In visione al “Nuovo Cinema Palmaro”: PERFETTI SCONOSCIUTI, di Paolo Genovese

Elisa Provinciali- Tutt’altro che sconosciuti, e pochissimo perfetti: sono gli amici di vecchia data, che si riuniscono per una cena, in concomitanza con una splendida eclissi di luna.

cena A casa di Rocco ed Eva, lui chirurgo, lei psicanalista, una figlia in piena crisi adolescenziale, arrivano alla spicciolata, non prima di averci mostrato frammenti della loro vita, Bianca e Cosimo, freschi di matrimonio, poi Lele e Carlotta, due figli ed un’ingombrante suocera che vive con loro, ed infine Peppe, professore di Educazione Fisica con contratto precario. E’ solo, e si scusa per non aver condotto con se’ Lucilla, la nuova compagna, che tutti gli amici desideravano conoscere:” Ha la febbre”, la sua motivazione. Questo l’incipit, banale, consueto: cosa c’e’ di più comune di una serata tra amici, attorno al tavolo?

Dopo i convenevoli di rito, la cena ha inizio, tra punzecchiature varie e battute, e gia’ l’atmosfera pare leggermente pungente, quando, con un pretesto, nasce l’idea di condividere la lettura e visione dei cellulari di tutti, al centro della tavola e rigorosamente in viva voce…pessima idea, ma ognuno desidera mostrarsi sicuro di non avere segreti per i compagni e gli amici, e nessuno ha il coraggio di tirarsi indietro.

Parte cosi’ un finissimo “gioco al massacro”, e tra kasiauna portata e l’altra, iniziano ad arrivare sms, immagini, telefonate: ognuna dirompente, rivelatrice ed imbarazzante, perchè espone ai commensali lati oscuri e segreti inconfessabili del partner e degli amici…conflitti famigliari, segreti irrisolti, tradimenti virtuali e reali, persino una sconvolgente omosessualita’, ed una generale ipocrisia e leggerezza, nell’affidare alla “frangibile”scatola nera del nostro cellulare, cosi’ tanto di noi e della nostra vita privata.

Anche qui, nulla di trascendentale: sono certa che, nella SIM di ognuno di noi si celano situazioni analoghe, e per questo il film cattura: nei personaggi che si affannano a giustificare, inventare, motivare, c’e’ davvero molto in cui identificarsi, e’ la vita, con le sue contraddizioni, che prepotentemente, tracima dai piccoli monitor, accompagnando il cambio di registro, da dolce e spensierato, ad amaro.

unoPaolo Genovese sceglie una regia di stampo quasi teatrale: il tutto si svolge in una sala da pranzo, con capatine in cucina e sul terrazzo, dove la spettacolare eclissi va in scena, metafora astrale della doppia faccia, del dualismo comportamentale, del buio che avanza a coprire la luce. Il gioco si fa via via sempre piu’ crudele, sempre piu’ pesante, amori ed amicizie vengono messi in discussione, attraverso una scenografia efficacissima, che si sgrana fluidamente, e con dialoghi incalzanti, dove ogni personaggio ha realmente contribuito a rifinire le proprie battute.

Le donne della storia (Kasia Smutniak, Alba Rohevacher, Anna Foglietta) offrono un’ottima resa interpretativa, mentre tra gli attori maschi, Mastrandrea, Leo, Battiston , peraltro bravi, appena sopra tutti, emerge Marco Giallini, l’uomo forse piu’ coerente della vicenda.

Il tono della narrazione è volutamente leggero ed il regista, pur andando a toccare temi dolorosi, alterna commedia e tragedia con disinvoltura e saldo mestiere; il topos della cena “delle beffe”, con sorpresa inclusa, non è nuovo nella narrativa cinematografica, (pensiamo al recente”Le Prenom”, ad“Una cena quasi perfetta”, o al classico“Invito a Cena con delitto”) ma originale è l’approccio all’uso della tecnologia comunicativa, che può facilitarci la vita, ma inguaiarcela con estrema facilita’!!! Quell’ottavo posto rimasto vuoto attorno al tavolo e’ per ognuno di noi, naturalmente con il nostro fedelissimo smarthphone al seguito: convitato di pietra che accompagna la nostra vita.

