Il Vice Sindaco a Pra’

Luciano Bozzo

Venerdì 27 novembre in una tarda mattinata sferzata dalla pioggia il Vice Sindaco ed Assessore al Bilancio, ai Lavori Pubblici e alle Manutenzioni del Comune di Genova Pietro Piciocchi è venuto a fare un sopralluogo a Pra’ invitato dal Presidente onorario della FondAzione PRimA’vera, Ing. Guido Barbazza che ha ringraziato il Vice Sindaco <<per l’attenzione, la collaborazione e l’impegno sia personale sia come amministrazione comunale per la risoluzione delle problematiche evidenziate dal Consiglio di Comunità Praese e che da anni creano disagio per i cittadini di Pra’». Si sono uniti al sopralluogo il Presidente della FondAzione PRimA’vera, Comandante Niclo Calloni, e gli esponenti del Consiglio di Comunità Praese Alessio Ponte, Renato Polidoro, Luciano Bozzo e Lorenzo Spera, Presidente della SMS Pescatori Pra’, congiuntamente al Presidente del Municipio Claudio Chiarotti e al Consigliere municipale Roberto Ferrando. Oggetto del sopralluogo sono stati alcuni dei punti del territorio litoraneo praese che presentano notevoli problemi e che necessitano quindi di risolutivi interventi; a cominciare dalla parte di levante di Pra’, in corrispondenza del sestiere di Longarello dove è ancora presente un ampio tratto della vecchia massicciata ferroviaria ridotta oggi ad una squallida discarica. I lavori di riqualificazione del P.O.R. Pra’ Marina infatti non hanno interessato l’area che va da dall’Isola Ecologica al Castelluccio di Pra’ che appare quindi in uno stato di inaccettabile degrado. Per questa zona grazie alla collaborazione dell’ arch. Patrizia Pittaluga il Consiglio di Comunità Praese ha da tempo proposto un interessante e valido progetto di riqualificazione, condiviso sia con il Municipio sia con il Comune.
Anche l’accesso al mare di questa zona è stato visionato dal Vice Sindaco poichè, secondo i piani del Comune, dovrebbe ospitare una associazione di pescatori di Sestri Ponente, di fatto “sfrattati” per lo spostamento programmato di Fincantieri; la loro presenza va però armonizzata con il Cantiere navale Mostes e con le associazioni di nautica già presenti in loco ed inoltre anche lo specchio acqueo antistante andrebbe dragato visto che i detriti pluridecennali depositati dalle acque del rio San Michele ne hanno ridotto in modo preoccupante la profondità. La posizione della FondAzione è che ben vengano i pescatori di Sestri se con l’occasione si draga, si recupera, si valorizza, ma a condizione di non arrecare neanche il minimo disagio o riduzione di aree al cantiere ed alle associazioni presenti ed operanti sul territorio. Il Vice Sindaco è stato poi accompagnato a prendere visione della sponda destra del torrente San Pietro, che è purtroppo ancora nello stato di discarica, con anche la presenza di barche affondate ed abbandonate in acqua, e dell’obbrobrio della gabbia metallica posta all’inizio di via Maria SS Ausiliatrice, una bruttura da rimuovere quanto prima. La gabbia si trova in prossimità della rotatoria San Pietro, sito selezionato per il “Bigo di Pra’ “, opera ideata e progettata dalla FondAzione PRimA’vera e sponsorizzata da PSA Genova-Pra’, che dovrebbe essere realizzata all’inizio del 2021 e diventare quindi un nuovo simbolo della “Pra’ Futura”.
Ultima tappa a Pra’ – Palmaro per vedere un altro obbrobrio da eliminare ovvero il vespasiano dismesso in piazza Palmaro e la zona che, liberata nei prossimi anni dalle ferrovie, dovrebbe accogliere la tanto sospirata zona cuscinetto di vivibilità e di mitigazione dell’impatto ambientale causato da porto e ferrovia, secondo il visionario progetto della FondAzione “Ridiamo il mare a Pra’ – Palmaro”.
Questa visita del Vice Sindaco Piciocchi a Pra’ è stata organizzata a seguito dell’incontro che alcuni giorni prima i rappresentanti della FondAzione PRimA’vera e del Consiglio di Comunità Praese hanno avuto in videoconferenza con il Sindaco di Genova Marco Bucci e con lo stesso Vice Sindaco Piciocchi, presente anche l’Assessore allo Sviluppo portuale Francesco Maresca.
L’incontro si era
focalizzato su tre fondamentali argomenti: l’estensione della riqualificazione del P.O.R. Pra’ Marina lungo tutto il litorale di Pra’, dal Castelluccio all’Isola Ecologica e dal torrente Branega alle ex-officine Verrina, quindi il nuovo Waterfront praese con il potenziamento della Fascia di Rispetto sul lato sud del Canale di Calma ed il prolungamento della passeggiata ciclo-pedonale all’estremo di levante del terrapieno portuale e davanti ai sestieri di Pra’ – Palmaro e Pra’ – Ca’ Nova, ed infine il ripristino ed il miglioramento del decoro urbano. Su quest’ultimo aspetto, grazie anche alle ripetute segnalazioni di SuPra’tutto, dei cittadini e di alcuni consiglieri municipali ed alla collaborazione tra il Vice Sindaco ed il Municipio si sono finalmente visti significativi passi avanti con interventi di sfalcio e pulizia nel parco Dapelo e nelle aiuole lungo via Pra’ e nella Fascia di Rispetto.
Al termine del sopralluogo Piciocchi ha dichiarato: «Il Comune vuole essere sempre più attento alle esigenze della delegazione di Pra’. Sono lieto nel constatare che la manutenzione del parco e delle dune negli ultimi mesi sia decisamente migliorata grazie al personale di Aster e Amiu che abbiamo deciso di dislocare in modo stabile in questo contesto. Ci adopereremo nei prossimi mesi per risolvere le altre problematiche che mi sono state segnalate».

