed al benessere dei cittadini.
    Gia’ si muovono lungo un sottile crinale di legalita’, adesso hanno proprio rotto definitivamente i cabbasisi:-(

  27. Le parole del Presidente sono a dir poco scandaolose, ritengo che ci siano tutti gli estremi per una diffida ufficiale.
    Riguardo alla lettera da trasmettere, non sono d’accordo su” fino a che non saranno completamente realizzate”, con queste figure non bisogna scendere a compromessi. Ci troveremo nella situazione dove daranno un contentino attuando uno o al massimo due dei punti indicati in cambio del famoso “Porto d’Africa”.

  28. Ringrazio Laura e Vittorio per il loro apprezzamento.
    Come anche indicato da Ariel invito tutti a sottoscrivere e far conoscere e far sottoscrivere l’appello di risposta già predisposto per l’invio al Presidente dell’Autorità del Sistema portuale Signorini raggiungibile cliccando sul banner in testa alla home page di SuPra’Tutto
    http://www.supratutto.it/lettera-al-presidente-di-autorita-portuale-p-signorini/
    e l’appello al Sindaco per la protezione e la riqualificazione del sestiere di Pra’ Palmaro.
    Di Porto d’Africa e di terminal traghetti a Pra’ e/o nel Ponente
    non si deve neppure parlare. Serve invece attuare TUTTE le azioni richieste ed in parte anche già previste, concordate e finanziate per abbattere l’impatto inquinante del porto container ed avviare la riqualificazione ambientale e le compensazioni per il nostro territorio.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*