In piazza il 21 MARZO: giornata di memoria e impegno. Luoghi di speranza, testimone di bellezza

Martina Pivari-

Si impara ad essere cittadini del mondo fin da piccoli. E qual è il miglior modo per imparare se non sperimentarlo sul campo? Questo è proprio quello che abbiamo fatto noi ragazzi delle medie di 3° e 2°D e i bambini della primaria di 4°A, 4°B e 5°C dell’I.C.Pra’, decidendo di partecipare il 21 Marzo alla manifestazione organizzata da “Libera”: Associazioni, nomi e numeri contro le mafie. Ovviamente, oltre ad essere presenti in piazza a Genova, ci siamo fatti prima un’idea a cosa andavamo incontro cercando notizie sull’argomento “mafia”: abbiamo lavorato su diverse vittime della criminalità come G.Falcone, P. Borsellino,P. Impastato, P. la Torre, N.de Grazia, G.Verde… rendendoci conto che tutti noi possiamo contribuire a rendere migliore il luogo in cui viviamo solo facendo il nostro dovere. Insieme abbiamo letto alcune frasi e poesie di Tonino Bello, il quale ci ha aiutato a capire il valore dell’altro, della pace e della serenità in cui tutti dovremmo avere l’opportunità di vivere e che ognuno può scegliere da sé il proprio futuro: nessuna persona e situazione glielo deve imporre, proprio come è successo a Peppino Impastato, che ha deciso di lottare contro la criminalità organizzata nonostante fosse nato in una famiglia mafiosa.

Fatto ciò abbiamo scritto una nostra riflessione su una mano di carta e l’abbiamo incollata ad una manona di polistirolo che le comprendesse tutte, diventando anche simbolo di solidarietà e collaborazione da portare alla giornata del 21. Ognuno di noi ha costruito un “metro della pace”, un vero e proprio metro con dieci parole che per noi rappresentano ideali da coltivare nella vita. In piazza Matteotti abbiamo assistito alla cerimonia della lettura delle 950 vittime innocenti delle mafie e partecipato silenziosamente al dolore che ogni lutto ha causato. Tre di noi sono stati scelti tra i lettori e ci siamo schierati in prima fila per ascoltarli meglio. Abbiamo preso insegnamento da ognuno di loro per alimentare le nostre speranze e vivere un domani libero. Ci impegneremo inoltre a piantare un albero in memoria di Gelsomina Verde per ricordare che l’amore “sbagliato” può talvolta portare alla morte, ma rinascerà sempre per portare a termine l’obiettivo di una vita migliore.

2 Comments

  1. Questi ragazzi dimostrano che non e’ mai troppo presto per accostarsi a tematiche profonde e difficili…bravi loro e grazie ai docenti che li hanno guidati in questa esperienza.

  2. Nonostante Il Mondo manifesti Enormi violenze con continue Guerre Torture ed ingiustizie indicibili c’è ancora Speranza se nei Nostri Figli lasciamo crescere i principi di Fratellanza e Giustizia che purtroppo tutti i giorni vengono calpestati.
    Bravi Ragazzi

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*