Incontro pubblico con l’Amministratore Delegato del Porto di Pra’, l’inizio di un dialogo necessario

ATTUALITA'

Luciano Bozzo #

Ritaglia Danesi_little
L’Amministratore Delegato di PSA Pra- Voltri Gilberto Danesi alla manifestazione di Pra’

E’ stato un confronto molto interessante quello avvenuto il 20 gennaio scorso tra Gilberto Danesi, da due anni Amministratore Delegato del Porto di Pra’ (ex V.T.E. che ora ha assunto il nome di P.S.A. Voltri-Pra’) ed un centinaio di Praesi accorsi per ascoltare ed interloquire con il massimo dirigente del porto, di quell’entità ingombrante, quel vicino invasivo e rumoroso con il quale la gente dei diversi sestieri di Pra’ e della zona di Ponente di Pegli, si trova, suo malgrado a dover convivere da vent’anni a questa parte.  Luogo dell’incontro la tensostruttura eretta dal Comitato per Pra’ nei pressi della stazione ferroviaria che ha ospitato una quattro giorni di dibattiti, confronti ed approfondimenti che hanno fatto seguito alla grande manifestazione di sabato 18 gennaio.
Già nel recente passato il Comitato per Prà si era sforzato di avviare e mantenere un dialogo con i lavoratori ed i rappresentanti sindacali del VTE nell’ottica di costruire un buon rapporto di convivenza e collaborazione tra cittadini e realtà portuale. Questo dialogo aveva portato ad esempio al coinvolgimento dei lavoratori del porto in occasione di un’altra partecipata manifestazione con la quale si chiedeva la celere rimozione del container radioattivo dall’area portuale.
L’incontro pubblico con l’A.D. Danesi ha rappresentato quindi il naturale proseguio del tentativo di far incontrare e far convivere al meglio le due entità che si guardano e talvolta si fronteggiano dai due lati del canale di calma.
E non ha perso tempo Gilberto Danesi, non si è perso in preamboli, ma ha chiarito subito cosa è di competenza della P.S.A. e cosa invece no, le cose che gli interessano, e le cose che lo preoccupano. Tra le cose di sua competenza ha citato la sicurezza dei lavoratori e l’impegno a diminuire l’impatto ambientale del porto sul territorio e sull’abitato; per quanto riguarda la sicurezza dei lavoratori ha
potuto vantare la riduzione del 50% del numero di incidenti negli ultimi 4 anni sottolineando come sia imprescindibile, a tal fine, il suono dei cicalini delle gru in movimento. Se i cicalini delle gru non si possono eliminare, lo sforzo della P.S.A. si sta però orientando nell’acquisto di 15 nuove gru elettriche di piazzale dotate di GPS che dovrebbero entrare in funzione nel giro di un anno e mezzo; questo contribuirà a diminuire il rumore e l’inquinamento. Sempre nell’ottica di limitare il rumore, afferma Danesi, dalle 22
alle 6 di mattina non si spostano e non si verificano i contenitori nel District Park anche se non è pensabile che di notte si interrompano anche le operazioni di carico e scarico dei container dalle navi.
E’ stata installata una centralina per il controllo del rumore i cui dati sono osservabili ed a disposizione della Procura della Repubblica di Genova.
L’elettrificazione delle banchine, condizione necessaria per zittire i rumorosissimi gruppi elettrogeni delle navi ancorate alla banchina, invece non è di competenza della P.S.A. ma dell’Autorità Portuale e quest’ultima, ricorda qualcuno, a fronte di promesse e dichiarazioni non sembra avere ancora un vero progetto da mettere in campo.
Anche i contenitori che si innalzano a pochi metri dalle case di Palmaro, afferma Danesi, non sono della P.S.A. ma di altre aziende concessionarie di quell’area ovvero DERNA, Nuovo Borgo Terminal e Gruppo Spinelli. Danesi ricorda, non senza orgoglio, che nella difficile situazione economica, il porto è una delle pochissime attività a Genova che produce ricchezza ed assicura posti di lavoro; interrogato sul numero di addetti impiegati, ha rivelato che la P.S.A. ha 680 dipendenti a cui vanno aggiunti altri 400 lavoratori della C.U.L.M.V. impegnati sulle banchine di Prà. Se poi si allarga il discorso anche all’indotto costituito da autotrasportatori, spedizionieri, doganieri e forze di polizia, allora si può parlare di circa 4.500 persone la cui attività gravita sul porto container davanti alla nostra cittadina. E pur nelle diffcoltà della crisi economica, che nel 2013 hanno portato a movimentare 90mila contenitori in meno rispetto al 2012, la P.S.A. non ha messo in cassa integrazione nemmeno un lavoratore, ma anzi si è fatta carico di assicurare lavoro e sopravvivenza anche alla Compagnia dei portuali genovesi. Ed il porto è pronto comunque ad investire ulteriormente nel rifacimento dei piazzali che cedono e nell’acquisto di nuove grandi gru di banchina.