Paolo Genovese ha realizzato, a mio parere, un ‘opera riuscitissima, divertente, ma anche motivo di riflessione su di noi, sul nostro modo di vivere, e sul mondo che ci circonda; il tutto, ulteriormente impreziosito da un inatteso, repentino quanto drastico colpo di scena, accompagnato dallo sguardo irridente della Luna, e tanto veloce, da lasciare parecchi spettatori interdetti…volutamente ambiguo e degno di un maestro del cinema.

Non a caso, alla conclusione, mentre scorrevano i mannoiatitoli di coda e le note dell’omonima canzone di Fiorella Mannoia, era tutta una discussione tra la gente che sciamava fuori, sull’interpretazione da dare al finale, che ovviamente, non vi diro’… lascio a voi la chiave di lettura di “Perfetti sconosciuti”, in programmazione sino a mercoledi’ 16 marzo.

11 Comments

  1. Intrigante ed attualissimo, perfettamente sincronizzato alle relazioni sociali e familiari della nostra epoca, credo che dopo un po’ di assenza dalle sale cinematografiche mi vedrò questo film che promette coinvolgimenti emotivi e molte similitudini con la nostra vita personale. Un tema geniale.

  2. Non ho visto il film, ma me ne ha parlato un amico. Lo ha trovato fondamentalmente divertente, ma mi ha confessato di aver provato anche un senso sottile di inquietudine, persino di disagio. Che deriva, penso, dalla consapevolezza che è facile immedesimarsi nei protagonisti di quello che apparentemente è un gioco fra vecchi amici, ma è, in realtà, un esperimento azzardato nel quale di divertente c’è ben poco. Alla fine, penso che l’intento della pellicola sia proprio quello di far riflettere sull’insensatezza dell’affidare allo smartphone interi capitoli della nostra vita, fatti di pensieri, immagini, ricordi, desideri, relazioni interpersonali che magari non saremmo capaci di coltivare a viso aperto. Il tutto in un equilibrio tanto virtuale quanto precario che puo’ spezzarsi, nel film come nella vita, smascherando la nostra fragilità e la pochezza con cui spesso si vivono esistenze parallele, in perenne affanno fra verità e sotterfugi. Bella l’idea, intelligente e attualissima.

    E molto, molto brava Elisa nel raccontarla, come sempre. Complimenti, ancora un’ottima recensione!

  3. Grazie Paola, fedelissima lettrice e commentatrice…il tuo amico dice il vero: si sorride, ma certo è un sorriso amaro, perchè nei vari personaggi vediamo specchiati tanti aspetti della nostra vita ed in particolare, sul nostro rapporto col telefonino, a volte tanto esclusivo e totalizzante da radentare la dipendenza:basta osservare una qualunque sala d’attesa:siamo tutti chini sul nostro”totem” elettronico, intenti a compulsare e digitare…
    Come sempre, non è il mezzo, ma l’uso che se ne fa, a decretarne il valore!

  4. Nooo non serve invertire il nome col sesso per rendere incomprensibile un contenuto, troppo facile………. qui serve essere maghi crittografici ed inventare una specie di “Enigma”. 😉 🙂

  5. Il film l’ho visto è devo dire che l’ho trovato piacevole, e la tua recensione molto accurata ed intrigante. Trovo il titolo del film giusto, perchè si che il gruppo di amici era di lunga durata, ma era anche vero che in effetti non si conoscevano, ed erano pieni di segreti ed sotterfugi. Concordo pienamente che il personaggio più positivo del film è quello interpretato da Marco Giallini che, pur essendo scettico nei confronti della psicoterapia, decide di sottoporsi alle sedute per cercare di rinsaldare il suo matrimonio. Ancora complimenti per la recensione,

  6. Nel film c’e la risposta a Caterina, spero che mercoledì ultimo tu possa averlo visto. Lo smartphone può contenere segreti, piccoli o grandi e quindi servirebbe un metodo “Enigma” per renderlo incomprensibile a terzi. Mi riferisco ad un bel film “The imitation game”. Magari da vedere a Palmaro. Ciao.

  7. Ho visto il film e uscendo commentavo, come dici tu, il finale che ci ha un po’ spiazzati. Ma durante la proiezione seguivo le vicende personali dei protagonisti con interesse e partecipazione. La tua recensione comunque invoglia alla visione!

Rispondi a Caterina Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*