Il “Totanov” si arena sulla spiaggia di Voltri

La Pra’vda

Ivan Denisoviĉ –

Domenica 25 Febbraio, il “Totanov”, un cargo della marina mercantile sovietica si è arenato sulla spiaggia davanti a Voltri, fra lo stupore e l’incredulità dei tanti voltresi che a quell’ora affollavano la passeggiata a mare. Il boato della collisione è stato avvertito anche nell’ufficio del Console Generale Sovietico a Genova, in quel di Nervi.  Il cargo, secondo le prime e frammentarie ricostruzioni, avrebbe puntato dritto sulla spiaggia senza tentare di   cambiare rotta. Il comandante Eugeni Schiettianov, contattato da SuPra’Tutto ha affermato di non sentirsi responsabile di quanto accaduto. «Ho inserito il pilota automatico impostando Voltri, visto che il PSA si chiama “Voltri-Pra’” – racconta il comandante decorato con la “Medaglia di kapTòH” della Rivoluzione – e mi sono ritrovato nel posto sbagliato: il PSA è a Pra’, al Bacino Portuale di Pra’, e non a Voltri». Il comandante, stizzito, ha poi affermato: «solo in Italia un  terminal portuale può chiamarsi con il nome sbagliato “PSA Voltri-Pra’”, addirittura anche “VTE” (Voltri Terminal Europa) e non con quello giusto “PSA Pra’” o “PTE” (Pra’ Terminal Europa)». Il comandante Schiettianov, sceso dalla nave, ha poi avuto un acceso diverbio con i compagni voltresi presenti che sono stati costretti  a spingere in mare il cargo che ha poi ripreso la rotta verso il Porto di Pra’. Anche il Ministro della Marina Mercantile Sovietica, ammiraglio Sergej Georgievič Gorškov, in una nota fatta giungere al Governo Italiano ha stigmatizzato e definito come comportamento provocatorio chiamare il terminal con il nome  sbagliato. Anche la Pra’vda ha riportato l’informazione sottolineando la cosa come una turbativa alle relazioni diplomatiche tra i due paesi. Indagini svolte dalla Capitaneria di Porto di Genova hanno appurato che sulle carte nautiche dell’Istituto Idrografico della Marina da tempo sono riportate le informazioni e le diciture corrette sia del Bacino Portuale di Pra’ sia dei suoi moli, banchine, pennelli e fari di segnalazione, addebitando la responsabilità del disastro marittimo al Comandante Schettianov. Il Ministro degli Esteri Sovietico Igor Scassapallovich ha però denunciato il PSA alla Magistratura per “circonvenzione di incapace”, “sabotaggio e danneggiamento di unità navale” e “diffusione di informazioni errate e tendenziose lesive degli interessi dell’Unione Sovietica”.

14 Comments

  1. Bellissimo…!!! Bisogna assolutamente mandarlo a PSA… Devono essere informati della concreta possibilità di un disastro marittimo, con incidente diplomatico annesso,che potrebbe costare caro …
    Non credo che le Compagnie di Assicurazione prevedano questo tipo di incidente…!

  2. Grande SuPra’Tutto, mi sono fatto una montagna di risate. Avete ragione ragazzi, il PSA prima o poi capirà che fa che con questo “XXXXXX” solo ridere e correggerà gli errori, che peraltro ha ereditato dalla inguardabile gestione dell’allora VTE dei “torinesi”…

  3. AHAHAHAHAHAHAHAHA, che ridere, lo sanno anche i Russi che il porto è a Pra’ fuori che il PSA e qualche ultimo giornalista recidivo

  4. Ma come avete fatto voi di supratutto a trovare un comandante russo che assomiglia a Schettino ? Grazie per tutto quello che fate per Pra’, ognitanto anche farci un po’ ridere

  5. Ma come fate a ridere e a sentirvi soddisfatti per queste storielle da almanacco di Topolino? L’ironia ha un limite, in questo caso nel disastro che sta davanti al nostro naso. C’è da piangere delle nostre disgrazie, non da ironizzare.

  6. Sono completamente d’accordo con l’osservazione di Luciano.
    Come si fa a ridere di queste idiozie!
    Specialmente se ironizzano sulle NOSTRE DISGRAZIE.
    Non mandate a Voltri questa pagina di Suprattutto, avrebbero un motivo in più per ridere di noi.
    Le cose serie si sostengono fino in fondo, le baggianate lasciamole raccontare agli altri, specie se parlano di noi.
    PESSIMA PUBBLICITA’

  7. Cari Luciano e Angelo, sono totalmente in disaccordo con le vostre, seppur rispettabili, opinioni. Con l’ironia si può continuare a tenere accesa la fiamma della rivincita. Piangere sulle disgrazie del passato non aiuta certo a risovere i problemi. Ridere un po’ dietro ai goffi figuri che si aggirano in porto invece sì. Bravo Ivan !

  8. La Pra’vda a me fa ridere prende in giro chi deve prendere in giro e serve alla causa. Bravo Supratutto. E poi mi sa che da un po’ di tempo a XXXXX (scusate ho sentito dire che anche pronunciarne il nome forta sfiga) non ridono per niente visto che i contributi del porto di Prà ora vengono a Pra’ e loro non se li possono più intascare aummaumma alla faccia nostra. Prima di supratutto queste cose neanche si sapevano

  9. Accidenti dopo tanti anni in cui ci hanno preso a noi per i fondelli ben venga un po di sana ironia positiva, e pace se a qualcuno da fastidio

  10. L’articolo (?) è commentato perchè il riso abbonda ….ecc. ecc.
    A me il cargo Totanov mi pare una c….a pazzesca!
    Poi c’è chi si diverte di queste cose e chi invece non si diverte ha il sacrosanto diritto di esprimere la propria opinione.
    O il cargo russo ci riporta ai gulag?

  11. l gulag c’era prima quando nelle stanze segrete “del partito” si decideva di devastare Prà invece di Voltri, ora almeno il gulag non c’è più e ci possiamo anche ridere su. Il cargo russo ci riporta ai danni immensi fatti a Prà non solo fisicamente ma anche moralmente e alla sua immagine.

Rispondi a Luciano Mantero Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*