A precisa domanda, Danesi risponde di non avere alcun interesse all’espansione della Diga Foranea verso levante. Sono altre le cose che lo interessano e lo preoccupano: la necessità di avere un secondo binario ferroviario di accesso alle banchine, cosa che il porto attende ormai da vent’anni, la possibilità in uno scenario futuribile, di muovere sempre più container sui treni e di poterli stoccare oltre-appennino, i crediti consistenti che l’azienda vanta nei confronti dello stato, le lungaggini burocratiche per cui, ad esempio, attende da tempo i test di collaudo per il quarto modulo lato mare, pronto per essere utilizzato. Di sicuro la costruzione di un nuovo terminal container a Vado Ligure dalla capacità di 700mila contenitori, con il conseguente rischio di perdere traffici e profitti non può non preoccuparlo, ed anche il più elevato costo del lavoro e livello di tassazione in Italia rispetto ad altri paesi d’Europa (cita i 100 E di costo per movimentare un contenitore a Genova contro i 50 in Belgio, 35 in Turchia, 29 in Portogallo) è un ulteriore motivo di difficoltà nella sfida del business.
Gli interventi della gente riportano però la discussione al fatto che il rumore e l’inquinamento creati dal porto, in special modo nelle ore notturne, non sono davvero più sopportabili e che occorre un maggior impegno da parte dei diversi attori (Autorità Portuale, P.S.A, Ferrovie, gli altri concessionari degli spazi del porto, istituzioni) per limitare, attutire e monitorare le emissioni di rumore, inquinamento e polveri sottili.
A Danesi interessa mantenere un buon rapporto con il territorio ed evitare il clima di conflittualità e di scontro; non nasconde, uindi, il disappunto per aver ricevuto un avviso di garanzia poche settimane dopo essersi insediato alla guida del porto.
L’A.D. del Porto, è ovviamente consapevole del disagio e dell’inquinamento che le attività portuali portano ai residenti di Prà, e non sembra volersi tirare indietro quando la discussione si sposta sulle compensazioni dell’impatto ambientale che la gente di Pra’ si attende, nè più ne meno come avviene in altre realtà urbane che in Europa si trovano a dover convivere con il porto. Viene citato, per il passato, il notevole contributo dato dal V.T.E. per la costruzione della piscina di Pra’ed in tempi più recenti i soldi dati al Municipio a favore dell’edilizia scolastica. Danesi conferma la disponibilità per continuare a finanziare iniziative a favore del territorio ma vorrebbe che le diverse esigenze e le richieste fossero proposte in maniera univoca, attraverso una chiara interfaccia e si evitasse
la situazione per cui le istituzioni locali evidenziano una possibile destinazione dei fondi mentre invece comitati e cittadini segnalano altre esigenze. Su tutti questi temi, dalle prospettive di lavoro al rumore, dall’impatto ambientale alle possibilità di collaborazione,
la discussione ed il confronto sono proseguite in maniera franca ed aperta per oltre un’ora, driblando e superando anche qualche
momento dai toni più accesi, per approdare alla promettente prospettiva di continuare ed affinare il rapporto e la collaborazione nata da questo incontro con la creazione di un tavolo di confronto permanente.
Insomma il tentativo di far convivere ed interagire in maniera positiva le due grandi realtà, Porto container ed abitato di Prà e di portare a reciproci vantaggi, sembra davvero avviato.
La registrazione integrale dell’incontro pubblico con Gilberto Danesi è disponibile e visibile sul sito del Comitato per Pra’:  www.comitatoperpra.org

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*