13 Comments

  1. Speriamo che sia la volta buona per vedere finalmente risolte le questioni che abbiamo ancora in ballo. Soprattutto spero che la assegnazione di due persone per fare la manutenzione del verde di tutta Pra’ ci porterà un vero decoro urbano.
    Al verde della Fascia e del Parco ora si è aggiunto il verde del POR e Pra’ si sta avviando a diventare una vera città giardino, oltre a Cittadella dello Sport… Insomma nuovamente bella anche se un modo diverso.
    Però è imperativo categorico togliere le brutture (tipo l’orrendo e inutile vespasiano e la gabbia di via Ausiliatrice) e completare la Fascia di Rispetto a ponente e a levante.

  2. Gli argomenti sono molteplici sulle criticità praesi,specie nel SESTIERE di Palmaro dove esiste nei cittadini una forte voglia di migliorare . Migliaia di segnalazioni sono state inviate dal Comitato Palmaro ,sempre presente sul territorio , compreso l’ obrobrioso Vespasiano da demolire oltre alla famosa gabbia ex santropez attualmente rimossa .Il Comitato Palmaro sarà sempre disponibile e presente qualora il municipio e il comune vorranno invitarlo a partecipare a incontri con le istituzioni, per aiutare a migliorare il SESTIERE di Palmaro .

  3. Spero che gli interventi non si limitino solo a togliere il vespasiano ma sia inizio di quel progetto che vede riqualificata via n.s. Assunta e e s.s.Trinita ovvero l area che circonda la chiesa e il lungo fiume e zona davanti alla chiesa come da progettoe e il lato a monte dell Aurelia che va dalla rotondaa verso Palmaro urgentemente visto che non necessitano di spostamenti come invece è dal lato mare

  4. Ottima notizia. Grazie alla Fondazione e al Consiglio di Comunità che lavorano insieme alle istituzioni per fare succedere le cose. Del vespasiano si occupò già Il Praino e poi la Fondazione anni prima che nascesse il comitato Palmaro, parlano fatti e documenti, bene che ora si tolga di lì e bene che il Comitato Palmaro sia d’accordo. E’ evidente che la partita grossa è lo spostamento a mare della ferrovia a cui la fondazione sta lavorando da anni ed è quello a cui tutti i praesi devono tendere, uniti e senza personalismi e smanie per dire “l’avevo detto io”. FATTI NON PAROLE.

  5. Sono completamente d’accordo con Pietro, e anche con Mauro, e penso che sarà molto più facile riqualificare il sestiere nell’ambito del colpo grosso dello spostamento delle ferrovia e del prolungamento del POR come ci sta lavorando la fondazione piuttosto che a pezzetti anche perchè il municipio non ha soldi e fino a ora ha proposto solo un po’ di cazzuolate di asfalto bianco. Nel frattempo ben vengano i lavoretti del municipio ma non perdiamo di vista il concetto che conta e la partita che conta.

  6. Io posso solo ringraziare le persone della fondazione che parlano con sindaco vicesindaco assessori e ci mettono del tempo loro e fatica per fare del bene a Prà, stanno riuscendo a cambiare Prà molto ma molto in meglio e è evidente che prima che queste persone cominciassero a darsi da fare il municipio e i comitati che c’erano già da decenni non avevano combinato niente di niente e se non c’era la fondazione neanche il POR si faceva che si erano già impegnati i soldi per tappare i buchi dell’AMT. Io me lo ricordo bene

  7. Questo articolo contiene buone notizie per Pra’ tutta dal castelluccio alla verrina. Spero che chi si sta facendo tante belle cose per Prà non ci molli e continui io qui nel sestiere di Palmaro sono venti anni che qui sento fare solo discorse, proteste, menate a partire dai “ravioli” fino all’asfalto bianco e faccio il tifo per la fondazione che ha gente competente che cerca di fare le cose in grande che sono solo quelle che possono riportare Prà-Palmaro ad essere un posto decente e anche pure bello

  8. La visita del Vice Sindaco ci fa ben sperare che siamo proprio sulla strada giusta. E’importante che l’obiettivo sia ambizioso e di lungo respiro:dal Castelluccio a Verrina…e l’opera deve andare ben al di là della rimozione di vespasiani, barche affondate e detriti. Quando TUTTA l’area sarà vivibile, abitata, a misura d’uomo, tutti ne fruiranno e questa è l’unica cosa veramente importante. In un posto gradevole le persone sono anche più serene e meno inclini a sterili battibecchi.

