Refrigero_01

E’ di poche ore fa la notizia che il VTE ha inaugurato il nuovo parco refer (parco con allaccio elettrico per i container frigoriferi) che consentirà di poter ospitare più di 1500 container frigo su una’area di 6800 mq.  Questa nuova struttura, aggiunta a quella già esistente fa sì che il porto di Pra’ diventi il parco dedicato ai container refrigerati più grande del Nord Tirreno. Un investimento importante segno che la proprietà PSA di Singapore ha grande fiducia e ripone molte speranze nello scalo praino.
“E’ un investimento importante, in un momento in cui le cose in Italia non vanno certo bene – ha spiegato Gilberto Danesi, amministratore delegato di Vte -. Noi, però, continuiamo con un investimento complessivo di 2 milioni e 800 mila euro”. Una struttura che, tra l’altro, potrà portare a nuova occupazione non solo all’interno di Vte ma anche all’esterno. “Un reefer di frutta e verdura deve essere aperto e lavorato e questo – prosegue Danesi – può permettere un valore aggiunto. Un importante tassello nel mosaico della multifunzionalità che è la grande risorsa del Porto di Genova, ha spiegato il presidente dell’autorità portuale Luigi Merlo. “L’inaugurazione del parco Reefer al Vte – ha dichiarato il Presidente dell’Autorità Portuale genovese Luigi Merlo – rappresenta un importante tassello nel mosaico della multifunzionalità che è la grande risorsa del nostro porto. Un’altra prova della capacità del nostro scalo e dei suoi operatori di offrire tecnologie innovative e servizi all’avanguardia per attrarre nuove tipologie di traffico e per rendere il nostro porto sempre più competitivo.”
L’Amministratore Delegato di VTE, ha poi anche sottolineato che: “Il gruppo PSA International continua ad investire nel Terminal di Voltri garantendo ai propri clienti e addetti diretti ed indiretti standard qualitativi all’avanguardia e in grado di sostenere la competizione del mercato globale. In particolare, visto il crescente aumento della domanda e dell’attenzione che le compagnie marittime prestano ai carichi refrigerati, siamo orgogliosi di questa nuova infrastruttura che rappresenta un ulteriore passo verso l’affermazione del Porto di Genova come uno dei leader nel Mediterraneo.”

Refrigero_02
Sempre Danesi anticipa a margine dell’inaugurazione che potrebbe arrivare prima di Natale il via libera di Enac e Enav per le nuove gru di banchina. Tale via libera sbloccherebbe l’acquisto di quattro nuove gru da banchina più alte che potrebbero così servire per navi portacontainer di dimensioni maggiori rispetto a quelle che attualmente attraccano a Pra’. L’investimento si aggirerà intorno ai 35 milioni di euro.
Tutti questi investimenti, in un periodo di difficoltà economica come quello che sta attraversando l’Italia, fanno certamente ben sperare per il futuro del nostro porto e dei preziosissimi posti di lavoro che quest’ultimo genera. La speranza è che ne possa generare in numero maggiore e che riesca a far decollare, finalmente, quell’indotto fino ad ora limitato che sarebbe fondamentale per il nostro territorio.
Sarebbe altresì importante che venissero presi in considerazione con analogo dispendio di risorse e con gli stessi veloci tempi di attuazione quei progetti, come ad esempio l’elettrificazione delle banchine, che renderebbero il porto di Pra’ un importante punto di riferimento occupazionale integrato in modo completo e rispettoso con il territorio che lo ospita e che è stato fortemente discriminato e trasformato con la sua presenza. Sarebbe, in una sola parola, l’avvio di quel percorso che in molti a Pra’ definiscono “Porto Amico”, ovvero una struttura che produce ricchezza per i suoi proprietari, che produce posti di lavoro e quindi ricchezza per le persone che abitano il territorio del porto e che consente una qualità della vita migliore a coloro che non essendo parte in causa nella proprietà e non lavorandovi all’interno vorrebbero poter convivere in modo sereno con essa.

Le foto di questo articolo sono tratte dal sito ufficiale VTE

Luca Cambiaso

Scarica il pdf del comunicato stampa ufficiale

 

1 Comment

  1. Per nuove gru penso che Danesi intenda le portainer, quelle a braccio impennabile, penso che tutto dipenda dalla possibilità di alzare l’attuale cono aereo. Penso che andrebbero a sostituire le prime 3/4 gru da banchina presenti nei primi moduli del VTE, che sono li da inizio anni 90. Queste gru permetterebbero l’arrivo delle meganavi (18.000 container)da sottolineare che queste navi fanno parte della categoria Tripla-E, dovrebbero garantire una riduzione dei consumi del 50% con conseguente riduzione di CO2.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*