  9. Il Comitato Palmaro ha accompagnato il Vice Sindaco, allora Assessore nel febbraio 2020, prima dello scoppio della pandemia, per le vie di Palmaro segnalando tutte le criticità del Sestiere chiedendo la rimozione dell’orribile vespasiano e il rifacimento di Via N.S. Assunta,non con semplice asfalto bianco , ma una riqualificazione importante degna di una storica Pieve.
    Grazie al Dott. Piciocchi per l’attenzione dimostrata verso Prà e Palmaro e, con il Comune , il Municipio e il Consiglio di Comunità Praese auspico una fruttuosa collaborazione per migliorare e abbellire la nostra Palmaro.

  10. Grazie Luciano per il dettagliato resoconto, grazie a chi ha partecipato, ed a chi si è impegnato per portare a compimento le azioni ancora inevase, da anni ed anni. Mi fa un po’ tenerezza il Comitato Palmaro, che sgomita per dire che “anche Loro…Prima Loro”…ragazzi , non importano queste pinzillacchere, come direbbe TOTO’, l’importante e’ fare, possibilmente insieme, senza patetici DISTINGUO!

  11. Non so se accade anche a voi, ma a me capita di fronte a certi commenti di pormi la domanda sul loro senso. Per esempio: “Sono alcuni anni da quando il … ha evidenziato ..” Bene . . Bravo … visto che di tempo ne è passato ed il vespasiano è ancora lì …. l’aver evidenziato mi pare non essere stato né sufficiente tantomeno risolutivo. Poi c’è il commento di quello che … ” sarà sempre presente e disponibile a partecipare se … vorranno invitarlo” Bene … Bravo … come lo vuoi l’invito . .per posta . . . certificata . . per telegramma .. tramite messo comunale o municipale . . intanto la famosa gabbia ex Saint Tropez è stata rimossa perchè qualcun altro è intervenuto, senza attendere inviti, e ha fatto rimuovere la gabbia. Un altro . . Spero che . . Bene … Bravo … se la speranza è l’ultima a morire, Pra’ Palmaro morirà sicuramente prima però , per fortuna c’è gente che, invece di sperare si muove e si da da fare nella convinta certezza che se vuoi ottenere dei risultati devi impegnarti in prima persona.Poi c’è quello che . . accompagna . . ringrazia . . ed . . auspica . . . Bene … Bravo … permettetemi una domanda . . “Dove pensiamo di andare con con chi la pensa così.” Per fortuna Pra’ ha ben altre risorse.

  12. Mi ricollego dopo qualche tempo ai commenti fatti dai cittadini di Pra per riportare l’attenzione sul degrado in cui versa l’area che va dall’Isola Ecologica al Castelluccio di Pra. Noi, come Cantieri Mostes, da anni denunciamo le scandalose condizioni dei nostri collegamenti telefonici ed elettrici. Era il 2003 quando la ditta Lombardini per conto delle Ferrovie dello Stato, nell’effettuare i lavori per il sottopasso antistante il nostro cantiere ripetutamente ci tagliava i nostri cavi elettrici e telefonici portandoci innumerevoli disagi: in quegli anni abbiamo onorato la convivenza con questa situazione di criticità sopportando continue interruzioni nei servizi in nome di promesse di subitanei interventi di messa a norma delle condotte e dei cavi. Oggi, dopo 18 anni, la situazione è ancora la stessa: noi gestiamo un Cantiere Navale con annesso porticciolo alimentato da cavi elettrici e telefonici che viaggiano a cielo aperto, dentro al Rio San Michele e legati agli alberi, peggio che in una bidonville. Ripetutamente le nostre linee telefoniche subiscono delle interruzioni: ogni volta che piove, le giunzioni fatte in modo provvisorio subiscono danni che ci costringono a chiamare tecnici che mettono a rischio la loro incolumità per intervenire abbarbicati alle frasche del Rio San Michele. Ci chiediamo a quale Santo ci dobbiamo rivolgere per richiedere di regolarizzare una situazione che oltre ad arrecarci disagio è assolutamente al di fuori dei minimi canoni di sicurezza. Speriamo che questo ennesimo sfogo sortisca qualche effetto….. Elena Lappon (Cantieri Mostes)

Rispondi a Maurizio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*